fbpx

Come sono morta in una vita passata?

Una domanda comune che spesso mi viene posta è: “Come sono morto nella mia vita passata?” Ad esempio, una mia cliente ha raccontato che, durante la proiezione del film Titanic, dovette abbandonare la sala in preda ad una crisi di panico e di come odia stare in acqua. Due miei clienti nascondono i coltelli nelle loro case. Entrambi erano stati pugnalati a morte in un’altra incarnazione.

Il modo in cui le morti traumatiche di vite passate si manifestano nella tua vita presente è affascinante e spesso prevedibile. Molte persone che sono morte nelle loro vite passate durante le ore di oscurità si sveglieranno a una certa ora durante la notte. Coincide con il momento della morte originale e la loro anima teme che qualcosa di terribile accada di nuovo ora, il che le lascia in stato di allerta.

La morte in una piccola cella di prigione si manifesta nell’attuale incarnazione come paura di spazi chiusi come ascensori. Una caduta da un cavallo duecento anni fa potrebbe causare un’enorme paura dell’altezza. Una morte per disidratazione potrebbe portarti a comprare un secondo frigorifero e riempirlo con nient’altro che bottiglie d’acqua.

E a volte le corrispondenze non sono così evidenti. Ad esempio, l’emorragia mortale in passato è una delle principali cause di stitichezza nel presente.

Scoprire come sei morto in una vita passata può portare a una profonda guarigione. Le persone con dolore cronico al collo e alle spalle spesso sperimentano una guarigione totale dopo aver rivisitato una vita in cui sono state decapitate.

Quindi, se stai facendo la domanda: “Come sono morta nella mia vita passata?”, dai un’occhiata alle tue paure, alle tue convinzioni limitanti e alle aree del tuo corpo dove la tua anima conserva ancora i ricordi.

Paure fobie vite precedenti