fbpx

Perché ci sentiamo soli e cosa fare al riguardo

Con le misure di allontanamento sociale in atto in risposta al nuovo coronavirus, molti di noi hanno molto più tempo a disposizione, pur essendo isolati.

Questo può anche significare che senti la solitudine più intensamente di quanto non l’abbia mai sperimentata prima.

Questa è una buona cosa! Le sfide possono aiutarci a capire noi stessi a un livello molto più profondo di quello che otterremmo se non fossimo sfidati, proprio perché i nostri sentimenti sono più intensi.

La solitudine non è nuova. Era già diffusa prima di COVID-19, e sarà qui molto tempo dopo che questa fase di isolamento passerà. Quindi, che tu sia abituato a sentirti solo o che sia qualcosa di nuovo per te, questa è un’opportunità per connetterti al tuo cuore e alla tua crescita. Ma prima devi capire la vera fonte della tua solitudine.

Soli contro la solitudine

Alcuni di noi possono stare da soli e sentirsi a proprio agio e in pace, mentre altri si sentiranno angosciati quando sono soli. Poi ci sono persone che si sentono sole e tristi anche quando sono in compagnia o circondate da persone.

C’è una grande differenza tra essere soli e sentirsi soli.

Essere soli è semplicemente essere soli.

Sentirsi soli è la tua esperienza, che può accadere indipendentemente dal fatto che tu sia da solo o no.

Che cos’è la solitudine?

La solitudine è un sentimento che sperimentiamo quando siamo coinvolti in giudizi e insicurezze su noi stessi o sulle nostre relazioni.

Potresti sentirti solo perché senti di non avere nessuno con cui parlare, o nessuno ti capisce, perché ti senti diverso dagli altri.

Potresti sentirti solo perché desideri profondamente connetterti con altre persone, anche solo tramite Skype o Zoom, ma forse per te è emotivamente pericoloso farlo. Hai visto come le persone possono trattarsi a vicenda o sei stato ferito prima, quindi ora non sei sicuro di poterti fidare delle persone. Ci sono passato!

Forse vuoi avere conversazioni profonde e significative con le persone, ma tutto ciò che ottieni è una chiacchierata superficiale. Sì, questo si stanca molto velocemente! Stai cercando di connetterti con qualcuno, ma ti senti solo perché non c’è profondità di connessione.

Ho spesso desiderato che le persone parlassero dal loro cuore o semplicemente si godessero il silenzio.

Forse sei molto sensibile all’energia di altre persone, ma l’unico modo in cui attualmente sai come gestirla e sentirti al sicuro è di essere da solo, anche se brami la connessione.

O forse ti senti escluso perché alle persone intorno a te piacciono cose che s te non interessano.

Sport, connessione e solitudine

Dalla mia adolescenza fino a circa 25 anni, quando molti dei miei amici e le persone che conoscevo iniziarono a bere, fumare e festeggiare, mi sentivo davvero solo.

Ho sempre adorato fare sport. Quello che mi ha emozionato di più è stato l’hockey su ghiaccio.

Questo sport di squadra competitivo ha portato un senso di connessione che ha anche toccato il mio cuore. La sensazione di fare affidamento l’uno sull’altro durante una partita mi ha fatto sentire molto più grande di me stesso. Essere connessi a un livello più profondo, sapere come tutti si sarebbero mossi o dove sarebbero stati sul ghiaccio, mi hanno fatto sentire così vivo e connesso.

Ho dei ricordi molto cari di gioco e allenamento con i miei compagni di squadra: l’intensità dell’emozione durante una partita e quindi la capacità di lasciarla andare dopo.

Ma per me c’è stata una divisione. Sentivo questo senso di connessione durante una partita o un allenamento, ma poi seguiva una solitudine. Perché non mi importava di nessuna delle solite celebrazioni post-partita, di bere e uscire in bar o discoteche. Preferivo di gran lunga tornare a casa dopo una partita, rilassarmi e guardare un film.

Sapere che erano tutti fuori dopo una partita a volte mi faceva sentire solo. Ho provato a fare bisboccia una manciata di volte nel tentativo di adattarmi, ma non mi sono mai sbloccato. Semplicemente non mi piaceva!

A volte uscivo con gli amici e bevevo solo acqua mentre loro bevevano alcolici. Ma questo non era meglio, perché non mi piaceva quello che facevano le altre persone e non mi piaceva stare con l’energia del bere.

Quindi, anche quando uscivo, mi sentivo ancora solo perché non riuscivo a connettermi a questo livello.

Quello che volevo davvero dopo una partita era il mio momento tranquillo.

Avevo ancora poco più di vent’anni quando ho accettato di preferire il tempo da solo, ma non ha fermato quella sensazione di solitudine occasionale.

La cosa interessante di sentirsi soli è che non sei solo a sentirlo. Anche se potrebbe sembrare così per te, è un’esperienza comune che tocca la vita della maggior parte delle persone ad un certo punto.

Solitudine e disconnessione

Quando sperimentiamo la solitudine, è possibile solo a causa di una sensazione di disconnessione sottostante. Spesso associamo la solitudine all’essere disconnessi dalle altre persone, il che è vero, ma per capire la solitudine, dobbiamo renderci conto che tutto inizia con quanto siamo disconnessi da noi stessi.

Quando tornavo a casa dopo una partita di hockey mentre i miei compagni di squadra uscivano a bere, mi sentivo solo perché una parte di me voleva mantenere quella sensazione di connessione con loro. Una parte di me voleva essere in grado di fare ciò che voleva (uscire e bere), ma allo stesso tempo una parte di me non desiderava farlo.

Finché mi giudicavo per non essere uscito con loro, mi sentivo solo. Non mi stavo accettando, il che ha creato una sensazione di disconnessione dentro di me.

Ma quando ho capito che ero diverso, e mi piaceva il tempo da solo e una notte tranquilla a casa, la sensazione di solitudine ha iniziato a svanire. Questa auto-accettazione mi ha fatto entrare in contatto con il mio cuore, dove ho potuto sentire una tranquillità iniziare a emergere mentre mi godevo semplicemente la mia notte tranquilla, leggendo o guardando un film senza alcun giudizio personale.

Essere presente in silenzio con me stesso, godermi ciò che mi piaceva, mi ha dato una sensazione di connessione dentro di me, la cosa che pensavo di ottenere uscendo con i miei compagni di squadra dopo una partita.

Questo non è stato un momento incredibile di realizzazione dopo il quale non mi sono mai più sentito solo. È stato un processo graduale. C’erano volte in cui tornavo a casa mentre i miei amici uscivano, dove sentivo ancora quel ritorno familiare della solitudine.

Ma avevo capito perché mi sentivo solo – una disconnessione da me stesso per mancanza di auto-accettazione . Nei momenti in cui la sensazione di solitudine tornava, se tornavo ad essere presente con me stesso, la solitudine svaniva di nuovo … come un muscolo che aveva bisogno di essere rafforzato.

Quando rifletto su questo momento della mia vita, trovo sempre affascinante rendermi conto che i miei amici non mi hanno mai giudicato per non voler uscire. Sono sempre stato il benvenuto ad unirmi a loro. Mi avevano accettato per quello che ero. Sono stato solo io a non accettarmi, e quella era una fonte di disconnessione e solitudine.

Trovare una connessione

Questo non significa che sono diventato un eremita senza interazione umana. Sì, posso sentirmi molto in pace da solo, ma amo anche connettermi con le persone. Non mi troverai a farlo in un ambiente in cui le persone si ubriacano.

Adoro avere conversazioni profonde. Adoro connettermi e conoscere persone. Se sto parlando con te, voglio sapere chi sei. Ho una curiosità infinita per capire cosa rende le persone ciò che sono e una sensibilità per sentire il dolore degli altri.

Quando sperimentiamo la solitudine, c’è il desiderio di sentirci connessi con gli altri, ma la disconnessione dentro di noi crea una chiusura nel nostro cuore e ci sorprende a rimuginare su ciò che non abbiamo (connessione).

I pensieri alimenteranno più reazioni emotive e disconnessione, che quindi creano ancora più pensieri, un circolo vizioso che può andare avanti e nutrirsi continuamente.

E poi quando incontriamo altre persone e abbiamo l’opportunità di connetterci, potremmo anche non essere in grado di essere presenti con loro perché siamo ancora intrappolati nelle nostre teste, a giudicare noi stessi e le nostre esperienze.

Quando ci sentiamo più presenti e accettiamo noi stessi, possiamo anche sentire il desiderio di connetterci con gli altri, ma ora c’è un’apertura nel nostro cuore.

Il nostro cuore è la parte di noi che sente la connessione. Connessione a noi stessi – l’essenza di ciò che siamo veramente, al di là dei drammi e delle storie che riempiono la nostra mente – e connessione con altre persone, animali, natura e creazione.

Quando siamo presenti e collegati al nostro cuore, potremmo essere pacificamente contenti per conto nostro, o potremmo essere ispirati ad andare in contatto con le persone. Non dobbiamo sentirci soli per voler entrare in contatto con le persone. L’obiettivo è consentire a scelte come queste di fluire dal nostro cuore.

Se hai attraversato situazioni di vita difficili o traumatiche che ti hanno fatto sentire spezzato, vergognato o altrimenti disconnesso da te stesso, è possibile che tu abbia difficoltà a connetterti al tuo cuore. Va bene.

È anche possibile che tu abbia difficoltà a connetterti con altre persone, forse perché non hai mai provato un senso di appartenenza e vivi in ​​un costante stato di giudizio e insicurezza. Anche questo va bene.

Se inizi creando una connessione con te stesso, sarà molto più facile connettersi con gli altri e, nei momenti in cui sei da solo, non sentirai lo stesso travolgente senso di solitudine.

Cosa puoi fare per connetterti con te stesso quando ti senti solo?

Meditare

La meditazione ci insegna come trovare uno spazio di quiete dentro di noi. Una semplice calma e accettazione.

Non realizziamo il pesante fardello e l’impatto dei nostri pensieri e dei nostri giudizi su di noi fino a quando non avremo un momento di quiete interiore. Nella quiete possiamo comprendere l’onere che abbiamo portato.

Nel corso degli anni come studente di meditazione, una delle parole che ho notato che le persone spesso esprimono quando iniziano una pratica coerente di meditazione è “sollievo”. Un sollievo dall’onere che non si rendevano conto di trasportare.

Il sollievo silenzioso porta un’apertura nel cuore e una sensazione di connessione. Ma ricorda, ci vuole pratica (come imparare qualsiasi altra abilità).

Yoga dolce

Ho sempre preferito una postura molto comoda e consapevole. Ci permette di portare la nostra consapevolezza nel nostro corpo attraverso la presenza alle nostre sensazioni fisiche. Ricorda, la solitudine è un sentimento con le sue specifiche sensazioni.

Spesso quando sperimentiamo intense emozioni ci disconnettiamo dal nostro corpo, perché rimaniamo catturati nei nostri pensieri (alimentati dalle emozioni), che amplificano tutto. Riconnettersi al nostro corpo ci aiuta ad ancorarci al sentimento, ed è il sentimento che aiuterà a rallentare il pensiero (e il pensare troppo).

Connettere il nostro corpo attraverso il sentire (senza giudicarlo) ci aiuta a spostarci in un luogo di accettazione.

Segui la sensazione

Prenditi del tempo per sederti in silenzio ed essere presente con la tua solitudine. Nessun giudizio. Osserva e basta.

Se la tua mente vaga in pensieri, storie, reazioni emotive o drammi, riconoscilo e riporta la tua consapevolezza al sentimento di solitudine. È qui che la pratica della meditazione è così preziosa, perché ti insegna l’abilità di essere semplicemente presente.

Se puoi permetterti di sentire consapevolmente ed essere presente con la sensazione di solitudine (e non sguazzare in essa), imparerai di più sulla fonte della tua solitudine. Potrebbe non essere sempre piacevole, ma si tratta di essere presenti e accettare ciò che è realmente lì per te.

Essere curioso

Tutto ciò che fai, affrontalo con un atteggiamento di curiosità senza giudizio. Questo ti aiuta a non essere troppo serio o duro con te stesso. La curiosità rende le cose più piacevoli.

E ricorda, non sei solo!

Ce ne sono altri come te (beh, non esattamente come te, sei unico!), Che hanno questi stessi pensieri e sentimenti e che stanno vivendo la solitudine di conseguenza.

Man mano che comprendi di più sulla tua esperienza di solitudine, scoprirai di capire di più sugli altri. La solitudine è inerente all’esperienza umana e il mondo ha bisogno di più persone che capiscano.

Comprensione è ciò che ci unisce. La comprensione è una forma di connessione.

solitudine
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Altri contenuti che potrebbero interessarti: