fbpx

Come affrontare il sentirsi indesiderati, abbandonati e non amati

Sentirsi abbandonati indesiderati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Avverti un senso di rabbia e un profondo dolore che ti attraversa. Come hanno potuto lasciarti così brutalmente e senza pensarci due volte?

Come possono prendere il tuo amore e la tua fiducia e lanciarli al vento come se non avessero alcuna importanza?

Se hai sperimentato l’abbandono nella tua vita prima d’ora, saprai fino a che punto si insinuano dentro di te le ferite dell’essere “la seconda scelta” o “il non ne vale la pena”. Sei di certo molto consapevole di quanto il sentirsi indesiderato abbia cambiato la persona che sei e il modo in cui interagisci con gli altri.

Una cosa che ho imparato nella mia esperienza è che l’abbandono assume molte forme e aspetti diversi. Sentirsi indesiderati e non amati può manifestarsi fisicamente, emotivamente, psicologicamente e persino spiritualmente. Ma l’unica cosa che hanno in comune tutti questi diversi aspetti dell’essere trascurati è il grande vuoto che lasciano nelle nostre vite.

Oggi voglio esplorare quel vuoto dentro di te.

“Non ne valgo la pena” potrebbe essere la tua ferita principale

Quando sperimentiamo una grave forma di abbandono, in particolare in giovane età, lo shock di quell’esperienza tende a rimanere con noi per il resto della nostra vita. Ma queste esperienze traumatizzanti continuano a dimorare dentro di noi solo se non le esploriamo e se non facciamo qualcosa per disinnescarle. Queste esperienze, se lasciate a sedimentare per troppo tempo, diventano le nostre ferite fondamentali o le convinzioni fondamentali più profonde che abbiamo su noi stessi a livello inconscio.

Le nostre ferite principali sono i nostri dolori più profondi nella vita. Sono i nostri amici più vecchi e miserabili. Per la maggior parte di noi, queste ferite fondamentali sono regolate dalle seguenti due convinzioni errate:

“Sono imperfetto e quindi una persona cattiva.”

“Devo cambiare o aggiustare qualcosa di me stesso per essere accettabile.”

Altre ferite fondamentali comuni che derivano dal sentirsi indesiderati includono: “Non ne valgo la pena”, “Non sono amabile” e “Sono irrimediabilmente sbagliato”.

4 modi per affrontare il sentirsi indesiderati e non amati

Ci troviamo in un periodo di tempo che mi piace chiamare l’era individualista. Poiché la nostra capacità di comunicare in modo empatico e significativo con gli altri si interrompe a causa del nostro “PRIMA IO!” Una cultura aziendale e materialista. E scopriamo che le nostre famiglie, amicizie e relazioni sono instabili come sempre. Pertanto, sempre più di noi stanno vivendo l’isolamento di essere abbandonati, ingannati e dimenticati.

Cosa possiamo fare per esplorare e curare queste ferite fondamentali? Come possiamo abbattere le barriere che nascondono le macerie del nostro cuore? E infine, come possiamo diventare di nuovo persone più forti e più integre?

Oggi voglio fornirti qualcosa di proattivo, qualcosa che ti consentirà di riprendere nelle mani le redini della tua vita.

Questo è ciò che puoi fare personalmente per affrontare il dolore di sentirsi indesiderati:

1. La maggior parte delle persone non accetta se stessa

In altre parole, la maggior parte delle persone non si PIACE, non si rispetta e nemmeno si stima. C’è un enorme deficit di amor proprio nella nostra società che si riflette in ogni strato della nostra quotidianità. Di conseguenza, quelli di noi che hanno difficoltà ad amare se stessi tendono a sabotare le proprie relazioni con gli altri. Come può una persona che non sa amare se stessa mostrare amore verso gli altri? Non succede. Capirlo può aiutarti a entrare in empatia con gli altri o, per lo meno, a capire perché si comportano in quel modo.

2. Anche se le circostanze ti sono avverse, non devi auto commiserarti

L’ho scoperto nel modo più duro: più vittimizzi te stesso e romanticizzi il tuo dolore, più rimarrai bloccato in cicli di miseria e risentimento. È allettante usare le nostre storie di abbandono e maltrattamenti per farci sentire segretamente giusti e speciali, ma la verità è che questo fa più male che bene.

Piangere ciò che abbiamo perso è una parte naturale del ciclo del dolore. Ma rivisitare e soffermarsi costantemente sulle nostre storie è malsano e persino autodistruttivo. Ho scoperto che accettare ciò che è accaduto è vitale per il processo di crescita interiore e trasformazione, SENZA autocommiserazione.

3. Ognuno ha una diversa capacità sentimentale

Proprio come ogni cosa nella vita attraversa vari stadi di maturazione, così fa anche l’anima. Perché alcune persone nascono con un’anima antica e altre rimangono giovani fino alla morte? Credo che la risposta stia in qualcosa che chiamo maturità di sentimento. La maturità sentimentale determina quanta capacità abbiamo per la previdenza, la compassione, l’empatia e l’amore incondizionato. Tutti questi fattori hanno un impatto sul modo in cui trattiamo gli altri. Ad esempio, alcune persone sono naturalmente orientate al branco e accecate dalla paura dell'”altro”, mentre altri gruppi di persone sono aperti e orientati all’accettazione.

Quindi cosa c’entra tutto questo con il sentirsi indesiderati e abbandonati? Bene, il punto è che alcune persone semplicemente non hanno la capacità di essere sinceramente gentili, premurose e fedeli, almeno per ora. Non hanno ancora raggiunto quel punto della loro piena maturazione. Pertanto il loro comportamento può sembrare insensibile, sconsiderato e persino crudele.

Capire che ognuno ha una diversa capacità sentimentale aiuta a diventare una persona più indulgente.

4. È possibile riempire da soli quel vuoto interiore

Sembra folle, vero? Come possiamo colmare quel sentirsi vuoti interiormente? Possibile che là fuori non ci sia una persona o un gruppo di persone in grado di riempire quell’abisso? No, non c’è.  Sfortunatamente molti di noi hanno ancora la convinzione inconscia di dover trovare un’altra persona che ci aiuti a diventare integri e completi. Ma hai mai messo in dubbio la validità o la verità di questa convinzione? Non fraintendermi, l’amore di un’altra persona può fornirti un grande supporto, ma non potrà mai riempire autenticamente quel vuoto dentro di te. Solo tu puoi.

Ma come? Uno dei modi (in particolare se sei stato abbandonato da bambino emotivamente, mentalmente o fisicamente), è imparare a rieducare il tuo bambino interiore. Tuttavia, se hai a che fare con il dolore di sentirti non amato da adulto (forse a causa del divorzio o della rottura), l’amor proprio è il modo migliore per superare questo trauma. In questo articolo, esplora come amarti di più.

Pensieri finali …

Imparare ad amare te stesso è difficile, così come imparare a rieducare il tuo bambino interiore, tuttavia sono entrambi strumenti vitali che ti aiuteranno a diventare di nuovo flessibile e quindi ricettivo a dare e ricevere amore.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: