fbpx

Che cos’è il sesso spirituale?

E se invece di essere un ostacolo, il sesso fosse un percorso verso una vita spirituale?

A coloro che sono cresciuti con un background religioso è stato spesso insegnato che la sessualità e la spiritualità sono forze opposte, che non si può essere virtuosi se si fa sesso perché il sesso è un “peccato” o è “poco spirituale”.

Prima delle ideologie dogmatiche, la sessualità è stata rispettata per migliaia di anni come espressione sacra della forza vitale della natura e del mistero della creazione. Anche se in passato ho scritto del valore della trasmutazione sessuale o dell’astinenza sessuale, in questo articolo voglio chiarire che il sesso può anche funzionare come catalizzatore per coltivare il benessere spirituale.

Per condurre una vita spirituale devi abbracciare e rispettare la tua sessualità come qualsiasi altra parte della tua natura. Sebbene il sesso sia stato collegato a molte idee sporche e “perverse”, l’atto di fare l’amore può davvero essere qualcosa di sacro e profondo.

Come affrontare il senso di colpa e la vergogna sessuale

La sessualità è un argomento tabù nella nostra società perché è una di quelle forze primarie che, consciamente o inconsciamente, ci sentiamo impotenti nel controllare. Nel profondo, sentiamo che è collegata a quella sconosciuta fonte universale di energia da cui proveniamo e in cui continuiamo a esistere.

Il sentimento di vergogna è uno dei maggiori ostacoli che la maggior parte di noi incontra nell’imparare ad abbracciare la propria sessualità. In una cultura che ci ha contagiato con le nozioni di virtù e vergogna, in cui la scena di un omicidio in televisione è più “adatta allo spettatore” di una scena d’amore, in cui un tempo si pensava che le donne fossero incapaci di provare un orgasmo, diventa evidente quanto sia difficile accettare e riconoscere apertamente questa forza vitale che esiste dentro di noi.

La vergogna è un’emozione che ci viene insegnata dalle nostre famiglie e comunità. Fin da piccoli ci viene insegnato ciò per cui “dovremmo o non dovremmo sentirci in colpa” e di conseguenza sviluppiamo la capacità di provare senso di colpa. Attraverso il senso di colpa iniziamo a rifiutare gli aspetti sacri di noi stessi e a reprimerli nel profondo del nostro Sé Ombra: i nostri desideri sessuali, le nostre particolarità, le nostre attrazioni e le nostre fantasie.

Ho persino visto alcune persone negare la propria sessualità, liquidandola come un “istinto/vibrazione fisica inferiore” o sostenendo di “elevarsi al di sopra di essa”, come se ci fosse una divisione tra i desideri fisici “inferiori” e le funzioni spirituali “superiori” quando siamo alla ricerca della completezza. Il sesso costituisce le note di base della melodia musicale del tuo Spirito.

Naturalmente, non sei solo un essere sessuale: la tua sessualità non ti definisce, ma è una parte di te. Ma è negandola come parte di te che crei dei blocchi di energia all’interno del tuo corpo che perpetuano la frammentazione della tua anima, mantenendoti incompleto e limitato invece che espanso e integro.

Ironia della sorte, è l’orgasmo sessuale a darci un assaggio dell’espansione dell’anima, a trascendere il nostro io limitato e a sentirci senza confini per la prima volta nella nostra vita (anche se solo per un attimo).

Sesso spirituale: 3 tipi di unione divina

A molti di noi non è stato insegnato che il sesso è in realtà un potente strumento di sviluppo trascendentale. In realtà, il sesso spirituale è il modo più semplice e veloce per avere qualcosa che assomiglia a un’esperienza mistica.

L’aspetto più importante dell’energia sessuale è che è uno dei pochi istinti dentro di noi che raramente può essere completamente “civilizzato”. Se sei stanco a casa dopo il lavoro e un amico ti propone di uscire a vedere un film, potresti rifiutare l’offerta. Ma se invece dovessi incontrare una persona attraente che si mette a tua disposizione, questo susciterebbe in te un’energia profonda di cui non conoscevi l’esistenza.

Qualsiasi tipo di esperienza estatica, come il sesso, è un punto di partenza ideale per iniziare a coltivare momenti spirituali di “non-mente” e portarli naturalmente nella nostra vita quotidiana. Secondo la mia esperienza, ci sono tre tipi principali di sesso da cui puoi trarre beneficio:

1. L’unione istintiva

La maggior parte delle prime esperienze sessuali con i partner rientra in questo tipo di unione. Quando ci rendiamo vulnerabili, intimi, esposti e “lavoriamo” per raggiungere quel momento di piacere reciproco, la nostra consapevolezza diventa più forte grazie alla novità di esplorare il corpo dell’altra persona.

Questa unione non è tanto una consapevolezza cosciente quanto una consapevolezza vigile che prende istintivamente il sopravvento. Le nostre sensazioni di vulnerabilità ed eccitazione fanno sì che il nostro meccanismo naturale di adrenalina stimoli la vigilanza, rendendo l’esperienza molto più primordiale che spirituale. Questo tipo di sesso crea dipendenza perché la novità di cercare nuovi partner sessuali ci ricompensa con quel momentaneo stato di coscienza “divina”.

2. L’unione consapevole

È tipico però che, man mano che il nostro senso di vulnerabilità e di stimolazione si affievolisce, si affievolisca anche il nostro desiderio di fare l’amore del primo tipo.

Nell’Unione Consapevole impariamo a coltivare una forma più equilibrata di sesso spirituale, che crea armonia tra il lato animale e sensuale della nostra sessualità. Nell’Unione Consapevole ascoltiamo i nostri desideri sessuali, esploriamo i nostri corpi e quelli dei nostri amanti, costruiamo un’intimità più profonda attraverso lo sguardo, ci accarezziamo sensualmente e seguiamo le nostre forme più profonde di espressione sessuale. Queste generano spesso intensi sentimenti di unione e amore che ci portano brevemente al di là del nostro senso di sé.

È attraverso questa pratica di unione consapevole che possiamo raggiungere lo stadio successivo dell’unione dell’anima.

3. L’unione animica

Nelle scritture tantriche c’è un bellissimo termine noto come “Maithuna”, che letteralmente si traduce in “unione sessuale”. Il Maithuna è uno degli insegnamenti più importanti del Tantra, in quanto utilizza l'”intensità sessuale” consapevole come una scala che sale verso altezze maggiori di intensità, concentrandosi sull’illuminazione dell’anima piuttosto che sul solo piacere sessuale fisico.

L’impulso sessuale trae la sua forza dal corpo e dalle emozioni e da solo non è abbastanza potente per elevarci a nuovi livelli di consapevolezza. È il sesso tantrico che ci aiuta a sperimentare una vera unione sessuale dell’anima, aiutandoci a incarnare la nostra anima. Questo tipo di sesso può essere descritto solo come una sensazione di pura beatitudine, calore e fusione di identità (o morte dell’ego) senza limiti, soprattutto durante l’orgasmo.

Se vuoi sperimentare l’Unione dell’Anima attraverso il sesso spirituale, ecco alcuni consigli:

  • Rimani celibe il più a lungo possibile. Questo aumenterà la tua energia sessuale in modo che tu possa imparare a canalizzarla. Potresti avvertire una sensazione di formicolio nella parte bassa della schiena: si tratta dell’energia kundalini che ti aiuta a sperimentare l’unione.
  • Metti da parte del tempo da dedicare solo al tuo partner. Crea uno spazio sensuale con candele, musica soft, accappatoi di seta, profumi afrodisiaci e così via.
  • Siediti di fronte all’altro e muovi leggermente le mani sul corpo del tuo partner. Lascia che le tue morbide carezze formicolino nel suo corpo, ma non permettere che le tue mani passino sulle sue zone erogene (capezzoli, pene, ecc.), ma solo vicino ad esse. Prolunga questo stato di eccitazione per tutto il tempo che desideri.
  • Siediti in grembo all’altro e respira in sincronia con l’altro. Questo permette a entrambi di armonizzarsi consapevolmente.
  • Mantieni il contatto visivo durante il rapporto. Assistere all’atto di fare l’amore ti permette di rimanere presente e di vedere qualcosa di immensamente bello.

Il sesso spirituale ci rimette in contatto con il nostro centro

L’energia sessuale è il ponte che ci riporta alla nostra Fonte; è la nostra connessione con la forza vitale. I benefici fisici, emotivi e mentali di una sana vita sessuale sono ben documentati e non possono essere negati. Chiunque cerchi di farti vergognare del sesso è un nemico della tua crescita spirituale.

Mi è capitato di incontrare tante coppie che hanno la sensazione che manchi qualcosa nella loro vita sessuale, facendola sembrare noiosa e senza scopo. Dobbiamo riportare la nostra vita spirituale nella nostra vita sessuale e godere di una comunione d’amore non solo con il nostro partner, ma con l’esistenza stessa.

Il sesso che rimane puro sesso diventa una distrazione e alla fine fa ristagnare la tua crescita spirituale. Ma quando il sesso diventa un’opportunità per tornare alla Sorgente e diventa una porta di trasformazione verso stati di consapevolezza più elevati, acquista uno scopo completamente nuovo.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Sesso spirituale
Che cos’è il sesso spirituale?

E se invece di essere un ostacolo, il sesso fosse un percorso verso una vita spirituale? A coloro che sono cresciuti con un background religioso