L’ipnosi nello studio dentistico

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La paura del dentista (e la conseguente ipersensibilità al dolore) è un fenomeno universale che giustifica la crescente rilevanza delle tecniche olistiche e non farmacologiche per la sedazione.

La sedazione farmacologica è stata utilizzata sempre di più nel corso degli ultimi due decenni, al fine di alleviare l’ansia e affrontare la chirurgia orale del paziente in modo sicuro. L’ipnosi è uno strumento non farmacologico ancora sottoutilizzato ma potente in odontoiatria. Esso fornisce una sedazione efficace pur mantenendo la collaborazione del paziente, ma può anche aiutare i pazienti affetti da ansia, fobia o quelli con un forte riflesso del vomito.

Grazie all’ipnosi è possibile ridurre le dosi di anestetico durante gli interventi. Si è inoltre notato che, utilizzando l’ipnosi negli interventi di una certa importanza come estrazioni o impianti ossei, la cicatrizzazione delle gengive avviene in tempi molto più brevi, riducendo anche i rischi di rigetto in implantologia.