fbpx

Meditazione Shaktipat e 12 livelli di crescita spirituale

Shaktipat
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La meditazione Shaktipat utilizza l’energia divina e per trasferire la Sapienza dalla mente dell’insegnante alla mente dello studente. È il percorso più veloce verso la realizzazione e forma le relazioni insegnante / studente più evolute sul nostro pianeta.

Shaktipat è un tipo di energia sottile, ovvero particelle di energia troppo piccole per essere osservate o rilevate dalla scienza moderna. Tuttavia la scienza può osservare gli effetti dell’energia sottile. Gli esperimenti di Clive Backster, l’inventore della macchina della verità, dimostrano gli effetti dei pensieri e dell’energia sottile sulle piante.

È essenziale che l’insegnante di meditazione Shaktipat non solo sia pienamente realizzato, ma sia anche completamente consapevole e chiaro. Semplicemente non è possibile per un insegnante dare a qualcuno uno stato di consapevolezza che non ha già di per sé. E la realizzazione, o l’illuminazione, è l’obiettivo dell’insegnamento Shaktipat. Mentre l’energia Shaktipat fluisce attraverso l’insegnante, raccoglie l’essenza dell’insegnante. Se l’insegnante è inquinato da credenze o emozioni represse, queste energie dannose verranno trasmesse allo studente insieme al benefico insegnamento. Se l’insegnante è pieno di amore, pace e beatitudine, questo è ciò che lo studente sperimenterà.

La realizzazione è definita qui come l’esperienza di tutti i dodici livelli di coscienza elencati di seguito. Questi dodici livelli sono presi dagli scritti del grande Yogi Vivekananda e qui riscritti per renderli più comprensibili ai lettori di oggi. Gli scritti completi di Vivekananda sono disponibili su Internet.

La meditazione Shaktipat può far viaggiare gli studenti attraverso questi livelli, consentendo loro di andare direttamente ai livelli più alti come la realizzazione di Dio, l’Unità e il Vuoto. Ciò viene realizzato dall’insegnante che trasferisce il proprio stato di meditazione direttamente allo studente. È quindi responsabilità dello studente meditare con dedizione in quello stato finché non si è ancorato in lui. Se lo studente non riesce a svolgere il suo lavoro di meditazione, il grande dono che il suo insegnante gli ha fatto andrà perso rapidamente, lasciando dietro di sé solo un bel ricordo.

Questi dodici livelli sono solitamente sperimentati dalla maggior parte dei praticanti. È comune crescere su più livelli contemporaneamente. I livelli possono essere sperimentati in un ordine diverso da quello elencato qui. Alcuni praticanti non sperimentano mai consapevolmente alcuni livelli. Alcune tradizioni si concentrano completamente su Dio mentre altre ignorano Dio e entrano nell’Unità. Ci sono molte differenze di opinione sui livelli più alti di Samadhi. I livelli sono presentati qui come guida generale.

  1. Comprendere lo scopo della nostra esistenza. Siamo esseri spirituali che godono di un’esperienza terrena, non esseri umani che cercano un’esperienza spirituale. Raggiungi questo livello quando inizi consapevolmente il tuo lavoro spirituale.
  2. Vedere la sofferenza degli altri. Quando inizi a vedere oltre il tuo egoismo per i bisogni degli altri, inizi a desiderare di aiutarli.
  3. Rimuovere la sofferenza degli altri. Lavorare consapevolmente per guarire e insegnare agli altri ti dà la crescita più rapida.
  4. Trovare passione, pace e amore. Quando lavoriamo disinteressatamente per gli altri, diventiamo molto appassionati della nostra pratica e del nostro lavoro. Scopriamo anche la pace in noi stessi e l’Amore universale, l’amore con la A maiuscola.
  5. Conversione di energie negative in positive. Rabbia, paura, tristezza, pensieri negativi ed entità che colpiscono la tua aura vengono trasformate in energia pura dall’Amore che emana da te.
  6. Apertura del terzo occhio. Le tue capacità psichiche si risvegliano.
  7. Beatitudine. Provi una gioia illimitata e incondizionata. Diventi in grado di trovare la felicità in tutte le circostanze perché la beatitudine sgorga dal tuo essere interno e non dipende da circostanze esterne.
  8. La Fonte. Sperimenti la tua connessione diretta con la Coscienza Universale.
  9. Ti dissolvi nella Fonte. Diventi una fonte inesauribile di energia esattamente come Dio.
  10. Unità. Sperimenti che il nostro intero universo è un organismo cosciente, vivente e intelligente senza divisione o separazione. Tutto è un unico campo energetico vivo.
  11. Il Nulla. Il tuo essere completo, tutte le tue esperienze, credenze e creazioni si dissolvono completamente. Tutte le strutture mentali egoiche scompaiono. Diventi in grado di sperimentare la realtà così com’è.
  12. Nirvikalpa Samadhi. C’è molto dibattito su questo stato e se c’è qualcosa al di là di esso. Può solo essere sperimentato. Non può essere spiegato in termini comprensibili.

Il completamento di questi dodici livelli può essere paragonato alla laurea in un’università occidentale che prepara lo studente per il lavoro post-laurea. Il raggiungimento della realizzazione consente alle persone di sperimentare la realtà e di iniziare a imparare come lavorarci.

Questo processo di apprendimento di come lavorare nella realtà va avanti per il resto della vita della persona mentre si addentra sempre più nella meditazione. Ancora una volta, l’insegnamento della meditazione Shaktipat da una persona avanti sul sentiero può accelerare notevolmente l’apprendimento.[bookly-cancellation-confirmation]

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: