fbpx

8 segni che sei ossessionato dal desiderio di onniscienza

Perché siamo nati? Dove andiamo quando moriamo? Scegliamo le nostre vite qui sulla terra? Chi ero io in una vita passata? Come posso sapere qual è il vero significato della mia vita? Devo contattare un guaritore spirituale? Posso fidarmi dei guaritori spirituali? Come posso fidarmi di me stesso? Posso accedere ai registri Akashici? Sono reali? Perché reincarnarsi?

Messaggio accorato di un nostro Lettore:

Mentre sono seduto qui a scrivere sul mio laptop, il mio cervello è appena uscito da una fase vertiginosa del desiderio di onniscienza.

A volte cado in questo stato quando sfoglio le mie bacheche sui social media in cui orde di domande, argomenti, meme, citazioni ispiratrici, argomenti e confutazioni inondano costantemente le pareti anguste della mia mente, finché i miei occhi tesi non iniziano a velarsi.

Improvvisamente contagiato dalla voglia di sapere, apro una nuova scheda sul mio browser, cerco un’idea. Faccio clic su un articolo. Leggo. Apro un’altra scheda. Cerco un’altra idea. Leggeo. Rifletto. Clicco su un collegamento. Apro una nuova scheda. Diventa un altro argomento. Rifletto. Rimugino. Dopo mezz’ora ho circa 10 schede aperte che esplorano una moltitudine di argomenti che portano tutti a una selezione sempre maggiore di domande … che in realtà non rispondono alla mia domanda originale …

Forse hai anche tu la sete insaziabile di raccogliere conoscenza. Forse ti fai anche tu le grandi domande della vita e raramente sei soddisfatto delle risposte che ricevi. Se è così, posso entrare profondamente in empatia con la tua situazione perché anch’io sono stato un avido cercatore di risposte. A volte mi perdevo così tanto nei labirinti della mente che riemergevo nella realtà mezzo impazzito e pesantemente stordito, come il Coniglio del Cappellaio Matto .

Se ti identifichi personalmente come amante della verità, accumulatore di conoscenza, ricercatore spirituale, pensatore o filosofo, devi continuare a leggere.

Cos’è il desiderio onnisciente?

Per iniziare, voglio solo dire questo: non c’è niente di sbagliato nel cercare risposte nella vita. Infatti, senza prima cercare, come possiamo trovare? Senza fare domande, come possiamo sviluppare la nostra intelligenza e le riserve di saggezza? Senza cercare di capire, come possiamo uscire dai cicli di ignoranza che portano alla sofferenza?

Il desiderio di sapere è vitale per la nostra evoluzione spirituale e fisica come esseri umani. Il bisogno di conoscere non solo contribuisce alla nostra sopravvivenza fisica, ma contribuisce anche al nostro benessere emotivo e al processo di risveglio spirituale.

Questo è il motivo per cui questo articolo è diretto specificamente a coloro che sentono di essersi risvegliati spiritualmente e di aver progredito abbastanza lontano sui loro sentieri (i “maturi spiritualmente”). Tuttavia, se ti senti ancora come se fossi “nuovo a tutto ciò”, questo articolo non ti sarà di grande beneficio (e in realtà potrebbe essere dannoso per la tua crescita).

Ora che lo abbiamo chiarito, voglio esplorare cos’è il desiderio onnisciente. Quando senti la parola onnisciente, probabilmente immagini un archetipo come Dio e lo colleghi ad altre parole come “onniscienza”, “onnisciente” e “saggio”. In sostanza, questo è esattamente ciò a cui punta il desiderio onnisciente: vogliamo perseguire un’immagine irrealistica di noi stessi, vogliamo sempre tutte le risposte!

Usare male la mente

Ho perso il conto dei milioni di casi in cui ho cercato di usare la mente per risolvere i miei problemi, per confortarmi e per darmi un senso di controllo. E, ovunque guardo, vedo persone che fanno lo stesso: usare male la mente per cercare di risolvere i problemi creati dalla mente. Come puoi immaginare, è un vero circo!

“Ma non mi interessa diventare onnisciente; Voglio solo trovare le risposte, ecco tutto “, potresti dire. Ma poi ti rendi conto che tutta la tua vita è stata dedicata alla ricerca della comprensione, e la ricerca stessa è una forma di dipendenza. Perché è così? Perché risolvere enigmi e riempire gli spazi vuoti ci dà un potente (ma falso) senso di sicurezza, rassicurazione e controllo. 

Tendiamo a pensare in profondità che “se solo potessi rispondere a questa domanda mi sentirei felice e completo”. E così dedichiamo le nostre vite al prossimo picco spirituale, il prossimo “colpo” di un frammento di verità che risponde alle nostre domande a lungo irrisolte. Dopo tutto, quale droga è più potente dell’assaggio di ciò che significa essere Dio: onnisciente?

Mancanza di consapevolezza di sé

La maggior parte di noi soffre di desiderio onnisciente. Spesso la nostra ossessione nel perseguire risposte mentali ai problemi mentali deriva da una mancanza di indagine, una mancanza di consapevolezza di sé . Quando diamo al sé ego la posizione di potere nella nostra vita quotidiana, siamo governati dalla paura e dal desiderio di “conoscere” perennemente. Questo è all’estremità opposta dello spettro della saggezza: sperimentare la Verità stessa in tutta la sua purezza, senza la necessità di teorizzarla o chiedersi dove, perché, quando e come è avvenuta.

Come ho detto prima, la necessità di sapere non è una cosa “cattiva”, anzi è molto utile. Ma arriva un punto, sui nostri percorsi spirituali, in cui cadiamo nell’errore di cercare il Paradiso altrove anziché qui nel momento. Il miracolo dei miracoli è che il Paradiso è proprio adesso, non in un pensiero o in una risposta.

8 sintomi del desiderio onnisciente

Il desiderio di essere onniscienti è una malattia perché ci causa molta infelicità e dolore – e la maggior parte di noi lo sperimenta. Immagina un cane che insegue la sua coda all’infinito: questo è fondamentalmente ciò che è la malattia onnisciente. Siamo costantemente alla ricerca di uno stato dell’essere che è fuori contatto con ciò che siamo in questo momento.

Ecco alcuni sintomi comuni del desiderio onnisciente:

  1. Hai un bisogno ossessivo di “sapere”.In altre parole, la vita si ferma finché non si ha una comprensione significativa o una raccolta di informazioni su un determinato argomento.
  2. Fai domande profonde sulla vita, ma le tue domande non sembrano mai avere risposta. Di conseguenza, cerchi costantemente di riempire il vuoto della tua comprensione con credenze, dogmi, filosofie o teorie.
  3. Hai forti reazioni emotive a pensieri, idee, religioni, credenze e dogmi degli altri , in particolare se ritieni che siano “ingannevoli”, “fuorvianti” o “falsi”. Senti il bisogno di mostrare a questa persona quanto ha torto, quanto tu hai ragione e cadi facilmente in discussioni.
  4. Trovi molto difficile ammettere di avere torto su un particolare argomento, anche se sai che potresti esserlo.
  5. Una volta che hai trovato la risposta alla tua domanda, riempi rapidamente il buco nella tua vita con un’altra domanda … e un’altra e un’altra. Il ciclo di domanda-risposta-domanda-risposta si ripete migliaia di volte nel corso della tua vita.
  6. Credi di avere un certo potere che non è disponibile o accessibile ad altre persone che ti dà più intuizione / intelligenza / comprensione (ad esempio chiaroveggenza, ESP, precognizione, ecc.), Rendendoti così più speciale di altri.
  7. Trattieni la tua capacità di goderti il momento, perché sei convinto che la tua felicità possa essere trovata in futuro quando avrai tutte le risposte.
  8. Hai difficoltà a fidarti della saggezza innata della vita, abbracciare il non sapere e seguire un metodo per l’esperienza diretta.

Sei disposto a imparare a fidarti della vita?

Qualche mese fa stavo leggendo della vita della yogini Gangaji. Anche lei era costantemente alla ricerca di risposte, finché un giorno incontrò il suo insegnante illuminato Papaji che le disse immediatamente “STOP”.

Quella parola le ha cambiato tutta la vita e ha posto fine alla sua sofferenza. Perché? Perché si è resa conto che tutto ciò di cui aveva bisogno era già qui, e che era costantemente alla ricerca di un’immagine di perfezione che non avrebbe mai potuto essere raggiunta – come un cane che si insegue la coda.

Sei disposto a imparare a fidarti della vita? Sei disposto a fermarti semplicemente? So che non è facile; Ci sono stato passato volte. Può essere spaventoso non sapere cosa succede dopo la morte. Può essere inquietante essere al buio. Ma accettando quello stato, cessando la ricerca perpetua, puoi paradossalmente trovare tutto ciò che hai sempre cercato: la beatitudine.

Vuoi sapere come curare la malattia onnisciente? Consiglio di leggere questo articolo su 6 delle domande più potenti per il risveglio dell’anima.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: