La notte oscura dell’Anima

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Dalla sofferenza sono emerse le Anime più forti; i personaggi più imponenti sono solcati da cicatrici

–  Khalil Gibran

Sebbene siamo tutti nati con l’Anima, non tutti sappiamo come incarnarla pienamente e integrarla nella nostra esperienza umana.  La verità è che nel nostro mondo moderno viviamo l’ego-centrismo piuttosto che l’Anima-centrismo.

Mistici, santi e sciamani nel corso della storia hanno fatto riferimento, in modi diversi, alla nostra lotta come esseri umani. Ma tutti hanno sottolineato la necessità per noi di crescere consapevolmente nel nostro potenziale divino.

Una di queste persone era San Giovanni della Croce , un monaco spagnolo che ha coniato il termine “Notte oscura dell’Anima” (” Noche Oscura ” dal nome di una delle sue poesie) basato sulla sua stessa esperienza mistica.

Oggigiorno, il concetto di Notte oscura dell’Anima, è stato utilizzato in un modo molto più ampio. Quello che una volta era un termine riservato alle persone che attraversavano attivamente un Viaggio Spirituale, ora è arrivato a etichettare facilmente qualsiasi cosa, da pochi giorni brutti a un periodo di depressione, fino alla morte di una persona cara.

Ma cos’è veramente la notte oscura dell’anima?

Innanzitutto, inizieremo con una definizione di base:

Qual è la notte oscura dell’anima?

La notte oscura dell’anima è un periodo di assoluta desolazione spirituale, disconnessione e vacuità in cui ci si sente totalmente separati dal Divino. Coloro che sperimentano la Notte Oscura si sentono completamente persi, senza speranza e consumati dalla malinconia. La Notte oscura dell’Anima può essere paragonata a una grave depressione spirituale.

7 presagi che annunciano la Notte oscura dell’Anima

Io sono una selva e una notte di alberi scuri, ma chi non ha paura delle mie tenebre troverà anche pendii di rose sotto i miei cipressi.

– Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra

” Qual è la differenza tra la notte oscura e la depressione?” Potresti ancora chiedertelo.

Già nel XVI secolo, lo stesso San Giovanni della Croce trovava molto complesso distinguere la Notte oscura dalla semplice malinconia (depressione).

Dopo tutto, i sintomi della Notte Oscura dell’Anima non sono così diversi dalla depressione. Ma, mentre la depressione è psicologica / neurologica / biologica, la Notte Oscura annuncia un profondo cambiamento all’interno, noto come trasformazione spirituale.

Ecco 7 “presagi” che potresti attraversare una notte oscura dell’anima:

  1. Senti un profondo senso di tristezza, che spesso sfiora la disperazione (questa tristezza è spesso innescata dallo stato della tua vita, dall’umanità e / o dal mondo nel suo complesso)
  2. Senti un acuto senso di indegnità
  3. Hai la costante sensazione di essere perduto o “condannato” a una vita di sofferenza o di vuoto
  4. Hai una dolorosa sensazione di impotenza e disperazione
  5. La tua volontà e il tuo autocontrollo si indeboliscono, rendendo difficile per te agire
  6. Ti manca interesse e non trovi gioia nelle cose che una volta ti hanno entusiasmato
  7. Desideri ardentemente qualcosa di intangibile che senti di aver perso; il desiderio di un posto lontano o di “tornare a casa”

L’ultima differenza tra la depressione e la notte oscura dell’anima è che la depressione è solitamente auto-centrica, mentre la notte oscura è di natura filosofica ed è accompagnata da riflessioni esistenziali come “Perché sono qui?” E “Qual è il mio scopo?”

Inoltre, quando termina la depressione, non ci sono molti cambiamenti nella tua vita in termini di convinzioni, valori e abitudini. Al contrario, quando termina la Notte Oscura dell’Anima, tutto nella tua vita viene trasformato e la vita diventa di nuovo meravigliosa.

Perché la sofferenza è necessaria

La tensione e l’ansia sono necessarie nel processo di maturazione spirituale. In altre parole, è l’attrito dentro di noi che fa sì che lo specchio della nostra Anima sia abbastanza lucido da farci intravedere la nostra vera natura.

Sento spesso persone parlare della Notte Oscura come di un problema leggero che devono “aggiustare”, o qualcosa che hanno “passato” molto tempo fa che ora è finita, grazie a Dio. Ma quello che queste persone pensano sia stata una Notte Oscura, potrebbe essere solo un assaggio dell’oscurità dentro di loro, specialmente quando parlano orgogliosamente di essa come se fosse un distintivo d’onore.

Una vera notte oscura dell’anima lascia un impatto duraturo su di te – ti cambia completamente. Quando esci da una Notte Oscura, scopri sempre che qualcosa ti è stato tolto (in meglio), come le tue rigide convinzioni, le tue percezioni, la tua precedente concezione della vita o anche, in rari casi, il tuo ego. Nessuna creatura può raggiungere un grado più elevato d’evoluzione senza cessare di esistere.

Hai mai visto una farfalla iniziare ad emergere dal suo bozzolo? Deve lottare per rafforzare le sue ali. Se qualcuno libera la farfalla dal suo bozzolo prematuramente, non sarà più in grado di volare perché il suo cruciale stadio di tempra non si è compiuto.

Lo stesso vale per gli alberi. Gli alberi hanno bisogno di vento per costruire la loro forza strutturale per stare in piedi.

La tua notte oscura dell’anima è il tuo vento, il tuo bozzolo; è una morte dell’ego per cui perdi l’ego che ti impedisce di incarnare la tua Anima.

Se cerchi di evitare il duro lavoro per “cessare di esistere” e per abbattere le tue vecchie strutture di confinamento, non avrai ciò che serve per incarnare veramente la tua natura essenziale.

La notte oscura e il processo di risveglio spirituale

Come esseri umani, la prospettiva del cambiamento viene evitata e contrastata perché è un territorio sconosciuto. Pertanto, lo temiamo. Per questo motivo, abbiamo bisogno di un risveglio spirituale .

Ci sono tre modi in cui i Risvegli Spirituali possono accadere: il primo è per mano di saggi maestri spirituali, il secondo è attraverso la spinta spirituale di persone profondamente mature, e il terzo è spontaneamente innescato all’esperienza di vita.

I risvegli spontanei arrivano in diversi modi: una diagnosi terminale, la vecchiaia, un’esperienza di pre-morte, un incidente fisico, la perdita di una persona cara, la rottura di una relazione romantica, l’allontanamento dalla tua casa o patria, oppure la completa perdita della tua fede religiosa.

La notte oscura dell’anima è un araldo, un presagio di cambiamento. Ci fa sapere che non possiamo continuare a vivere come abbiamo vissuto. Non c’è crescita, nessun risveglio nella vita senza prima vedere e riconoscere la nostra delusione esistenziale.

Riconoscere la nostra delusione significa prendere coscienza del profondo senso di “incompletezza” che tutti noi portiamo; significa prendere coscienza che qualcosa manca disperatamente nelle nostre vite.

Coloro che hanno vissuto o stanno vivendo una Notte Oscura dell’Anima, sentono che qualcosa di fondamentale si è sfocato o è completamente carente nelle loro vite. Coloro che attraversano una Notte Oscura sentono che è possibile fare molto di più nelle loro vite, anche se non sanno esattamente cosa sia quel “molto di più”.

Uno dei motivi comuni per cui le notti oscure si verificano e si prolungano è dovuto a esperienze mistiche o brevi scorci del divino, che gli insegnanti spirituali spesso chiamano “grazia” o samadhi.

Subito dopo, la persona “perde” questa esperienza, ed è nuovamente immersa nell’infelicità. Questo è chiamato “effetto alone”, il “dopo bagliore” o ciò che i Sufi definiscono “sobrietà dell’unione”.

Perché si verifica l’effetto alone? Succede a causa del netto contrasto tra il Sé Divino riscoperto e il ritorno al proprio io identificato, sconvolto e tormentato. Alla persona spiritualmente matura, l’effetto alone crea le basi per un futuro incontro con il trascendentale.

Tuttavia, per il ricercatore meno preparato, lo sguardo nel Divino suscita ancora più angoscia quando vecchie abitudini, ossessioni, pensieri e comportamenti riappaiono. Ora, una tale persona si rende conto di avere davanti a sé un lungo, complesso ed impegnativo compito di purificazione e trasformazione.

In Alchimia, questa esperienza viene chiamata “solutio”: tutte le vecchie cedenze, idee, schemi, abitudini ecc., si fondono nel crogiuolo dell’introspezione per poi coagularsi nell’opportunità di un nuovo inizio.

La soluzione alla sofferenza e alla disconnessione dal Divino, può provenire da qualsiasi metodo per rimuovere, spostare, dissolvere o rielaborare vecchi frammenti della tua vita in modo da poter ricominciare da capo.

In sostanza, la notte oscura è un processo di eliminazione della vecchia casa per andare alla ricerca di una nuova. Comprensibilmente, questo processo richiede un enorme salto di fede verso l’ignoto, che può arrivare ad un ritmo abbastanza improvviso e spaventoso.

Se pensi di poter attraversare questo viaggio, è importante capire che molti di noi ci sono passati. Molte persone lo stanno ancora attraversando. Non c’è nessuna mappa, c’è solo il barlume tremolante della tua Anima per illuminare la strada.

Spero che il nostro lavoro possa incoraggiare, incoraggiarti e sostenerti se stai intraprendendo questa discesa nel tuo mondo sotterraneo.

Meditazione della notte oscura

Mentre ogni esperienza della notte oscura dell’anima è diversa, l’unico filo conduttore è che è un percorso di iniziazione. Sei nell’oscurità in modo che tu possa capire cos’è la Luce. Sei disconnesso in modo da poter sapere qual è la connessione. Sei perso in modo da poter ritrovare la strada di casa.

Se queste spiegazioni della Notte Oscura non entrano in risonanza con te, per favore vai avanti e scartale. Io non sono qui per dirti quello che la notte oscura dell’anima dovrebbe  significare perché, in ultima analisi, si deve capirlo da soli. Devi essere tu a dare significato alla tua esperienza. Posso solo offrirti la mia comprensione.

Se hai letto fino a questo punto, probabilmente stai cercando aiuto aggiuntivo, e questo è completamente comprensibile. Tuttavia, la Notte Oscura dell’Anima è un’esperienza complessa e profonda e non può essere risolta leggendo una formula o un elenco di perle di saggezza. Ciò che  posso  offrirti, tuttavia, è una semplice meditazione che può darti un certo sollievo.

Quando riesci a raccogliere abbastanza energia (so quanto può essere estenuante e impoverente la Notte Oscura), prova a sperimentare la seguente meditazione sciamanica:

Trova un posto tranquillo e indisturbato. Se vuoi, metti in sottofondo una musica celestiale o rilassante per creare l’atmosfera. Sdraiati e chiudi gli occhi. Per un minuto o due concentrati sul tuo respiro. Senti il ​​tuo petto salire e scendere. Una volta che ti senti in contatto con il tuo corpo, sposta l’attenzione sulla creazione di un’immagine di te stesso che cammina attraverso una foresta buia. Immagina di guardare in alto per vedere i rami oscuri della foresta ottenebrare il cielo. Come senti la foresta? È fredda, calda, balsamica, umida o ghiacciata? Puoi odorare, sentire o assaporare qualcosa?

Mentre continui a camminare attraverso la foresta oscura, il percorso di fronte a te sembra infinito. L’atmosfera sembra mortale e malinconica. All’improvviso, un lupo bianco emerge dagli alberi. Ti guarda con occhi intelligenti e gentili e inizia ad accompagnarti mentre cammini. La tua sensazione di solitudine aumenta leggermente mentre ti diverti con la compagnia del tuo amico animale. All’improvviso, il lupo accanto a te si ferma e fissa intensamente gli alberi oscuri davanti a te. Tu guardi avanti ma non puoi vedere altro che ombre. Improvvisamente, il tuo compagno lupo alza la testa e lancia un ululato rumoroso e ossessionante.

I peli sulla sua nuca si drizzano. Subito dopo che il lupo smette di ululare, una luce bianca emerge lentamente dal profondo della foresta. All’inizio, la luce è piccola e simile a una puntura di spillo. Ma mentre ti avvicini, la luce diventa più grande e luminosa. Un sentimento di speranza inizia a riempirti.

Inizi a correre verso la luce. Ti accorgi che più velocemente corri, più la diventa grande. Più ti avvicini alla luce, più ti senti aperto ed espansivo. Prendi il tuo ritmo. La sensazione è inebriante. Lontano, dietro di te, il lupo bianco ulula di nuovo. Una sensazione di selvaggia libertà inizia a scaldarti dall’interno. Mentre continui a correre, la luce inizia a consumare la tua vista.

La foresta oscura comincia a svanire rapidamente. Mentre guardi in basso, noti che le gambe sono le gambe di un lupo – senza saperlo, hai vissuto una trasformazione totale – ed è liberatorio! Prendi il tuo ritmo, continui a correre e lanci un ululato forte. Il suono penetrante dell’ululato dissolve tutta la disperazione, la tristezza e l’oscurità lasciate dentro di te. L’ululato ti ha completamente purificato. Tutto ciò che rimane è pura luce, amore, speranza, potere e pace. Ti senti spazioso e aperto. Sei libero!

Goditi la sensazione di libertà per tutto il tempo che desideri. Quando sei pronto, muovi le dita delle mani e dei piedi e torna nella stanza. Ti potrebbe essere utile tenere un diario sulla tua esperienza.

Puoi registrare questa visualizzazione e riascoltarla, oppure chiedere a una tua persona di fiducia di leggertela dolcemente. Puoi anche cambiare la meditazione a tuo piacimento. È stata creata per portarti beneficio.

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.