fbpx

Il segreto è nelle pause

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La mente parla, chiacchiera in continuazione e sembra addirittura essere instancabile. Terminato un pensiero ne inizia un altro, sopita una preoccupazione ecco giungerne un’altra. Questo continuo rumore di fondo spesso diventa così assordante da generare stress e ansia. Nella meditazione il problema principale consiste proprio nel mettere a tacere tutto questo frastuono di dialoghi interni e pensieri. L’errore che commettono molti consiste nel tentare di reprimere  l’attività mentale sforzandosi di non pensare a nulla. Il risultato è che i pensieri si ripresentano con energia moltiplicata come quando si chiude il beccuccio di una teiera in ebollizione: ad un certo punto la pressione è tale che salta il coperchio.

Per ovviare a questo inconveniente, durante la meditazione, la cosa migliore da fare consiste nel non tentare minimamente di soffocare i pensieri ma piuttosto osservarli focalizzando l’attenzione sulle pause tra uno e l’altro. Infatti, se osservi attentamente i tuoi pensieri, ti accorgerai che non sono proprio consecutivi: tra uno e l’altro c’è sempre una pausa, un istante di vuoto ed è proprio in questo vuoto che si trova il vero Silenzio da ricercare.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: