fbpx

La VERA storia dei due lupi

storia dei due lupi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram


Ascolta “La VERA storia dei due lupi” su Spreaker.

C’è un’antica parabola che potresti aver sentito. Dice così:

Un giorno un vecchio cherokee si siede con suo nipote per insegnargli i segreti della vita.

“C’è una lotta dentro di me”, dice al ragazzo. “È una lotta terribile tra due lupi. Uno è malvagio: pieno di rabbia, gelosia, arroganza, avidità, dolore, rimpianto, menzogne, pigrizia e autocommiserazione. “

Continua: “L’altro è buono – è pieno d’amore, gioia, pace, generosità, verità, empatia, coraggio, umiltà e fede. Questa lotta infuria nei cuori di tutti, incluso te. ”

Il nipote pensa qualche minuto e poi chiede al nonno: “Quale lupo vince?”

Il vecchio Cherokee risponde semplicemente: “Quello a cui dai da mangiare di più”.

La versione originale di questa storia …

Nella versione originale della parabola, c’è un’altra conclusione interessante. Ecco come va:

Il nipote ci pensa qualche minuto e poi chiede a suo nonno: “Quale lupo vince?”

Il vecchio Cherokee risponde semplicemente: “Vincono entrambi se li nutri bene”.

“Vedi, se uno dei due lupi muore di fame, l’altro acquisirà un potere sbilanciato. Se scelgo di nutrire solo il lupo bianco, ad esempio, quello nero diventerà famelico e pieno di risentimento. Si nasconderà dietro ogni angolo e aspetterà che le mie difese si abbassino, quindi attaccherà. Sarà pieno di odio e gelosia e combatterà all’infinito il lupo bianco“.

“Ma se nutro entrambi, nel modo giusto, al momento giusto, vivranno fianco a fianco in armonia. Non ci sarà più battaglia interiore. Invece, ci sarà pace interiore. E quando c’è pace, c’è saggezza. L’obiettivo della vita, figliolo, è rispettare questo equilibrio poiché, quando vivi in ​​equilibrio, puoi davvero servire il Grande Spirito. Solo quando metti fine alla battaglia interiore, sei libero“.

Il significato della storia dei due lupi

La versione originale della storia dei due lupi: ha ovviamente più senso. Onora ciò che i taoisti chiamano yin yang – o il sacro equilibrio della vita. I buddisti si riferiscono ad esso come la Via di Mezzo (un percorso che abbraccia l’essere sia umano che divino).

Questo ci porta al significato essenziale della storia dei due lupi: è una parabola che è un insegnamento, un percorso e una ricetta in uno. Non solo ci insegna la natura di base dell’umanità e che la pace è alla nostra portata, ma prescrive anche l’azione più saggia da intraprendere e quindi ci dà un percorso da seguire.

Cosa facciamo con queste due forze apparentemente opposte dentro di noi? Come gestiamo il paradosso dell’essere sia divini che selvaggi ? Cosa facciamo con i nostri tratti “superiori” e “inferiori”?

La risposta è abbracciarli entrambi e cercare l’equilibrio – nutrire entrambi i lupi dentro di noi “nel modo giusto, al momento giusto”.

A differenza della versione travisata della storia, non stiamo andando agli estremi. Invece, stiamo percorrendo la Via di Mezzo, la via dell’armonia e quindi della pace.

Se ci pensi davvero, se la parte “buona” dentro di noi fosse veramente amorevole, perché dovrebbe ignorare, rifiutare e condannare la parte “cattiva” dentro di noi o, peggio, condannarla a morte? Non proverebbe compassione per quella parte e non vorrebbe aiutarla in qualche modo?

Come nutrire correttamente entrambi i lupi dentro di te

“Quando metti fine alla battaglia interiore, sei libero” leggiamo nella storia dei due lupi.

Quale vantaggio avremmo nell’essere separati interiormente e costantemente in guerra con noi stessi? Come possiamo ascoltare la nostra vocazione più elevata se siamo coinvolti giorno e notte in un tumulto interiore? Perché mostrare favoritismi solo a una parte di noi se quell’altra, prima o poi, ci aggredirà divorata dalla gelosia?

Per fermare questa guerra interna, dobbiamo onorare entrambe le parti della nostra natura.

Questa filosofia riecheggia nella profonda e importante scoperta psicologica fatta dal famoso psichiatra svizzero Carl Jung. Jung afferma che possediamo tutti un lato oscuro, un Sé Ombra.

Il lupo nero = il sé ombra

Ognuno porta un’ombra dentro di sé la quale, se viene ignorata e repressa, diventerà sempre più nera e più densa.

– Carl Jung

Cosa succede quando reprimiamo (o spingiamo fuori dalla coscienza) qualcosa che ci fa arrabbiare o vergognare? Alla fine, tornerà e ci morderà ferocemente. Lo sappiamo tutti a livello istintivo. Pensala come un vulcano. Più magma viene trattenuto all’interno del vulcano, più aumenta la pressione in superficie. Prima o poi esploderà.

Lo stesso vale per noi umani: tutti pensiamo, sentiamo e facciamo cose che sono o vergognose agli occhi dei nostri genitori, respinte dai nostri pari o condannate dalla società. Questi tratti vengono sepolti dentro di noi per formare quello che chiamiamo il Sé Ombra . Ma solo perché sono sepolti e diventano inconsci non significa che scompaiano totalmente. In realtà, sono sempre lì che si celano sullo sfondo, in attesa di essere riconosciuti – proprio come il lupo ombra.

Il fatto è che dimentichiamo queste parti sepolte o le sopprimiamo, rifiutiamo, neghiamo e rinneghiamo attivamente . Dopotutto, se queste parti di noi ci mettono nei guai, ci fanno sentire turbati o inducono i nostri genitori a negarci il loro amore, perché diavolo dovremmo affrontarle? La cosa migliore non sarebbe continuare a bandirle e persino odiarle per il dolore che creano?

I pericoli dell’evitare il lupo nero

È lì che la storia dei due lupi entra in scena per insegnarci che evitare le nostre Ombre non è un’idea intelligente. Dopotutto: “Se scelgo di nutrire solo il lupo bianco, quello nero diventerà famelico e risentito. Si nasconderà dietro ogni angolo e aspetterà che le mie difese si abbassino, quindi attaccherà”.

Carl Jung lo esprime in un altro modo eloquente:

Più luminosa è la luce, più scura è l’ombra.

In altre parole, più attenzione dedichi dal tuo lato “buono”, più il tuo lato “cattivo” viene trascurato. Il tuo Sé Ombra crescerà in proporzione diretta al tuo lato più luminoso. Questa è fisica di base.

Guarda la terza legge di Newton che stabilisce:

Per ogni azione, c’è una reazione uguale e contraria.

Vuoi nutrire solo il tuo lupo bianco? Certo, bene. Ma sappi che anche il tuo lupo nero, il tuo sé omra crescerà. Non c’è modo di evitarlo.

Ci sono molti esempi tragici di persone in questo mondo che nutrono solo il lupo bianco al loro interno e ignorano il loro lupo nero. Pensa a tutti i sacerdoti apparentemente santi che molestano i bambini, i guru che entrano in scandali sessuali, gli insegnanti spirituali che abusano dei loro seguaci, personaggi pubblici religiosi che vengono colti in grandi reati e quelli che sembrano essere pieni di luce ma in realtà hanno un sadico lato oscuro.

Questa è una realtà triste, ma onesta.

Lavoro della luce e lavoro dell’ombra

Quindi, come nutriamo il lupo della luce e il lupo ombra dentro di noi?

Dobbiamo prestare attenzione a ciò che consiglia la storia dei due lupi:

alimentare entrambi nel modo giusto, al momento giusto.

Questo significa che, per nutrire il nostro lupo ombra, dovremmo uscire e diventare assassini perché la nostra famiglia ci ha fatto arrabbiare? No, certo che no!

Indulgere sul tuo lupo ombra non lo sta alimentando nel modo giusto, al momento giusto. Invece, sta privando il potere del tuo lupo di luce, trasformando il tuo lupo ombra in un ghiottone.

Saltare agli estremi non è la risposta.

Invece, dobbiamo trovare un modo per dare uguale attenzione (o “cibo”) a ciascuno.

Per fortuna, c’è un percorso che ci aiuta a creare questo equilibrio. È il percorso  della trasformazione interiore e del lavoro interiore . E possiamo dividere approssimativamente questo percorso in due parti: lavoro della luce e lavoro dell’ombra (sebbene entrambi si sovrappongano spesso).

Lavoro della luce

Il lavoro della luce ci insegna come nutrire il nostro lupo bianco interiore, la parte di noi che è naturalmente gioiosa, piena di speranza, empatica, gentile, onesta e amorevole. Il lavoro della luce implica imparare ad amare te stesso e connettersi con la tua vera natura (anima). Le pratiche possono includere lo sviluppo dell’intuizione, l’apprendimento della cura di sé, la pratica della gratitudine, l’autoipnosi, l’apprendimento dell’arte di lasciar andare, il collegamento con le guide spirituali, la guarigione del corpo, la meditazione e così via.

Il lavoro dell’ombra

Il lavoro dell’ombra, d’altra parte, ci insegna come nutrire il nostro lupo ombra. Quando pratichiamo il lavoro dell’ombra, ci apriamo per affrontare, fare amicizia e integrare il dolore (ombre) che troviamo in noi. Le pratiche possono includere l’esplorazione di credenze fondamentali tossiche, il lavoro sul bambino interiore, il recupero dell’anima , il collegamento con i nostri archetipi / parti interiori, il lavoro sulle ferite ancestrali, l’elaborazione del dolore, il rilascio emozionale e così via.

Praticare allo stesso modo il lavoro della luce e dell’ombra ti permetterà di nutrire entrambi i lupi, creando così equilibrio, armonia, pace, gioia ed espansione spirituale nella tua vita.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: