fbpx

13 segni che stai soffrendo di intorpidimento emotivo (la malattia segreta)

Intorpidimento emotivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Intorpidimento emotivo. Ad un certo punto della nostra infanzia o della nostra vita ci è toccato sentire queste parole:

“Le principesse non piangono per niente!” “Fai il bravo ometto!” “Smetti di fare il bambino piagnucolone”, “Supera questa fase”, “Smetti di essere così sensibile”, “Fatti una pelle più dura!”

Sebbene queste parole siano state probabilmente pronunciate senza volerci intenzionalmente danneggiare a lungo termine, tuttavia indicano una verità comune e innegabilmente tragica della nostra società: che esprimere le tue emozioni è un segno di debolezza, piuttosto che di forza.

Se sei nato in una cultura emotivamente repressa emotivamente e basata sugli ideali “maschili” di efficienza e logica, è probabile che tu abbia un certo livello di intorpidimento emotivo.

Se sei nato in una famiglia che ha evitato qualsiasi forma di forte espressione emotiva, è ancora più probabile che l’intorpidimento emotivo sia un problema per te.

E se hai vissuto un evento di vita estremamente traumatico, che è stato semplicemente troppo travolgente per essere gestito (da cui non ti sei ripreso), posso quasi garantire che soffri di intorpidimento emotivo.

Quindi, in che modo l’intorpidimento emotivo influenza praticamente ogni parte della nostra vita? E quale consiglio posso condividere con te dopo aver attraversato anch’io una lotta con questo problema? Continua a leggere e lo scoprirai.

Cos’è l’intorpidimento emotivo?

L’intorpidimento emotivo è un meccanismo di difesa impiegato dalla mente per evitare emozioni intense e travolgenti come la paura, l’odio, la gelosia e il dolore. Quando diventi emotivamente insensibile, perdi la capacità di sentire e provare le tue emozioni a livello psicologico ed emotivo. In questo senso, l’intorpidimento emotivo è spesso clinicamente collegato alla dissociazione, che è la disconnessione dalle proprie memorie, identità, ambiente, corpo o sensi.

Quali sono le cause dell’intorpidimento emotivo?

Come per la maggior parte dei problemi, l’intorpidimento emotivo risale all’infanzia e al modo in cui siamo stati allevati dai nostri genitori. Essere abusati dai nostri genitori fisicamente, emotivamente, sessualmente, psicologicamente o spiritualmente può contribuire alla nostra incapacità di autoregolare le emozioni. Il che provoca intorpidimento emotivo.

Sentirsi alienati o disconnessi da uno o entrambi i nostri genitori, o famiglia in generale, può anche contribuire all’intorpidimento emotivo. Essere puniti direttamente o indirettamente per aver espresso le nostre emozioni durante l’infanzia crea anche intorpidimento emotivo.

L’ottundimento delle nostre emozioni può anche iniziare dopo un’esperienza gravemente traumatica, come assistere ad atti di violenza, essere assaliti, subire stupri, subire perdite intense o qualsiasi cosa che non abbiamo avuto la capacità di gestire psicologicamente ed emotivamente nel momento. Per questo motivo, l’intorpidimento emotivo è spesso un sintomo di stress post traumatico e vari disturbi d’ansia.

L’intorpidimento emotivo è anche influenzato dalla nostra cultura e da condizionamenti sociali, in particolare quelli che enfatizzano l’essere stoici, razionali ed emotivamente invulnerabili.

Il pericolo dell’intorpidimento emotivo

Se hai anche il minimo sospetto che potresti essere emotivamente insensibile, è tempo di ascoltare. L’intorpidimento emotivo non è un piccolo difetto della personalità o una piccola area di auto-crescita in cui migliorare – è un problema serio che deve essere affrontato immediatamente.

Parlando per esperienza, l’intorpidimento emotivo ha formato la radice di molti problemi che ho affrontato nella mia vita. A causa della mia educazione in una famiglia dogmaticamente religiosa dal punto di vista emotivo da cui mi sono sentito disconnesso per la maggior parte della mia vita, non ho mai imparato a gestire forti emozioni. Sono stato punito verbalmente, emotivamente o fisicamente ogni volta che ho espresso forti emozioni. Il pensiero libero o qualsiasi forma di dissenso sono stati respinti e ostracizzati.

Tutto ciò mi ha portato a reprimermi come una persona stoica e “stabile” a cui è stato insegnato che esprimere le emozioni non era solo cattivo ma vergognoso.

Come puoi vedere, a volte ci sono numerosi fattori in gioco che possono contribuire alla tua incapacità di regolare le emozioni intense, e quindi ricorrere a intorpidirle inconsciamente. Nel mio caso, ho imparato che le emozioni forti = punizione in una forma o nell’altra, e quindi ho imparato che erano pericolose da provare.

Il pericolo di disconnettersi dalle proprie emozioni è che può portare a una miriade di problemi mentali, emotivi, fisici e spirituali. Tali problemi possono includere meccanismi di gestione disfunzionali (compulsioni ossessive), depressione da lieve a grave, vuoto spirituale, incapacità di godersi la vita, incapacità di formare relazioni strette e appaganti, disconnessione dal sé interiore, confusione, irritabilità, affaticamento, dipendenze, malattie croniche e malattie somatiche (malattie prodotte dalla mente).

In casi estremi (e sto parlando di situazioni in cui il contatto emotivo è nullo), l’intorpidimento emotivo può portare ad atti di crudeltà.

Perché è “la malattia segreta”?

Chiamo “malattia segreta” l’intorpidimento emotivo perché è così pervasiva nella nostra società, e così socialmente accettabile, che spesso vola sotto i radar. In una società che in gran parte non sa come gestire le forti emozioni in modo sano, ci si rifugia in atteggiamenti stoici e iper-logici.

Eppure queste stesse facciate calme e raccolte, spesso nascondono un malsano distacco dai propri sentimenti. Quindi, l’intorpidimento emotivo è una malattia segreta perché molti di noi lottano con essa, ma non si rendono nemmeno conto di averla fino a quando non iniziano a emergere problemi cronici.

13 segni che stai lottando con l’intorpidimento emotivo

Il distacco emotivo non è sempre una brutta cosa. È utile quando è necessario mantenere i confini, evitare il sovraccarico energetico indesiderato da parte di altri e persino per aiutare gli altri in situazioni di crisi. Ma il distacco emotivo si trasforma nel suo gemello malsano, intorpidimento emotivo, quando diventa un meccanismo automatico di difesa interiore.

“Cosa c’è di così bello nel provare forti emozioni?” potresti chiedere. La risposta è che senza sentire le nostre emozioni, non abbiamo la capacità di vivere e imparare da esse, sperimentare la bellezza e la profondità della vita e imparare a trascendere, infine, l’attaccamento ad esse (che fa parte dell’illuminazione spirituale).

Ecco alcuni dei segni più significativi di intorpidimento emotivo a cui prestare attenzione:

  • Incapacità di esprimere forti emozioni negative o positive
  • Incapacità di “partecipare pienamente” alla vita (ovvero sentirsi come un osservatore passivo)
  • Sentire che la vita è come un sogno (un senso di irrealtà)
  • Vivere con il pilota automatico
  • Mancanza di interesse per le attività ricreative
  • Sentirsi distanti dagli altri
  • Tendenza a ritirarsi da amici e familiari
  • Le emozioni sono percepite nel corpo solo come sensazioni, ma non dalla mente
  • Antipatia per le persone che esprimono forti emozioni (sia positive che negative)
  • Non sentire nulla in situazioni che di solito generano forti emozioni
  • Panico o terrore quando le emozioni forti alla fine sfondano
  • Sentirsi vuoti dentro
  • Intorpidimento fisico o emotivo o “piattezza”

In circostanze estreme (come nei malati di disturbo da stress post traumatico), l’intorpidimento emotivo può persino influenzare il desiderio di suicidarsi. Se stai considerando il suicidio, chiedi immediatamente assistenza a una struttura di igiene mentale.

appiattimento e intorpidimento emotivo

Come superare l’intorpidimento emotivo

Come qualsiasi meccanismo di difesa psicologica, l’intorpidimento emotivo può essere complesso da gestire e spesso richiede il supporto di una guida esperta.

Per il momento, ecco alcune pratiche utili per aumentare la tua capacità di provare, affrontare ed esprimere forti emozioni:

1. Ancorati al tuo corpo

Come accennato in precedenza, l’intorpidimento emotivo è collegato alla dissociazione (disconnessione mentale da una parte di te). Questo porta ad avere risposte automatiche come sentire solo le emozioni nel corpo e non  nella mente, oppure avere un completo tracollo.

In entrambi i casi, uno dei migliori meccanismi auto-calmanti è quello di ancorarti al corpo attraverso la consapevolezza e il contatto fisico. Simile a quello che fa una madre con suo figlio, tieni stretta ma delicatamente un’area del tuo corpo – ad esempio la mano o lo stomaco. Questo metodo aiuta a sentirsi contenuti e radicati nel proprio corpo.

2. Respirazione profonda

Usata da sola o in combinazione con la tecnica sopra menzionata, la respirazione profonda è un modo semplice e facile per aiutarti a muoverti consapevolmente attraverso tutto ciò che stai vivendo. Questa pratica è particolarmente utile quando sfuggono sentimenti intensi come la paura o la rabbia.

Consiglio di attenersi a qualcosa di semplice, qualcosa a cui non devi pensare troppo e qualcosa che non senti come forzato. Il punto della respirazione profonda non è seguire perfettamente la tecnica di qualcun altro, è usare il respiro (in qualunque modo si adatti a te), per calmare la mente e il corpo.

3. Tenere un diario dei pensieri tristi

Mi rendo conto che questo suggerimento può sembrare un po’ malinconico, ma è una pratica degna del tuo tempo e sforzo, in particolare se vuoi sentire ed esprimere le tue emozioni. Tenere un diario è anche una potente forma di lavoro sull’ombra (un modo per esprimere ciò che di solito si sopprime).

In un diario fisico o in un diario online, passa da cinque a dieci minuti ogni giorno a scrivere qualcosa che inneschi anche la minima fitta di tristezza in te. Ad esempio, potresti scrivere un ricordo del tuo cane che è morto, un problema nel mondo, qualcosa che qualcuno ti ha detto, una scena di un film, una lotta quotidiana … o praticamente qualsiasi cosa sia sconvolgente (o ciò che ritieni sconvolgente).

La creazione di un diario di pensieri tristi ha due vantaggi principali. Uno, ti aiuta a esprimere le tue emozioni, anche se inizialmente in modo indiretto. E due, funge da catalizzatore per sentire e far uscire le tue emozioni, in particolare quando hai bisogno di slancio (approfondirò presto anche questo punto).

Cerca sempre di finire il tuo triste pensiero viaggiando mentalmente con qualcosa di edificante, come leggere buone notizie, passare del tempo con qualcuno che ami, giocare con un animale domestico o guardare qualcosa di divertente su YouTube o Netflix.

4. Catarsi o meditazione dinamica

Quando l’intorpidimento emotivo di noi stessi diventa il nostro meccanismo di difesa predefinito, tendiamo ad avere un’enorme quantità di emozioni represse che giacciono proprio sotto la nostra consapevolezza cosciente. Per esprimere in modo sicuro ed efficace le tue emozioni represse, prova la meditazione dinamica.

La catarsi, invece, può comportare urla o pugni nel cuscino, usando il diario dei pensieri tristi (menzionato sopra) per stimolare la tristezza e il pianto, un intenso esercizio emotivo o una danza appassionata.

La catarsi o la meditazione dinamica dovrebbero essere pratiche regolari nel tuo viaggio. Senza una pratica adeguata, si corre il rischio di sperimentare le ripercussioni di emozioni represse (cioè depressione, vuoto, malattia cronica, ecc.).

5. Yoga e rilascio emozionale istantaneo

Lo yoga è un modo ben noto di aiutare a liberare ed equilibrare la tua energia. Non solo, ma lo yoga è un modo di rilasciare le emozioni immagazzinate nel corpo. Consiglio di praticare forme lente e delicate di yoga come Hatha yoga per almeno dieci minuti al giorno. Ricorda, l’obiettivo non è diventare una star dello yoga perfetto per Instagram; è per connettersi con il corpo, la mente e il cuore.

Le nostre emozioni inespresse e represse sono spesso immagazzinate nei nostri corpi. Mi piace pensare ai nostri corpi come riflessi della nostra mente inconscia: sono mappe che ci aiutano a capire cosa stiamo rinchiudendo e quali questioni irrisolte dobbiamo affrontare. Nel mio articolo sulla tensione muscolare cronica, ho elencato i nove tipi di emozioni intrappolate in diverse aree del corpo.

Per liberare queste emozioni, il rilascio emozionale istantaneo è un altro ottimo sistema. E’ semplice da imparare (sempre sotto la guida di un esperto) e, una volta appreso lo puoi praticare per conto tuo.

6. Esprimi in modo creativo i tuoi sentimenti (o la loro mancanza)

Scrivi una canzone, scarabocchia su un foglio, dipingi un’immagine, crea un collage, trova il modo di esprimere quale emozione hai provato l’ultima volta. Se fai fatica a sentire qualcosa, esprimilo artisticamente.  Presta attenzione a come ti senti dopo. Ti entra anche la minima sensazione di soddisfazione? Tieni un diario di queste emozioni.

7.Prenditi cura del tuo bambino interiore

Dato che è stato il tuo stesso bambino interiore che probabilmente ha intrappolato il trauma che ti ha causato l’insensibilità emotiva, prenditi cura di questa parte di te. Pratica il lavoro sul bambino interiore e trova il modo di confortare e nutrire questo luogo vulnerabile dentro di te. Potresti persino creare affermazioni potenzianti per il tuo bambino interiore per aiutarlo ad accedere alle emozioni. Ad esempio, potresti ripetere a te stesso, quando ti trovi in ​​una circostanza difficile, “È giusto per me sentire le emozioni”, “È sicuro per me sentirmi triste”, “La mia rabbia è naturale”, “Essere vulnerabili è essere forti ,” e così via.

8. Dedica spazio e tempo ai sentimenti

Nella nostra vita frenetica, è molto facile intorpidirci e distrarci con i social media, la TV, lo shopping, il cibo, gli impegni sociali e altre cose che ci fanno costantemente dimenticare di noi stessi. Guardarsi dentro è molto più difficile e richiede molta più autodisciplina, ecco perché la maggior parte delle persone non lo fa.

Se sei seriamente intenzionato a superare l’intorpidimento emotivo, dovrai dedicare spazio e tempo a tutte le attività che ho citato in questo articolo. Se combatti con l’autodisciplina, ti consiglio di renderti responsabile esternamente chiedendo supporto. Per favore, non saltare questo passaggio, è imperativo che passi del tempo ad esplorare il tuo io interiore, e in particolare, ciò che stai reprimendo e perché.

***

Spero che questo articolo ti apra nuove possibilità o almeno ti ispiri a prendere sul serio l’intorpidimento emotivo. Non posso sottolineare abbastanza quanto sia importante affrontare questo problema perché evitarlo prolungherà solo la tua sofferenza.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ansia vite precedenti
Energia, ansia e vite passate

Il modo in cui l’ansia ti limita nella vita quotidiana ha parecchio a che fare con l’energia. La prima legge della termodinamica, nota come “legge