fbpx

Lavoro sul bambino interiore: 4 potenti tecniche di guarigione

Lavoro sul bambino interiore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Lavoro sul bambino interiore: non importa quanto grande o piccolo, quasi tutti abbiamo vissuto una  qualche specie di trauma da bambini.

Questi traumi possono variare dall’avere il tuo peluche preferito buttato nella spazzatura, all’essere abbandonato dal tuo migliore amico d’infanzia, all’essere abusato fisicamente o emotivamente dai tuoi genitori.

Il lavoro sul bambino interiore è una componente vitale del lavoro interiore (insieme al lavoro dell’ombra) perché ci riconnette con un elemento ferito di noi stessi: il bambino interiore. Quando ci riconnettiamo con questa parte frammentata di noi stessi, possiamo iniziare a scoprire la radice di molte delle nostre paure, fobie, insicurezze e modelli di vita sabotanti. Qui è dove avviene la vera guarigione!

Probabilmente rimarrai sorpreso da ciò che scopri attraverso il lavoro sul bambino interiore. Invece di limitarci a guardare un sintomo del nostro dolore, si va dritti al nucleo del problema arrivando a rivelare quando una paura, fobia o determinato modello di vita ha avuto inizio.

In questo articolo, voglio esporre alcune potenti tecniche di guarigione che si possono usare per lenire questo delicato luogo dentro di noi.

Tipi di traumi infantili

Innanzitutto è importante capire che esistono diversi tipi di traumi infantili. Questi includono la componente fisica (compresa quella sessuale), emotiva e mentale. Inoltre, quando un trauma infantile è abbastanza grave o ripetuto, può causare perdita di anima. Ecco perché potrebbe essere necessario sottoporsi a un processo noto nelle tradizioni alchemiche come “recupero dell’anima”. Il recupero dell’anima è letteralmente il processo di “ripristino” delle parti nascoste o inaccessibili della tua anima.

Tuttavia, non tutti i traumi infantili provocano la frammentazione dell’anima, ma provocano una psiche ferita. Ciò può causare problemi come depressione, ansia, bassa autostima, fobie, modelli comportamentali distruttivi e persino malattie croniche.

Esempi di traumi infantili potrebbero includere:

  • Avere un genitore emotivamente non disponibile che trattiene l’affetto
  • Aver ricevuto punizioni fisiche riportando lesioni
  • Essere stato il destinatario di molestie, pornografia mostrata o qualsiasi altro tipo di contatto sessuale da parte di un genitore, parente o amico
  • Aver ricevuto l’etichetta di “figlio del divorzio”
  • Ricezione di responsabilità premature, inadeguate o gravose (come prenderti cura dei tuoi genitori)
  • Non essere protetto o fornito di un posto sicuro dove vivere dai tuoi genitori
  • Abbandono (i tuoi genitori ti lasciano solo per lunghi periodi di tempo senza una babysitter)
  • Trascuratezza emotiva, cioè non essere amati, incoraggiati o sostenuti
  • Essere deliberatamente chiamati con nomignoli umilianti o insultati verbalmente
  • Denigrazione della tua personalità
  • Distruzione di effetti personali
  • Richieste eccessive
  • Umiliazione
  • Incidenti stradali o altri eventi traumatici accidentali

Ci sono molti altri esempi di traumi infantili, ma volevo solo fornirtene alcuni per darti un’idea di cosa tratta il lavoro sul bambino interiore. È anche importante ricordare che i nostri genitori non erano i soli responsabili nel provocare un trauma infantile: anche i nostri nonni, fratelli, sorelle, familiari allargati, amici di famiglia e amici d’infanzia potrebbero aver avuto un ruolo.

Che cos’è il lavoro sul bambino interiore?

Questo ci porta ad esplorare la definizione di lavoro sul bambino interiore:

Il lavoro sul bambino interiore è il processo di contatto, comprensione, abbraccio e guarigione del nostro “io bambino”. Il tuo bambino interiore rappresenta il tuo primo sé originale che è entrato in questo mondo; contiene la tua  capacità di provare meraviglia, gioia, innocenza, sensibilità e giocosità.

Sfortunatamente, viviamo in una società che ci costringe a reprimere il nostro bambino interiore e “crescere” nell’omologazione sociale. Ma la verità è che mentre la maggior parte degli adulti è “cresciuta” fisicamente, non raggiunge mai l’età adulta emotiva o psicologica. In altre parole, la maggior parte degli “adulti” non sono affatto adulti. Questo lascia la maggior parte delle persone in uno stato di paure puerili, rabbia e traumi che si annidano nella mente inconscia per decenni.

Quando neghiamo e reprimiamo la voce del bambino dentro di noi accumuliamo un pesante bagaglio psicologico. Questo bagaglio inesplorato e irrisolto ci provoca problemi come malesseri emotivi, disturbi fisici e disfunzioni relazionali.

In effetti, si potrebbe dire che la mancanza di relazione consapevole per il nostro bambino interiore è una delle principali cause dei gravi problemi che vediamo nella società di oggi. Dal modo brutale in cui trattiamo l’ambiente, al modo crudele in cui parliamo con noi stessi, ci siamo completamente separati dalla nostra innocenza originale.

4 semplici modi per effettuare il lavoro sul bambino interiore (per guarire il trauma)

Imparare a lavorare con il tuo bambino interiore non significa tornare di nuovo infantile, si tratta piuttosto di riconnetterti con il tuo io bambino.

In altre parole, c’è una grande differenza tra le due cose.

Essere infantili può essere pensato come comportarsi in modo immaturo o ingenuo. Riconnettersi con l’io bambino consiste invece nel recuperare uno stato di purezza e innocenza.

Tutti abbiamo la capacità di provare la nostra innocenza originale: quel periodo della nostra vita in cui abbiamo visto il mondo con apertura e meraviglia.

Per rimuovere la colpa, la vergogna, la paura, l’odio, il disprezzo di se stessi e la rabbia che portiamo con noi, dobbiamo guarire il bambino dentro di noi. Per fare questo, dobbiamo guadagnare la fiducia del nostro bambino interiore attraverso l’amore e l’auto-compassione.

Ecco 4 dei modi più potenti per eseguire il lavoro sul bambino interiore:

1. Parla con il tuo bambino interiore

Riconosci il tuo bambino interiore e fagli sapere che sei lì per questo. Trattalo con gentilezza e rispetto.

Alcune cose auto-lenitive che potresti dire al tuo bambino interiore includono, ad esempio:

  • Ti amo.
  • Ti sento.
  • Mi dispiace.
  • Grazie
  • Ti perdono.

Prendi l’abitudine di parlare con il tuo bambino interiore. Puoi anche comunicare attraverso un diario, facendogli una domanda e quindi scrivendo la risposta che senti arrivare dall’intuito.

2. Guarda le tue foto da bambino

Esplora i vecchi album fotografici e riscopri l’aspetto del tuo io più giovane. Lascia che quell’immagine sia viva nel tuo cervello perché ti servirà bene per tutto il resto del tuo lavoro sul bambino interiore. Potresti anche mettere foto di te stesso accanto al tuo comodino, nel tuo portafogli o in giro per casa, giusto per ricordare a te stesso la presenza del tuo bambino interiore.

3. Ricrea ciò che amavi fare da bambino

Siediti e pensa a cosa amavi fare da bambino. Forse ti piaceva arrampicarti sugli alberi, giocare con le costruzioni, coccolare i peluche o mangiare un certo cibo. Trova il tempo di evocare qualsiasi attività che amavi fare da bambino nella tua vita attuale.

Attraverso il lavoro sul bambino interiore, le persone mi hanno detto di essersi ricollegati ai lati di se stessi che non sapevano nemmeno potessero esistere da adulti. Questa scoperta può davvero cambiare la vita. È importante prendere l’abitudine di questo “tempo di gioco” ed esplorare qualsiasi imbarazzo o stupidità che provi nei suoi confronti. È del tutto normale sentirsi inizialmente un po’ sciocchi, ma è importante mantenere una mente aperta.

4. Fai un viaggio interiore

Uno dei modi più potenti per riconnettersi con il bambino interiore per curare i traumi dell’infanzia è fare un viaggio interiore.

Per i principianti, consiglio due tipi di viaggi interiori: quelli fatti attraverso la meditazione e quelli fatti attraverso la visualizzazione.

Per fare questi viaggi interiori, è importante ottenere prima la fiducia del proprio bambino interiore attraverso le attività precedenti. Una volta che hai sviluppato una forte connessione con il tuo bambino interiore, puoi quindi chiedergli di rivelare quali circostanze della vita precedente hanno creato il trauma con cui stai lottando oggi.

Come fare un viaggio di meditazione:

Il lavoro sul bambino interiore attraverso la meditazione è un processo passivo: semplicemente respira profondamente, rilassati, permettiti di testimoniare i tuoi pensieri e poni una domanda. Ad esempio, potresti chiedere: “Caro bambino interiore, quando è stata la prima volta che ho vissuto un trauma nella mia vita?”

Consenti a te stesso di assistere ai pensieri che sorgono e cadono nella tua mente. Il tuo bambino interiore può o meno decidere di rivelarti la risposta. Ricorda di essere paziente, amorevole e accettante. Se il tuo bambino interiore non vuole rivelare la risposta, abbraccia la sua decisione. È importante che il tuo bambino interiore si senta sicuro, protetto e pronto.

Potresti ripetere ogni tanto la tua domanda se non emerge nulla di significativo all’interno della tua mente. Questo processo potrebbe richiedere da un paio di minuti a 1 ora o più.

Suggerimenti – Per fare il viaggio interiore di meditazione, devi avere esperienza di meditazione. Imparare a testimoniare i tuoi pensieri può richiedere molta pratica, quindi se non sei abituato a meditare, potresti avere difficoltà con questa tecnica.

Come fare un viaggio di visualizzazione:

Un modo più attivo di connettersi con il bambino interiore e i traumi della vita precedente è attraverso la visualizzazione.

Per effettuare il lavoro sul bambino interiore attraverso la visualizzazione, è necessario creare un “luogo di potere” o un luogo sicuro. Per fare questo devi visualizzare un bellissimo giardino o qualsiasi tipo di luogo in cui ti senti sicuro, potenziato e integro. Dopo aver creato il tuo posto di potere, puoi quindi invitare tuo bambino interiore a parlare con te.

Ecco alcuni passaggi:
  • Rilassati, chiudi gli occhi e respira profondamente.
  • Immagina di camminare giù per una scala.
  • Nella parte inferiore della scala c’è il tuo posto di potere o un posto sicuro. In questo posto, ti senti forte, sicuro e supportato.
  • Trascorri un po’ di tempo nel tuo posto di potere. Immergiti in esso. Che aspetto ha, che odore e che suoni ha?
  • Dopo aver familiarizzato con il tuo posto di potere, immagina che il tuo io più giovane entri, forse attraverso una porta o un qualsiasi altro passaggio.
  • Abbraccia il tuo io più giovane e fallo sentire a casa.
  • Quando sei pronto, fai la tua domanda al tuo bambino interiore, ad esempio “Quando è stata la prima volta che mi sono sentito triste o spaventato?”
  • Attendi la sua risposta.
  • Assicurati di abbracciarlo, ringraziarlo e dirgli quanto significa per te.
  • Salutalo amorevolmente.
  • Lascia il tuo posto di potere e risali le scale.
  • Ritorna alla coscienza normale.

Questi sono passaggi molto semplici, ma forniscono una buona descrizione di come eseguire un viaggio di visualizzazione per il lavoro sul bambino interiore.

***

Come bambini, abbiamo percepito il mondo in modo molto diverso rispetto all’età adulta. Per questo motivo, molte delle cose che presumiamo aver superato da adulti, potrebbero in realtà aver lasciato cicatrici profonde nell’io bambino. Ecco perché è importante non fare mai ipotesi sul tuo bambino interiore.

Attraverso il lavoro interiore dei bambini, puoi imparare a lasciar andare, guarire e risolvere qualsiasi fonte di trauma a cui sei stato inconsciamente aggrappato per anni. Questo può liberarti e permetterti di vivere una vita di vera età adulta, equilibrio emotivo e benessere.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: