fbpx

In che modo il condizionamento emotivo negativo porta alla bassa autostima

Autostima condizionamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Spesso ci si sente frustrati quando si ha a che fare con amici o parenti che soffrono di bassa autostima. Vorresti cercare di incoraggiarli. Ti piacerebbe tentare di convincerli che sono buoni e validi come tutti gli altri. Che sono amabili, intelligenti, attraenti e degni di successo e rispetto. E sai una cosa?

Spesso sarebbero d’accordo con te! Chi soffre di bassa autostima sa che in un certo senso non è peggio di tutti gli altri o più brutto o più stupido o meno amabile, ma si sente comunque come se lo fosse. Chiaramente il problema della bassa autostima non è guidato dai pensieri ma da qualcosa di più profondo. Qualcosa di più forte.

In questo articolo esamineremo cos’è quel qualcosa e ti fornirò 10 esempi di casi di studio di come determina una bassa autostima.

Non solo pensare ma sentire

Non solo pensare, ma sentire con ogni fibra del tuo essere che sei stupido, brutto, inferiore o “sbagliato”, prosciuga il tuo potenziale e trasforma la vita in un’eco debole, lugubre e distorta di ciò che potrebbe essere.

Non importa quanto provi a pensare positivamente, nel profondo senti in qualche modo di aver torto perché sono i tuoi sentimenti che te lo dicono.

Quindi cosa possiamo fare al riguardo?

Lavorare con la parte più profonda del tuo essere

Si pensava, e molti lo sostengono ancora, che per cambiare l’infelicità, la paura o il disprezzo di sé bastasse cambiare i pensieri. Ma il problema con questo approccio è che sono le emozioni a produrre i pensieri piuttosto che essere causate da essi. Ci sentiamo in un certo modo, quindi creiamo, attraverso i pensieri, una spiegazione al motivo per cui ci sentiamo in quel modo.

Questo non vuol dire che lavorare sulle distorsioni cognitive non ti aiuterà, perché certamente può. Ma concentrarsi solo su questo può spesso sembrare superficiale perché i sentimenti tortuosi e forti risiedono sia nelle strutture cerebrali più profonde e più antiche che nella memoria procedurale del corpo (teoria polivagale).

Il nostro condizionamento emotivo agisce su di noi anche dopo decenni.

Condizionamento emotivo: non solo appannaggio dei culti estremisti

Sappiamo tutti che il condizionamento emotivo può essere utilizzato per scopi estremi e politici, come la formazione di sette o per manipolare l’opinione pubblica. E lo stesso processo, più sottilmente, porta alla bassa autostima.

Le credenze agiscono, a volte inconsciamente, come ipotesi su come funziona il mondo. Mescola una forte emozione con un’idea e il prodotto che ne risulta è una convinzione.

Idea + Emozione = Credenza

E questo perché l’emozione tende a superare la logica in termini di potenza e priorità. Deve, perché l’emozione, fondamentalmente, ha a che fare con la sopravvivenza.

Questo è comune a tutti gli animali, ma senza l’aspetto cognitivo. Ad esempio, un cane può essere trattato male e quindi condizionato a temere gli umani. Ma in questo caso non genererà credenze da quel condizionamento.

Il cane non rimuginerà su ciò che gli è accaduto e quindi produrrà un comportamento istintivo come di un cane che non è amabile o che è peggio di tutti gli altri cani. Non ha quel livello di funzione cerebrale che possediamo noi umani. Ma le persone creano continuamente razionalizzazioni per i loro condizionamenti emotivi.

Quindi, cercare di lavorare sulla fede senza intervenire sul condizionamento emotivo può essere simile a riorganizzare i mobili su una nave che è bucata sotto la linea di galleggiamento.

Una persona può razionalmente concordare di non essere l’individuo peggiore al mondo, pur sentendo che lo è assolutamente. E il suo accordo razionale non farà alcuna differenza per quella sensazione.

Quando si tratta la bassa autostima, è necessario approfondire. È necessario intervenire sul condizionamento emotivo che sta guidando i sentimenti di inutilità e di odio verso se stessi.

E c’è un’altra parte vitale della credenza che dobbiamo capire.

Non è solo quello che le parole affermano

È fin troppo facile presumere che la convinzione di una persona sia semplicemente ciò che dice di credere. In realtà noi riveliamo le nostre vere convinzioni attraverso le nostre azioni. Se qualcuno ti dice che crede nella carità ma poi si comporta in modo opposto, la sua vera fede si rivela nel suo comportamento. Perché chiunque può dire qualsiasi cosa per qualsiasi motivo voglia (anche se non ne è razionalmente a conoscenza!).

Tutti coloro che sono affetti da bassa autostima sono perfettamente d’accordo nel credere che “dovrebbero” essere positivi, ma poi agiscono in modi che sono tutt’altro che positivi. Molti sono convinti e credono di essere gentili con se stessi, ma poi le loro azioni rivelano un atteggiamento a dir poco dispotico verso se stessi.

Quindi diamo un’occhiata a dieci esempi di clienti con bassa autostima e il condizionamento emotivo che ha prodotto il malessere:

1) Bassa autostima causata da problemi scolastici

Arianna è una donna gentile, rispettabile e premurosa. Da bambina, però, si sentiva sempre al secondo posto rispetto alle sue due sorelle maggiori. Entrambe le sorelle erano brillanti negli studi e i genitori erano ovviamente orgogliosi dei loro successi. Una è diventata un avvocato di successo e l’altra ha aperto una farmacia.

Arianna, d’altra parte, è più portata per il lavoro manuale e ha trovato difficile la scuola. I suoi genitori l’hanno sempre incoraggiata, ma lei si sentiva delusa dalla sua mancanza di successo scolastico.

Da adulta, Arianna ha lavorato duramente e alla fine si è laureata in veterinaria. È molto rispettata e i suoi clienti le danno un ottimo feedback. Ma si sente costantemente come se “non fosse la persona giusta”. Dice che si sente come un impostore e si chiede costantemente se merita di fare ciò che fa. È imbarazzata nel promuovere la sua attività e non riesce a credere che qualcuno possa davvero apprezzare lei o il suo lavoro. Ogni giorno le sembra una finzione, come se indossasse una maschera e semplicemente recitasse un ruolo senza possederlo veramente.

Arianna è d’accordo di essere qualificata e che i suoi clienti dicono che è brava in quello che fa. Sa che dovrebbe essere positiva, ma non riesce davvero a provare niente di tutto questo.

Il condizionamento emotivo di Arianna da bambina si riflette sui suoi sentimenti nei confronti di se stessa e sui suoi successi da adulta. In questo caso, il condizionamento emotivo è avvenuto lentamente, come un effetto ‘gocciolamento’ delle circostanze della sua vita.

2) Sentirsi non amabili dopo l’abbandono dei genitori

Viola amava profondamente suo padre. Quando lei aveva 5 anni il padre ha lasciato la famiglia. Ricorda ancora tristemente di averlo visto allontanarsi con le sue valigie per la strada. Sua madre lo aveva cacciato perché era alcolizzato.

Sulla quarantina, Viola dice in lacrime che si sente “non amabile”. Ha interrotto una serie di relazioni promettenti non appena ha sentito che si stava avvicinando a questi uomini. Dice di conoscere perfettamente le cause della sua paura di amare, ma che conoscerne le ragioni non cambia le emozioni di panico che prova quando sente di piacere a qualcuno. Dice che quando la relazione inizia ad approfondirsi, lei si sente impotente e senza speranza.

Il condizionamento emotivo di Viola si è verificato vedendo il suo amato ma caotico padre lasciare la casa di famiglia. Lo aveva amato profondamente, ma lui morì poco dopo. Ora sente che le relazioni amorose devono essere destinate a “morire”.

3) L’autocritica appresa da bambini

Claudio è sempre stato di corporatura esile anche da bambino. I suoi genitori erano estremamente protettivi con lui perché era così timido e insicuro a causa del suo aspetto fisico. A scuola veniva spesso deriso dagli altri bambini. Gli appioppavano nomignoli e ricorda persino che alcuni insegnanti sembravano trovarlo divertente. È stato anche, a volte, vittima di bullismo fisico da parte di altri bambini.

Nonostante questo Claudio è diventato un imprenditore di successo. È felicemente sposato, ma sua moglie e gli altri notano come si sminuisca continuamente e sembri sempre autocritico. Si sente pessimista come se stesse continuamente per “perdere tutto” nonostante abbia fatto un sacco di soldi e abbia una moglie amorevole e buoni amici.

Dice che pensa di sminuire se stesso come un modo per prevenire che altre persone gli facciano del male. Se lo fa per primo, forse gli altri non lo faranno. È ancora ossessionato dai ricordi di essere stato vittima di bullismo a scuola, di essere il “ragazzo strano”. Nonostante sia intellettualmente capace, non riesce a trovare una via d’uscita dai suoi sentimenti di inadeguatezza e inferiorità.

Il condizionamento emotivo di Claudio è scaturito da una risposta di sopravvivenza che era servita al suo scopo durante l’infanzia ma che ora causa più problemi che benefici. Umiliarsi prima che lo facciano gli altri è come un cane che si rotola sulla schiena per mostrare che non è minaccioso.

Una strategia nata dalla paura, che comunque ha avuto un’utilità limitata, ora rende la vita più difficile del necessario. La paura di perdere tutto è, dice Claudio, molto simile alla sensazione di aspettare di essere vittima di bullismo.

4) Mancanza di amore che porta al disprezzo di sé

Katia è sempre stata la crocerossina in ogni relazione. Ha continuamente messo i propri bisogni all’ultimo posto o, più precisamente, da nessuna parte. Trascura il proprio aspetto e odia spendere soldi per se stessa perché non sente che “ne vale la pena”.

Durante l’infanzia, sua madre era una narcisista crudele che non aveva alcun interesse apparente per Katia se non per vantarsi di qualsiasi cosa fosse riuscita a ottenere. Il padre di Katia è morto quando lei aveva nove anni. Quando Katia aveva diciannove anni, sua madre si ammalò e Katia dovette prendersene cura in toto. Ha fratelli molto più grandi, ma avevano lasciato casa da tempo.

Katia si prendeva cura esclusivamente di sua madre, cosa che le impediva di sviluppare la propria vita. Sua madre morì quando lei aveva trentatré anni e visse nella stessa casa finché non dovette venderla perché sua madre non aveva lasciato testamento. Aveva passato la vita a prendersi cura di sua madre, il cui egocentrismo precludeva qualsiasi considerazione dei bisogni di Katia.

Sa di trascurarsi e di isolarsi. Sa a malapena come chiedere aiuto. Sente di aver sprecato la sua vita e non sa come iniziare a vivere. Capisce di non essere stupida o brutta “da un punto di vista oggettivo”, ma Katia si sente una nullità ogni volta che è con altre persone.

Il condizionamento emotivo di Katia proveniva dall’elevata “temperatura emotiva” che sua madre manteneva sempre mentre Katia cresceva. L’istrionismo, gli attacchi di rabbia e di intolleranza e il broncio hanno plasmato il condizionamento emotivo di Katia. Niente ha mai riguardato il suo benessere, quindi è arrivata a sentirsi niente.

5) Insicurezza relazionale causata dall’essere lasciati

Davide è estremamente insicuro. La sua prima moglie, che “amava immensamente”, lo ha lasciato di punto in bianco e dice che è sempre stato visto come “seconda scelta” dalle donne, anche quando andava all’università.

Ora è in una nuova relazione che sta andando bene. Ma più la relazione si approfondisce più lui diventa insicuro, geloso e pessimista sulle prospettive future. Quando passeggia con la sua compagna, ogni uomo che vede per strada sembra un’occasione migliore di lui per la sua donna, almeno nella mente di Davide.

Non riesce proprio a capire perché questa donna possa voler stare con lui. Ha iniziato a dirle questo e cerca costantemente rassicurazione. Dice che sa di essere irrazionale e bisognoso e sente che questo ha a che fare con la sua prima moglie, ma si sente impotente a cambiare.

Davide ha subito un grave shock emotivo quando la sua amata moglie lo ha lasciato. Gli shock emotivi fungono da potenti elementi condizionanti che inducono la mente a generalizzare su tutto ciò che viene dopo. Davide ha anche la convinzione che le donne lo vedano come un “perdente”. Ha detto che si sentiva così prima di sposarsi, quindi è necessario considerare altri condizionamenti emotivi. È chiaro che queste convinzioni derivano dal dolore emotivo.

6) Bassa autostima da abuso sessuale

Giulia è stata abusata sessualmente da adolescente per un periodo di tre anni. Sente che da adulta non può essere intima con nessuno perché è “danneggiata” e non vorrebbe “infliggere tutto il suo bagaglio di sofferenza” a nessun altro.

A volte, quando incontra nuove persone, sente che devono sapere cosa le è successo. Si sente come se potessero vedere attraverso di lei e dovessero in qualche modo vedere la vergogna che prova.

La sua sensazione di “impurità” le ha impedito di cercare lavoro, di essere disposta a incontrare un partner o persino di possedere un animale domestico!

Si considera sporca e poco più che un oggetto “usato”. Nessuno di questi, dice, erano pensieri reali fino a quando non li verbalizzava, erano “solo sentimenti sotto la superficie” della sua mente.

Giulia era emotivamente condizionata dalla paura e dal terrore che provava quando temeva e veniva effettivamente aggredita sessualmente.

Era condizionata a sentirsi solo un “pezzo di carne” da usare e abusare, non una persona a sé stante con bisogni propri. Ha imparato l’impotenza e sente di avere poco potere in situazioni in cui potrebbe effettivamente esercitare un’influenza molto maggiore.

7) Messaggi dei genitori che portano a difficoltà adulte

Carla è una terapista che pratica da 7 anni. Ha avuto molte possibilità di promuovere la sua attività, ma quando arriva il momento scopre che non ci riesce. Ha avuto l’opportunità di parlare di quello che fa in una struttura locale, ma ha rifiutato. Detesta distribuire volantini o parlare di ciò che fa quando gli sconosciuti le chiedono informazioni. Ha l’impressione di “vantarsi” o di fingere di essere qualcosa che non è.

A Carla non piace nemmeno promuoversi online. Ha avuto un consulto e dice che è abbastanza chiaro da dove provenga il suo problema. Suo padre aveva una personalità forte e aveva sempre detto a lei e a suo fratello di non mettersi mai in mostra, di non pensare mai di essere migliori degli altri. Suo padre era sembrato geloso e persino amareggiato ogni volta che Carla riportava un successo a scuola o nello sport che praticava.

Anche se suo padre è morto da molti anni, Carla si sente ancora come se non dovesse “mettersi in mostra” o che avere successo sia in qualche modo sleale nei suoi confronti. Ha una buona intuizione, ma i sentimenti persistono.

Carla è stata condizionata dalle ripetute emozioni di vergogna e senso di colpa nel sentire che qualsiasi autopromozione è un atto presuntuoso e un mettersi in mostra. È stata molto sminuita da bambina ed emotivamente ha confuso il successo con la presunzione.

8) Stato di vittima causato da trauma e bullismo

Luisa è incline a terribili sensi di colpa. Si sente in colpa ogni volta che pensa di chiedere qualcosa. Si sente inadeguata e inferiore a “quasi tutti”. È stata vittima di bullismo da bambina ed è stata vittima di mobbing e manipolata da adulta. Di recente è uscita da una relazione molto violenta e sente che la sua autostima è al minimo.

Dice che quando aveva sei anni ha scoperto che sua madre faceva sesso con uno sconosciuto. Suo padre non l’ha mai saputo e la madre di Luisa ha fatto un’enorme pressione emotiva sulla figlia per non parlarne mai a suo padre, cosa che non ha mai fatto. Entrambi i suoi genitori ora sono morti, ma lei sembra non riuscire a scrollarsi di dosso questa sensazione di vergogna e colpa anche se l’ha razionalizzata più e più volte.

Il condizionamento emotivo di Luisa deriva dalla confusione, dal senso di colpa e dalla paura di dover “non avere voce”, come dice lei, quando le viene detto che non deve dire una parola sull’infedeltà di sua madre.

9) Difficoltà a prendere decisioni a causa delle critiche ricevute nell’infanzia

Il padre e la madre di Lorenzo erano professori universitari. Per quanto possa ricordare, in qualche modo lo incoraggiavano, ma sembravano sempre trovare difetti ogni volta che lui esprimeva un’opinione. Ha trovato la sua vita adulta piena di decisioni che non poteva prendere da solo.

“Mi sento come se dovessi chiedere il permesso per tutto !” si lamenta. Dice che semplicemente non può fidarsi della propria opinione o sente che se prende una decisione deve essere sbagliata. È stato manipolato e gli si è mentito nelle relazioni. A livello razionale sa che la sua indecisione è l’eco dell’atteggiamento dei suoi genitori. Ma allo stesso tempo sente di non essere in grado di superare questo problema solo con la ragione.

Lorenzo è stato condizionato emotivamente a sentire che se è la sua decisione deve essere la decisione sbagliata. Ora sente che è troppo rischioso fidarsi del proprio giudizio. Il suo attuale dubbio su se stesso deriva dall’essersi sentito ripetutamente imbarazzato o semplicemente “sbagliato” ogni volta che cercava di mettere in pratica le proprie idee.

10) Scarsa immagine di sé dai primi confronti negativi

Giusy è una donna attraente sulla trentina. Tuttavia, trova difficile guardarsi allo specchio. Se le viene mai fatto un complimento, sente che chi fa i complimenti sta cercando di ingannarla in qualche modo, forse nel tentativo di ottenere qualcosa da lei.

Da ragazza, Giusy non si è mai sentita attraente come la sua migliore amica che è diventata una reginetta di bellezza locale. Era innamorata nella sua adolescenza, ma il ragazzo con cui stava l’ha abbandonata per andare con questa sua amica. Giusy non pensa che il ricordo di quel periodo la colpisca ancora, ma crolla e piange:

” So di non essere brutta ma sento che lo sono!”

La convinzione di Giusy di essere brutta è chiaramente condizionata emotivamente. A un livello non ci crede, ma a un livello profondo lo fa. Sembra che il grave shock del tradimento sia stato in parte l’agente che ha attivato il suo attuale disgusto per il suo stesso aspetto. Il suo senso di bruttezza esteriore si è diffuso nel suo insieme e si sente “cattiva” in tutti i sensi.

Affrontare la bassa autostima alla sua fonte

Mi ha turbato per anni il fatto che il modo in cui le terapie convenzionali cercano di trattare la bassa autostima sia così semplicistico che può lasciare coloro che ne soffrono ancora meno compresi e più isolati, non importa quanto bene intenzionati possano essere stati il ​​terapeuta, l’educatore o il genitore .

Se il condizionamento emotivo è potente (come con gli esempi che ho dato qui) allora occorre utilizzare tecniche che possono aiutare a guarire gli effetti più profondi di quel condizionamento. Il semplice tentativo di fare appello alla razionalità spesso non sarà efficace.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: