fbpx

L’Universo mi ama?

È una domanda sbagliata da porre. Dovresti chiedere il contrario: “Ami l’universo?” perché l’universo non è una persona. Non può amarti. Non ha un centro o meglio, il suo centro è ovunque ma è un fenomeno impersonale. Come può un’esistenza impersonale amarti?

Puoi amarlo. Ma quando lo ami, l’universo risponde – risponde assolutamente. Se fai un passo verso l’universo, l’universo fa mille e uno passi verso di te; ma questa è una risposta.

La natura dell’esistenza è femminile. Una donna aspetta; non inizia mai. L’uomo deve andare e iniziare. L’uomo deve andare, corteggiare e persuadere. L’esistenza è femminile – aspetta che tu debba corteggiarla; devi corteggiarlo; devi prendere l’iniziativa e poi l’universo ti fa la doccia d’amore. Proprio come una donna: quando l’hai persuasa, fa una doccia tremenda.

Nessun uomo può essere un amante come una donna. Un uomo rimane sempre un amante parziale; il suo essere totale non è mai innamorato. Una donna è totalmente in esso; è tutta la sua vita, ogni suo respiro. Ma lei aspetta. Non prenderà mai l’iniziativa, non ti inseguirà mai; e se una donna ti insegue – per quanto bella sia la donna – ti spaventerai. Non sembrerà femminile. Sarà così aggressiva che tutta la sua bellezza si trasformerà in bruttezza. Una donna è passiva. Ricorda questa parola “passiva”, passività.

L’universo è la madre.

È sempre meglio chiamare Dio madre che padre.  Il padre non è così rilevante. L’universo è la madre: femminile, ti aspetta – ti aspetta nei secoli dei secoli – ma dovrai bussare alla porta. Lo troverai immediatamente aperto se busserai, ma se non busserai puoi continuare a stare al cancello. L’esistenza non lo aprirà; non è aggressivo. Anche innamorato non è aggressivo. Ecco perché dico che risponderà.

Ma non fare la domanda sbagliata. Non chiedere: “L’universo mi ama?” Ama l’universo e scoprirai che il tuo amore non è niente. L’universo ti dà un amore così infinito, restituisce il tuo amore con una risposta infinita … Ma è una risposta: l’universo non inizia mai; aspetta. Ed è bello che aspetti; altrimenti l’intera bellezza dell’amore andrà persa.

Ma sorge questa domanda; ha una rilevanza per la tua mente. Ecco come funziona la mente umana: chiede sempre: “L’altro mi ama?” La donna, la moglie, chiede: “Mio marito mi ama?” Il marito continua a chiedere: “Mia moglie, la donna, mi ama?” I bambini continuano a pensare: “La madre, il padre, mi amano?” e i genitori continuano a pensare se i bambini li adorano. Chiedi sempre dell’altro. Stai facendo una domanda sbagliata. Ti stai muovendo nella direzione sbagliata. Ti imbatterai in un muro; non troverai una porta. Ti sentirai ferito perché ti scontrerai contro il muro. L’inizio è sbagliato. Dovresti sempre chiedere: “Amo la moglie?” “Adoro il marito?” “Adoro i bambini?” “Amo mio padre e mia madre?” Ma inizia sempre da te stesso.

E questo è il mistero

Se ami, improvvisamente sai che tutti ti amano. Quando ami la moglie, lei ti ama; se ami il marito, lui ti ama; quando ami i bambini, loro ti adorano. Una persona che ama dal suo cuore riceve risposta da ogni parte. L’amore non può mai essere infruttuoso. Fiorisce.

Ma dovresti iniziare nel modo giusto, sulla strada giusta; altrimenti tutti chiedono: “L’altro mi ama?” e l’altro fa anche la stessa domanda. Quindi nessuno ama, quindi l’amore diventa solo una fantasia, scompare dalla terra – come è successo. È scomparso; esiste solo nelle poesie dei poeti: fantasie, immaginazione, sogni. La realtà è assolutamente priva d’amore ora, perché hai iniziato con una domanda sbagliata.

Lascia cadere quella domanda come una malattia. Lasciala cadere e scappa da essa, e chiediti sempre: “Io amo?” e quella diventerà la chiave. Con quella chiave puoi aprire qualsiasi cuore, e con quella chiave, a poco a poco, diventerai così abile da poter aprire l’esistenza stessa; allora diventa preghiera.

Preghi l’universo e poi trovi da ogni parte rivoli d’amore che scorrono verso di te. Ti realizzi. L’universo ha molto da darti, ma per questo devi essere aperto. E l’apertura è possibile solo se ami: allora diventi aperto, altrimenti rimani chiuso. E anche l’universo è impotente contro la tua chiusura.

Universo amore
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Altri contenuti che potrebbero interessarti: