fbpx

Come scoprire la tua “ferita primaria” più profonda e più oscura

ferita primaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nella vita, tutti abbiamo la tendenza a credere di essere indegni a un livello profondo e indefinibile.

Crediamo di essere indegni di felicità, di piacere, d’amore o della realizzazione. Tutti abbiamo una “ferita centrale” nel profondo che varia in base alle nostre circostanze ed esperienze. Questa profonda e fondamentale ferita è il risultato delle credenze che ci hanno insegnato fin dalla nascita, contribuendo alla difettosa immagine di noi stessi che continuiamo a portarci dietro fino ad oggi.

Le nostre ferite fondamentali sono i nostri dolori più profondi nella vita. Sono i nostri amici più vecchi e più miserabili. Per la maggior parte di noi, queste ferite interiori sono governate dalle seguenti due convinzioni errate:

  1. “Sono imperfetto e quindi una persona cattiva.”
  2. “Devo cambiare o sistemare qualcosa di me per essere accettabile.”

Il peccato originale (ovvero come ci siamo feriti)

Gli insegnamenti cristiani fanno sempre riferimento alla nostra “ferita primaria” sotto forma di “peccato originale”. Tuttavia, una volta messe da parte le associazioni dogmatiche connesse alla religione, vediamo che il “peccato originale” rivela qualcosa su come queste ferite sono radicate in noi. Sensi di colpa generazionali, auto-rifiuto, bassa autostima e odio di sé, sembrano trasmettersi da genitori a figli in una sequenza senza fine che si dipana nei secoli.

Spesso, le nostre ferite primarie si aprono nell’infanzia. Quando siamo piccoli siamo liberi, tuttavia, ad un certo punto, iniziamo a sperimentare vincoli e legami. Mentre “mangiamo dall’Albero della Conoscenza” (cioè diventiamo adulti) ci imbattiamo sempre più aspramente nell’invalidazione e nel rifiuto da parte dei nostri genitori, degli anziani, dei coetanei e della società in generale. Iniziamo a sperimentare la disapprovazione e ad essere puniti quando siamo noi stessi ; veniamo criticati e sanzionati su sentimenti, pensieri, prospettive, interessi e bisogni individuali. E così iniziano ad aprirsi le ferite.

Man mano che le nostre ferite primarie si approfondiscono durante la nostra infanzia, l’adolescenza e gli anni successivi, iniziamo a creare barriere di difesa per impedire ad altre persone di farci del male. Anche se in molti casi questo ci può proteggere, alla fine ci chiude in trappola. Limitiamo le occasioni di sperimentare la vera libertà e autenticità nelle nostre vite quotidiane e in ognuna delle nostre relazioni.

Le nostre ferite fondamentali sono la causa della maggior parte della fatica che sperimentiamo nella vita quotidiana , impedendoci di accedere alle enormi riserve di energia non sfruttata e al potenziale in noi.

12 segni che hai una ferita primaria ancora aperta

Ognuno sperimenta la propria ferita primaria in modo diverso. A seconda della tua età animica , del livello di  sensibilità emotiva e del livello di rifiuto che hai affrontato durante la crescita, la tua ferita primaria potrebbe essere una crosta pruriginosa o una lacerazione irritante.

In che modo la tua ferita principale si manifesta nella tua vita? Leggi i segni qui sotto:

  1. Ti immetti in relazioni nella speranza di trovare ciò che ti manca nell’altra persona, sviluppando una dipendenza affettiva a volte morbosa.
  2. Ti senti spesso inadeguato e hai i seguenti pensieri: “Non sono abbastanza”, “Sono incompleto”, “Sono inamabile”, “Non conto nulla”, “Sono imperfetto”, “Sono impotente” , “Sono una cattiva persona. “
  3. Provi un costante senso di abbandono , risentimento e / o tradimento da parte degli altri.
  4. Hai un atteggiamento perfezionista nei confronti della vita (vale a dire, guadagni la tua gratificazione dal risultato delle tue azioni anziché dall’intenzione dietro le tue azioni).
  5. Soffri di ansia cronica. Ciò deriva dall’anticipare il dolore emotivo di essere giudicato indegno (profezia auto realizzante).
  6. Ripeti gli stessi vecchi errori nelle relazioni. Questo perché sei intrappolato in un rigido schema ciclico e non ti senti abbastanza coraggioso per fare un cambiamento.
  7. Trovi la felicità nella tua miseria perché è una fonte di considerazione sotto forma di simpatia da parte di altre persone.
  8. Hai un Sé Ombra grande e inesplorato .
  9. Hai un comportamento artefatto e non fedeli alla persona che sei veramente. Ti comporti in questo modo per ottenere l’accettazione degli altri.
  10. Ti senti spesso emotivamente insensibile. Avverti un senso di insignificanza e disconnessione dal mondo che ti circonda. Questo è l’ultimo meccanismo di difesa: non sentire nulla.
  11. Sei il tuo peggior critico (cioè, ricordi costantemente a te stesso quanto sei “perdente” o “fallito”).
  12. Ti senti sempre un emarginato e non riesci mai ad adattarti a qualcuno. Invece di apprezzare la tua unicità e vederla come un’opportunità, la vedi come una maledizione.

Più grande è la tua ferita al cuore, più sperimenterai dispersione animica . Spesso, questo viene trasmesso alle persone intorno a te (come un virus), in particolare i bambini, che sono i più sensibili e vulnerabili di tutti.

Esempi di ferite primarie

Le ferite principali sono molte e varie. Ecco alcuni esempi di ferite fondamentali e le convinzioni di accompagnamento che possono svilupparsi unitamente esse:

  • Abbandono (“C’è qualcosa che non va in me”, “Non sono amabile”, “Non sono importante”)
  • Tradimento (“Sono indegno”, “Sono senza speranza”, “Sono un fallimento”)
  • Auto giudizio fisico / sessuale / mentale / emotivo (“Sono brutto”, “Merito solo cose cattive”, “Non ho il controllo”, “Sono debole”, “Sono sempre insicuro”, “Merito di essere punito”)
  • Rifiuto (“Sono vergognoso”, “Sono una persona cattiva”, “Non merito l’amore”, “Devo essere perfetto”, “Non appartengo mai”)

Questo non è un elenco esaustivo, ma evidenzia le più comuni ferite emotive con cui le persone lottano.

Come trovare la tua ferita primaria

La maggior sofferenza che proviamo dalle nostre ferite fondamentali ruota attorno alle false immagini di noi stessi che presentiamo al mondo. Da un lato, attraversiamo la vita fingendo di essere molto importanti, e dall’altro crediamo di essere indegni, brutti, non amabili o abbattuti nel profondo.

Dobbiamo esaminare attentamente le nostre ferite, lavarle usando strumenti alchemici e spirituali (ad esempio il lavoro sull’ombra ) e tenerle pulite fino a quando non guariscono. Un buon primo passo per iniziare questo processo è essere onesti con noi stessi. Dobbiamo smettere di evitare la verità su come sentiamo e sviluppiamo autenticamente il coraggio di affrontare le nostre ferite e percezioni erronee.

Un Maestro una volta disse: “conosci la verità e la verità ti renderà libero.” Solo quando diventerai veramente consapevole della tua ferita centrale, di come hai ereditato il tuo “peccato originale” e la convinzione di essere “indegno “, sarai in grado di chiudere il cerchio. Solo perdonando ciò che ti impedisce di sperimentare la completezza puoi diventare libero.

Detto questo, ecco alcuni stratagemmi potenti per scoprire la tua ferita principale. La maggior parte di loro si basa sulla domanda “perché?”:

1. Usa i tuoi sentimenti come un’ancora

Un modo potente per scoprire la tua ferita primaria, è di usare qualsiasi emozione negativa che provi nel momento come un’ancora per entrare dentro di te. Puoi quindi esaminare ciò che senti, quando è iniziato e perché lo stai sperimentando.

Ad esempio, se provi una grande frustrazione nel momento presente, puoi usare quella sensazione come fattore scatenante per chiederti: “ Perché? ” E inizi a rintracciare mentalmente lo sviluppo di quel sentimento. E, ad esempio, potresti  scoprire che il sentimento di frustrazione è un sottoprodotto di una profonda tristezza che provi. Quindi puoi esaminare quella profonda tristezza. Perché mi sento così? Proseguendo l’introspezione, potrebbe saltar fuori che questa profonda tristezza deriva dal sentirti come se non fossi riuscito a metterti al lavoro in tempo. E perché andare a lavorare tardi mi fa sentire così male? La risposta potrebbe essere che ti senti come un fallimento. A questo punto hai trovato una convinzione / ferita primaria:

Indegnità (“Sono un fallito” ).

Questa tecnica può essere applicata a innumerevoli sentimenti e, dopo un po’, potresti trovare uno schema emergente che ti permetterà di scoprire il filo conduttore della tua ferita principale.

 

2. Consapevolezza somatica / corporea

Non tutti sono in grado di prendere coscienza di ciò che proviamo emotivamente nel momento presente, che è dove la consapevolezza somatica è utile.

La consapevolezza somatica è fondamentalmente la pratica di fermarsi durante il giorno e scansionare il tuo corpo per osservare tensioni e malesseri. Potresti creare notifiche sul telefono o sul calendario di lavoro per ricordartelo, oppure potresti semplicemente fermarti e scansionare il tuo corpo ogni volta che ti senti a disagio.

Ad esempio, se senti il cuore battere forte e le mani sudare in presenza di altre persone, puoi esaminare questo sentimento nel momento presente, o più tardi dopo che il sentimento se ne è andato. Potresti scoprire che la tachicardia e le mani sudate sono il risultato del tuo nervosismo nei confronti degli altri. Chiedendoti perché ti senti così, potrebbe emergere che hai paura di ciò che gli altri pensano di te. Per cui, dietro a queste sensazioni, potrebbero esserci una o più delle seguenti convinzioni fondamentali:

“Mi sento stupido”

“Sono inaccettabile”

“Mi vedo imbarazzante / vergognoso”

La consapevolezza somatica si pratica meglio dopo aver appreso come rilassare completamente il proprio corpo, attraverso una pratica di rilassamento quotidiana. Altrimenti, se il tuo corpo è costantemente teso, ti sarà difficile essere consapevole dei cambiamenti fisici che si verificano durante il giorno.

 

3. Introspezione

Questa tecnica finale è semplice da eseguire e richiede solo il tempo di stare qualche minuto in solitudine ogni giorno.

Idealmente, la pratica più semplice durante questo lasso di tempo, è di tenere un diario giornaliero in cui registri pensieri e sentimenti. Questa è una pratica utile per chi è visivo o auditivo, in quanto è possibile utilizzare i meccanismi di scrittura introspettiva, illustrazione e brain-storming.

Ad esempio, potresti scrivere nel tuo diario:

La mia amica mi ha fatto sentire triste, arrabbiata e insicura senza saperlo oggi quando ha detto che “dovrei dedicare più tempo a me stessa”.

Quindi potresti esplorare questo sentimento nel modo seguente, con la domanda principale “Perché? “.

“Dovrei dedicare più tempo a me stessa” -> (perché?) -> mi fa sentire imbarazzata -> (perché?) -> mi fa vergognare -> (perché?) -> mi fa sentire patetica -> (perché? ) -> mi fa sentire indegna = Questa affermazione della mia amica mi ha ricordato quanto male provo per me stessa, che “mi ritengo indegna” e che “non merito di essere felice”.

C’è una serie infinita di modi per sezionare e scavare nel profondo di come ti senti durante l’introspezione. Ad esempio, altri metodi che potresti usare, preferibilmente con l’aiuto di una guida esperta, includono l’enneagramma, la filosofia esperienziale, la terapia del peggio, il dialogo con le parti interne (o archetipi ), l’ipnosi spirituale o semplicemente scrivendo liberamente fino a quando i tuoi pensieri iniziano a fluire e rivelano scoperte interessanti.

***

Spero che queste tecniche ti aiutino a scoprire le tue ferite principali. Ricorda che scoprire semplicemente la tua ferita centrale non è la fine del viaggio. Dovrai sostituire queste ferite fondamentali con le pratiche di amor proprio. Più amore per te stesso sviluppi, più queste ferite interiori guariranno e saranno trasformate.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: