fbpx

9 meccanismi di difesa dell’ego che uccidono il benessere interiore

Meccanismi di difesa dell'ego
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Sei senza speranza, inutile, gravoso. Niente andrà mai bene, tutti sono sempre migliori di te, non sarai mai perfetto. Vuoi essere apprezzato, ma non sei amabile e sei un fallimento nella vita. 

Queste parole suonano familiari?

Per la maggior parte delle persone sì. Le trappole mentali – o meccanismi di difesa dell’ego – sono come ingranaggi arrugginiti che mantengono in esecuzione i cicli meccanici di dolorevergogna tossica e disperazione dentro di noi. In molti casi, sono così profondamente radicati nella mente che siamo completamente ignari della loro esistenza.

La cosa più importante da considerare, a proposito di questi errori cognitivi, è che sono modi disfunzionali di affrontare il mondo e il sé. In effetti, vivere nel mondo delle distorsioni mentali è come vivere una menzogna perenne. La tua percezione è costantemente contaminata da una negatività malinconica che produce pensieri irrealistici e non veritieri.

Ma non è colpa tua e non v’è modo di muoversi attraverso questa sensazione di stallo.

In questo articolo, il mio obiettivo è aiutarti a identificare, riformulare e deprogrammare questi meccanismi di difesa dell’ego o trappole mentali. Ciò ti consentirà di sperimentare più pace interiore, amore per te stesso, radicamento, fiducia e connessione spirituale con la vita.

Cosa sono i meccanismi di difesa dell’ego?

I meccanismi di difesa dell’io (o trappole mentali) sono strategie psicologiche che ci aiutano ad affrontare l’incertezza e l’ambiguità dell’esistenza. Quando una verità o una realtà dolorosa è troppo per noi da sopportare, puoi essere certo che un meccanismo di difesa dell’ego interverrà per salvarti.

Pensalo come un cavaliere in armatura risplendente che protegge la tua sanità mentale. L’unica difficoltà è che, spesso, questo cavaliere interiore non è disposto a lasciar andare il suo desiderio di proteggerci. Questo a causa della paura e del trauma. Quando ciò accade, ci ritroviamo con una programmazione interiore vecchia, obsoleta e disfunzionale che si ripete, causando il caos nelle nostre vite.

17 Segni che le difese del tuo ego ti stanno danneggiando

Presta attenzione a questi segnali:

  • Soffri di bassa autostima e senso di inadeguatezza
  • Ti scontri costantemente con le persone
  • Ti senti nervoso con gli altri senza una ragione apparente
  • Hai spesso l’impressione di essere una vittima innocente
  • Ti senti come se il mondo fosse contro di te
  • Vedi il mondo in bianco e nero (“buono o cattivo”, “giusto o sbagliato”, “amico o nemico”, “noi o loro” ecc.)
  • Tendi a saltare agli estremi nelle relazioni, cioè, un giorno ami il tuo partner, quello dopo lo odi
  • Tendi ad essere critico e sarcastico
  • Raramente accetti la responsabilità (perché “non hai fatto nulla di sbagliato”)
  • Sei un cinico ma allo stesso tempo un idealista
  • Hai grandi aspettative per te stesso e per gli altri
  • Ti senti insoddisfatto di te stesso / della tua vita per la maggior parte del tempo
  • Hai una personalità che crea dipendenza
  • Tendi ad essere ossessivo
  • Pensi troppo a tutto
  • Ti senti spesso come un falso
  • Ti senti disconnesso dal tuo vero sé e dalla vita

A quanti di questi segni puoi metterti in relazione?

9 Meccanismi di difesa dell’ego di base

I nove meccanismi di difesa dell’ego di base sono:

1. Fare ipotesi

Un’ipotesi è una supposizione. Quando facciamo un’ipotesi, crediamo che qualcosa sia vero in base a ciò che pensiamo sia vero, senza prove. Le ipotesi possono riguardare gli altri, te stesso o una determinata situazione della vita. I presupposti spesso suonano così: ” Mi tratta in questo modo perché ____”, “Loro pensano che sia ____”, “Lo faccio sempre perché ____”,” Mi ha lasciato perché____”.

Perché fare ipotesi è dannoso? Le ipotesi e le supposizioni creano un sacco di dolore emotivo e mentale non necessario, soprattutto se dai sempre per scontato il peggio. Le supposizioni possono anche portarti a formulare giudizi falsi sugli altri. Questo può danneggiare e persino distruggere i rapporti con le persone a cui tieni.

2. Credenze estreme

Una credenza è la convinzione che qualcosa sia vero, anche se potrebbe non esserlo. Spesso le credenze sono di natura molto estremista, in bianco e nero. Le credenze spesso suonano come le seguenti: “Non sarò  mai in grado di parlare normalmente”, “Lui / lei mi odia”, “Le altre persone sono sempre lì a prendermi in giro”, ” Non piacerò mai a nessuno perché sono brutto”.  Come tutte le trappole mentali, le convinzioni sono sostenute inconsciamente: possono essere così radicate da eludere la mente cosciente.

Perché le credenze estreme sono dannose? Le  credenze sono accecanti per natura. Se sono false possono anche influenzare profondamente la tua autostima poiché tendono a radicarsi molto profondamente. Quando lotti con una bassa autostima, ogni aspetto della tua vita è influenzato negativamente e paralizzato.

3. Confronti negativi

Un confronto è un giudizio che formuliamo quando misuriamo due o più persone / cose l’una contro l’altra. I confronti possono esistere tra te e gli altri, ad esempio, “È molto più intelligente di me” e “Il mio corpo è così grasso rispetto al suo”. Possono esistere confronti anche tra noi e le nostre idee su ciò che dovrebbe accadere , ad es. “Dovrei essere in grado di lavorare di più”, “Dovrei essere più bravo a socializzare”.

Insoddisfazione e bassa autostima sono le due caratteristiche che guidano il confronto: vogliamo essere migliori, più perfetti, più vincenti ed eccellere sugli altri. Inoltre, il confronto guida anche la competizione: usiamo le altre persone ei nostri ideali come parametro di successo.

Perché i confronti sono dannosi? Il  confronto genera gelosia e invidia con conseguente rabbia, dolore e frustrazione. Queste emozioni, tormentate dall’angoscia, mettono a dura prova le nostre relazioni con gli altri e spesso distruggono amicizie, legami familiari e relazioni sentimentali.

4. Desideri ossessivi

Desiderare è volere qualcosa che non si ha. Lo facciamo perché siamo scontenti e ci sentiamo come se, da qualche parte nel profondo, ci manchi qualcosa. Quando desideriamo, siamo tormentati dalla sensazione di non averne abbastanza. I desideri spesso suonano come segue: “Voglio essere come ____ ma non posso”, “Voglio comprare ____ perché renderà la mia vita migliore”, “Voglio essere divertente proprio come lui”. I desideri sono strettamente legati ai confronti. Quando ci confrontiamo con gli altri o con un ideale mentale, spesso ci troviamo a mancare il bersaglio, e così nasce il desiderio.

Perché i desideri ossessivi sono dannosi? Il principio fondamentale è che il desiderio è uguale al dolore. Questo perchè il desiderio si traduce in idolatria e ossessione. Sentimenti di infelicità, rabbia e gelosia sono il risultato. Quando pensiamo ai crimini commessi nel mondo (furti, omicidi, stupri, ecc.), derivano tutti da un’ossessione che nasce dal desiderio. Quando desideriamo ciò che non possiamo avere, il risultato di solito è il dolore.

5. Rigide aspettative

Farsi aspettative è avere l’idea preconcetta che qualcosa  deve accadere o accaderci. Le aspettative sono solitamente create dalla mente a cui piace avere il controllo, anche sui risultati futuri. Quando un’aspettativa viene disattesa o non viene soddisfatta, il risultato è ansia, tumulto interiore e rabbia.

Ad esempio, se inconsciamente ti aspetti che il tuo partner si comporti in un certo modo ma quel comportamento non arriva, ti senti turbato e pieno di rabbia. Le aspettative derivano da certezze fuorvianti e questo è un sintomo di un comportamento di ricerca della sicurezza. Puoi anche creare aspettative per te stesso, ad esempio, potresti inconsciamente pensare “arrossirò e inizierò a balbettare”, e immediatamente … lo fai!

Perché le aspettative sono dannose? Aspettarsi determinati comportamenti dagli altri di solito si traduce in delusione, confusione, frustrazione e rabbia, e questo causa tensione nelle nostre relazioni. Inoltre, stabilire grandi aspettative per te stesso si traduce anche in sofferenza poiché, dopotutto, sei umano e imperfetto. Le aspettative possono anche diventare profezie che si autoavverano: manipolano l’esito di una situazione predeterminando se sarà buona o cattiva. Ad esempio, se ti aspetti di essere ansioso, il 99,9% delle volte lo sarai . Questo può avere un impatto immensamente negativo sulla tua vita quando la tua mente è già prevenuta contro di te.

6. Nobili ideali

Un ideale è un risultato perfetto immaginato. Un esempio di ideale comune è trovare l'”amante perfetto” (l'”Unico vero amore”) – il che non è realistico poiché tutti hanno difetti e un sé ombra. Altri ideali che potremmo possedere potrebbero includere il voler trovare la casa perfetta, un lavoro perfetto o fare tutto bene quando si tratta della nostra crescita personale. Gli ideali sono un sintomo del perfezionismo e di solito sono impostati come obiettivi non realistici a cui è quasi sempre impossibile essere all’altezza.

Perché l’ideale è dannoso? Poiché gli ideali sono irrealizzabili, spesso ci sentiamo come dei falliti, come se le nostre vite non fossero abbastanza buone e come se niente andasse per il verso giusto per noi. Inoltre, gli ideali possono farti vivere sotto un’enorme pressione, creando molta ansia cronica che incombe sullo sfondo. Quando non riusciamo a far coincidere il nostro ideale interiore con la realtà esteriore, sperimentiamo un collasso che può innescare la depressione e talvolta una crisi esistenziale. Infine, poiché coloro che hanno molti ideali sono spesso perfezionisti, i  loro cari si sentono costantemente come se “non stessero facendo abbastanza” o non fossero abbastanza. Questo può mettere a dura prova le nostre relazioni.

7. Estremizzazione

In psicologia il termine tecnico è “polarità” e questo è qualcosa che osserverai ovunque. La natura della mente è che richiede certezze assolute – ha bisogno di vedere il mondo in bianco o nero. Non c’è grigio o “intermedio”. Di conseguenza, la nostra mente tende a saltare da un estremo all’altro.

Molte persone, ad esempio, che hanno avuto un’educazione religiosa molto rigida invecchiano e si disilludono dalle idee dogmatiche che sono state insegnate. Spesso, queste persone saltano immediatamente sul carro dell’ateismo e diventano fanatici sostenitori dell’anti-Dio, quasi con lo stesso livello di dogmatismo della religione in cui sono state allevate. Un altro esempio di estremizzazione è una persona che lotta per accettare la propria sessualità. Di conseguenza, potrebbe diventare attivamente omofoba, maschilista o femminista.

Perché l’estremizzazione è dannosa? Saltare a estremi reattivi, sebbene naturale, limita la nostra capacità di sperimentare, abbracciare ed esprimere tutte le parti autentiche di noi. Non solo di solito danneggiamo gli altri (reagendo contro di loro), ma stiamo ferendo noi stessi nel processo.

8. Soppressione

Troppo spesso viviamo con la tensione interiore di desideri contrastanti che temiamo possano essere socialmente inaccettabili. Diciamo che vuoi ridere forte e liberamente, ma sai che gli altri ti guarderanno in modo strano, quindi sopprimi quell’autentica espressione di te stesso. O forse ti piace un film o una canzone che sai che ai tuoi amici non piace, quindi seppellisci quel desiderio e te ne dimentichi.

Sebbene la soppressione possa essere utile in alcune situazioni (come prendersi cura di bambini piccoli e turbolenti), può essere tossica se eseguita regolarmente. La soppressione non fa andare via una sensazione, un impulso o un pensiero dentro di te. In effetti, può farlo ristagnare al tuo interno come una pozza di lava pronta a esplodere in qualsiasi momento in futuro.

Perché la soppressione è dannosa? La soppressione è un ostacolo importante nella crescita personale perché si traduce nell’incapacità di essere autentici con se stessi (che è l’elemento chiave dell’amor proprio ). Più reprimi dentro di te, più devi adottare una falsa personalità o maschera per affrontare il mondo esterno. Più indossi questa maschera, più ti senti fasullo e si verifica un crescente livello di disconnessione dalla tua Anima.

9. Repressione

La repressione differisce dalla soppressione in un modo importante. Mentre la soppressione è inizialmente un processo cosciente di avere un desiderio e imparare a evitarlo o ignorarlo, la repressione è un processo del tutto inconscio.

Ad esempio, potresti aver avuto un’esperienza traumatizzante da bambino che è stata così spaventosa o inquietante da dover essere immediatamente sepolta. Ovviamente non è stata colpa tua: è successo automaticamente come meccanismo di difesa dell’ego. Tuttavia, quel contenuto represso giace ancora sepolto nel tuo inconscio e può emergere nella tua vita in vari modi distruttivi.

Perché la repressione è dannosa? La difficoltà con la repressione è che è automatica e inconscia. In quanto tale, non ci rendiamo nemmeno conto di quali fossero i nostri desideri autentici originali perché sono stati schiacciati prima che avessero la possibilità di sbocciare. Il risultato è la sensazione di non essere in contatto con il tuo vero sé e l’alienazione dalla vita. La soluzione a questo è fare un lavoro interiore consapevole e andare alla ricerca dell’Anima.

4 Ruoli che l’ego adotta e che sabotano la crescita personale

I quattro ruoli del meccanismo di difesa dell’ego sono:

1. Spettatore innocente

Uno dei maggiori ostacoli nel viaggio di crescita personale è ingannarsi credendo di non aver fatto nulla di distruttivo. Questo potrebbe essere il motivo per cui il primo passo del tossicodipendente in via di guarigione è riconoscere di avere un problema. La maggior parte delle persone vive nella negazione o nell’evitamento, negando la necessità di dare una buona occhiata a se stessi. Ciò impedisce di riconoscere correttamente i propri tratti e capacità più sgradevoli.

“Il mondo è incasinato ma io sono completamente libero da responsabilità” è la loro visione di base della vita. Si rifiutano di vedere l’interconnessione tra le loro azioni e il loro stile di vita con il mondo esterno che li circonda.

2. Critico super partes

Questo meccanismo di difesa è molto simile allo “spettatore innocente”. La differenza è che questo tipo di ruolo evita il senso di colpa criticando attivamente il mondo e le persone. Criticare è il nostro modo di ribellarci alla società e di voler trovare una via d’uscita, di voler essere al di fuori della “mandria” pur provando un senso di falsa partecipazione.

Non fraintendetemi: il pensiero critico è uno strumento necessario per la crescita personale di ognuno. Ma spesso questi “giudici” usano il pensiero critico come un modo per rafforzare il loro ego e per sentirsi più intelligenti del “gregge” che non ha capito cosa ha il critico. Sfortunatamente, notare cosa c’è di sbagliato nello stato di cose del mondo non è sufficiente, a meno che non applichi attivamente una soluzione al problema.

3. Vittima irreprensibile

Sono sicuro che tutti abbiamo incontrato una vittima arrabbiata con la vita, qualcuno che incolpa le altre persone o il mondo per il 100% delle sue difficoltà. Ma tutti usano la colpa come meccanismo di difesa in una certa misura. In verità, ciò da cui ci difendiamo è la nostra responsabilità di affrontare l’esperienza spiacevole che ci è stata data.

Scaricare la colpa è rinunciare alla responsabilità personale e delegarla mentalmente a qualcun altro, convincendosi che non siamo responsabili per lo stato della nostra vita, attribuendo così la responsabilità a qualche “forza esterna”. Il meccanismo di difesa dell’ego della vittima irreprensibile ci impedisce di vedere chiaramente come stiamo contribuendo alla nostra sofferenza.

In sostanza, la vittima irreprensibile è uno dei più feroci protettori del nostro ego. Ci fa sentire che non stiamo mai deludendo noi stessi, o che ci manca la maturità o la forza per venire a patti con la realtà delle situazioni con cui ci troviamo faccia a faccia. Invece, qualunque cosa sia accaduta non è la prova della nostra inadeguatezza, ma di qualcun altro .

4. Controllore Onnipotente

Infine, arriviamo al controllore onnipotente, il ruolo dell’ego che adotta una parvenza di invincibilità come un modo per cercare di proteggerci in modo errato. Fermiamoci un momento per apprezzare questa parte di noi ben intenzionata: dopotutto, vuole solo che siamo al sicuro. La difficoltà, tuttavia, è che questo meccanismo di difesa dell’ego assume una posizione di onnipotenza. Ci convinciamo che se riusciamo a esercitare il controllo su tutto saremo finalmente “al sicuro”. In realtà è vero il contrario. Più cerchiamo di controllare noi stessi, gli altri e la vita, più soffriamo. Finiamo per opprimerci, respingere i nostri cari e resistere alla corrente della vita. In realtà, il vero potere non è nel controllo basato sulla paura, ma nella consapevolezza centrata sull’amore. Lo esploreremo più avanti.

Come liberarsi dai dannosi meccanismi di difesa dell’ego

Prima di imparare come annullare, riscrivere e deprogrammare la tua mente dai suddetti meccanismi di difesa dell’ego, voglio evidenziare qualcosa di importante:

Non tutti i modelli mentali sono cattivi.

A volte è necessario avere una certa convinzione per motivarsi di fronte a difficoltà strazianti. A volte abbiamo bisogno di saltare a conclusioni e fare supposizioni per proteggerci dal pericolo (ad esempio, supponendo che il ragazzo con una felpa scura in agguato all’angolo della strada possa provare a derubarti). E senza desiderio, non ci potrebbero essere progressi in vita.

Ma i modelli mentali diventano trappole   quando iniziano a interferire con il nostro benessere mentale, emotivo e spirituale e lottiamo per liberarcene.

Di seguito, condividerò come liberarti dagli impatti dannosi di questi meccanismi di difesa dell’ego:

1. Pratica l’autoindagine

Quando nasce un’emozione negativa dentro di te, indagala. Pensa a te stesso come un esploratore, un insegnante, uno scienziato, un osservatore – qualunque parola ti piaccia – ed esamina la natura di quell’emozione.

Poni domande come:

  • Cosa sto provando?
  • Qual è il pensiero alla radice di questo sentimento?
  • Quali prove posso trovare contro questo pensiero / sentimento?
  • Quale potrebbe essere una spiegazione alternativa?
  • Quali altre opzioni ho?

Sii il più aperto e curioso possibile. Potresti anche scrivere un diario delle tue esperienze con l’autoindagine, se aiuta.

2. Avvicinati alla vita con amorevole gentilezza

Quando esaminiamo l’energia inerente a supposizioni tossiche, credenze, confronti, desideri, ecc., Vediamo che tutto deriva dalla paura. Questa paura può essere che non siamo abbastanza, che potremmo perdere qualcosa, che potremmo essere feriti, che potremmo essere abbandonati – in ogni caso, è tutto basato sulla paura.

Qual è il contrario di paura?

Risposta: amore.

La paura si restringe e si chiude mentre l’amore si apre e si espande.

Per deprogrammare i meccanismi di difesa dell’ego dobbiamo avvicinarci a noi stessi, alle altre persone e alla vita stessa con amorevole gentilezza. Sì, è più facile a dirsi che a farsi, ma ricorda che ci vuole tempo e pratica.

Anche l’incapacità di affrontare la vita con amorevole gentilezza può essere affrontata con compassione. Puoi essere gentile con la tua mancanza di dolcezza? Riesci a perdonare la tua mancanza di perdono? Puoi praticare la morbidezza nel mezzo della durezza?

Se desideri imparare come affrontare la vita con più gentilezza amorevole, ti consiglio di leggere i seguenti articoli:

3. Sii provocatorio e sfida te stesso

Hai il diritto di chiedere “è vero?” ogni volta che sorge un pensiero su te stesso o su qualcun altro.

Colpendo e sfidando le presunzioni che emergono nella tua mente, sarai in grado di toglier loro il potere minando la loro autorità. Dopotutto, i pensieri incontrastati possono facilmente diventare come dittatori interiori che ci rendono schiavi di emozioni dolorose e demoralizzanti convinzioni personali.

Non devi essere schiavo della tua mente, trova il coraggio di metterla in discussione.

Sii provocatorio, sii un ribelle. Quando emerge un’ipotesi, convinzione o confronto, chiediti “posso essere sicuro al 100% che sia vero?” Una domanda così semplice ha un impatto liberatorio sulla tua psiche.

4. Medita per sviluppare la coscienza del Testimone

La meditazione è un’antica tecnica usata come un modo per accedere a una maggiore pace interiore, chiarezza e Unità. Tuttavia, non è necessario essere religiosi o anche spirituali per praticarla.

In questo contesto, la meditazione è una tecnica dinamica per imparare a  testimoniare i  tuoi pensieri invece di  diventarli. La maggior parte delle persone è così attaccata e identificata con i propri pensieri da non rendersi conto che c’è una grande quiete dentro di loro che esiste al di fuori del pensiero.

Se non hai mai meditato, questo potrebbe sembrarti confuso. Ma pensalo come il cielo: il cielo è sempre lì, e i pensieri sono come nuvole in quel cielo che vanno e vengono. Non importa quale nuvola (pensiero) sorga, il cielo è sempre lì sotto, immutato. Lo stesso vale per la tua coscienza.

Per fare un passo indietro rispetto a supposizioni, credenze, confronti, desideri, aspettative e ideali, il metodo più diretto è meditare.

Dedica, all’inizio, 5-10 minuti alla meditazione e fai del tuo meglio per essere coerente. Sebbene all’inizio la pratica possa essere frustrante, è la pratica più potente e scientificamente convalidata che si conosca per annullare gli impatti dannosi delle trappole mentali. Quindi continua a persistere, anche se all’inizio incontri difficoltà.

Ecco una semplice meditazione di cinque minuti che puoi provare:

  • Trova un luogo tranquillo e indisturbato
  • Se aiuta a creare l’atmosfera, riproduci della musica tranquilla in sottofondo
  • Siediti su una sedia o un cuscino, mantenendo la schiena dritta
  • Chiudi gli occhi (o se preferisci lasciali leggermente socchiusi)
  • Porta la tua attenzione al tuo respiro
  • Nota il tuo petto / pancia che si alza e si abbassa, o l’aria che entra ed esce dalle tue narici (a seconda di quale è più facile per te)
  • Quando i tuoi pensieri vagano, nota il pensiero e osservalo senza giudicarlo
  • Continua questa pratica per cinque minuti
  • Al termine, fai un po’ di stretching e torna lentamente alle tue attività quotidiane

Alla fine, sarai sempre più in grado di notare i pensieri che sorgono. Ti renderai conto di quanto sia impegnata e quanto chiacchierona sia la tua mente (non preoccuparti, tutti noi lottiamo con menti iperattive). Ma con la meditazione, la tua mente inizierà a calmarsi e sarai in grado di cogliere i meccanismi di difesa dell’ego non appena si presentano. 

Non lasciarti scoraggiare dalla semplicità di questa pratica. Può essere semplice, ma è tremendamente potente.

5. Ritagliati un po’ di spazio

Vacci piano con te stesso. È facile avere una mentalità perfezionista anche riguardo alle tecniche di guarigione di cui sopra. Quindi renditi conto che sei umano, sei destinato a commettere errori, molto probabilmente sbaglierai, e questo è tutto normale e va bene.

Quando adotti un atteggiamento rilassato che lascia spazio al fallimento, c’è meno stress e tensione. Dare a te stesso il permesso di avere una mentalità rilassata fungerà anche da guardia naturale contro ulteriori meccanismi di difesa dell’ego.

***

Spero che i consigli in questo articolo ti abbiano aiutato. Ricordati di prenderti il ​​tuo tempo e di andare piano con te stesso. Il tuo ego è una forza complessa e multistrato dentro di te che richiede tempo e gentilezza per smantellarsi. Ma armandoti di questa conoscenza e degli strumenti di cui sopra, alla fine ti libererai da schemi disfunzionali e abitudini negative. Il risultato sarà un maggiore senso di libertà interiore, equilibrio, amore e comprensione di sé.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi e yoga
L’ipnosi e gli Yoga Sutra di Patanjali

L’ipnosi e lo yoga sono associati a fenomeni simili come il rilassamento, le condizioni di super coscienza, l’acquisizione di maggior controllo sulle attività della mente,