Tre frutti dello stesso albero

trattamento-depressione-torinoRabbia, tristezza e depressione sono tre manifestazioni della medesima energia emotiva. Con la differenza che la rabbia non è un’emozione così negativa. Fa parte del quotidiano: viene e va. Non c’è nulla di sbagliato in un improvviso scoppio di rabbia, rivela semplicemente che sei vivo. Il problema si presenta quando la reprimi. L’emozione, essendo una forma di energia, non può essere distrutta ma si può solo trasformare in un’altra forma di energia. In questo caso la rabbia repressa si trasforma in tristezza.

Guarda le persone per la strada. Ti accorgerai che sono di due tipi. Uno è il tipo triste che si trascina con rassegnazione e l’altro è il tipo collerico pronto ad esplodere alla minima contrarietà. Ma non c’è molta differenza tra i due: la tristezza è rabbia passiva e la rabbia è tristezza attiva.

Osserva anche te stesso. Quand’è che diventi triste? Diventi triste in quelle situazioni in cui non ti puoi arrabbiare. Il tuo capo, tuo marito, tua moglie o un tuo parente si comportano da imbecilli. E tu non puoi dire loro in faccia cosa pensi, altrimenti rischi di perdere il lavoro, rovinare il tuo matrimonio o turbare un delicato equilibrio familiare.

Ma quella rabbia che stai reprimendo non scompare nel nulla: si trasforma in tristezza. E la tristezza, col passare del tempo, accumulandosi, cristallizza dentro di te trasformandosi a sua volta in depressione. La depressione è sempre l’epilogo di anni e anni di sopportazione passiva, centinaia di rospi trangugiati nel silenzio.

Ecco perchè ai nostri clienti affetti da depressione o sull’orlo di essa, indichiamo esercizi specifici per sfogare la rabbia repressa e uscire dalla morsa della tristezza. Solo in questo modo è possibile uscire indenni dalla depressione.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2017 - Associazione SPAZIOAZZURRO - C.F. 97813500010