fbpx

Concediti il ​​permesso di cambiare direzione

Cambiare direzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

So di non essere solo, ma nell’ultimo anno e mezzo la mia vita è cambiata radicalmente. Sono passato da un genitore di due bambini che lavora a tempo pieno a un inaspettato genitore di tre che studia e lavora da casa. E, in un primo momento, abbracciare questo nuovo stile di vita ha portato molti sensi di colpa perché questo non era mai stato il “piano”.

Sono cresciuto in una famiglia di pianificatori e mi è stato insegnato a prendere decisioni e ad attenermi ad esse, qualunque cosa accada. La loro filosofia era evitare il rischio di essere ricompensati con una vita media e normale. E questo è esattamente quello che avevo fatto.

Ma poi la pandemia ha colpito e sradicato tutto ciò che credevamo essere “normale”. “Normale” è ora diventata per noi una parola priva di significato e la realizzazione si è stabilita nel fatto che molte delle cose che avevo pianificato con grande preoccupazione non hanno un’importanza reale. Mia moglie ed io ci siamo trovati nella condizione di dover prendere alcune decisioni importanti e deviare molto dalla direzione in cui stavamo andando.

Da un lato, il nuovo percorso che abbiamo intrapreso ci è sembrato intuitivamente giusto. Come se fosse la strada che dovevo percorrere: una nuova opportunità di esplorare parti della mia vita che avevo trascurato. Ma, d’altra parte, niente di tutto questo rientrava nel nostro piano originale. E così ho resistito parecchio prima di orientarmi nella nuova direzione.

Mi sentivo un traditore

Non sono mai stato uno di quei genitori che sognavano di istruire a casa i propri figli fin dalla nascita. Certo, il pensiero della scuola parentale mi aveva attraversato la mente, ma solo come opzione alternativa alla scuola pubblica. Quindi, quando abbiamo iniziato a far studiare a casa i nostri figli lo scorso autunno, ero riluttante a impegnarmi completamente e a condividere questo cambio di direzione con gli altri.

E oltre a sentirmi un traditore di ciò che viene considerato “socialmente accettabile”, mi sono sentito così anche nella mia carriera. La mia situazione lavorativa doveva cambiare. E all’inizio volevo nascondere questo fatto a tutti quelli con cui ho lavorato. Non mi sentivo un “vero professionista” perché non potevo e non volevo lavorare full time alla mia crescita professionale e alla costruzione del mio business.

Ma poi mi sono stancato di cercare di mantenere l’apparenza di un certo stile di vita mentre ne vivevo davvero un altro. Non c’era una buona ragione per cui sentissi il bisogno di farlo. Alla fine mi sono arreso alle mie circostanze e ho permesso a me stesso di deviare dai piani che avevo fatto anni fa e ai quali ho lottato per aggrapparmi a scapito del mio benessere.

E il risultato?

Ho trovato livelli di nuova gioia nella mia vita che non sapevo nemmeno esistessero. Mi è stata data una seconda possibilità con i miei figli e mia moglie. Una volta che abbiamo abbracciato completamente il nostro stile di vita di lavoro e studio a casa, le nostre relazioni sono cresciute e si sono approfondite. Mi è stata data l’opportunità di imparare e crescere di nuovo da adulto, cosa che non reputavo possibile e che mi mancava nella mia vita.

Ho anche trovato un nuovo percorso di carriera abbracciando la capacità di definire come dovrebbe essere il mio lavoro secondo i miei standard, e non secondo quello che tutti gli altri pensano che dovrei fare. Alla fine ho identificato quella sensazione fastidiosa, che persisteva da anni, derivante dall’aver scelto la carriera sbagliata. Quindi, quando ho compiuto 30 anni, mi sono trovato in una partnership commerciale che era disfunzionale, facendo un lavoro che non mi piaceva e indebitato da una laurea costosa che non volevo nemmeno più usare.

La consapevolezza di aver scelto la strada sbagliata mi colpì come una pioggia di mattoni. Era spaventoso ammetterlo sia a me stesso che agli altri. Una volta che ho imparato ad arrendermi a questa consapevolezza, sono stato in grado di muovermi verso il lavoro che più si adatta al mio stile di vita piuttosto che il contrario. Le mie nuove circostanze di vita mi hanno portato a lasciar andare tutti i piani che mi ero costretto a realizzare e a vivere la vita in modo più intuitivo.

Quindi, impara dai miei errori e sii disposto a lasciar andare tutti i piani che hai preparato se non si adattano più alla tua vita. Prenditi del tempo per fermarti e riflettere se il tuo stile di vita attuale funziona per te. In caso contrario, sii disposto a mettere da parte la vita che pensavi di vivere e ad arrenderti alle nuove circostanze. Potrebbe esserci un nuovo percorso che ti aspetta che ti porterà più gioia di quanto immaginavi fosse possibile.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Calcolo fiamme gemelle

Calcolo fiamme gemelle

È possibile confermare se due persone sono fiamme gemelle semplicemente con il calcolo aritmetico del cosiddetto “Numero del percorso di  vita”? Diamo prima un’occhiata alla

Leggi Tutto »