fbpx

10 cose che ho lasciato andare e come questo mi ha reso libera

Guardando indietro nella mia vita, ho capito che la perfezione era il mio peggior nemico. Sono cresciuta in un ambiente di grande aspettativa e ogni giorno a scuola mi sembrava di competere con gli altri e di lottare per essere la migliore della classe.

All’età di dieci anni credevo di essere stupida solo perché il mio cervello non riusciva a capire la matematica. Ero brava con la letteratura, l’arte e le lingue straniere, ma questo non era un segno di genialità nella cultura che mi ha plasmato.

Molto tempo dopo, da donna adulta, non mi vedevo abbastanza brava, abbastanza bella, abbastanza intelligente o di successo. Mi sentivo indegna di essere amata da un uomo meraviglioso, indegna di ottenere una buona busta paga per remunerare le mie capacità e talenti, troppo indegna per candidarmi per una posizione allettante al lavoro.

La mia vita sembra completamente diversa oggi e abbraccio la nuova me stessa con molta gratitudine e gioia. Mi amo come sono. Sono felicemente sposata e sto facendo quello che sono nata per fare nel mondo.

Come è potuto avvenire questo cambiamento?

Vorrei prima mettere in chiaro una cosa per chi sta leggendo questa mia testimonianza. La bacchetta magica non esiste! Diffidate sempre da chi vi offre metodi miracolosi per cambiare vita senza fare nulla. Esistono metodi per lavorare bene e rapidamente, ma impegno, pianificazione e tempo sono ingredienti indispensabili in qualsiasi percorso di crescita o cambiamento. E, affidandomi alla guida giusta, ho trovato un nuovo senso di libertà. Ecco come:

1. Ho lasciato andare la necessità di essere perfetta.

Sono perfettamente bella e meravigliosamente imperfetta, e questo è ciò che mi permette di essere me stessa.

La perfezione è un’illusione, non esiste. Ho smesso di stressarmi cercando di essere perfetta e ora cerco sempre di fare “abbastanza bene”. Ho imparato ad abbracciare i miei errori: necessarie opportunità di crescita, benedizioni sotto mentite spoglie che mi rendono più saggia. Se fallisco in qualcosa, ciò non significa che sono una fallita, perché non sono quello che faccio. A volte vinciamo, a volte impariamo. Non perdiamo mai.

Il tuo meglio cambierà di momento in momento: sarà diverso quando sarai in salute piuttosto che ammalato. In qualsiasi circostanza, fai semplicemente del tuo meglio ed eviterai il giudizio, l’abuso e il rimpianto.

2. Ho lasciato andare la necessità di essere sempre impegnata.

Essere sempre di fretta non è un segno di virtù. Ho imparato ad ascoltare il mio corpo e non mi sento più in colpa per non aver fatto nulla. So che a volte ho bisogno di ricaricare le batterie del mio corpo e della mia anima, e non devo dare spiegazioni a nessuno per farlo.

Se non ho tempo per me stessa, lo trovo. Guardare un buon film, ascoltare musica rilassante, leggere un buon libro, meditare, fare una passeggiata per entrare in contatto con la natura: faccio tutto ciò che mi fa cantare il cuore.

3. Ho lasciato andare l’autocritica.

Presto attenzione al mio dialogo interiore. Non mi chiamo con aggettivi spregiativi e mi tratto con dignità e rispetto. Ho smesso di dirmi cose che non avrei mai detto a un buon amico. Sono abbastanza per me stessa, intera e completa.

Ho capito che nella vita non otteniamo ciò che vogliamo. Otteniamo ciò che pensiamo di meritare. Ecco perché è necessario credere in noi stessi e vederci degni delle cose migliori che la vita ha da offrire.

Ti critichi da anni e non ha funzionato. Prova ad approvarti e guarda cosa succede.

4. Ho lasciato andare la colpa.

Ora so che ogni volta che incolpo qualcun altro, mi rendo vittima. Incolpare gli altri per aver perso il mio tempo, i miei soldi o il mio amore non è giusto, perché scelgo sempre quanto do e a chi. Nessuno può farmi del male o turbarmi senza il mio consenso conscio (e spesso inconscio).

Ora mi assumo la responsabilità di come mi sento, agisco e penso. Sono responsabile delle mie azioni e so che il mio futuro è il risultato delle mie scelte attuali. Sono ciò in cui credo e qualunque cosa scelga di essere.

Il vittimismo è una perdita di tempo. Non importa quanti difetti trovi negli altri, non ti cambierà.

5. Ho lasciato andare il giudizio.

So che ognuno è nel proprio viaggio e il mio compito è quello di concentrarmi sul mio. So anche che ogni volta che giudico le persone, reagisco a qualcosa che mi disturba di me stessa. Se credo che tu sia cattivo, significa che posso anche io essere cattiva; come potrei vederlo in te, altrimenti?

Incolpare o giudicare qualcun altro ti impedisce di cambiare la tua esperienza.

6. Ho lasciato andare le ipotesi su ciò che gli altri sentono, vogliono o pensano.

Io non sono gli altri, quindi non c’è modo di sapere cosa provano e pensano.

Ho smesso di inventare scenari immaginari e di lasciare che la mia mente giochi con me. Ogni volta che mi trovo disturbata da ciò che la gente fa o dice, so che è il momento di un controllo della realtà.

Ho imparato a esaminare i pensieri che mi turbano e a chiedermi: “È vero?” Molte delle mie ipotesi probabilmente non lo sono. Ad esempio, potrei supporre che non piaccio a qualcuno, quando in realtà sto solo passando una brutta giornata.

Nel momento in cui mi rendo conto di non sapere cosa pensa una persona, semplicemente perché non sono lei, la mia mente diventa chiara e sono in grado di incontrarla con il cuore aperto.

Ho scoperto che le mie supposizioni sugli altri erano la causa di tutta la guerra e di tutta la pace nel mio mondo interiore.

7. Ho lasciato andare la competizione con gli altri.

Ora so che il mio bisogno di combattere non è altro che l’urlo del mio ego per l’ auto-convalida. Non ho bisogno di nessuno che perda una partita per sentirmi bene con me stessa. Amo l’armonia, la collaborazione e le vincite.

Ho smesso di confrontarmi con gli altri. Scelgo di connettermi con le persone da un luogo di amore invece che di paura, e credo nell’abbondanza. Scelgo di credere che viviamo in un universo solidale, dove c’è abbastanza di tutto e per tutti, inclusa me stessa. L’amore è cooperazione e non competizione.

8. Ho lasciato andare la ricerca della felicità.

Non proietto più la mia felicità in un futuro immaginario, sperando che un giorno, quando avrò quel lavoro, quella casa, quell’auto, quel successo, sarò felice. Ho imparato a trovare la felicità nei piccoli piaceri della vita e abbraccio l’unica realtà che è, il momento presente, con gratitudine e molta gioia.

Ho smesso di aspettare il fine settimana per sentirmi vivere perché ogni giorno è un dono e ogni singolo momento è prezioso e altrettanto importante.

Il giorno in cui ho spostato la mia attenzione da stressata a presente a me stessa, tutto è cambiato. Sono grata per tutto ciò che sono e per tutto ciò che ho.

9. Ho lasciato andare le preoccupazioni per il futuro.

Accetto che ci siano cose nella vita che non posso controllare, non importa quanto duramente possano impattare sulla mia vita. Ogni volta che mi trovo preoccupata, continuo a ripetermi “Il tempo chiarirà ogni cosa”.

Potrei non sempre ottenere ciò che voglio, ma so di ottenere sempre ciò di cui ho bisogno. Mi fido del flusso della vita e scelgo di credere che viviamo in un universo intelligente, dove tutto si svolge perfettamente. A volte nella vita, anche il tempo ha bisogno di tempo.

La vita è semplice. Tutto accade con te, non per te. Tutto accade esattamente nel momento giusto, né troppo presto né troppo tardi.

10. Ho lasciato andare il bisogno di piacere agli altri.

Non cerco più una convalida esterna per sentirmi gradita o accettata. Preoccuparsi di ciò che gli altri pensano è una perdita di tempo. L’opinione delle altre persone su di me riguarda tutto ciò che vedono in me, filtrato attraverso le loro lenti; ha zero a che fare con me.

Ho smesso di aspettarmi che gli altri mi dessero ciò che non stavo dando a me stessa: amore, cura e attenzione. Amare me stessa nel suo insieme – corpo, mente e anima – non è egoista. Tengo la mia tazza piena di amore per me stessa e mi prendo cura dei miei bisogni e dei desideri del mio cuore.

Ho imparato a fare scelte incisive per il mio bene più alto senza preoccuparmi delle persone deludenti. Le persone si deludono ponendo aspettative su chi vogliono che io sia o cosa vogliono che io faccia.

Dire no a cose che non vogliamo fare è una pratica appresa e un segno di cura di sé. Se sembra un “dovrebbe”, non lo faccio. Vado per le cose che sembrano un bisogno. I miei desideri provengono da me stessa, invece di essere imposti da altri. Scelgo sempre come trascorro il mio tempo prezioso e con chi. So che il mio tempo è la mia vita e non tornerà mai più.

La mia vita è su di me e ho il diritto di fare le mie scelte. La vita deve essere vissuta, non subita, e io scelgo di viverla autenticamente, senza scuse e senza rimpianti.

Niente di ciò che fanno gli altri è a causa tua. Ciò che gli altri dicono e fanno è una proiezione della loro realtà, del loro sogno. Quando sei immune alle opinioni e alle azioni degli altri, non sarai vittima di sofferenze inutili.

***

La mia auto-trasformazione nella persona consapevole che sono ora non è avvenuta dall’oggi al domani. È stato un processo in corso che ha richiesto un continuo lavoro interiore.

Oggi sono ancora una studente di questa scuola di vita e ogni giorno è una grande opportunità per un nuovo apprendimento. So di avere il potere di creare la mia realtà, secondo il mio modo di pensare. Quindi mi assicuro di nutrire la mia mente con pensieri sani, sapendo che la mia mente ha potere.

lasciar andare
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Altri contenuti che potrebbero interessarti: