Patanjali Yoga Sutra 11

Tratto da:
Autore:
Commentatore: Mr Nobody

La memoria è la rievocazione di precedenti esperienze

Commento

Cos’è la memoria? – richiamo di esperienze passate. Di continuo, la memoria sta accadendo. Ogni volta che vedi qualcosa, entra immediatamente in azione la memoria e la distorce. Mi hai visto prima. Mi vedi di nuovo, immediatamente arriva il ricordo. Se mi avessi visto cinque anni prima, allora l’immagine di cinque anni prima, l’immagine passata, ti entrerà negli occhi e ti riempirà gli occhi. E mi vedrai attraverso quella foto.

Ecco perché, se non hai visto un tuo amico per molti giorni, nel momento in cui lo rivedi dici immediatamente: “Sei dimagrito” o “Ti trovo in forma” o “Sei ingrassato”. Immediatamente! Perché? Perché stai confrontando; il ricordo è arrivato. L’uomo stesso non è consapevole di aver accumulato grasso o di essere dimagrito, ma tu diventi consapevole perché immediatamente puoi confrontare. Il passato, l’ultima immagine arriva e immediatamente puoi confrontare.

E questo ricordo è continuamente lì, proiettato su tutto ciò che vedi. Questa memoria passata deve essere abbandonata. Non dovrebbe essere un’interferenza costante nella tua conoscenza perché non ti consente di conoscere il nuovo. Sai sempre nel modello del vecchio. Non ti permette di sentire il nuovo, rende tutto vecchio e marcio. A causa di questo ricordo, tutti sono annoiati; l’intera umanità è annoiata. Guarda il viso di chiunque, è annoiato, annoiato a morte. Non c’è nulla di nuovo, nessuna estasi.

Perché i bambini sono così estatici? E per cose così semplici non puoi immaginare come sta accadendo questa estasi. Solo per alcune pietre colorate sulla spiaggia iniziano a ballare. Cosa sta succedendo loro? Perché non balli anche tu? Perché sai che sono solo pietre; la tua memoria è lì. Per quei bambini non c’è memoria, quelle pietre sono un nuovo fenomeno – come se fossero arrivate dalla luna.

Tutto diventa vecchio. Immediatamente diventa memoria, diventa vecchia. Se riesci a lasciare cadere i tuoi ricordi! Cadere non significa che smetti di ricordare, cadere significa solo abbandonare questa costante interferenza. Quando è necessario, è possibile riportarla al centro dell’attenzione. Quando non ne hai bisogno, lascia che sia lì in silenzio, senza interferire continuamente.

Il passato, se è continuamente presente, non permetterà al presente di esserlo. E se ti manca presente, ti manca tutto.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ultimi commenti

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.