fbpx

Come ritrovarti quando ti senti perso (9 passaggi)

ritrovare te stesso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Ti sei perso. Ti vergogni di ammettere di non sapere chi sei veramente. Non hai idea di cosa vuoi nella vita. In verità, ti senti completamente estraneo a te stesso.

Se è così, non ti preoccupare. Non c’è niente di sbagliato in te. Quello che stai vivendo è il prodotto della vita in una società che cerca costantemente di condizionarti. (E questo è stranamente disorientante, demoralizzante e travolgente).

In parole povere, non sapere chi sei autenticamente può essere infondato, confuso e spaventoso. Sarai trascinato qua e là dalla vita senza rimanere al centro del tuo essere. Entrerai in un lavoro, in una relazione e in un impegno di vita dopo l’altro, comprendendo rapidamente che non sono fatti per te.

…e ripeterai continuamente questo confuso ciclo finché non riuscirai a ritrovarti.

Ti piacerebbe avere fiducia in chi sei? Ti piacerebbe abbracciare pienamente i tuoi punti di forza, i tuoi doni e il tuo destino? Ti piacerebbe trovare il significato della tua vita? Ti piacerebbe trovare relazioni, amicizie e connessioni che nutrono veramente la tua anima (e non ti prosciugano)?

Se è così, è tempo di fare qualche ricerca nell’anima. È tempo di ritrovarti.

La lotta per ritrovarsi è “multistrato”

Ci sono una serie di ragioni per cui è così difficile sapere chi sei veramente. Alcune delle spiegazioni principali includono:

  1. Sei cresciuto in una famiglia disfunzionaleche ha svalutato l’individualità e ha imposto ruoli familiari severi o stereotipati.
  2. Hai sviluppato una bassa autostimaa causa di esperienze di vita negative – e i pensieri (o le storie) nella tua testa ti impediscono di vedere la tua vera bellezza / potere.
  3. Sei fortemente influenzato dai media, tra cui programmi TV, film, pubblicità, canali YouTube, celebrità di Instagram, ecc. Che ti fanno pensare che devi essere qualcuno che non sei (quindi, demoralizzandoti ancora di più).
  4. Sei circondato da persone che rafforzano l’inautenticità, la scarsa autostima e il cattivo processo decisionale: queste persone alimentano il ciclo della tua insicurezza e confusione.
  5. Le tue abitudini quotidiane, impegni e scelte di vita ti impediscono di dedicare tempo alla ricerca dell’anima e di scoprire chi sei veramente.

Esploriamo questi punti un po’ più in dettaglio:

1 # Sei cresciuto in una famiglia disfunzionale

La tua infanzia ha un impatto tremendo sulla tua vita adulta e sulla vita di tutti i giorni. I tuoi anni d’infanzia sono stati i tuoi anni di formazione: hanno creato le basi delle credenze, dei comportamenti e dei valori che porti con te in questo momento.

Coloro che sono cresciuti in famiglie disfunzionali tendono a sviluppare un debole senso di sé perché, da bambini, tutta la loro energia è stata investita esternamente. Quando un bambino deve essere iper-vigile (e proteggersi dall’abbandono, dagli abusi, ecc.), non ha più energia per giocare, esplorare e godersi la vita. In altre parole, non è rimasta energia interiore e quindi l’identità di un bambino diventa fragile e dipendente dal mondo esterno per la convalida.

 

Non c’è da meravigliarsi che così tante persone siano terrorizzate, nel profondo, di scoprire chi sono veramente! Non solo è stato loro impedito di essere se stessi da bambini, non solo non avevano modelli di ruolo autentici, ma sono stati effettivamente puniti per aver cercato di essere autentici!

2 # Hai sviluppato una bassa autostima

O come risultato di essere cresciuto in una famiglia disfunzionale o attraverso circostanze di vita, la bassa autostima può anche essere il motivo per cui fai fatica a ritrovare te stesso.

L’autostima è quanto fondamentalmente degno come essere umano credi di essere. Se hai adottato la ferita primaria che c’è qualcosa di “sbagliato in te”, “sei cattivo”, “sei inamabile”, ecc., sarà molto difficile trovare il tuo vero io.

In breve, a livello inconscio, non credi di essere degno di ritrovarti!

Pensa alla mente come uno specchio. Più sporcizia e polvere vengono spalmate sullo specchio (in questo caso, false credenze e atteggiamenti), più sarà difficile vedere chiaramente (in questo caso, te stesso).

Per vederti chiaramente e imparare a ritrovarti, dovrai pulire lo specchio. Scopriremo come farlo un po’ più avanti nell’articolo.

3 # Sei stato pesantemente influenzato dai media

I media sono onnipresenti. Accendi la TV, sono lì. Vai ai negozi, sono lì. Leggi il giornale online, sono lì. Scorri su Google, sono lì. Usi il tuo shampoo preferito, sono lì.

Quando noti qual è il messaggio generale inviato dai media, vedrai che ruota sempre attorno a farti sentire di aver bisogno di più . Capelli più lucenti, pelle più liscia, un corpo più snello, scarpe più belle, denti più bianchi, gambe più lisce, sesso migliore… di più, di più, di più.

Un livello più profondo di quello è l’idea che “non sei abbastanza bravo come sei”. È nell’interesse di aziende, prodotti, personalità online, politici, ecc. renderti insoddisfatto di te stesso, gettare una cortina di fumo sugli occhi e farti dimenticare chi sei. Ti fanno inseguire una persona che pensi dovresti essere.

Lo ripeterò ancora: è nell’interesse dei media farti dimenticare chi sei perché ciò ti rende più influenzabile. Li rende potenti. Li rende importanti. Senza la tua insicurezza, non avrebbero questo. E, paradossalmente, i soggetti più influenzabili dai media sono proprio quelli che dicono “la pubblicità non mi rimane in testa”.

4 # Sei circondato da persone che rafforzano l’inautenticità

Come dice il proverbio, la miseria ama la compagnia. Attiriamo coloro che “vibrano” alla nostra stessa frequenza e che rispecchiano (o affermano) ciò che sentiamo di noi stessi nel profondo.

Se hai poca autostima, se non sai chi sei, attirerai gli stessi tipi di persone. Perché? Bene, l’ego ama sentirsi validato, anche se ciò significa un tipo di validazione tossica e malsana.

Quando siamo in compagnia di persone che sono anche confuse su chi sono veramente, è comodo; non conflittuale. Ma quando siamo intorno a una persona che emana una presenza calma, radicata, centrata, siamo intimiditi. Ci sentiamo vulnerabili. Ci sentiamo insicuri perché non abbiamo ancora trovato quella calma e quella sicurezza dentro di noi.

Le persone che frequentiamo per la maggior parte del tempo possono rendere dannatamente difficile per noi imparare a ritrovarci. Inoltre, ad un certo livello, sappiamo che se intraprendiamo questa avventura di ricerca interiore, probabilmente perderemo le nostre amicizie. La struttura delle nostre vite si sgretolerà. Finiremo per sentirci soli . (E questo è un’altro ostacolo che ci impedisce di ritrovarci!)

5 # Le tue abitudini quotidiane, impegni e scelte di vita

Infine, la pièce de résistance che si basa su tutti i punti precedenti è rappresentata dalle nostre abitudini.

La maggior parte della nostra vita può essere ingombrata molto facilmente da impegni dissacranti, vuoti, attività insignificanti e falsa spiritualità.

Queste scelte di vita possono rapidamente trasformarsi in muri di prigione che ci fanno sentire bloccati e intrappolati. Rafforzano la nostra autoalienazione e inautenticità, e può essere molto difficile liberarci di esse.

Ma è possibile.

Scopriremo presto come liberarci di questi blocchi. Ma prima, esploriamo la ragione spirituale per cui non sai come ritrovarti.

La ragione spirituale per cui hai perso il contatto con il tuo vero io

Tre parole:

Ego + perdita di anima.

Il tuo ego è il tuo falso Sé: la maschera che presenti al mondo. Sei stato condizionato a sviluppare questa maschera dell’ego da bambino (lo siamo tutti). Il suo scopo è aiutarti a funzionare nella società. Ma allo stesso tempo, oscura il tuo Vero Sé (la tua Anima).

La perdita dell’anima è il risultato della nostra identificazione con il nostro Falso Sé (ego) e dell’oblio del nostro Vero Sé (anima). Come risultato della nostra perdita di anima, non sappiamo chi siamo veramente. Siamo anche afflitti da sentimenti di depressione, ansia, vuoto, disperazione e la sensazione di essere come piccole isolette che galleggiano nel mare della vita. In verità, se potessimo connetterci con le nostre anime, ci renderemmo conto di quanto siamo veramente interconnessi e non soffriremmo più così tanto.

È il Vero Sé che ci fa sapere ciò che è autentico e ciò che è diventato artificiale, mentre il Falso Sé è un diplomatico di sfiducia, che applica uno stile di vita di protezione, segretezza e lamentela.

Quando ci identifichiamo con il Falso Sé, perdiamo il contatto con la nostra natura selvaggia, con la vitalità e l’abilità di chi siamo veramente e di ciò che vogliamo veramente.

Questa mancanza di natura selvaggia, gioia e sentimento è ciò che provoca una sensazione di stanchezza e noia. Ci sentiamo vuoti dentro. Ci annoiamo facilmente con noi stessi e continuiamo a perseguire relazioni, carriere o cose che pensiamo possano restituirci quella scintilla di vita. Ma è un’illusione. Niente al di fuori di te può ripristinare quella scintilla dell’anima dentro di te.

Quali sono i sintomi di una relazione interrotta con la forza selvaggia della psiche? Sentire, pensare o agire cronicamente in uno dei seguenti modi significa aver parzialmente reciso o perso del tutto il rapporto con la profonda psiche istintiva. Usando esclusivamente il linguaggio corrente, si tratta di: sentirsi terribilmente asciutti, affaticati, fragili, depressi, confusi, imbavagliati, dimezzati, smarriti. Senza ispirazione, senza motivazione, senza anima, senza significato, portatori di vergogna, cronicamente preoccupati, volatili, bloccati, non creativi, compressi, impazziti.

Sono sicuro che, su molti livelli, puoi relazionarti con questa vivida descrizione di cosa significhi perdere il contatto con la tua natura selvaggia, la tua anima.

Ma come recuperarsi?

Come smettere di identificarti con il Falso Sé e dirigerti nel tuo Vero Sé?

Come posso ritrovare me stesso? (In 9 passaggi)

Che cosa hai intenzione di fare della tua vita selvaggia e preziosa?

I nostri giorni su questa terra sono contati, quindi che senso ha essere qualcuno che non siamo?

Essere chi sei autenticamente a livello centrale è incredibilmente liberatorio. La tua vita inizierà a fluire magnificamente una volta che avrai imparato a trovare te stesso.

Le tue relazioni miglioreranno. La tua vita lavorativa migliorerà. La tua vita familiare migliorerà. Il tuo benessere mentale ed emotivo migliorerà. E soprattutto, il tuo rapporto con te stesso migliorerà.

Quindi come ci arriviamo?

Ecco i 9 passaggi che puoi compiere per ritrovarti:

  1. Trova il tempo per la solitudine
  2. Purificazione mentale ed emotiva
  3. Individua le tue cinque esigenze primarie
  4. Pensa a ciò che  vuoi veramente  nella vita
  5. Abbraccia il tuo diritto di essere sovrano
  6. Esplora, viaggia, medita (e trova la tua passione)
  7. Dì addio alle persone e agli impegni che rafforzano la non autenticità
  8. Connettiti con il tuo centro spirituale
  9. Riconnettiti con la tua natura selvaggia

Questi passaggi possono essere tentati singolarmente (non è necessario eseguirli in successione). E ricorda, alcuni funzioneranno per te e altri no. Quindi sperimenta e non aver paura di cadere e rialzarti di nuovo.

Ora esaminiamo i vari passaggi uno ad uno:

1. Trova il tempo per la solitudine

La solitudine è potente ed è il primo passo per ritrovare te stesso.

In solitudine, possiamo distanziarci dal rumore che ci circonda, che ingombra le nostre menti e ci confonde. Per solitudine intendo assolutamente nessun contatto con amici, colleghi, social media, ecc. Solitudine significa semplicemente stare con te stesso senza distrazione. Un ottimo modo per farlo è attraverso la meditazione.

No, non è necessario abbandonare tutto e diventare un eremita. Dedica semplicemente poche ore alla settimana per la solitudine. Se devi allontanarti da qualche parte per stare da solo, fallo. Se hai bisogno di barricarti in una stanza per stare da solo, fallo.

Se gli altri sono confusi, spiega loro che hai bisogno di un po’ di tempo per rinvigorirti da solo. Se sono ragionevoli, comprenderanno. In caso contrario, potrebbe essere necessario impostare forzatamente dei confini e trovare il tempo per restare soli.

2. Elimina mentalmente ed emotivamente la “spazzatura” interiore

Uno dei modi più efficaci per eliminare mentalmente ed emotivamente è attraverso il “journaling”. (Inoltre, il disegno è un altro buon metodo.)

Inizia vomitando tutto ciò che senti su un diario. Non censurarti. Scrivi liberamente e diventa esplicito quanto vuoi.

Dopo aver scaricato per iscritto la tu spazzatura interiore, puoi riflettere su ciò che hai scritto: quali temi sorgono? Quali emozioni dominanti provengono?

Concentrati sullo sviluppo di un po’ di comprensione di te stesso e non preoccuparti se non sei completamente sicuro di te. Fai del tuo meglio.

3. Individua le tue cinque esigenze primarie

Tutti abbiamo desideri e aspirazioni, ma i bisogni sono diversi. I bisogni provengono dal tuo nucleo e non sono negoziabili perché sono vitali per la tua sanità mentale.

Un ottimo modo per individuare le tue necessità principali è concentrarti su aree della vita che ti fanno sentire infelice. In quali parti della vita sei il più infelice? Puoi stare certo che, in quelle aree, sta tagliando dei bisogni primari.

Una volta che hai un’idea delle tue cinque principali esigenze, scrivile / disegnale. Quindi, esplora tutti i modi in cui sono / non vengono soddisfatte.

Per ritrovarti, devi tornare alle basi. Devi liberarti di tutti i desideri e le aspettative superficiali che annebbiano la tua mente e riscoprire l’oro che è sepolto in te. Questo oro interiore è il tessuto della tua anima ed è ciò che ti rende te stesso.

Comprendendo le tue esigenze principali, saprai come dirigere la tua vita e allinearti con il tuo centro interiore. Ad esempio, se un tuo bisogno fondamentale è stare vicino alla natura, sarai in grado di trovare tempo e opportunità che rispettino questa qualità che ti nutre.

4. Pensa a ciò che vuoi VERAMENTE nella vita

Considera quanto è raro per noi fare un’osservazione significativa e sostenuta dei nostri gusti e antipatie. Certo, ci lamentiamo, sbuffiamo, andiamo avanti, combattiamo regolarmente, ma raramente ci chiediamo, in modo prolungato e serio: cosa creerebbe per me motivo di contentezza? Cosa mi piacerebbe davvero fare adesso – e in compagnia di chi? Raramente chiediamo, con incrollabile serietà, chi vogliamo come intimi; dove desideriamo dimorare fisicamente e moralmente; e cosa vogliamo fare con noi stessi.

Quanto spesso pensi a ciò che vuoi davvero nella vita? Dimentica ciò che vogliono i tuoi genitori. Dimentica ciò che vogliono i tuoi amici, partner, colleghi o società: cosa vuoi tu?

So che può sembrare un po’ aspro, ma devi ignorare tutti gli altri e ascoltare quella vocina dentro. Perché? Bene, la tua vita è TUA. Nessuno ha il diritto di dirti cosa dovresti e non dovresti desiderare nella vita.

Quindi prenditi del tempo per immergerti in profondità e fare introspezione. Se potessi fare quello che vuoi, senza conseguenze, come vivresti? E poi, da lì, crea i giusti compromessi (cioè non è un’idea intelligente abbandonare i tuoi figli) e fai i passi verso quella destinazione.

5. Abbraccia il tuo diritto di essere sovrano

Essere sovrani significa entrare nel ruolo di autorità suprema nella tua vita e, allo stesso tempo, capire dove finisce la nostra libertà e inizia quella degli altri.

Quando pratichiamo la sovranità di noi stessi ci rendiamo conto che nessun altro è responsabile della nostra vita se non noi. Ci rendiamo conto che nessun altro può dettare ciò che dovremmo fare tranne noi. Ci rendiamo conto che le nostre vite sono le nostre creazioni – e ciò che funziona per gli altri non funziona necessariamente per noi.

Essere sovrani significa entrare nel ruolo di Re o Regina della tua vita rispettando la propria libertà e quella degli altri. Invece di cercare la convalida e l’approvazione degli altri come un mendicante, ti giri verso l’interno e trovi quell’accettazione dentro di te.

Spesso coloro che lottano per ritrovarsi non credono di avere il diritto fondamentale di essere sovrani. Invece, credono di dover giocare secondo le regole della società per essere accettabili.

È un semplice cambiamento di mentalità, ma crea increspature di cambiamento enormi e insondabilmente intense nella tua vita. Uno dei modi migliori per iniziare è definire chi sei e chi non sei.

Ecco alcuni suggerimenti per l’inserimento nel diario che ti aiuteranno a entrare nel ruolo di auto sovranità:

  • Cosa mipiace e non mi piace?
  • Qual è il miostile?
  • Cosa significa bellezza per me?
  • Cosa significa successo per me?
  • Cosa significa felicità per me?
  • Chi penso di essere (al contrario di ciò che gli altri pensano che io sia)?

Saprai che stai rispondendo con successo a queste domande se devi fare una pausa e pensare molto. Può essere necessario scavare molto per trovare i nostri veri pensieri, sentimenti e credenze. E distinguerli dalle percezioni della società.

6. Esplora, viaggia, medita (e trova la tua passione)

Dovrai fare uno sforzo consapevole per uscire dalle solite routine per ritrovarti.

Sebbene non sia necessario prenotare una vacanza di sei mesi a Bali, è necessario espandersi e provare nuove cose. Se non sei il tipo da viaggio, potrebbe trattarsi di una poltrona in viaggio in cui acquisti un libro che ti sembra utile o partecipi ad un evento stimolante.

Chi sei al centro è molto legato a ciò che ti appassiona. La tua passione è la tua vocazione nella vita e quando non sei in contatto con la tua passione, la vita diventa noiosa e piatta. La gioia e la scintilla della vita emergono quando sai qual è la tua missione personale e, per scoprirlo, devi fare qualche esplorazione interiore (e talvolta esteriore).

7. Dì addio alle persone e agli impegni che rafforzano la non autenticità

Hai il diritto di ritrovarti, di essere te stesso e di percorrere un cammino vero per te. Non lasciarti trascinare dagli altri. Non lasciare che cattive abitudini e impegni sabotino i tuoi sforzi per apportare cambiamenti positivi.

Potrebbe suonarti strano ma… “sei la media delle cinque persone con cui trascorri più tempo”. Chi saranno queste cinque persone? E cosa portano nella tua vita?

Fai un inventario di tutte le persone e gli impegni della tua vita in questo momento. Accanto a ciascuno, soppesa i pro e i contro. Arricchiscono la tua vita o la impoveriscono?

Potrebbe essere spaventoso ridisegnare la tua vita da zero, ma vale la pena farlo se vuoi effettuare un vero cambiamento. Cerca di trovare amici e impegni che onorano il tuo diritto di essere sovrano.

8. Connettiti con il tuo centro spirituale

Certo, ogni volta che proviamo ad essere ciò che non siamo, falliamo. È così difficile essere ciò che non siamo, fingere di essere ciò che non siamo. Fingi di essere molto felice, molto forte e molto importante. Ma vivere in quel modo è davvero un inferno profondo. È una configurazione, è una situazione senza vincita. Non puoi mai essere ciò che non sei, e questo è il punto principale. Puoi solo essere te, e basta. E tu sei te in questo momento, ed è senza sforzo. Non è necessario giustificare ciò che siamo. Non è necessario lavorare sodo per diventare ciò che non siamo.

Alla base della ricerca di te stesso c’è l’ essere te stesso. Per essere te stesso, devi smettere di pensare che devi essere qualcun altro. In teoria, sembra semplice. Ma in pratica, è una delle cose più difficili al mondo da incarnare.

Come accennato in precedenza in questo articolo, viviamo in una società malata e progettata per programmarci con insicurezza, vergogna tossica e frustrazione. C’è così tanto rumore intorno e dentro di noi che perdiamo facilmente il contatto con la voce delle nostre anime, con la nostra Vera Natura, e confondiamo il nostro io-ego con i noi stessi autentici.

9. Riconnettiti con la tua natura selvaggia

La tua natura selvaggia è ciò che è vero per te. E ‘quello che senti più organico e reale per te. (E sì, anche l’idea di natura selvaggia può essere un’etichetta soffocante in cui cerchiamo di adattarci. Anche la natura selvaggia può diventare uno stratagemma di marketing. Quindi taglia quella spazzatura e arriva al nucleo succoso).

La verità incrollabile è che quando accettiamo qualsiasi richiesta o condizione contraria alla natura della nostra anima, il costo è che la preziosa forza vitale viene risucchiata dal nostro nucleo. Nonostante le apparenti ricompense della conformità, le nostre anime si stancano impegnandosi in attività intrinsecamente contrarie alla loro natura.

Uno dei modi migliori per riconnetterti con la tua natura selvaggia è sintonizzarti sulla tua energia. Cosa ti fa sentire scarico, impoverito, noioso e secco? Puoi essere sicuro che qualunque cosa sia “quella cosa”, sta cercando di mettere una museruola sulla tua natura selvaggia.

D’altra parte, presta attenzione a ciò che ti riempie di gioia, eccitazione, entusiasmo e passione. Puoi essere sicuro di aver trovato qualcosa che arricchisce la tua anima: qualcosa che sei veramente tu .

Riconnettersi con la propria natura selvaggia significa imparare a connettersi al proprio corpo. Il tuo corpo è come un’antenna di verità e qualsiasi cosa non vera verrà immediatamente registrata ed espressa dal tuo corpo.

La meditazione è un modo meraviglioso di sintonizzarti sul tuo corpo, così come altre pratiche come il rilascio emozionale, la filosofia esperienziale o l’alchimia spirituale. Usa queste modalità per incarnare la tua natura selvaggia e ritrovarti.

***

Quando Akiba era sul suo letto di morte, si lamentava con il suo rabbino di sentirsi un fallimento. Il suo rabbino si avvicinò e chiese perché, e Akiba confessò di non aver vissuto una vita come Mosè. Il poveretto cominciò a piangere, ammettendo di temere il giudizio di Dio. A questo punto, il suo rabbino si sporse all’orecchio e sussurrò gentilmente: “Dio non giudicherà Akiba per non essere Mosè. Dio giudicherà Akiba per non essere Akiba”. – Dal Talmud

Imparare a trovare te stesso può essere un lungo viaggio, ma vale la pena camminare.

Senza scoprire chi sei veramente, ti perderai per sempre nella vita, facendo sempre gli stessi errori, ancora e ancora, fino alla nausea. 

Trovare te stesso è essere te stesso, ed essere te stesso è trovarti. C’è sia un elemento individuale che transpersonale per ritrovare te stesso: è un percorso necessario per la crescita esterna ed interna.

La mia speranza è che ora tu abbia un nuovo percorso da seguire e alcuni preziosi consigli da assimilare.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi regressiva dove farla
Ipnosi regressiva dove farla

Ipnosi regressiva dove farla? Sicuramente ti stai ponendo questa domanda da un po’ di tempo. Soprattutto per avere la certezza di trarre il beneficio massimo