Che cos’è il lavoro interiore e perchè molti lo temono

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il lavoro interiore è il nucleo e il fondamento del percorso spirituale.

Senza di esso, stiamo perdendo il nostro tempo.

Non ci può essere catarsi, auto-guarigione, trasformazione e risveglio senza lavoro interiore.

Quando ti impegni in un lavoro interiore, stai trasformando il tuo dolore in potenza come un vero alchimista, e stai anche influenzando positivamente gli altri e il mondo in generale.

Cosa potrebbe esserci di meglio che guarirsi, evolversi, diventare più felici, sentirsi liberi, ritrovare il proprio potere, vivere in armonia con gli altri e inviare meravigliose vibrazioni di cambiamento all’esistenza?

Ma ecco la cosa. Anche se il lavoro interiore è un percorso così degno, è anche un sentiero di cui siamo segretamente impauriti. Questo timore subconscio che abbiamo verso qualsiasi forma di esplorazione interiore è qualcosa che dovrai capire bene se sei un serio ricercatore spirituale intento a fare un profondo lavoro interiore.

Innanzitutto, alcune nozioni di base:

Cos’è il lavoro interiore?

Il lavoro interiore è la pratica olistica e spirituale di immergersi profondamente nel tuo sé interiore ai fini di auto-esplorazione, auto-comprensione, auto-guarigione e trasformazione.

Quando facciamo il lavoro interiore, stiamo accendendo la luce della consapevolezza sul nostro paesaggio interiore che è composto dai due strati della nostra mente: i reami conscio e inconscio.

Il tuo sé interiore consiste di sentimenti nascosti, ricordi, pensieri, credenze, pregiudizi, ferite, ombre e altri contenuti che influenzano la tua capacità di trasformare e sentire tutto a un livello centrale. Facendo il lavoro interiore, sarai in grado di superare paure, limitazioni, dipendenze, blocchi, solitudine e sentimenti di disonestà che tendono a tormentare gli esseri umani.

25 indizi che devi praticare il lavoro interiore

Ecco alcuni dei famigerati campanelli d’allarme che ti avvisano sulla necessità di effettuare un lavoro interiore:

  • Ti senti perso nella vita
  • Non sai più chi sei
  • Ti senti solo e come un estraneo che guarda il mondo
  • Frequenti litigate con gli altri
  • Non sei sicuro di essere te stesso
  • Hai scarsa autostima
  • I tuoi pensieri sono quasi costantemente negativi e autocritici
  • Ti senti costantemente immotivato e “piatto”
  • Soffri di problemi di salute cronici
  • Non riesci a dormire correttamente
  • La vita non sembra reale
  • Senti un senso di disperazione
  • Senti un senso di vuoto
  • Hai crisi di rabbia o tristezza
  • Credi che il mondo sia contro di te
  • Fatica a fidarti degli altri (o di te stesso)
  • Continui a ripetere gli stessi errori
  • Continui ad attirare le persone sbagliate nella tua vita
  • Sei autodistruttivo e auto-sabotatore
  • Hai una forte spinta verso la dipendenza
  • Hai molti forti stimoli emotivi
  • Puoi facilmente diventare nevrotico e ossessivo
  • Stai lottando con alti livelli di ansia o panico
  • Vuoi essere sempre dedito agli altri (più per sfuggire a te stesso che per reale altruismo)

Più indizi puoi mettere in relazione a te stesso, più hai bisogno di fare un lavoro interiore. Esploreremo alcuni percorsi di lavoro interiore tra poco.

Naturalmente, tieni conto che molti dei campanelli d’allarme elencati sopra sono sintomi di malattia mentale. Con ogni mezzo, cerca un medico specialista che possa aiutarti se sospetti che qualcosa sia sbilanciato nella tua testa. Il lavoro interiore non sostituisce alcun aiuto mirato psichiatrico / psicologico. È, tuttavia, una pratica complementare vitale che è essenziale tanto quanto dormire, esercitarsi o qualsiasi cosa che ti fa del bene genuino a livello generale.

Perché la maggior parte della gente è intimorita dal lavoro interiore?

Può sembrare ridicolo. Ma la verità è che le persone si sentono impaurite dal lavoro interiore a livello inconscio.

Perché?

Beh, guarda il mondo. Abbiamo esplorato il sistema solare e galassie distanti più che le profondità dei nostri  oceani interiori. Sappiamo di più su come le cose funzionano meccanicamente piuttosto che sulla forza vitale che le anima. Sappiamo di più sulla lotta e la strategia contro i “nemici” al di fuori di noi di quanto sappiamo fronteggiare i nemici che si schierano dentro di noi.

Come scrisse lo psicologo Carl Jung:

“La gente farà qualsiasi cosa, non importa quanto assurda, per evitare di affrontare la propria anima”.

La realtà è che andare in profondità ci terrorizza. Andremmo più volentieri in guerra ad annientare altre persone piuttosto che guardare dentro di noi la fonte della nostra stessa sofferenza. Punteremmo con più zelo il dito contro gli altri, la vita, dio o la realtà e adotteremmo la mentalità della vittima piuttosto che il coraggio di darci uno sguardo onesto e imparziale allo specchio. In alcuni casi, preferiamo morire con testarda ignoranza piuttosto che ammettere di essere nel torto, in errore, ingannati o responsabili della nostra sofferenza e del dolore degli altri.

I nostri ego sono piccole creature fragili, nevrotiche e assetate di potere. Il lavoro interiore è come la kryptonite per questo io che portiamo in giro. C’è da meravigliarsi se ne siamo inorriditi in fondo?

Certamente, molti ricercatori che hanno perseguito un risveglio spirituale, a questo punto farebbero un sorrisetto furbo e direbbero: “beh, io sono diverso”. Bene, no, non lo sei. Mi dispiace essere sincero. Ma tu hai un ego come tutti gli altri.

Il potere insondabile del lavoro interiore

Il lavoro interiore può apparire superficialmente sontuoso, poetico e mistico. Ma quando entri nel vivo, è un viaggio straziante di sangue, sudore e lacrime.

Non stai giocando con i cristalli e cantando mantra carini mentre fai il lavoro interiore (anche se queste cose possono essere complementari e aiutare a modo loro). Il lavoro interiore non è roba da Instagram o qualcosa che puoi indossare come un distintivo egoistico di superiorità.

Il lavoro interiore, nella sua stessa essenza, riguarda il porre la verità e il desiderio di libertà (Amore) sopra ogni altra cosa. Si tratta di lasciarsi chiamare, abbattere, bruciare e ricostruire migliaia di volte. Il lavoro interiore è un processo di morte eterna e rinascita. Non si ferma mai – anche dopo aver raggiunto un livello superiore di coscienza – perché quando uno crede di essere “arrivato”, si verifica la stagnazione. Questo è quando il narcisismo spirituale prospera e l’ombra alza la sua brutta faccia.

Il lavoro interiore è simboleggiato come la danza di Shiva e Shakti, il serpente Uroboro che mangia la sua coda, il ciclo della vita e della morte, lo yin e lo yang, la danza primordiale del vuoto che è insieme tutto e nulla allo stesso tempo.

Quando ci abbandoniamo al lavoro interiore, siamo alla ricerca di abbracciare il paradosso dell’esistenza, di camminare negli spazi liminari, di essere nello stesso tempo disposti a morire metaforicamente e rinascere in qualsiasi momento, di entrare in tutto ciò che possiamo diventare, di affrontare le nostre ombre più raccapriccianti, incarnando la nostra luce più divina, per sperimentare l’Unità.

Per dirla in modo quasi prosaico, è una corsa infernale!

E, comprensibilmente, la gente lo teme. È molto più facile vivere un’esistenza mediocre. È molto più facile percorrere il sentiero che altri hanno preparato prima di noi. È molto più facile puntare il dito contro gli altri e trascurare l’auto-responsabilità.

Camminare sul sentiero meno battuto è molto più difficile, molto meno comodo e molto più impegnativo. E la maggior parte delle persone NON è pronta o disposta a fare quella scelta. La mediocrità e l’autocompiacimento forniscono un pizzico di conforto, ma è questa comodità che porta ironicamente al vuoto, alla perdita dell’anima e alla completa privazione di qualsiasi cosa veramente reale, per cui valga davvero la pena vivere.

In sostanza, la via della mediocrità e della compiacenza = morte.

Il percorso della sfida esistenziale = vita.

Ora, ci sono vari modi per intraprendere il sentiero esistenziale tumultuoso del lavoro interiore. Connettersi con la tua fonte di potere più profonda, il tuo spirito interiore libero e la tua vera essenza è il primo. Quando sei in grado di seguire il tuo istinto e intuizione, vedere chiaramente, fare scelte sagge e proteggerti da quelli che cercano di depredarti, il percorso diventa più definito.

Ci sono molti altri modi per potenziare il tuo percorso di lavoro interiore che sono troppo numerosi per questo articolo, ma il tuo lavoro interiore non deve comunque essere un terribile calvario. Ricorda che non importa quanto sia doloroso, “la fenice emerge sempre dalle fiamme”. In altre parole, non importa quanto sia doloroso, il dolore è un catalizzatore per una profonda trasformazione spirituale.

Infine, voglio che tu capisca che la natura dell’ego sarà sempre contro il lavoro interiore. È la tua anima che ti spinge verso il lavoro interiore, quindi farai bene a imparare a distinguere tra la voce della paura (l’ego) e la voce della tua intuizione (l’anima).

3 percorsi profondi di lavoro interiore

Ci sono molti percorsi di lavoro interiore esistenti e io non pretendo di conoscerli tutti. Posso solo condividere con te quelli che ho sperimentato e quelli che hanno legittimamente funzionato, nel senso che hanno creato un cambiamento profondo e duraturo sia su me stesso che sui miei clienti.

Ecco i primi tre percorsi di lavoro interiori che raccomando che hanno funzionato per me e innumerevoli altre persone che ho aiutato:

1. Amore personale

L’amor proprio è uno dei percorsi di lavoro interiori più gentili e accessibili. Ma ciò non diluisce o nega la sua importanza.

L’amor proprio può prestarsi ad essere superficiale o inutilmente auto-indulgente (nelle mani sbagliate), ma con il giusto allenamento, l’amor proprio può diventare profondo e veramente trasformarsi a livello generale.

Per quelli che iniziano il viaggio di lavoro interiore, consiglio sempre l’amor proprio come il miglior punto di partenza. Senza costruire una buona relazione con te stesso, le altre forme di lavoro interiore elencate di seguito potrebbero essere troppo intimidatorie, troppo difficili o semplicemente dannose per il tuo benessere.

2. Lavoro sul bambino interiore

Un livello più profondo è il lavoro sul sé bambino, una forma di viaggio interiore per spezzare quelle catene che tengono ancorato il tuo presente alle ferite, alle paure e alle credenze della tua infanzia.

A diversi livelli, abbiamo tutti un bambino interiore ferito. Il nostro lavoro da adulti è quello di riconnettersi con questa parte infantile di noi stessi e accoglierla come un’importante risorsa personale.

Il tuo bambino interiore diventa così una fonte di straordinaria creatività, gioia, spontaneità, amore e saggezza. 

3. Lavoro sulle ombre e vite precedenti

Al livello più profondo del processo di lavoro interiore c’è il lavoro sulle ombre e vite precedenti. Questa forma di lavoro interiore è la più complessa ed efficace di tutte. Con il lavoro sulle ombre e sulle vite precedenti, stiamo letteralmente esplorando i luoghi più nascosti della nostra anima che noi sopprimiamo e rinneghiamo deliberatamente ogni giorno.

Sappiamo tutti cosa si nasconde nell’ombra. (Sì, la roba da brividi degli incubi.)

Il lavoro dell’ombra è la pratica di esplorare i lati oscuri e la loro origine sia nella vita attuale che in vite precedenti. Nella tua ombra si annida tutto ciò che è stato messo a tacere dai condizionamenti della società, ritenuto “tabù”, “cattivo”, brutto e inaccettabile dai tuoi genitori e dalla religione. Il tuo sé ombra contiene tutto ciò che segretamente non accetti di te stesso.

Prima di iniziare a lavorare con questo procedimento, è necessario praticare l’amor proprio. Occorre avere una stabile e serena stima di sé prima di fare il lavoro sulle ombre.

Infine, pratiche come la meditazione, la presenza, l’autoipnosi, la filosofia pratica e l’introspezione completeranno meravigliosamente il tuo viaggio di lavoro interiore.

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.