fbpx
Ipnosi regressiva vantaggi e benefici

Quanto conosci l’ipnosi?

Metti alla prova il tuo livello di conoscenza dell'ipnosi con questo simpatico quiz 🙂


Domanda 1 di 12.

Chi ha inventato l'ipnosi?

1. Anton Mesmer
2. Nessuno
3. Giucas Casella

Non l'ha inventata nessuno!

L'ipnosi è una funzione naturale della mente e non un'invenzione di una persona specifica, pertanto nasce con il genere umano.

Domanda 2 di 12.

Quale di queste frasi definisce meglio l'ipnosi?

1. Una forma di comunicazione interiore
2. Una tecnica per sostituire la propria volontà con quella dell'ipnotista
3. Uno stato di coscienza simile al sonno profondo

E' una forma di comunicazione con l'inconscio

L'idea molto diffusa nell'immaginario collettivo dove le persone, con l'ipnosi, cadono in una specie di sonno profondo o vengono private della loro volontà appartiene più alla fantasia cinematografica che alla realtà. Tale idea si è radicata a causa della spettacolarizzazione dell'ipnosi iniziata alla fine del XIX secolo che ha impreso un'immagine completamente distorta di questa tecnica.

Domanda 3 di 12.

Una persona in ipnosi ha il pieno controllo delle proprie azioni?

1. Vero
2. Falso

Contrariamente all'errata credenza popolare, le persone in ipnosi non sono marionette o zombie: hanno il pieno controllo delle loro azioni.

Domanda 4 di 12.

Dopo una sessione di ipnosi regressiva a vite precedenti ci si ricorda dei contenuti evocati?

1. Sì, ci si ricorda di tutto
2. No, tant'è che occorre filmare la sessione per consentire al soggetto di elaborare in un secondo momento ciò che ha evocato

Ci si ricorda di tutto

Siccome l'ipnosi NON è riconducibile ad uno stato d'incoscienza, il soggetto ricorda tutto ciò che accade e che viene evocato durante la sessione.

Domanda 5 di 12.

Con l’ipnosi regressiva a vite precedenti, tutti possono recuperare ricordi di altre vite?

1. Vero
2. Falso

Tutti abbiamo ricordi di vite precedenti e tutti possiamo accedervi. E qui è importante considerare che ogni persona ricorda con le sue proprie modalità. Alcuni rivivono i ricordi di vite passate con grande intensità come in un film, altri come se stessero sfogliando un libro o recuperando ricordi ordinari. Alcuni ricordano ampie porzioni di una vita precedente, altri solo alcuni sprazzi ecc.

Al di là di questo, la cosa fondamentale rimane che dopo una sessione (indipendentemente da come e quanto si è ricordato) le persone stanno bene. Ed è anche interessante notare che anche coloro che non credono nella reincarnazione, traggono ugualmente beneficio dall’ipnosi regressiva a vite precedenti.

Domanda 6 di 12.

Con l'ipnosi regressiva posso scegliere quale vita passata ricordare?

1. Sì
2. No

Non è possibile scegliere quali contenuti evocare

La tua mente inconscia prenderà questa decisione per te. L’inconscio sa esattamente cosa è meglio per te, quindi ti proporrà quei ricordi di vite precedenti che, al momento della regressione, sono più utili per la tua crescita personale. Tutti abbiamo avuto molte vite passate, ma è il tuo inconscio che sceglierà quali visitare durante la tua regressione.

Domanda 7 di 12.

Chi è il grande ipnologo italiano in fotografia che, tra le altre cose, ha ideato una procedura molto efficace per il trattamento del dolore?

1. Otello Ghigi
2. Sergio Salamini
3. Erminio Di Pisa

Si tratta di Erminio Di Pisa

Erminio Di Pisa è stato uno dei più brillanti esponenti della scuola italiana d'ipnosi. Ha condotto degli studi importanti sull'ipnosi egizia basata sul potere dell'occhio.

Domanda 8 di 12.

Chi fu il medico scozzese che per primo utilizzò l'ipnosi come mezzo per creare anestesia?

1. Roger Woolger
2. James Esdaile
3. Yan Stevenson
Domanda 9 di 12.

Mio cugino mi ha detto che con l'ipnosi c'è il rischio di non "svegliarsi" più, è vera questa cosa?

1. Sì
2. No

Non è vera

Forse è il caso di consigliare a tuo cugino la lettura di un trattato SCIENTIFICO sull'ipnosi 🙂 Il rischio di rimanere "bloccati" in ipnosi è inesistente ed è una delle tante credenze popolari completamente infondate sull'ipnosi. Questo rischio non esiste, in primo luogo perchè l'ipnosi NON è una forma di sonno nè uno stato di incoscienza. Secondariamente, anche se durante la sessione l'ipnologo dovesse avere un malore o morire, il soggetto in ipnosi uscirebbe spontaneamente dallo stato nel giro di pochi minuti.

Domanda 10 di 12.

Quali sono le persone che entrano più facilmente in ipnosi?

1. I soggetti suggestionabili e con scarsa forza di volontà
2. Le persone affette da isteria
3. Le persone creative e con una buona forza di volontà

L'idea che solo le persone fragili ed emotivamente indifese siano più sensibili all'ipnosi è l'ennesima credenza popolare sbagliata. Infatti è vero esattamente il contrario. I soggetti più abili ad entrare in ipnosi sono le persone creative e orientate all'utilizzo delle proprie risorse individuali per ottenere cambiamenti e obiettivi. Inoltre non è possibile guidare una persona in ipnosi senza la sua collaborazione.

Domanda 11 di 12.

Chi può trarre benefici dall'ipnosi?

1. Tutti
2. Circa il 30% della popolazione
3. Tutti tranne chi è affetto da psicosi o tossicodipendenza

Chi è affetto da psicosi o chi è dipendente da sostanze stupefacenti, non può trarre vantaggi dall'ipnosi in quanto le sue funzioni mentali sono eccessivamente compromesse. Al di là di queste categorie, l'ipnosi può dare benessere a tutti.

Domanda 12 di 12.

Chi fu lo scienziato, vissuto nell'antico Egitto, ad utilizzare per primo l'ipnosi a scopo terapeutico?

1. Imhotep
2. Ermete Trismegisto (Toth)
3. Khnum-Khufu

Domanda successiva 1 di 12

Hai risposto a tutte 12 le domande!


Condividi questo quiz!

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Want more stuff like this?

Get the best viral stories straight into your inbox!
Don`t worry, we don`t spam

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo – P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.

Questo sito utilizza cookie tecnici per garantire all'Utente il più elevato livello di sicurezza e un'esperienza di navigazione ottimale. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta si rifiutano i cookie di terze parti. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di terze parti attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy