fbpx

11 trappole che sabotano la tua crescita spirituale

Ego spirituale trappole
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Non importa quale sia la pratica o l’insegnamento, l’ego ama aspettare in agguato per boicottare qualsiasi progresso sul cammino del risveglio.

La crescita interiore è un’esperienza che viviamo tutti quando iniziamo il processo di risveglio spirituale. Quando iniziamo a risvegliarci alla verità su chi siamo, sviluppiamo una connessione con la nostra essenza autentica, natura superiore o Anima.

Mentre avanziamo progressivamente sui nostri sentieri, la nostra essenza spirituale inizia a sbocciare come un fiore luminoso nel profondo del nostro cuore. E più eliminiamo le credenze, le prospettive e il bagaglio emotivo morto, nodoso e ricoperto di incrostazioni dentro di noi, più chiaramente sentiamo la nostra essenza divina. Quando coltiviamo il nostro giardino interiore, sentiamo sempre più amore, saggezza, pace e integrità mentre la nostra vera natura ci viene rivelata.

Tuttavia, come ogni giardino, i nostri paesaggi interiori metaforici possono essere infestati da erbacce, parassiti e forme di inquinamento che soffocano tutto ciò che di bello abbiamo coltivato. A volte, anche noi stessi sabotiamo la crescita che avviene dentro di noi, senza saperlo.

Cos’è la crescita spirituale?

La crescita spirituale è il processo di risveglio alla tua vera natura, scopo e potenziale. Quando si intraprende una crescita spirituale, si sperimenta un’espansione nella consapevolezza e nella visione profonda, nota anche come coscienza superiore. Tutta la crescita spirituale ha un obiettivo: aiutarti a incarnare la tua Anima, il Sé Superiore o l’Atman. Una volta che sarai in grado di unirti alla tua Anima, sperimenterai ciò che è inteso come illuminazione, autorealizzazione, “paradiso”, Unità o moksha.

11 trappole che ostacolano la tua crescita spirituale

Il problema con il viaggio spirituale è che spesso è disseminato di trappole di molti tipi. Queste trappole non sono fisiche, ma sono invece mentali e vengono spesso definite forze anti-risveglio.

Siccome elaboriamo la vita quasi sempre attraverso la mente, tendiamo ad avvicinarci anche alla spiritualità con la mente. Il problema con questo è che la spiritualità non può essere contenuta dai limiti del pensiero. Una volta che la spiritualità viene catturata in un pensiero, cessa di mantenere la sua vera essenza e diventa invece una credenza o un dogma costrittivo. In altre parole, la spiritualità perde la sua essenza viva e fluida quando viene divisa in compartimenti all’interno della mente.

Pensaci in questo modo: hai mai provato un immenso stupore e meraviglia in presenza di qualcosa di bello e incantevole come un’alba? Il momento in cui smetti di immergerti nella sensazione dell’alba e inizi a fotografarla o descriverla in un messaggio di testo, è il momento in cui non sei più presente con l’alba. Invece, la stai filtrando attraverso i tuoi pensieri o attraverso una lente di qualche tipo. Lo stesso si può dire con la spiritualità.

Più usiamo la mente per avvicinarci alla nostra Anima, più la nostra Anima si allontana. Ma nel momento in cui abbandoniamo i nostri pensieri e permettiamo a noi stessi di sentire con purezza la nostra Anima, improvvisamente ci sentiamo di nuovo a casa. Pensala così: quando insegui il sole all’orizzonte pensando di raggiungerlo, non lo farai mai, perché è un’illusione. Ma quando ti fermi e senti la presenza del sole brillare sulla tua pelle, non inseguirai più nulla.

Diventare consapevoli dei pensieri

È difficile per noi, come esseri orientati alla mente, diventare consapevoli dei nostri pensieri, poiché siamo stati condizionati a identificarci con loro sin dalla giovane età. Ma una volta che possiamo osservare i nostri pensieri e come tendono a sabotare la nostra felicità, sperimenteremo un vero risveglio spirituale.

Di seguito voglio condividere con voi undici delle trappole più comuni in cui cadiamo sul sentiero spirituale. Ho sperimentato personalmente queste insidie ​​molte volte e hanno provocato molto dolore e lotta.

1. La trappola del bypass spirituale

Il bypass spirituale è la pratica di usare la spiritualità per evitare, sopprimere o sfuggire a determinate emozioni o situazioni della vita. I tipi comuni di bypass spirituale includono:

  • intorpidire le proprie emozioni attraverso la repressione e l’evitamento “spiritualizzati”;
  • ossessione malsana e attaccamento al positivo (es. pensiero positivo permanente) e adozione di una maschera “simpatica” passivo-aggressiva;
  • giudizio debilitante sulla propria negatività o sé ombra;
  • rabbia-fobia;
  • confini personali deboli;
  • compassione cieca o eccessivamente tollerante (a scapito di se stessi e dell’altro);
  • tentativi forzati di “uccidere” l’ego e condannandolo come “cattivo / malvagio”;
  • distacco esagerato;
  • rimanere bloccati nella spiritualità teorica e nelle credenze dogmatiche sulla “verità”;
  • Utilizzare spiriti guida, angeli e maestri ascesi come oggetti di devozione anziché di ispirazione;
  • ostentare delusione nell’aver raggiunto un livello più alto dell’essere;
  • usare pratiche spirituali per sfuggire a emozioni spiacevoli; per esempio, usare la meditazione per dissociarsi dalle emozioni, piuttosto che trasmutarle;

2. La trappola della superiorità

Si manifesta come la tendenza a “guardare dall’alto in basso” gli altri che non sono “consapevolmente avanzati” o “risvegliati”. La trappola della superiorità può essere vista come una sottile sensazione di “essere migliori” rispetto ad altri che non sono “spirituali”. In casi più estremi, questa trappola può apparire come la tendenza a scagliarsi contro le persone che sono ancora “addormentate”, “cieche” o “pecore” della società.

Questo tipo di comportamento reattivo può essere visto spesso nelle persone che si sono appena “svegliate” allo stato del mondo, ma hanno subito una crescita spirituale minima. Dobbiamo ricordare che tutti stanno facendo il meglio che possono al loro livello di coscienza. Quando verrà il momento, si sveglieranno anche loro.

3. La trappola di cercare con fervenza di svegliare gli altri

Una volta che ci siamo risvegliati dalla “matrice”, è normale per noi desiderare disperatamente che i nostri cari e i nostri amici si risveglino. Possiamo vedere quanto dolore e delusione provano le altre persone, e questo eccita in noi l’intenso desiderio di “mostrare loro la verità”. Tuttavia, spesso il nostro tentativo di risvegliare con forza le persone fallisce rapidamente. Anche se abbiamo buone intenzioni, il nostro desiderio di “salvare” gli altri li induce gli altri a reagire in modi che fanno infuriare sia loro che noi.

Meno rispondono ai nostri invadenti tentativi di “svegliarli”, più diventiamo frustrati e alienati. Alla fine, cercare di costringere gli altri a svegliarsi finisce per danneggiare sia noi stessi che loro. Non solo, ma questa trappola genera molta rabbia e incomprensioni, che si traducono in un ulteriore intrappolamento dell’ego, sabotando la nostra crescita spirituale. Lascia che le persone si sveglino quando sono pronte.

4. La trappola di voler aiutare gli altri

Questa trappola è strettamente intrecciata con quella precedente, tranne per il fatto che è più orientata a dare consigli a pioggia. Non c’è niente di sbagliato nel voler aiutare gli altri, purché rispetti i loro confini. Ma a volte lo sviluppo di una prospettiva spirituale espansa offre all’ego l’opportunità di sentirsi più “informato” di coloro che sono ancora intrappolati nell’illusione. Quando viene dato un consiglio non richiesto ad altri, i risultati possono essere disastrosi (si pensi alla rabbia, al turbamento, all’offesa ecc.).

Il desiderio di aiutare gli altri può anche essere usato come un modo per sfuggire al nostro bisogno di aiutare noi stessi. Con la scusa di essere “spirituale” e compassionevole, aiutare gli altri può essere solo un’altra forma di bypass spirituale.

5. La trappola di voler rivoluzionare il mondo

Una volta che ci siamo resi conto delle bugie e della corruzione presenti nella nostra attuale struttura sociale, molti di noi vogliono cambiare disperatamente la società. Cadiamo nella trappola di pensare che la libertà, l’onestà e la giustizia possano essere create cambiando il sistema esterno.

Di conseguenza, cadiamo nella mentalità “noi contro loro” e “dividi e conquista” che è un prodotto della visione a tunnel dell’ego. Non ci rendiamo conto che stiamo effettivamente alimentando il sistema corrotto che dipende dalla rabbia e dal caos per prosperare e sopravvivere. Invece di capire che tutto il vero cambiamento proviene da una rivoluzione interiore, rimaniamo coinvolti nel perseguimento di una rivoluzione esterna che è fragile e transitoria.

6. La trappola dell’insensatezza

Una volta che sperimentiamo stati d’essere divini e trascendenti in cui diventiamo Uno col Tutto, possiamo cadere nella trappola del nichilismo spirituale dopo che l’esperienza è passata. In altre parole, una volta che ci rendiamo conto, dal punto di vista dell’Universo, che nulla di ciò che facciamo alla fine ha importanza perché tutto sta passando, possiamo cadere in una mentalità depressiva.

Usando verità come “Tutto è un’illusione”, la persona che cade in questa trappola tende a filtrare la vita attraverso la mente. Aggrappandosi mentalmente a queste verità, esse diventano credenze che l’ego utilizza come scusa per sentirsi paradossalmente separato dall’esistenza.

7. La trappola di evitare le responsabilità quotidiane

Alcune persone si infatuano così tanto del percorso spirituale che evitano di occuparsi degli affari ordinari e quotidiani. Questa forma di evasione può portare a danneggiare gli altri con una forma di egoismo mascherato. Evitare le responsabilità ordinarie che non sono percepite come “abbastanza spirituali” può anche essere una forma di distrazione che l’ego usa per limitare la crescita spirituale. Più sei preoccupato e ossessionato dal vivere una vita apparentemente “spirituale”, più ti allontani dal tuo lavoro interiore. A volte abbiamo bisogno di nutrire gli squali per mantenere la calma e vivere una vita equilibrata.

Ricorda il vecchio detto Zen: “Prima dell’Illuminazione: spacca la legna, porta l’acqua; dopo l’Illuminazione: spacca la legna, porta l’acqua.” Dobbiamo essere umili e riconoscere che la vita quotidiana ordinaria è il luogo perfetto per crescere e maturare spiritualmente.

8. La trappola dell’auto vittimizzazione

Subito dopo che sperimentiamo un risveglio spirituale e ci siamo destati alla follia del mondo, è comune per noi rimanere bloccati nell’auto-vittimizzazione. Potremmo iniziare a percepire il mondo come una “prigione” e altre persone come “prigionieri” o addirittura “carcerieri”. Lo shock del risveglio può farci precipitare nell’ansia e nella paranoia. Inevitabilmente, potremmo iniziare a sentirci come vittime, con il risultato che incolpiamo altre persone e poteri superiori per come ci sentiamo.

La trappola spirituale dell’auto-vittimizzazione può essere vista molto sui social media che spesso tendono a diventare una corrida per i novellini spirituali. Alla fine della giornata, dobbiamo vedere che in realtà sono i nostri pensieri a farci soffrire, non altre persone o situazioni. Una volta che possiamo assumerci la responsabilità di noi stessi per le nostre prospettive e convinzioni, possiamo acquisire nuovamente potere.

9. Il complesso del salvatore

Questa trappola è correlata a quella menzionata in precedenza di voler aiutare gli altri. Il complesso del salvatore è adottato da persone che provano un senso di superiorità rispetto al resto dell’umanità. Il loro senso di essere “diversi” e più “spiritualmente elevati” può farli sentire come se fossero destinati a riparare il mondo.

Il complesso del salvatore può essere visto molto spesso all’interno dei circoli di “operatori di luce / guaritori” che tendono a mettersi su piedistalli, credendo che sia loro dovere cosmico “salvare il pianeta”. Questa percezione si allinea con la convinzione che ci sia qualcosa di “sbagliato” nella realtà e che le altre persone siano “distrutte” e necessitino di essere riparate (che è una prospettiva dell’ego). Questa percezione porta anche a un senso di “esclusività” e importanza personale.

Il complesso del salvatore può fare un ulteriore passo avanti ed evolversi in un complesso del martire. I martiri credono di dover “portare i pesi” degli altri. Ovviamente, questo è un modo di vivere estremamente malsano che si basa sul condizionamento religioso (si pensi alla storia di Gesù). “Trasportando” il dolore degli altri, i Martiri evitano di assumersi la responsabilità della propria felicità e consentono il comportamento immaturo degli altri.

10. La trappola dell’attaccamento

Dopo aver sperimentato esperienze mistiche profonde che spesso vengono dopo una significativa crescita spirituale, è comune per noi attaccarci all’esperienza. Può essere doloroso uscire da queste esperienze e tornare alla realtà normale e non illuminata.

Possiamo anche attaccarci alle nostre “storie” e credenze sulla spiritualità. Poiché la mente cerca di dare un senso a questa esperienza trascendente, spesso si attaccherà a varie idee come forma di controllo. Ma più ci attacchiamo alle nostre convinzioni, storie, desideri e interpretazioni mentali, più soffriamo. Dimentichiamo che tutto passa, anche le esperienze trascendenti. L’illuminazione non è una destinazione, è una resa totale; un cambiamento fondamentale nel modo in cui affrontiamo la vita.

L’attaccamento è forse la trappola più comune che sabota la nostra crescita spirituale. Da un lato, l’attaccamento alle idee ci aiuta a crescere, ma alla fine quelle idee che non siamo disposti a lasciar andare finiscono per far ristagnare la nostra crescita. Quando le idee diventano coperte di protezione piuttosto che catalizzatori per la nostra crescita, c’è un grosso problema. Dobbiamo renderci conto che la libertà non può essere sperimentata attraverso la mente. La libertà si sente quando possiamo essere liberati dall’attaccamento ai nostri pensieri.

11. La trappola di fare affidamento solo su risposte esterne

Leggere libri e ascoltare parole illuminate è fondamentale per una crescita spirituale equilibrata. Purtroppo molte persone si limitano alla lettura e all’ascolto dei loro maestri senza eseguire le tecniche pratiche come la meditazione, il lavoro su se stessi, l’introspezione ecc.

Alla fine, man mano che ci abituiamo a fare affidamento solo sulle parole dei maestri trascurando i “compiti a casa”, dimentichiamo la presenza della nostra stessa anima. Dimentichiamo che la nostra ultima fonte di guida e saggezza viene dall’esperienza diretta del Divino. Un’esperienza che solo la pratica quotidiana delle tecniche ci può dare.

Non dimenticare di cercare anche dentro di te le risposte alle tue domande, perché è solo connettendoti con la tua Anima che alla fine sperimenterai la libertà.

***

Per vedere attraverso e districarci da queste trappole, dobbiamo essere radicalmente onesti con noi stessi. Dobbiamo essere disposti a vedere che ci siamo davvero smarriti e ci siamo nutriti dell’ego. Inoltre, trarremo enormi benefici dall’esplorare il nostro Sé Ombra e dall’esplorazione delle nostre convinzioni tossiche.

Non preoccuparti se sei caduto in una di queste trappole. Siamo tutti intrappolati dall’ego. Può essere particolarmente difficile per noi vedere chiaramente quando l’ego “spiritualizza” certe convinzioni e idee. Più sei aperto, umile e onesto, più sarai in grado di vedere attraverso questi trucchi e liberarti.

Infine, non aver paura del buio. Non aver paura di sbagliare. Tutto, non importa quanto doloroso, è un’opportunità di apprendimento. Alla fine della giornata, la tua anima è tutto ciò che stavi cercando.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Stanchezza dell'anima
Come curare la stanchezza dell’anima

Uno dei problemi più comuni per le persone che sono spiritualmente sveglie, in questa epoca storica, è la stanchezza dell’anima. Se la tua anima è stanca, puoi