fbpx

4 tipi di persone altamente tossiche che potresti voler allontanare dalla tua vita

Persone tossiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sanguisughe che succhiano e prosciugano la tua felicità, il tempo, l’energia e l’autostima

Uno dei fattori più cruciali per la tua felicità e il tuo successo nella vita sono le persone che ti circondano.

“Sei la media delle cinque persone con cui trascorri più tempo.” – Jim Rohn

Mentre il tipo giusto può spingerti verso il cielo, quelli sbagliati possono trascinarti giù nelle profondità dell’inferno.

Avendo frequentato la mia giusta quota di vampiri energetici, ho notato che tutti rientrano in 4 categorie. Voglio condividere lo stesso con voi. Insieme ai tipi, esaminerò anche i modi per riconoscerli facilmente e sbarazzarsene.

Gli Ingrati

Spesso manipolatori e astuti, questi spargitori di lacrime di coccodrillo riescono a fare man bassa della tua disponibilità. Ma quando hai bisogno di aiuto, spariranno dalla tua visuale.

Sanguisughe nel vero senso della parola, gli ingrati prendono e non danno mai, violando il principio centrale di qualsiasi relazione umana – il concetto di scambio equivalente.

Non esprimono la minima gratitudine. E riescono persino a far sembrare che aiutarli sia uno dei tuoi doveri cardinali, un atto dovuto. I peggiori ti faranno persino sentire in colpa per aver rifiutato loro un favore.

E il diavolo incarnato che spero non incontrerai mai alienerà gli altri tuoi amici e brucerà l’essenza della tua vita per approfittare al 100% di te.

Questi machiavellici possono essere tali maestri di manipolazione emotiva che il più delle volte non ti renderai nemmeno conto del danno che ti stanno arrecando. Ma c’è una semplice cartina di tornasole.

Fai un bilancio generale di ciò che hai dato e di ciò che hai avuto. Se la mole di cose che hai fatto per loro supera enormemente la quantità di ciò che hai ricevuto, ci sono buone probabilità che tu abbia a che fare con un ingrato.

Quindi, smetti di fare loro favori, non importa quanto tu sia disponibile. Chiudendo i rubinetti, le sanguisughe si stuferanno presto e cercheranno nuove prede.

I demotivatori

Cosa succhiano queste sanguisughe? La tua autostima, entusiasmo e progettualità.

Hai lavorato per metterti in forma? “Accidenti, cara! Hai ancora le cosce di pollo“. Hai raggiunto un traguardo o una promozione sul lavoro? “Avrei potuto facilmente fare lo stesso. Il mio tempo è meglio speso però.” Hai ricevuto un aumento di stipendio? “Almeno un magro aumento per tutto quel lavoro che ti tocca fare.

Questi soggetti riuscirebbero a mandare in depressione una sposa nel giorno del suo matrimonio.

I demotivatori il più delle volte non ottengono successi personali e,  siccome conducono vite sterili che loro considerano “normali”, cercano di tirarti giù al loro livello. La causa è di solito un’insicurezza profondamente radicata e la paura che la loro “normalità” venga sbugiardata.

E poiché le cose negative influenzano noi  umani molto più di quelle positive, non ci vorrà molto perché i commenti di un demotivatore alimentino l’insoddisfazione e la paura dentro di te.

Identificare i demotivatori è abbastanza facile. Devi solo chiederti: “Chi sono quelli con cui sono più cauto nel condividere le mie buone notizie o i miei successi personali?”

Riduci le interazioni con quelli che ti vengono in mente. Allo stesso tempo, investi più tempo e socialità con coloro che apprezzano sinceramente ogni tuo risultato, piccolo o grande che sia.

I granchi

Se i demotivatori cercano di minimizzare i tuoi risultati, i granchi ti impediscono persino di raggiungerli

E il sabotaggio può essere davvero sottile. Sto parlando dell’amico “bonario” che, mentre ad esempio stai cercando di smettere di fumare, dice: “Una sigaretta o due non ti farà del male. Non c’è bisogno di essere così duro con te stesso”.

Oppure quando stai cercando di prenderti cura del tuo corpo: “La palestra? Ma dai, stai benissimo. Non c’è bisogno di allenarsi continuamente”. E, con una geniale pacca sulla spalla, trova frequenti scuse come: “Usciamo a bere qualcosa. Un giorno di esercizi saltato non è la fine del mondo” per far deragliare i tuoi progressi.

I granchi non sono necessariamente malvagi o contorti, sono solo insicuri. Ma sono dannosi per la tua crescita. Con il loro “Se non posso avere o fare qualcosa,nemmeno tu dovresti“, ti bloccano al loro livello.

Quando fai qualcosa di nuovo con l’intenzione di migliorare te stesso o la tua vita, un grande amico ti sosterrà e ti motiverà. Un buon amico non interferirà.

Ma un granchio ti dissuaderà sempre.

I competitori

Queste sono le persone che si sono condizionate nel credere che tu sia il loro concorrente in tutto e in qualsiasi cosa nella vita.

Finché  può mantenerti motivato e alimentare la tua crescita un po’ di competitività non guasta. Ma se si trasforma in una compulsione ad affermare perennemente la tua superiorità” allora diventa un problema. Miserabili e insicuri di ciò che sono, i competitori patologici danneggiano la tua autostima con il loro costante avvilimento e ti rendono anche infelice.

Una mia compagna di università ne è l’esempio perfetto. Quando ho iniziato ad andare in palestra, anche lei lo ha fatto. Se seguivo un corso di approfondimento, lei ne faceva due. Compravo un paio di scarpe da ginnastica? Lei si presentava il giorno dopo con un paio più costose e cominciava ad assillarmi con i confronti.

E non ha mai mancato di rammentarmi quotidianamente su tutto ciò che lei ha fatto meglio di me e gli acquisti più costosi che ha fatto rispetto ai miei.

I competitori gongolano e ti rinfacciano costantemente ogni cosa che hanno fatto o ritengono di aver fatto meglio di te. Se tiri avanti? Ti vomiteranno addosso veleno.

Per sbarazzartene, rimuovi la causa principale – segnala chiaramente a loro che non li vedi come concorrenti in alcun modo. E non prestare attenzione nè al loro pavoneggiarsi né al loro veleno.

Con la fonte di convalida rimossa, si attaccheranno a qualcun altro.

Bonus: I condannati al successo

Ho tenuto il meglio, o dovrei dire il peggio, per ultimo.

I condannati al successo sono un mix potenziato di granchi e demotivatori. Non solo minimizzano i tuoi successi e sabotano i tuoi sforzi di auto-miglioramento, ma ti condannano anche per non essere al loro livello.

Questi ti perseguitano per essere felice o avere successo.

Che si tratti del tossicodipendente che pensa di essere più macho di te per aver riempito i polmoni di fumo o iniettato sostanze chimiche nel suo flusso sanguigno. O l’animale da festa insonne che sperpera i soldi dei suoi genitori e ti chiama “il cocco di mamma” per aver fatto presente che il giorno dopo ti devi alzare presto.

Sono così immersi nella loro miseria, frustrazione e insicurezza che la grave dissonanza cognitiva li ha illusi di credere che essere miserabili sia superiore all’essere felici.

La maggior parte dei troll di Internet rientrano in questa categoria. Essendo nuclei di tossicità, il modo migliore è ignorarli completamente.

E se questo sembra difficile, evitali il più possibile.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Calcolo fiamme gemelle

Calcolo fiamme gemelle

È possibile confermare se due persone sono fiamme gemelle semplicemente con il calcolo aritmetico del cosiddetto “Numero del percorso di  vita”? Diamo prima un’occhiata alla

Leggi Tutto »