Trascendere la sofferenza interiore in un mondo di contraddizioni

sofferenza-interiore
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Mentre sei in un certo stato d’animo, non puoi capire quello stato d’animo; sei così coinvolto in esso, sei così identificato con esso. Per comprendere è necessaria una distanza e, quando sei completamente preso da un’emozione o da uno schema di comportamento, non c’è distanza. Solo quando trascendi uno stato mentale, solo allora riesci a capirlo perché , in quel caso, si crea distanza sufficiente. Sei in disparte, separato. Puoi guardare ora, non sei più identificato con la condizione emotiva o con il comportamento. Adesso c’è una prospettiva.

Mentre sei innamorato non puoi capire l’amore. Potresti sentirlo, ma non puoi capirlo. Ci sei troppo dentro. Per capire, è necessario un certo distacco. Per capire devi essere un osservatore. Mentre sei innamorato, l’osservatore è perso. Sei diventato quell’emozione; sei un amante. Non puoi esserne testimone. Solo quando trascendi l’amore, quando sei illuminato e vai oltre l’amore, sarai in grado di capirlo.

La trascendenza

Un bambino non può capire cos’è l’infanzia. Quando, una volta adulto, perdi l’infanzia, allora puoi guardare indietro e capire. I giovani non possono capire cosa siano i giovani. Solo quando sarai diventato adulto e sarai in grado di guardare indietro, distante, sarai in grado di capirlo. Qualunque cosa può essere compresa a fondo solo con la trascendenza. La trascendenza è la base di ogni comprensione. Ecco perché succede ogni giorno: puoi dare consigli, buoni consigli a qualcun altro che è nei guai; se ti trovassi anche tu in quella stessa difficoltà, non potresti più dare quel buon consiglio a te stesso.

Quando qualcun altro è nei guai, hai spazio per guardare, osservare; puoi testimoniare. Puoi dare un buon consiglio. Quando sei nello stesso problema, non sei più così capace. Puoi esserlo solo se anche allora riesci a creare un certo distacco. Puoi esserlo se ti metti nelle condizioni di guardare il problema come se non fossi nel problema, ma fuori, in piedi su una collina a guardarlo dall’alto.

Qualsiasi problema può essere risolto se…

Qualsiasi problema può essere risolto se anche per un solo momento ne vieni fuori e lo osservi come testimone. La posizione da testimone risolve tutto. Ma mentre sei profondamente immerso in qualsiasi stato è difficile essere un testimone. Sei totalmente identificato. Mentre sei arrabbiato, diventi rabbia. Durante il sesso ti trasferisci completamente nell’azione. In quel momento, non esiste in te un solo atomo che non sia coinvolto nell’azione e nello stato emozionale

Una persona che sta guardando se stessa è come un albero su cui sono seduti due uccelli: un uccello che salta, si diverte, mangia, canta e un altro uccello che si siede sulla cima dell’albero guardando l’altro uccello .

Se riesci ad avere un sé testimone in cima che continua ad osservare dall’alto il dramma in cui sei l’attore; se qualcuno dentro di te può continuare a guardare questo dramma; se puoi trovarti in uno stato del genere in cui reciti sia come attore sul palco che come spettatore in platea; se puoi essere l’attore e il pubblico entrambi – allora, solo allora, si è cristallizzato in te il Testimone. Questa testimonianza ti renderà capace di conoscere, comprendere, di raggiungere la saggezza.

Qualunque cosa tu voglia capire…

Se vai da un maestro, egli può entrare nei dettagli profondi dei tuoi problemi, perché non è nel problema. Può leggerti dentro. Può mettersi nella tua situazione e rimanere ancora testimone.

Quindi, quelli che sono nel mondo non possono capire il mondo. Coloro che lo hanno superato, solo loro lo possono comprendere. Perciò, qualunque cosa tu voglia capire, vai oltre. Questo sembra paradossale. Qualunque cosa tu voglia sapere, vai oltre – solo allora otterrai la conoscenza. Muovendoti come addetto ai lavori in qualsiasi cosa potresti raccogliere molte informazioni, ma non diventerai mai saggio.

Puoi esercitarti momento per momento. Puoi fare entrambe le cose: essere l’attore e il pubblico, entrambi. Quando sei arrabbiato puoi spostare la mente. Questa è un’arte profonda ma, se ci provi, sarai in grado di comprendere.

Per un solo momento puoi essere arrabbiato. Quindi staccati, guarda la rabbia, la tua faccia allo specchio. Guarda cosa stai facendo; osserva cosa sta succedendo intorno a te; nota cosa hai fatto agli altri, come stanno reagendo. Cerca un momento, poi sii di nuovo arrabbiato, entra nella rabbia. Quindi, di nuovo, diventa un osservatore. Questo può essere fatto, ma è necessaria una pratica molto profonda.

Spostare gli ingranaggi della mente

Provaci. Mentre mangi, per un momento diventa il mangiatore. Divertiti, diventa il cibo, diventa il mangiare – dimentica che c’è qualcuno che può guardare. Quando ti sei trasferito abbastanza, poi per un solo momento allontanati. Continua a mangiare, ma inizia a guardare – il cibo, il mangiatore e tu che stai in piedi a guardarlo.

Presto diventerai efficiente e potrai spostare gli ingranaggi della mente dall’attore al pubblico, dal partecipante allo spettatore. E poi ti sarà rivelato che attraverso la partecipazione non si sa nulla; solo attraverso l’osservazione le cose vengono rivelate e conosciute. Ecco perché quelli che si sono distaccati dal mondo, pur rimanendo in esso, sono diventati delle guide. Coloro che sono andati oltre, sono diventati i Maestri.

E un Maestro può provare compassione per te, ma non può essere comprensivo, ricordalo. Cerca di capire la distinzione tra simpatia e compassione. La compassione proviene da una fonte superiore. Un Maestro può rimanere compassionevole verso di te. Ti capisce – che sei in difficoltà – ma non è comprensivo con te, perché sa che è per la tua mancanza di comprensione che sei in difficoltà, è a causa della tua identificazione con pensieri ed emozioni che stai soffrendo.

Compassione

Ha compassione; proverà in ogni modo ad aiutarti a uscire dalla tua sofferenza. Ma la tua sofferenza non è qualcosa con cui simpatizzerà. Quindi, in un certo senso sarà molto caldo, e per l’altro verso sarà molto freddo. Sarà caldo per quanto riguarda la sua compassione e sarà assolutamente freddo per quanto riguarda la simpatia.

E, di solito, se vai da un Maestro lo sentirai freddo – perché non sai cos’è la compassione e non conosci il calore della compassione. Hai conosciuto solo il calore della simpatia, e lui non è simpatico. Sembra crudele, freddo. Se piangi, non piangerà con te. Perchè se piangesse insieme a te, non ci sarebbe alcuna possibilità che un aiuto possa venire da lui a te. È nella stessa posizione. Non può piangere – e ti sentirai ferito: “Sto piangendo e rimane freddo come una statua, come se non avesse cuore.” Non può simpatizzare con te. La simpatia è dalla stessa mente verso la stessa mente. La compassione proviene da una fonte superiore.

Lui può guardarti. Sei trasparente per lui, completamente nudo; e sa perché stai soffrendo. Tu sei la causa e proverà a spiegarti la causa. E se riesci ad ascoltarlo, l’atto stesso dell’ascolto ti sarà di grande aiuto.

Sembra paradossale

Sembra paradossale; ma non lo è. Anche un Maestro ha vissuto come te. Se non in questa vita, allora in alcune vite precedenti. Si è mosso attraverso le stesse lotte. È stato impulsivo come te, ha sofferto come te, ha lottato come te. Per molte, molte vite era sulla stessa strada. Conosce tutta l’agonia, tutta la lotta, il conflitto, la miseria. È consapevole, più consapevole di te, perché ora tutte le vite passate sono davanti ai suoi occhi – non solo le sue, ma anche le tue. Ha vissuto tutti i problemi che qualsiasi mente umana può vivere, quindi lo sa. E li ha trascesi, quindi ora sa quali sono le cause e sa anche come possono essere trascese.

E ti aiuterà in ogni modo da farti capire che sei la causa delle tue miserie. Questo è molto difficile. Questa è la cosa più difficile da capire che “sono la causa delle mie miserie”. Questo colpisce profondamente; ci si sente feriti. Ogni volta che una persona ti dice che la causa delle tue miserie è qualcun altro, ti senti bene. E quella persona sembra simpatica. Se dice: “Sei un malato, una vittima e altri ti stanno sfruttando, altri stanno facendo danni, altri sono violenti”, ti senti bene. Ma questa bontà non durerà. È una consolazione momentanea e pericolosa, ha un costo molto grande, perché sta alimentando la tua causa di miseria.

La metà delle miserie scompare all’improvviso se…

Quindi quelli che sembrano solidali con te, in realtà sono i tuoi nemici, perché la loro simpatia aiuta a rafforzare la tua causa di sofferenza. La vera fonte di sofferenza, il tuo ego, è rafforzata. Ti senti bene e tutto il mondo ha torto – la miseria viene da qualche altra parte e tu provi un sollievo momentaneo.

Se vai da un Maestro, da una persona illuminata, egli è costretto ad essere duro, perché deve farti comprendere che tu sei la causa. E, una volta che inizi a sentire di essere la causa del tuo inferno, la trasformazione è già iniziata. Nel momento in cui lo senti, metà del lavoro è già fatto. Sei già sul sentiero; ti sei già spostato. Un grande cambiamento sta cominciando.

La metà delle miserie scompare all’improvviso una volta che hai capito di esserne la causa, perché non puoi più collaborare con esse. Quindi non sarai così stupido da continuare a rafforzare la causa che crea miserie. La tua collaborazione si interromperà. Le miserie continueranno ancora per un po’ solo a causa delle vecchie abitudini.

Anche se diventi vigile, il modello abituale ti costringerà per un po’ a muoverti nella stessa direzione. Ma non può persistere a lungo; l’energia non c’è più. Può continuare come un modello morto, ma a poco a poco appassirà. Ha bisogno di essere nutrito ogni giorno, ha bisogno di essere rinforzato ogni giorno per mantenersi. La tua collaborazione è necessaria continuamente.

Comprendere

Una volta che ti alleni a comprendere che sei la causa delle tue sofferenze, la cooperazione è caduta. Quindi tutto ciò che ti dico è solo per farti allertare di un singolo fatto – che ovunque tu sia, qualunque cosa tu sia, tu ne sia la causa. E non essere pessimista al riguardo, questo è in realtà una buona notizia. Perchè se qualcun altro fosse la causa, allora non potresti fare nulla.

Quindi non sentirti senza speranza. Più rendi gli altri responsabili della tua vita, più sei uno schiavo. Se dici “Mia moglie mi sta facendo arrabbiare”, allora sei uno schiavo. Se dici che tuo marito ti sta creando problemi, allora sei una schiava. Anche se tuo marito crea problemi, hai scelto quel marito. E tu volevi questo problema, questo tipo di problema – è la tua scelta, anche se molto probabilmente è stata una scelta incosciente. Se tua moglie o tuo marito sta facendo della tua vita un inferno, hai scelto questa moglie / questo marito.

Nessuno può incolpare nessuno. E non sta solo accadendo, è una scelta. Un particolare tipo di uomo sceglie un particolare tipo di donna. Non è un caso. E sceglie per motivi particolari. Se questa donna muore, sceglierà di nuovo lo stesso tipo di donna. Se divorzia da questa donna, sposerà di nuovo lo stesso tipo di donna.

Le scelte

Puoi continuare a cambiare mogli e mariti ma, a meno che il partner non cambi non ci può essere un vero cambiamento – cambiano solo i nomi – perché le scelte ricadranno sempre sullo stesso tipo di persona. Ti piace un viso particolare, ti piace un naso particolare, ti piacciono gli occhi particolari, ti piace un comportamento particolare.

E questa è una cosa complessa. Se ti piace un naso particolare, è perché un naso non è solo un naso. Trasporta rabbia, trasporta ego, trasporta silenzio, trasporta pace, trasporta molte cose – se ti piace un naso particolare, potresti apprezzare una persona che può costringerti ad arrabbiarti. Una persona egotista ha un diverso tipo di naso. Potrebbe sembrare bellissimo. Sembra bello solo perché sei alla ricerca di qualcuno che possa creare un inferno intorno a te. E prima o poi le cose seguiranno in tal senso. Potresti non essere in grado di connetterti, potresti non essere in grado di collegarti. La vita è complessa e tu sei così coinvolto in essa che non riesci a connetterti. Sarai in grado di vedere solo quando trascendi.

Andare oltre i problemi umani

È proprio come quando voli in aereo sopra una grande città. Appare l’intera città, l’intero schema. Se vivi a Roma e ti muovi per le strade, non puoi guardare l’intero schema. L’intera Roma non può essere vista da coloro che vivono a Roma. Può essere vista solo da coloro che volano sopra. Quindi viene visualizzato l’intero modello. Trascendere significa andare oltre i problemi umani. Quindi puoi entrare e vedere.

Quando cominci a guardare attraverso le persone ti accorgi che, qualunque cosa facciano, non sono consapevoli di ciò che stanno facendo. Si rendono conto solo quando arrivano le conseguenze delle loro azioni. Continuano a far cadere il seme nel terreno; non sono consapevoli.

Una volta capito che sei la causa, ti sei spostato sul percorso. Ora molte cose diventano visibili e possibili. Ora puoi fare qualcosa per il problema che è la tua vita. Puoi cambiarlo. Solo cambiando te stesso, puoi cambiare.