fbpx

5 miti da sfatare sul perdono

Perdono
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Molti vivono credendo che il perdono sia un atto primario di santità, l’espressione più elevata della pietà, la summa di tutto ciò che rende una persona degna del “paradiso”.

Per altri il perdono è in qualche modo collegato all’oblio: una specie di pezzuola magica  per pulire la lavagna  della vita e ricominciare da capo. Un modo rapido per cancellare miracolosamente qualsiasi azione che ha generato traumi e rancori in passato.

Altri ancora percepiscono il perdono come un gesto altruista e totalmente disinteressato; una qualità che appartiene solo alle persone più illuminate (come Gesù). Una visione, questa, che proviene in gran parte dai sistemi di credenze consegnatici dalla religione.

Tutte queste concezioni del perdono, non solo sono irrealistiche ma possono diventare fonte di ulteriori frustrazioni quando si cerca di migliorare il proprio benessere interiore.

Il perdono non è uguale alla santità e, sicuramente, non ti rende una persona santa o illuminata.

Vediamo insieme il perché.

Superare il “complesso della brava persona”

Tutti vogliono essere una “brava persona” e questa vaga aspirazione di vita è quasi sempre accompagnata dal desiderio di essere qualcuno in grado di perdonare. Perdonare, per noi, è diventato un prerequisito per diventare esseri umani degni e preziosi.

Dopotutto, solo le persone cattive si rifiutano di perdonare gli altri, giusto? E non vogliamo essere persone cattive. No.

Mettere da parte questa logica può essere molto difficile. Soprattutto se hai sempre cercato di essere la persona “buona” e “responsabile” che obbediva a ciò che era “giusto” sia agli occhi di genitori religiosi che al cospetto di Dio. Inevitabilmente, gran parte dell’essere una “brava persona”, per la dottrina religiosa, riguarda il perdono. Ti viene detto che devi cercare di dimenticare i comportamenti manipolatori, offensivi e aggressivi degli altri che si diffondono come veleno.

In fondo tutto questo ci porta a credere che il perdono sia come una bacchetta magica che per rendere tutto migliore. Inconsciamente molti di noi la vedono effettivamente così.

Quante volte, ad esempio, hai pensato: “Se perdono, mi sentirò meglio e tutto il dolore andrà via”? Se sei come la maggior parte delle persone, probabilmente l’hai pensato più di una volta nella tua vita.

E così, come tanti, potresti aver provato e riprovato a perdonare. Potresti aver pensato “Sì! Ho perdonato quella persona “, ma ti sei ritrovato a covare rancore segretamente nel profondo. Potresti anche aver pensato che perdonare qualcuno nella tua vita l’avrebbe aiutato a guarire ma, in seguito, lo hai trovato invariato e altrettanto infelice.

La verità è che ci portiamo dietro incomprensioni così profonde e ideali contorti di perdono che non ci sentiamo mai veramente a posto e non troviamo mai autenticamente una chiusura del cerchio.

Il perdono non è un dovere

Così il perdono diventa una casella da spuntare in una lista di controllo. Ma la realtà è che il perdono non ha niente a che vedere con ciò che ci è stato insegnato. E il perdono non ha davvero nulla a che fare con l’essere “brave persone”.

I 5 miti sul perdono

Mi ci è voluto molto tempo per codificare una linea guida realistica e costruttiva sul perdono. Per certi versi, il lavoro svolto in questa direzione mi ha permesso di forgiare uno strumento in più a disposizione dei miei Clienti,  per risvegliarsi di più alla Realtà.

Ci portiamo tutti dietro gravi ferite che necessitano del balsamo del perdono per guarire. Per molti, ad esempio, la ferita personale principale comporta il senso di abbandono  dovuto al soffocante isolamento sperimentato vivendo in una famiglia anaffettiva ed emotivamente fragile. Gran parte del viaggio, in questo caso, consiste nell’imparare a perdonare i propri genitori e nel trovare l’amore e l’accettazione genuini all’interno di se stessi.

Per altri, il viaggio potrebbe essere diverso. Forse nel tuo caso hai a che fare con problemi di abuso fisico, di divorzio, malattie, tragedie o qualsiasi numero di altri traumi che potrebbero essere rimasti con te per molto tempo.

Qualunque cosa tu stia affrontando, sappi che il perdono può davvero renderti libero. Ma prima devi sfidare i molti miti sul perdono che col tempo si sono radicati nel tuo sistema di credenze personali.

Mito 1: il perdono è un atto altruistico.
Realtà: il perdono è un atto di egoismo.

È facile per molti di noi lasciarci prendere dall’idea romantica che perdonare significhi essere dei santi, ma non è così. Il vero perdono è un atto di auto- liberazione; si tratta di liberarti dall’amarezza, dalla vergogna e dal rimpianto a cui ti sei aggrappato per così tanto tempo e trovare la vera libertà.

La vera libertà significa che non ti aggrappi più al tuo vittimismo, ai tuoi sentimenti oscuri o ai tuoi pensieri rancorosi. Accetti invece la realtà di ciò che è accaduto, sapendo che non ha senso resistere a qualcosa che è avvenuto in passato.

Mito 2: il perdono riguarda l’oblio.
Realtà: il perdono consiste nell’usare il dolore per diventare più saggio.

Dimenticare le ingiustizie e gli abusi commessi contro di noi è completamente irrealistico. Dopotutto, il perdono non è una bacchetta magica che provoca amnesia! Ma il perdono consiste nel riflettere su ciò che ti è successo e nell’usare l’esperienza per navigare nella vita con ancora più saggezza e intelligenza.

Che senso ha cercare di perdonare e dimenticare quello che ti ha fatto il tuo partner se puoi usare l’esperienza vissuta per fare una scelta più saggia in futuro (prevenendo una potenziale ripetizione)? Molte persone fingono di dimenticare cosa è successo loro con il pretesto del “perdono” quando in realtà questa è una forma classica e pericolosa di evitamento. Non usare il dolore per evitare o reprimere la tua realtà: il dolore è lì anche per insegnarti qualcosa, quindi usalo!

Mito 3: perdonare significa giustificare i comportamenti delle persone cattive.
Realtà: il perdono riguarda la comprensione empatica di coloro che ti hanno fatto un torto.

“Sì! È una persona cattiva … ma la perdonerò. ” Quante volte hai sentito questo tipo di commento scivolare nelle conversazioni o nei dialoghi nella tua mente? La verità è che a volte il perdono può essere usato come una forma di giustificazione ipocrita. “Sono una brava persona, quindi perdono le persone cattive.” In realtà, le persone non sono così bianche e nere come vorremmo farle apparire.

Ogni comportamento che causa dolore agli altri è a sua volta un prodotto del dolore. Ricordati che i coniugi traditori provano dolore. I padri violenti provano dolore. Gli stupratori pervertiti provano dolore. Il dolore è ciò che stimola tutta la scortesia del mondo, e tutto ciò che di brutto ti è successo è il risultato di altre persone che cercano di alleviare il loro dolore in modi disfunzionali. Una volta che guardiamo oltre il guscio esterno del comportamento di una persona e nel profondo del perché fa quello che fa, possiamo vedere il suo dolore. Possiamo imparare ad avere compassione di loro o, almeno, a capire perché sono così. Solo allora possiamo perdonare veramente.

Mito 4: il perdono riguarda la comprensione di ciò che è accaduto in passato.
Realtà: il perdono riguarda la comprensione che è il dolore a spingere le persone a comportarsi in modo illogico.

Potresti non essere sempre in grado di capire perché qualcuno ha fatto quello che ha fatto. Ma non ne hai bisogno. Puoi passare la vita a pensare e ripensare e rivivere quello che è successo, cercando di mettere insieme un puzzle frammentato, ma la verità è semplice. Il dolore spinge le persone a comportarsi in modo illogico. Il dolore spinge le persone a correre rischi pericolosi, il dolore spinge le persone ad auto-sabotare le loro vite, il dolore spinge le persone a suicidarsi. Non hai bisogno di capire per perdonare. Devi solo capire che la natura del dolore è imprevedibile.

Mito 5: perdonare significa guarire le persone dal loro dolore.
Realtà: perdonare significa disconnettersi da ciò che una persona ti ha fatto. Non spetta a te dare pace a un’altra persona, solo loro possono trovarla.

Ti potrebbe essere stato chiesto per tutta la vita: “Mi perdoni?” forse da un amico, collega, bambino, amante o familiare. In risposta avresti potuto dire: “Sì, ti perdono” supponendo che questo avrebbe migliorato tutto … finché la situazione non si è ripetuta ancora e ancora.

Perdonare noi stessi è così difficile perché siamo cresciuti fin dall’infanzia con una percezione costante di disprezzo per noi stessi . Ci viene insegnato che siamo peccatori, non siamo abbastanza intelligenti, dobbiamo essere più carini, dobbiamo essere più popolari – e in generale, dobbiamo trovare la nostra autostima e il perdono al di fuori di noi stessi sotto forma di amici, figure autorevoli, o un essere supremo.

Non c’è da meravigliarsi se chiediamo costantemente agli altri –  e altre persone ci chiedono costantemente –  perdono. La verità è che non sei un santo e perdonare qualcuno non migliorerà le loro vite. Solo loro possono migliorare le loro vite e scegliere di perdonare se stessi. Lo stesso vale per te.

***

Il perdono non ti santifica, ma ti rende un essere più risvegliato, evoluto e amorevole.

Se stai lottando per perdonare qualcuno, tieni a mente i miti che infangano le acque pure del perdono e presto sarai in grado di lavarti dai comportamenti cattivi degli altri.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: