fbpx

Uno sguardo onesto all’empatia tossica

Empatia tossica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ho imparato a lasciare le persone in pace.

Mi sentivo come un’eletta: la risolutrice dei problemi di tutti. Fino a poco tempo fa non ti avrei detto che era perché volevo il controllo, ti avrei detto che ero un’empatica.

Quel sentirmi in diritto di aiutare anche chi non voleva essere aiutato, mi ha spinto a prendere alcune abitudini piuttosto invasive per manipolare le scelte e i pensieri di altre persone. A volte a rischio del loro libero arbitrio. A volte a scapito della loro gioia.

Ma l’aspetto più pericoloso della mia tossicità spirituale era che credevo davvero di aiutare le persone. Impedendo loro di fare le proprie scelte, ho pensato di salvarle dall’unica cosa di cui avevano bisogno più di me: i propri errori.

In un certo senso, posso dire che sentivo di dover controllare, ma la chiamavo lealtà . Mi sacrificavo senza che nessuno me lo chiedesse e mi aspettavo sacrifici in cambio. Ma ancora una volta pensavo che quello che volevo in cambio fosse la lealtà. La lealtà era la mia forza. E la lealtà era la mia maledetta debolezza. In effetti, era la mia lealtà verso le persone e la mia mancanza di impegno e dedizione verso me stessa il vero problema.

Ero così impegnata a dedicare me stessa alla risoluzione dei problemi delle persone che mi sono trattenuta completamente dalla mia risoluzione, perché queste persone avevano bisogno di guarigione. E io sono una guaritrice naturale. Era nella mia natura aiutare. Non avevo ancora imparato l’importanza di trovare le risposte da soli.

Non avevo ancora imparato l’umiltà di rispettare gli altri trovando la propria. E, a dire il vero, avevo paura dei cambiamenti necessari che avrebbero dovuto essere fatti. Indipendentemente che lo volessi o meno.

Quindi, ho usato la lealtà come un vizio per ispirare le persone a non cambiare mai. Per mantenere le cose come stavano. Per tenerle al sicuro, felici e in pace. Almeno per me. Ero egoista, in tutti i modi sbagliati. Ed è qui che sono diventata un’empatica tossica.

Favori ed elenchi di “dare – avere” tra due persone non dovrebbero mai essere usati per tenerci in debito l’uno con l’altro, non quando si cerca la sincerità. Estrarre energia in base a favori non richiesti è il modo in cui perdi le persone che contano. Gli esseri umani dovrebbero aiutarsi a vicenda ma solo quando la persona aiutata è consenziente. Semplicemente non lo facciamo. Dovremmo essere lì per l’altro e non per il nostro orgoglio.

E invece l’ho fatto. Sono intervenuta a favore delle persone senza il loro consenso, deviando il loro libero arbitrio. Non perché mi sentissi più intelligente di chiunque altro. Ma perché sapevo meglio di molti altri. Perché avevo il dono dell’intuizione e della capacità di parlare tra mondi. Sapevo delle cose.

Ma ho imparato che a volte l’obiettivo di una visione o di una premonizione, in realtà non è impedire ciò che vedi. A volte, è per renderti consapevole di ciò che sta arrivando, in modo che tu possa essere lì per coloro che sono colpiti.

Ho iniziato a rendermene conto. Solo perché vedo la strada che alcune persone percorrono, non significa che devo essere io a impugnare il loro volante. Stavo ostacolando la loro crescita resistendo. Ma credo che a volte è così che devi imparare a lasciar andare.

Ho continuato a provare a sistemare tutto, gestendo il loro processo. Per “aggiustare” le persone. Ma le persone devono anche sperimentare la sofferenza, il rimpianto, il rimorso. Non possiamo intervenire arbitrariamente nelle esperienze karmiche degli altri. Abbiamo il nostro apprendimento e ci sono alcune lezioni che solo la sofferenza può insegnare. Ho dovuto lasciare che le persone soffrissero.

Quindi mi sono concessa una pausa. Ho smesso di cercare di costringere le persone a guarire e ho permesso loro di vivere l’esperienza. Non avrebbero mai imparato il proprio equilibrio se avessi continuato a essere il loro parafulmine. Hanno dovuto imparare senza di me. Era ora di lasciarle evolvere, da sole. Ho smesso di essere la salvatrice e ho iniziato a lasciare andare le persone.

Avevo il mio percorso da fare e dovevo metterci la mia energia. Avevo bisogno della mia attenzione. Anch’io dovevo crescere. E per farlo era necessario uscire dal ruolo che mi ero costruita.

Prima che me ne rendessi conto, tutta la mia vita stava perdendo pezzi.

Le persone con cui avevo a che fare (che non seguono il mio percorso) non avrebbero mai capito completamente o veramente. Non avrebbero mai camminato sulla mia strada, né su una simile. Ma ho continuato a provare a portarcele. Ho continuato a cercare di modellarle, istruirle e nutrirle con il cucchiaio della spiritualità.

Poiché tutto è diventato così ovvio, una volta che mi sono svegliata, non potevo capire perché gli altri non vedevano le cose che vedevo io, nel modo in cui le vedevo. Avevo dimenticato che la mia visione era solo per il mio percorso. Avevo dimenticato com’era dormire.

Così sono mi sono messa nei loro panni e sono regredita. E mi sono ricordata che, per cambiare veramente, devi prima stancarti di chi sei. Solo in seguito puoi essere qualcun altro. Perché non ti resta altra scelta che diventare qualcuno di nuovo. È davvero una bellissima esperienza. E io li avevo tenuti lontani da essa. Quindi, finalmente, ho smesso di essere una salvatrice.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: