Karma collettivo: a che punto è l’evoluzione dell’umanità

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Con l’uomo, termina il naturale processo automatico di evoluzione. L’uomo è l’ultimo prodotto dell’evoluzione inconscia. Con l’uomo inizia l’evoluzione cosciente. Molte cose devono essere prese in considerazione.

Innanzitutto, l’evoluzione inconscia è meccanica e naturale. Accade da sola. Attraverso questo tipo di evoluzione, la coscienza si evolve. Ma nel momento in cui la coscienza viene in essere, l’evoluzione inconscia si arresta perché il suo scopo è stato adempiuto. L’evoluzione inconscia è necessaria solo fino al punto in cui la coscienza viene in essere. L’uomo è diventato cosciente. In un certo senso, ha trasceso la natura. Ora la natura non può fare nulla; l’ultimo prodotto che è stato possibile attraverso l’evoluzione naturale è venuto alla luce. Ora l’uomo diventa libero di decidere se evolvere o non evolvere.

In secondo luogo, l’evoluzione inconscia è collettiva, ma il momento in cui l’evoluzione diventa consapevole diventa individuale. Nessuna evoluzione collettiva e automatica procede oltre l’umanità. D’ora in poi, l’evoluzione diventa un processo individuale. La coscienza crea individualità. Prima che la coscienza si evolva, non c’è individualità. Esistono solo le specie, non l’individualità.

Con la coscienza nasce l’incertezza

Quando l’evoluzione è ancora inconscia, è un processo automatico; non c’è incertezza a riguardo. Le cose accadono attraverso la legge di causa ed effetto. L’esistenza è meccanica e certa. Ma con l’uomo, con la coscienza, nasce l’incertezza. Ora, nulla è certo. L’evoluzione può aver luogo o anche no. Il potenziale è lì, ma la scelta si baserà interamente su ogni individuo. Ecco perché l’ansia è un fenomeno umano. Sotto l’uomo non c’è ansia perché non c’è scelta. Tutto accade come deve. Non c’è scelta quindi non c’è chi seleziona e, in assenza del selezionatore, l’ansia è impossibile. Chi deve essere ansioso? Chi deve essere teso?

Con la possibilità di scelta, l’ansia segue come un’ombra. Tutto deve essere scelto ora; tutto è uno sforzo consapevole. Tu solo sei responsabile. Se fallisci, fallisci tu e basta. È una tua responsabilità. Se ci riesci, ci riesci. È di nuovo tua la responsabilità. E ogni scelta è definitiva in un certo senso. Non puoi annullarla, non puoi dimenticarla, non puoi tornare indietro. La tua scelta diventa il tuo destino. Rimarrà con te e sarà una parte di te; non puoi negarlo. Ma la tua scelta è sempre un azzardo. Ogni scelta è fatta nell’oscurità perché nulla è certo.

Ecco perché l’uomo soffre di ansia. È ansioso dalle sue stesse radici. Ciò che lo tormenta, tanto per cominciare, è: essere o non essere? Fare o non fare? Fare questo o fare quello? L’opzione “Nessuna scelta” non esiste. Se non scegli, scegli di non scegliere; è una scelta. Quindi sei costretto a scegliere; non sei libero di non scegliere. Non scegliere avrà tanto effetto quanto qualsiasi altra scelta.

E’ necessario uno sforzo individuale

La dignità, la bellezza e la gloria dell’uomo è questa coscienza. Ma è anche un peso. La gloria e il peso arrivano simultaneamente nel momento in cui diventi cosciente. Ogni passo è un movimento tra i due. Con l’uomo, la scelta e l’individualità cosciente vengono all’esistenza. Puoi evolvere, ma la tua evoluzione sarà uno sforzo individuale.

Quindi ci sono due tipi di evoluzione: l’evoluzione collettiva e l’evoluzione individuale e consapevole. “Evoluzione” implica un progresso collettivo inconscio, quindi sarebbe meglio usare la parola “rivoluzione” nel parlare dell’uomo. Con l’uomo, la rivoluzione diventa possibile.

La rivoluzione, come la intendo qui, significa uno sforzo cosciente, individuale verso l’evoluzione. Sta portando la responsabilità individuale ad un picco. Solo tu sei responsabile della tua evoluzione. Di solito, l’uomo cerca di sfuggire dalla responsabilità della libertà di scelta. C’è una grande paura della libertà. Quando sei schiavo, la responsabilità per la tua vita non è mai tua; qualcun altro è responsabile. Quindi, in un certo senso, la schiavitù è una cosa molto comoda. Non c’è nessun onere. Sotto questo aspetto, la schiavitù è una libertà: libertà dalla scelta consapevole.

Tutte le alternative sono aperte

Nel momento in cui diventi completamente libero, devi fare le tue scelte. Nessuno ti obbliga a fare nulla; tutte le alternative sono aperte a te. Quindi inizia la lotta con la mente. Così si ha paura della libertà.

Parte dell’attrattiva di ideologie come il comunismo e il fascismo (e tutto ciò che finisce in “ismo”), è che forniscono una fuga dalla libertà e dalla responsabilità individuale. L’onere della responsabilità viene sottratto all’individuo; la società diventa responsabile. Quando qualcosa va storto, puoi sempre indicare lo stato, l’organizzazione.

L’uomo diventa solo una parte della struttura collettiva. Ma negando la libertà individuale, il fascismo, il comunismo ecc, negano anche la possibilità dell’evoluzione umana. È una rinuncia alla grande possibilità che la rivoluzione offre: la trasformazione totale degli esseri umani. Quando ciò accade, distruggi la possibilità di raggiungere il massimo. Torni indietro; tu diventi di nuovo come animale.

Tu solo sei responsabile

Per me, un’ulteriore evoluzione è possibile solo con la responsabilità individuale. Tu solo sei responsabile! Questa responsabilità è una grande benedizione sotto mentite spoglie. Con questa responsabilità individuale arriva la lotta che alla fine porta alla consapevolezza senza scelta.

Il vecchio modello di evoluzione inconscia è finito per noi. Puoi ricadere in esso, ma non puoi rimanere in esso. Il tuo essere si ribellerà. L’uomo è diventato cosciente; deve rimanere cosciente. Non c’è altro modo.

Alcuni teologi dicono che l’evoluzione collettiva è possibile. La volontà divina discenderà e tutti diventeranno illuminati. Ma per me questo non è possibile. E anche se sembra possibile, non ne vale la pena. Se diventi illuminato senza il tuo sforzo individuale, allora non vale la pena avere quell’illuminazione. Non ti darà l’estasi che coronerà lo sforzo. Sarà data per scontata – come i tuoi occhi, le tue mani, il tuo apparato respiratorio.

La rivoluzione

Un giorno puoi anche nascere con l’illuminazione, proprio come promettono certi teologi. Ma sarà senza valore. Avrai molto, ma poiché è arrivato a te senza sforzo, senza fatica, non significherà nulla per te; il suo significato sarà perso. Lo sforzo cosciente è necessario. Il risultato non è così significativo come lo sforzo stesso. Lo sforzo dà significato, la lotta dà significato.

A mio avviso, l’illuminazione che viene collettivamente, inconsciamente, come un dono divino, non solo è impossibile ma anche priva di senso. Devi lottare per l’illuminazione. Attraverso la lotta, crei la capacità di vedere, sentire e di trattenere la beatitudine che viene.

L’evoluzione inconscia finisce con l’uomo e l’evoluzione cosciente – la rivoluzione – inizia. Ma l’evoluzione cosciente non inizia necessariamente in un uomo particolare. Inizia solo se scegli di iniziarla. Se non lo scegli tu, sarai in una condizione molto tesa. E l’umanità attuale è così: nessun posto dove andare, niente da ottenere. Nulla può essere raggiunto ora senza uno sforzo cosciente. Non puoi tornare a uno stato di incoscienza. La porta è chiusa; il ponte è stato distrutto.

Una grande avventura

La scelta consapevole di evolvere è una grande avventura, l’unica avventura che esiste per un essere umano. Il percorso è arduo; è destinato ad essere così. Gli errori sono inevitabili, i fallimenti anche, perché nulla è certo. Questa situazione crea tensione nella mente. Non sai dove sei, non sai dove stai andando. La tua identità è persa.

Non puoi rendere nessuno responsabile della tua evoluzione. Puoi creare dei, o rifugiarti nei guru, così da non dover essere responsabile della tua vita, della tua evoluzione. Puoi cercare di mettere la responsabilità da qualche altra parte, lontano da te. Se non sei in grado di accettare qualche dio o qualche guru, allora puoi cercare di sfuggire alla responsabilità attraverso sostanze intossicanti o droghe, attraverso tutto ciò che ti renderà incosciente.

Ma questi sforzi per negare la responsabilità sono assurdi, puerili, infantili. Rimandano solo il problema; non sono soluzioni. Puoi rimandare fino alla morte, ma il problema rimane e la tua nuova nascita continuerà nello stesso modo.

Diventare consapevoli

Una volta che ti rendi conto che sei il solo responsabile, non c’è via di fuga attraverso alcun tipo di incoscienza. E sei sciocco se cerchi di scappare, perché la responsabilità è una grande opportunità per l’evoluzione. Fuori dalla lotta che viene creata, qualcosa di nuovo può evolversi. Diventare consapevoli significa sapere che tutto dipende da te. Anche il tuo dio dipende da te, perché è creato dalla tua immaginazione.

Tutto è in definitiva una parte di te, e tu ne sei responsabile. Non c’è nessuno ad ascoltare le tue scuse; non ci sono corti d’appello, tutta la responsabilità è tua. Sei solo, assolutamente solo. Questo deve essere capito molto chiaramente. Nel momento in cui una persona diventa cosciente, diventa sola. Maggiore è la coscienza, maggiore è la consapevolezza di essere solo. Quindi, non sfuggire a questo fatto attraverso la società, gli amici, le associazioni, le folle. Non sfuggire! È un grande fenomeno; l’intero processo di evoluzione ha lavorato per questo.

La coscienza è arrivata al punto in cui ora sai di essere solo. E soltanto nella solitudine puoi ottenere l’illuminazione. Non sto parlando della sensazione di solitudine. La sensazione di solitudine viene quando si è in fuga dalla solitudine, quando uno non è pronto ad accettarla. Se non accetti il ​​fatto della solitudine, allora ti sentirai solo. Poi troverai qualche folla o qualche mezzo di intossicazione in cui dimenticare te stesso. La solitudine creerà la sua magia dell’oblio.

Quando accade il miracolo

Se puoi essere solo anche per un solo istante, totalmente solo, l’ego morirà; l’io morirà. Esploderai; non sarai più. L’ego non può rimanere solo. Può esistere solo in relazione agli altri. Ogni volta che sei da solo, accade un miracolo. L’ego diventa debole. Ora non può continuare a esistere a lungo. Quindi se puoi essere abbastanza coraggioso da essere solo, gradualmente diventerai senza ego.

Essere soli è un atto molto consapevole e deliberato, più deliberato del suicidio, perché l’ego non può esistere nella solitudine, ma può esistere nel suicidio. Le persone egoiste sono più inclini al suicidio. Il suicidio è sempre in relazione con qualcun altro; non è mai un atto di solitudine. Nel suicidio, l’ego non soffrirà. Piuttosto, diventerà più espressivo. Entrerà in una nuova nascita con maggiore forza.

Occorre molto coraggio

Attraverso la solitudine, l’ego è distrutto. Non ha nulla a cui relazionarsi, quindi non può esistere. Quindi, se sei pronto per stare da solo, senza scappare né cadere, semplicemente accettando il fatto della solitudine così com’è, hai davanti a te una grande opportunità. Sarai come un seme che ha molto potenziale in esso. Ma ricorda, il seme deve distruggere se stesso affinché la pianta cresca. L’ego è un seme, una potenzialità. Se va in frantumi, il divino nasce. Il divino non è né “io” né “tu”, è Uno. Attraverso la solitudine, arrivi a questa Unità.

L’unità viene solo attraverso la totale solitudine. Una folla può definirsi una, ma l’unità è sempre in opposizione a qualcos’altro. Dal momento che la folla è con te, sei a tuo agio. Ora non sei più responsabile. La folla è un falso sostituto della sensazione di unità. Chi è consapevole della situazione, consapevole della propria responsabilità di essere umano, consapevole del difficile, arduo compito che deriva dall’essere umano, non sceglie falsi sostituti. Vive con i fatti così come sono; non crea finzioni. Le religioni e le ideologie politiche sono solo finzioni, creano un sentimento illusorio di unità.

L’unità viene solo quando diventi senza ego, e l’ego può morire solo quando sei totalmente solo. In quel momento è il momento dell’esplosione. Esplodi nell’infinito. Questo, e solo questo, è evoluzione. La chiamo rivoluzione perché non è incosciente. Essere soli è l’unica vera rivoluzione. È necessario molto coraggio.

Il centro del Tutto

L’intera ricerca è per quel momento di esplosione quando si è soli. In solitudine c’è beatitudine. E solo allora l’illuminazione viene raggiunta. Ma non riusciamo essere soli, gli altri non riescono ad essere soli, quindi creiamo gruppi, famiglie, società, nazioni. Tutte le nazioni, tutte le famiglie, tutti i gruppi sono costituiti da codardi, da quelli che non hanno il coraggio di essere soli.

Il vero coraggio è il coraggio di essere soli. Significa una presa di coscienza del fatto che sei solo e non puoi essere altrimenti. Puoi ingannare te stesso o vivere con questo fatto. Puoi continuare ad ingannarti per vite e vite, ma andrai avanti in un circolo vizioso. Solo se puoi vivere con questo atto di solitudine, il cerchio si spezza e tu vai al centro. Quel centro è il centro della divinità, del tutto. Non riesco a concepire un tempo in cui ogni essere umano sarà in grado di ottenere questo come diritto di nascita. È impossibile.

La coscienza è individuale. Solo l’incoscienza è collettiva. Gli esseri umani sono arrivati ​​al punto di coscienza in cui sono diventati individui. Non c’è umanità in quanto tale; ci sono solo singoli esseri umani. Ogni essere umano deve realizzare la propria individualità e la responsabilità di se stesso. La prima cosa che dobbiamo fare è accettare la solitudine come fatto di base e imparare a conviverci.

Ogni fatto rivela la verità

Non dobbiamo creare finzioni. Se crei finzioni non sarai mai in grado di sapere la verità. Le finzioni sono proiettate, create, verità coltivate che ti impediscono di conoscere la realtà. Vivi con il fatto della tua solitudine. Se puoi vivere con questo fatto, se non c’è finzione tra te e questo fatto, allora la verità ti sarà rivelata. Ogni fatto, se esaminato in profondità, rivela la verità.

Quindi vivi con questa responsabilità, con il fatto che sei solo. Se puoi vivere con questo fatto, l’esplosione avverrà. È arduo, ma è l’unico modo. Attraverso difficoltà, accettando questa verità, raggiungi il punto dell’esplosione. Solo allora c’è la felicità. Se ti viene servita su un piatto d’argento, perde il suo valore, perché non l’hai guadagnata. Non hai la capacità di sentire la felicità. Questa capacità viene solo dalla disciplina.

Acquisire una disciplina

Se riesci a convivere con la tua responsabilità personale, acquisirai automaticamente una disciplina. Essendo totalmente responsabile per te stesso, non puoi fare a meno di diventare disciplinato. Ma questa disciplina non è qualcosa che ti viene forzata dall’esterno. Viene da dentro. A causa della responsabilità totale che porti per te stesso, ogni passo che fai è disciplinato. Non puoi pronunciare neanche una parola in modo irresponsabile.

Se sei consapevole della tua solitudine, anche tu sarai consapevole dell’angoscia degli altri. Quindi non sarai in grado di commettere un singolo atto irresponsabile, perché ti sentirai responsabile non solo per te stesso ma anche per gli altri. Se puoi vivere con il fatto della tua solitudine, sai che tutti sono soli. Allora il figlio sa che il padre è solo; la moglie sa che il marito è solo; il marito sa che la moglie è sola. Una volta che lo sai, è impossibile non essere compassionevole.

Vivere con i fatti è l’unico yoga, l’unica disciplina. Una volta che sei totalmente consapevole della situazione umana, diventi veramente spirituale. Diventi un maestro di te stesso. Ma l’austerità che viene non è l’austerità di un asceta. Non è forzata; non è brutta. L’austerità è estetica. Senti che è l’unica cosa possibile, che non puoi fare diversamente. Allora rinunci alle cose; diventi non-possessore.

L’impulso di possedere

L’impulso di possedere è la necessità di non essere soli. Non si può essere soli, quindi si cerca compagnia. Ma la compagnia di altre persone non è affidabile, quindi si cerca la compagnia delle cose. Vivere con una persona è difficile; vivere con una macchina non è così difficile. Alla fine, la possessività si trasforma in cose.

Potresti anche provare a cambiare le persone in cose. Cerchi di modellarle in modo tale da destrutturare la loro personalità, la loro individualità. Una moglie è una cosa, non una persona; un marito è una cosa, non una persona.

Se diventi consapevole della tua solitudine, allora diventi consapevole anche della solitudine degli altri. Allora sai che provare a possedere un altro è uno sconfinamento. Diventi allora non possessore. Allora puoi essere un amante, ma non un marito e nemmeno una moglie.

Compassione e innocenza

Con questa non possessività viene la compassione e l’austerità. L’innocenza viene da te. Quando neghi i fatti della vita, non puoi essere innocente; diventi furbo. Inganni te stesso e gli altri. Ma se sei abbastanza coraggioso da vivere con i fatti così come sono, diventi innocente. Questa innocenza non è coltivata. Tu sei: innocente.

Essere innocente è tutto ciò che deve essere raggiunto. Sii innocente e il divino scorre sempre beatamente verso di te. L’innocenza è la capacità di ricevere, di essere parte del divino. Questa innocenza non può essere coltivata perché la coltivazione è sempre un accorgimento. È calcolata. Ma l’innocenza non può mai essere calcolata; è impossibile.

L’innocenza è spiritualità. Essere innocenti è il culmine della vera realizzazione. Ma la vera innocenza arriva solo attraverso una rivoluzione cosciente; non è possibile attraverso alcuna evoluzione collettiva, inconscia. L’uomo è solo. È libero di scegliere il paradiso o l’inferno, la vita o la morte, l’estasi della realizzazione o la miseria della nostra cosiddetta vita.

L’uomo è condannato ad essere libero

Sartre ha detto: “L’uomo è condannato ad essere libero”. Puoi scegliere sia il paradiso che l’inferno. Libertà significa libertà di scelta. Se puoi scegliere solo il paradiso, allora non è una scelta; non è libertà. Il paradiso senza la scelta dell’inferno sarà l’inferno stesso. Scelta significa sempre o / o. Ciò non significa che sei libero di scegliere solo il bene. Non ci sarebbe libertà.

Se scegli male, la libertà diventa una condanna; ma se si sceglie giustamente, diventa beatitudine. Dipende da te se la tua scelta trasforma la tua libertà in condanna o in beatitudine. La scelta è totalmente a tuo carico.

Se sei pronto, allora dalla tua profondità può iniziare una nuova dimensione: la dimensione della rivoluzione. L’evoluzione è finita. Ora è necessaria una rivoluzione per aprirti a ciò che è oltre. È una rivoluzione individuale, una rivoluzione interiore.

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.