La Consapevolezza che brucia il karma

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

A volte, con la consapevolezza, accadono miracoli. Da ragazzo fui testimone di un fatto curioso. All’oratorio della parrocchia venne allestito un piccolo spettacolo teatrale. All’ultimo minuto, uno degli attori si buscò un’influenza con febbre alta e mal di gola. Questo attore era necessario in un ruolo particolare in cui doveva impersonare un uomo balbuziente. Quindi cercarono di trovare un sostituto. Qualcuno suggerì che tra i parrocchiani c’era un ragazzo che era semplicemente perfetto. Non aveva bisogno di sottoporsi ad alcun addestramento perché balbettava naturalmente. Quindi il ragazzo fu chiamato. Molti dottori avevano cercato di curarlo, molte medicine furono provate. Ma la sua balbuzie persisteva.

Così il ragazzo fu inserito nel cast ed ebbe il ruolo. Non c’era bisogno di fare prove perché già balbettava di suo. Ma, quando il ragazzo salì sul palco, provò a balbettare e non ci riuscì. Cominciò a parlare impeccabilmente come chiunque altro. Più ci provava, più parlava fluentemente. Cosa era successo? Per la prima volta l’abitudine meccanica della balbuzie fu spezzata dalla consapevolezza. Ora lo stava facendo con tutta la coscienza vigile. Stava cercando di farlo volutamente. Era cosciente e la malattia scomparve. Era stata un’abitudine meccanica, ma lo sforzo di farlo coscientemente la rendeva impossibile a manifestarsi.

Non combattere l’abitudine

Qualche tempo fa venne da me un uomo. Era un professore di lettere – un uomo molto colto, ragionevole, razionale. Ma stava soffrendo. Era perseguitato dal continuo bisogno di lavarsi le mani. E questo era un problema per lui, in particolare durante le lezioni. Non poteva stare per più di 10 minuti senza correre in bagno a lavarsi le mani.

Gli dissi: “Non combattere con l’abitudine. Piuttosto, fallo coscientemente. Anzi, intensificala ulteriormente. Questo fine settimana, che non hai lezione, impegnati a lavarti le mani ogni 5 minuti anziché 10. Usa Google Calendar; fai in modo che ogni 5 minuti ti arrivi una notifica sul telefonino per ricordarti che ti devi lavare le mani “.

Disse: “Cosa mi stai dicendo? Sono già abbastanza nei guai così. Se io stesso cerco di lavarmi le mani ogni 5 minuti, allora per me sarà la fine”.

Così gli dissi: “Hai provato continuamente per anni a non lavarti le mani e non hai risolto nulla. Adesso prova il contrario. Guarda. Comincia stanotte stessa. Programma le notifiche in modo da costringerti ad alzarti ogni 5 minuti per lavarti le mani”.

Era molto scettico a riguardo. Eppure e ci ha provato e, come volevasi dimostrare, non riuscì più a lavarsi le mani al di fuori dei contesti in cui è opportuno farlo. Tornò da me e disse: “Che cosa è successo? Cosa mi hai fatto? È un miracolo! Già la prima notte ho dovuto spegnere il telefonino per zittire tutte quelle maledette notifiche. E ora riesco a lavarmi le mani solo prima di mangiare o prima di andare a dormire”.

Riporta la mente nell’istante

Nel momento in cui porti la tua vigilanza a qualsiasi abitudine meccanica, essa si ferma, perché un’abitudine meccanica si nutre della tua incoscienza. La sola forza di volontà non lo farà. La consapevolezza sì! E ricorda la differenza: nella forza di volontà inizi a combattere con l’abitudine e, se provi a combattere con l’abitudine, la stai accettando. Quando dico di farlo coscientemente, intendo di non combatterla. Dagli il tuo pieno sostegno; non essere “anti” essa.

Stai camminando per strada: dai il massimo sostegno alla tua camminata. Sii un tutt’uno con essa; sii consapevole di ciò che sta accadendo. Ora la gamba sinistra, poi la destra. Senti ogni istante coscientemente. Rimani nel momento; non permettere alla tua mente di spostarsi da un’altra parte. Se la mente si muove a causa di vecchie abitudini, riportala di nuovo nell’istante. Non sentirti frustrato. Se la mente si muove, non dire: “È impossibile. Non posso farlo “- no! Riporta la tua mente di nuovo nel momento. Riprova e prima o poi inizierai a sentire alcuni istanti, per quanto rari siano, in cui assaggerai la sensazione del presente. Scoprirai il presente! E quando senti il ​​presente, sei vicino alla porta dell’Esistenza. Puoi contarci.

Resta nel presente

Resta solo nel presente. Puoi anche capirlo intellettualmente; potresti anche sentire che è giusto. Ma la sola comprensione intellettuale non basterà. Piuttosto, potrebbe essere un inganno; potrebbe rivelarsi un inganno. Dovrai FARLO! Il solo pensare non è di aiuto.

Sei sdraiato sul tuo letto; stai semplicemente andando a dormire: senti questo stato di abbandono sul letto. Senti il ​​tocco del letto, il tocco delle lenzuola e i suoni tutt’intorno, i rumori del traffico o qualunque cosa stia succedendo lì. Sentilo! Sii lì; non pensare, ti basta sentire. Sii nel presente. E in quello stato di sensazione, cadi nel sonno. Avrai meno sogni quella notte; avrai un sonno più profondo. Al mattino, avrai un fresco risveglio.

Quando al mattino senti per la prima volta che il sonno è in procinto di svanire, non saltare fuori dal letto. Rimani lì per cinque minuti. Senti di nuovo le lenzuola, il calore, o la pioggia che cade sul tetto, il traffico che è iniziato di nuovo, o il mondo che si sta risvegliando, il rumore, gli uccelli che cantano – sentili per cinque minuti. Non affrettare il giorno. Sii con il mattino. Altrimenti il ​​tuo sonno sarà spezzato, e ti sarai precipitato e spostato nel futuro.

Per cinque minuti, sii lì. Non muoverti così velocemente: non c’è fretta. Questi cinque minuti diventeranno meditativi. Questi momenti al mattino e alla sera sono i momenti migliori. In quel momento è molto facile avere la sensazione del presente.

Qualunque cosa può diventare meditazione

Il momento di addormentarsi è un momento molto vulnerabile e allo stesso tempo ricettivo. Sii sensibile a tutto ciò che ti circonda. Non pensare. Senti e basta! Il sentire è sempre nel presente, mentre il pensare non è mai nel presente. Quindi al mattino, quando la mente è fresca dopo una notte di sonno e il corpo è rilassato, senti per cinque minuti e poi esci dal letto. Ma rimani consapevole che stai uscendo dal letto. Segui ogni passo con piena consapevolezza. Al mattino è molto facile. Nel pomeriggio non sarà così facile; la sera diventerà più difficile.

Vai in bagno e fai una doccia: SENTI! Senti l’acqua della doccia che ti cade addosso, senti ogni goccia cadere su di te. Dimentica tutto il resto. Resta solo sotto questa doccia e senti il ​​presente.

Anche il bagno del mattino può diventare una meditazione profonda. Quando l’acqua ti cade addosso, puoi avere una profonda comunione con la natura. Rimani lì per alcuni minuti, quindi provare a continuare con questa sensazione. Stai facendo colazione e mangi: prova a continuare. Sarà sempre più difficile, ma continua a provare. Verrà presto un momento in cui potrai passare tutto il giorno nel presente. E una volta che questo accadrà, saprai cos’è il silenzio.

La terza dimensione della quiete

Nell’articolo precedente abbiamo parlato di due dimensioni della quiete. C’è anche una terza dimensione, e sarà bello scoprirla. Una è il silenzio rispetto al suono. Questa è una dimensione: silenziosità. La seconda è silenzio rispetto al movimento; questa è assenza di movimento. E la terza è il non-essere rispetto all’ego – assenza di ego. La terza è la più profonda.

Se non smetti di essere, non puoi stare fermo. Tu sei il problema, tu sei il rumore, tu sei il movimento. Quindi, a meno che non dissolvi completamente l’ego, non puoi raggiungere la quiete perfetta.

Continuiamo a pensare che siamo, che “io sono”. Ma questo “io” è una cosa terribilmente falsa. E a causa di questo io che si creano molte malattie; per questo io, continui ad accumulare il passato; per questo motivo, continui a pensare di ripetere i piaceri passati. Tutto il resto incombe su questo io – il passato, il futuro, i desideri.

Ecco allora una cosa che possiamo fare per entrare nella terza dimensione della quiete: ogni volta che hai tempo, ogni volta, prova a scoprire dove sei.  Stai viaggiando in treno: chiudi gli occhi; prova a scoprire dove sei. Nel corpo? Nella mente? Dove? Esplora con una mente aperta. Ti basta scoprire dove sei. Seduto sotto un albero o semplicemente sdraiato nel tuo letto, ogni volta che hai qualche momento per chiudere gli occhi, chiudili – e poniti la domanda: “Dove esiste ciò? Dov’è? Dove sono? ”

Puoi trovare l’ego?

Vai in ogni angolo all’interno, cerca con una mente aperta e non ti troverai da nessuna parte. Troverai un’esistenza silenziosa. Ma senza l’io. E non pensare che sia molto difficile. Non lo  è! Anche se chiudi gli occhi e cerchi di scoprire “Dove sono?” Non lo scoprirai. Troverai molte altre cose. Il tuo cuore batterà, il tuo respiro sarà lì, troverai molti pensieri fluttuanti nella mente. Puoi trovare molte cose. Ma non troverai alcun io, nessun ego lì.

L’ego è solo una nozione collettiva – proprio come “società”, come “nazione”, come “umanità”. Non puoi trovarle da nessuna parte.  Nessun gruppo sarà trovato – solo individui. “Gruppo” è solo un nome per una collettività. Chiamiamo molti alberi una foresta. Non esiste foresta, solo alberi, alberi e alberi. Se entri, troverai alberi e la foresta scomparirà. Questo io è solo un nome collettivo. Sei un gruppo. Solo un composto, una cosa collettiva. Sei molte cose, ma non l’io. Entra e scoprilo.

Quindi in questa terza dimensione c’è il non-essere o assenza di ego. Quando si scopre che l’io non è, ce non esiste, allora accade il silenzio. Non puoi essere teso, non puoi essere in movimento, non puoi essere in un profondo rumore interiore se non c’è ego. L’intero spettacolo è ritirato.

Riuscire a dubitare di se stessi

Invece cosa stiamo facendo? Ogni momento facciamo cose per nutrire questo io – per dargli più forza, per dargli più energia, per dargli più carburante. Stiamo provando ogni momento a sostenerlo. È una nozione falsa, ma continuiamo a mantenerla. Puoi continuare a crederci e creare situazioni in cui diventa più facile crederci. Ma una credenza non è un dato di fatto.

Ognuno è un credente dell’ego. E’ sorprendente! Le persone dubitano di tutto. Addirittura c’è qualcuno che dubita che la terra sia rotonda. Persino queste persone continuano a credere nel loro ego senza cercare di scoprire se qualcosa del genere esiste. Questo è un miracolo. Riusciamo a dubitare di tutto ma non riusciamo a dubitare di noi stessi. E a meno che non dubitiamo di noi stessi, non possiamo diventare realmente spirituali. Solo quel dubbio può frantumare l’ignoranza. Un uomo veramente spirituale nasce dubitando del proprio ego e dubitando di se stesso.

Lo diamo per scontato. Non ci chiediamo mai se l’io esiste o no. E se qualcuno ci rende consapevoli che non esiste, è un nemico. Gli amici sono quelli che ci aiutano ad essere più forti. La nostra famiglia, la nostra società, la nostra nazione, tutti ci aiutano a essere centrati nel nostro ego. Ma la consapevolezza ti detronizza. Sei messo giù dal tuo piedistallo: non sei più questo io. E se non lo sei, sarai in un abisso profondo di quiete – senza fondo, infinito – perché questo io è il disturbatore, è la malattia, questo io è il fastidio. Questo è il problema.

Che cosa si può fare?

Puoi meditare su di esso senza preconcetti. Ogni volta che hai tempo, chiudi gli occhi, entra e scopri dove sei. E presto ti imbatterai nel fatto che esisti come parte dell’Esistenza infinita, non come un’isola separata. Nessun uomo è un ‘isola. Siamo parti di un continente infinito. L’io ti dà la falsa idea di essere un’isola, e quindi ogni problema viene creato. L’io è il piantagrane. Ogni violenza, guerra, crimine, ogni follia, è creata da questo io. Continuiamo ad aggrapparci ad esso. Questo aggrapparsi ostinato deve essere fermato.

Devi sradicarti dal tuo io. Nessun altro può farlo e nessuna pratica yoga ti aiuterà, perché se continui a praticare senza cercare questo io, allora qualunque sia la pratica, l’Io sarà rafforzato da essa.

Quindi accade che una persona che ha praticato molta austerità diventa un egoista in un modo più sottile. Sviluppa quello che si chiama “ego spirituale”. Diventa un picco di ego. Questo è un pericolo per tutti. Quindi non è solo la ricchezza, il prestigio o le cose e le proprietà mondane che possono diventare cibo per l’io. Anche la meditazione e la spiritualità possono trasformarsi in nutrimento per l’ego, se praticate senza prima constatare che non esiste.

Quindi, prima di entrare in qualsiasi percorso, prima di tutto, scopri se questo io esiste o meno. Solo allora il tuo percorso sarà spirituale. Altrimenti, qualunque sia il percorso, alla fine si rivelerà terreno, perché il tuo ego lo sfrutterà per alimentarsi.

Uscire dai sottili inganni dell’ego

La mente è così, l’ego è così: cercano di realizzarsi in ogni modo. Sottili sono i loro modi, persino folli, ma sottili. Se provi a fare qualcosa verso la spiritualità, l’ego può avvelenarla. Prima di entrare in quella dimensione, ricorda che non sei un ego. Se scopri per una volta che questo ego non è lì, allora tutto diventa spirituale e ogni cosa che fai diventa un percorso spirituale. Allora ovunque tu vada, andrai al Divino. Quindi ogni sentiero conduce al Divino. Con l’ego, nessuna via conduce al Divino. Con l’ego, anche se mediti otto ore al giorno, raggiungerai l’inferno.

Non puoi andare da nessuna parte perché l’ego è l’inferno. Senza l’ego, vai ovunque, persino all’inferno, e troverai il paradiso lì – perché senza l’ego, ovunque è il paradiso. L’ego è la causa principale di tutte le sofferenze.

Queste sono le tre dimensioni dell’immobilità: silenzio come assenza di suono, silenzio come non movimento della mente, silenzio come assenza di ego. Inizia con uno qualsiasi, e gli altri due seguiranno di lì a poco. Oppure puoi iniziare a lavorare su tutti e tre. Allora l’intero lavoro sarà veloce. Ma non continuare a pensare, perché pensare è un movimento, pensare è un rumore e pensare è un processo dell’io.

Smetti di pensare e inizia a fare. Solo facendo puoi salvarti, solo facendo puoi renderti esistenziale. Solo attraverso il fare c’è il salto e la liberazione.

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.