fbpx

Crisi esistenziale: cos’è e come superarla

crisi esistenziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Crisi esistenziale. La maggior parte delle persone sperimenta ansia , depressione e stress ad un certo punto della propria vita. Per molti, queste emozioni sono a breve termine e non interferiscono troppo con la loro qualità di vita.

Ma per gli altri, le emozioni negative possono portare a una profonda disperazione, inducendole a mettere in discussione il loro posto nella vita. Questa è conosciuta come una crisi esistenziale.

I meccanismi della crisi esistenziale sono stati studiati approfonditamente da psicologi e psichiatri fin dagli inizi del ventesimo secolo.

Eppure, anche con l’abbondanza di vecchie e nuove ricerche sull’argomento, potresti non avere familiarità con questo termine o non capire come differisce dalla normale ansia o dalla depressione.

Ecco cosa devi sapere sulla crisi esistenziale, oltre a come superare questa svolta.

Definizione di crisi esistenziale

Le persone possono avere una crisi esistenziale quando iniziano a chiedersi cosa significhi la vita e quale sia il loro scopo o lo scopo della vita nel suo insieme. Questa è, in linea di massima la definizione di base. Può essere una pausa nei modelli di pensiero in cui improvvisamente vuoi risposte alle grandi domande della vita.

Non è raro cercare un significato e uno scopo nella tua vita. Con una crisi esistenziale, tuttavia, il problema sta nell’incapacità di trovare risposte soddisfacenti. Per alcune persone, la mancanza di risposte innesca un conflitto personale dall’interno, causando frustrazione e perdita di gioia interiore.

Una crisi esistenziale può colpire chiunque a qualsiasi età, ma molti sperimentano una crisi di fronte a una situazione difficile, forse la lotta per avere successo .

Le cause

Le sfide e gli stress quotidiani non possono provocare una crisi esistenziale. È probabile che questo tipo di crisi segua una profonda disperazione o un evento significativo, come un grave trauma o una grave perdita. Alcune cause della crisi esistenziale possono includere:

  • senso di colpa per qualcosa
  • perdere una persona cara nella morte o affrontare la realtà della propria morte
  • sentirsi socialmente insoddisfatti
  • insoddisfazione di sé
  • storie di emozioni e rancori bloccati nella memoria

Vari tipi di crisi esistenziale

I diversi tipi di crisi esistenziali includono:

Crisi di libertà e responsabilità

Hai la libertà di fare le tue scelte, il che può cambiare la tua vita in meglio o in peggio. Molte persone preferiscono questa libertà, piuttosto che avere qualcuno che prende decisioni per loro.

Ma questa libertà comporta anche responsabilità. Devi accettare le conseguenze delle scelte che fai. Se usi la tua libertà per fare una scelta che non finisce bene, non puoi dare la colpa a nessun altro.

Per alcuni, questa libertà è troppo schiacciante e innesca l’ansia esistenziale, che è un’ansia totalitaria sul significato della vita e delle scelte.

Crisi della morte e della mortalità

Una crisi esistenziale può colpire anche dopo aver compiuto una certa età . Ad esempio, il tuo cinquantesimo compleanno potrebbe costringerti ad affrontare la realtà del tuo “mezzo secolo”, portandoti a mettere in discussione le fondamenta della tua vita.

Potresti riflettere sul significato della vita e della morte e porre domande del tipo: “Cosa succede dopo la morte?” La paura di ciò che può seguire la morte può scatenare l’ansia. Questo tipo di crisi può verificarsi anche dopo una diagnosi di malattia grave o quando la morte è imminente.

Crisi di isolamento e connessione

Anche se ti piacciono i periodi di isolamento e solitudine, gli esseri umani sono esseri sociali. Le relazioni forti possono darti supporto mentale ed emotivo, portando soddisfazione e gioia interiore. Il problema è che le relazioni non sono sempre permanenti.

Le persone possono allontanarsi fisicamente ed emotivamente e la morte spesso separa i propri cari. Questo può portare all’isolamento e alla solitudine, facendo sentire ad alcune persone che la loro vita è inutile.

Crisi di significato e mancanza di esso

Avere un significato e uno scopo nella vita può fornire speranza. Ma dopo aver riflettuto sulla tua vita, potresti sentire di non aver realizzato nulla di significativo o di fare la differenza. Ciò può indurre le persone a mettere in discussione la propria esistenza.

Crisi di emozione, esperienza e trascendenza

Non permettersi di provare emozioni negative a volte può portare a una crisi esistenziale. Alcune persone bloccano il dolore e la sofferenza, pensando che ciò li renderà felici. Ma spesso può portare a un falso senso di felicità. E quando non provi la vera felicità, la vita può sentirsi vuota.

D’altra parte, incarnare le emozioni, riconoscere e trascendere i sentimenti di dolore, malcontento e insoddisfazione può aprire la porta alla crescita personale, migliorando la visione della vita.

Sintomi della crisi esistenziale

Provare ansia e depressione quando la tua vita è fuori strada non significa sempre che stai attraversando una crisi esistenziale. Queste emozioni, tuttavia, sono legate a una crisi se accompagnate dalla necessità di trovare un significato nella vita.

Depressione

Durante una crisi esistenziale, potresti provare normali sentimenti di depressione . Questi sintomi possono includere perdita di interesse per le attività preferite, affaticamento, mal di testa, sentimenti di disperazione e tristezza persistente.

Nel caso della depressione esistenziale, potresti anche avere pensieri sul suicidio o sulla fine della vita, o sentire che la tua vita non ha uno scopo.

La disperazione con questo tipo di depressione è profondamente legata ai sentimenti di una vita insignificante. Potresti mettere in discussione lo scopo di tutto: “Vivo soltanto per lavorare, pagare le bollette e alla fine morire?”

Ansia da crisi esistenziale

L’ansia esistenziale può presentarsi come preoccupazione per cosa ti aspetta nell’aldilà o come turbamento per il tuo ruolo e i tuoi piani nella vita.

Questa ansia differisce dallo stress quotidiano nel senso che tutto può renderti a disagio e ansioso, inclusa la tua stessa esistenza. Potresti chiederti: “Qual è il mio scopo e dove mi inserisco?”

Disturbo ossessivo compulsivo della crisi esistenziale (DOC)

A volte, i pensieri sul significato della vita e del tuo scopo possono gravare pesantemente sulla tua mente e causare pensieri concitati e affannosi . Questo è noto come DOC esistenziale e può verificarsi quando sei ossessivo o hai compulsioni sul significato della vita.

Può presentarsi sotto forma di necessità di porre più e più volte domande o non riuscire a riposare finché non si hanno risposte alle proprie domande.

Primi passi per uscire da una crisi esistenziale

Trovare il tuo scopo e significato nella vita può aiutarti a liberarti da una crisi esistenziale. Ecco alcuni suggerimenti da affrontare:

Prendi il controllo dei tuoi pensieri

Sostituisci le idee negative e pessimistiche con idee positive. Dire a te stesso che la tua vita non ha senso può diventare una profezia che si autoalimenta. Invece, prendi provvedimenti per vivere una vita più significativa. Persegui una passione, fai volontariato per una causa in cui credi, pratica l’auto-compassione, la presenza o il lavoro dell’ombra.

Tieni un diario della gratitudine per superare i sentimenti negativi

La tua vita probabilmente ha più significato di quanto pensi. Scrivi tutto ciò per il quale sei grato. Ciò potrebbe includere la tua famiglia, il lavoro, i talenti, le qualità e le realizzazioni.

Ricordati del perché la vita ha un significato

Prendersi il tempo per esplorare se stessi può anche aiutarti a superare una crisi esistenziale.

Se hai difficoltà a vedere il bene in te stesso, chiedi ad amici e parenti di identificare le tue qualità positive. Che impatto positivo hai avuto sulla loro vita? Quali sono le tue qualità più forti e ammirevoli?

Non aspettarti di trovare tutte le risposte

Questo non significa che non puoi cercare risposte alle grandi domande della vita. Allo stesso tempo, capisci che alcune domande non avranno risposte.

Per superare una crisi esistenziale,  suggerisco anche di suddividere le domande in risposte più piccole e quindi di lavorare per diventare soddisfatto dell’apprendimento delle risposte alle domande più piccole che compongono il quadro più ampio.

CLICCA QUI per imparare ulteriori strategie su come uscire da una crisi esistenziale.

Quando chiedere aiuto

Potresti riuscire a superare una crisi esistenziale da solo, senza l’aiuto di un professionista. Ma se i sintomi non scompaiono, o se peggiorano, chiedere aiuto non deve essere visto come un segno di debolezza ma di coraggio.

Un esperto di benessere interiore può aiutarti a far fronte a una crisi attraverso la meditazione dinamica, la mindfulness, il rilascio emozionale istantaneo, l’autoipnosi, la filosofia esperienziale e molte altre efficaci strategie . Questo è un tipo di percorso che mira a cambiare i modelli di pensiero o comportamento.

Tieni presente che non devi aspettare fino a quando una crisi sfocia in depressione prima di parlare con un esperto in grado di guidarti fuori dalla crisi.

Anche se non hai gravi sintomi, un consulente può aiutarti con ansia, depressione o pensieri ossessivi.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: