fbpx

Risveglio spirituale e depressione: due facce della stessa medaglia

Risveglio spirituale depressione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ancora una volta, parliamo di risveglio spirituale e dei sintomi psicofisici che possono accompagnarlo, tra cui la depressione. Trovo quanto mai necessario affrontare questo argomento specifico perché, ovviamente, quasi nessuno cerca risposte quando si trova nella fase di beatitudine del risveglio spirituale ma, quando si cade in quella che possiamo definire “depressione spirituale”, il discorso cambia.

E la questione ruota intorno ad un punto preciso che ho affrontato anche in altri articoli: è l’ego che è depresso. Sono idee, attaccamenti, nostalgie, aspettative, rancori e così via che vengono presi dall’ego per scatenare la sua battaglia per la sopravvivenza. Ci tengo anche a sottolineare che stiamo parlando di quella parte dell’ego che lavora in base a degli automatismi.

L’ego può essere paragonato ad un processore che analizza tonnellate di informazioni fisiche, emotive, mentali e psichiche per capire cosa è importante e cosa non lo è per sopravvivere in questo mondo. Ovviamente tutto questo processo avviane in automatico e al di sotto della soglia della coscienza, è quindi inconsapevole. L’inconsapevolezza lavora nell’oscurità ed è auto-ignorante. Non ti rendi conto che puoi vedere la vita in modi diversi che sono spesso drammaticamente diversi da come percepisci la vita ora.

Questo fa parte del motivo per cui le persone possono cadere in una depressione spirituale. Più grande è il divario tra la Verità della vita e come tu e il tuo ego vi aspettate che vada, più è alto il rischio di diventare depressi. Inoltre, profondi cambiamenti interiori possono richiedere molta energia e la spossatezza che ne deriva può essere interpretata erroneamente come una sorta di stato depressivo. Quindi questa depressione post- risveglio spirituale può esprimersi in modi diversi e imprevedibili. Spero pertanto che questo articolo possa aiutarti a vedere con maggiore chiarezza attraverso il tuo processo di risveglio.

Se dopo la fase di beatitudine arriva la depressione, è l’ego che cerca di resistere

Spesso mi trovo nella necessità di mettere in guardia i miei Clienti sulla trappola di voler trattenere qualsiasi stato di consapevolezza. Tutte le esperienze umane vanno e vengono ma, con il risveglio spirituale, il desiderio di trattenere esperienze piacevoli o eventuali poteri psichici tende ad amplificarsi.

E perchè no? La beatitudine è bellissima. È un’esperienza straordinaria, indipendente, eccitante quasi quanto l’orgasmo e molto più duratura. Perché le persone non dovrebbero aggrapparsi a questa sensazione?

Perché aggrapparsi a qualsiasi cosa porta inevitabilmente sofferenza. La gioia di un’esperienza felice è nel momento. Lasciandola andare, permetti a te stesso di continuare a crescere e, poco a poco, la beatitudine e un nuovo livello di apertura amorevole si normalizzeranno per te. Quando qualcosa si normalizza, diventa il tuo stato di esistenza, una condizione dell’essere.

È come scalare una montagna. Ti senti euforico una volta arrivato a 2000 metri dopo aver iniziato a livello del mare. Ma se rimani lì per un po’, l’euforia svanisce. Non ti sembra più particolarmente alto. La stessa cosa avviene per la beatitudine: se la trattieni la tua evoluzione si ferma impedendoti di raggiungere lo stato finale dell’Essere.

Affrontare i tuoi problemi senza il consenso dell’ego

È una cosa così strana che qualcosa di così salutare, come il risveglio spirituale, riceva così tanta resistenza da parte nostra. Certo, questi sentimenti e sensazioni dolorose non sono divertenti, ma questa è una purificazione. Il veleno e i dolori tossici bloccati all’interno stanno affiorando. È meglio lasciarli salire e fare qualcosa per dissiparli. Questo crea spazio per più gioia, ma anche quella non dovrebbe essere una carota sul bastone per te.

Non c’è un obiettivo finale per il risveglio, e non c’è uno stato di beatitudine perfetta da raggiungere. Il perfetto stato di consapevolezza è quello che è qui e ora. Non c’è niente di più. È abbastanza semplice e, probabilmente, questo non piace all’ego ché ama tantissimo le complicazioni.

Molte delle ragioni per cui così tante persone amano la felicità e altre esperienze mistiche è perché stanno già soffrendo così tanto. In questo modo, molte persone usano spesso le esperienze piacevoli tipiche del sentiero spirituale come un balsamo per le loro ferite. È un altro “pannicello caldo” o un modo per mascherare o anestetizzare il dolore più profondo. Questi usi del sentiero spirituale sono estremamente temporanei e in definitiva inutili: il benessere è una conseguenza naturale della crescita spirituale e non va considerato un obiettivo.

Gli studenti peggiori che vengono da me sono in genere quelli che hanno già provato di tutto e ora si rivolgono a me per una nuova correzione perché le altre “droghe” spirituali non funzionano più. Ma il mio lavoro non consiste nell’aiutare le persone a far finta di non vedere le proprie ombre. Un vero aiuto spirituale consiste nel raschiare le incrostazioni emotive, a pulire i veleni e a trovare i proiettili del dolore conficcati nell’anima.

Fino a quando non avrai preso sia te che il tuo ego a bordo di questo viaggio, non ci sarà alcuna guarigione permanente. E continuerai a cercare sempre nuove tecniche, a frequentare corsi su corsi e qualsiasi altra cosa tu possa trovare per farti sentire bene e per nascondere il fatto che stai così male.

L’ego inconscio che scalcia e urla

La depressione spirituale si trova esattamente al centro sulla scala delle manifestazioni reattive dell’ego che scalcia e urla. Si trova al di sotto della letargia e dell’apatia spirituali, ma è al di sopra della notte oscura dell’anima. Puoi certamente muoverti verso la notte oscura tenendo duro per un po’. E, per essere onesti, se hai avuto traumi o altri abusi nella tua vita, puoi facilmente muoverti in quella direzione come parte della tua sacra guarigione.

Più diventa scuro, più è importante ottenere un supporto esterno. Tutti noi abbiamo capacità di guarigione innate e, attraverso la nostra connessione con il Divino, onoriamo gli aspetti umani di noi che hanno bisogno di sostegno e incoraggiamento. Non c’è vergogna o fallimento nel chiedere aiuto.

Può capitare, a volte, che l’oscurità si intensifica perché le persone si aggrappano a credenze. Oppure perché non si rendono conto che ciò che ritengono giusto non sempre coincide con ciò che funziona. Qui è bene considerare che l’oscurità e i demoni creati nella mente dall’ego non sono pericoli letali. Un vero pericolo è se qualcuno ti sta facendo del male fisicamente, non hai abbastanza da mangiare, non hai vestiti e riparo per sopravvivere all’inverno, e così via.

Di solito, l’ego si scatena perché pensi di dover abbandonare qualcosa o separarti da qualcuno, lasciar andare sostegni psicologici, credenze e convinzioni che hai considerato verità assolute magari per decenni e altri problemi decisamente tipici della nostra società. Non sto dicendo che questi cambiamenti siano facili. Sto dicendo che aggrapparsi a illusioni e convinzioni che non sono vere, ti causerà un dolore e una sofferenza inutili. Devono essere lasciati andare, non c’è teoria o argomentazione che tenga.

Accettare la grazia dentro di te

Ad un certo punto, se vuoi guarire e crescere, devi accettare questa grazia che sta bussando alla porta della tua anima. Molti di coloro che si sono risvegliati non si rendono conto di quanto sia incredibile questa opportunità. Essere confrontati sia con la tua luce che con l’oscurità allo stesso tempo può essere piuttosto opprimente, quindi coloro che si risvegliano spesso non sanno come gestire quest’esperienza. A volte ciò accade tutto in una volta. Anche se in molti casi c’è spazio tra i due: tra lo stadio di beatitudine e il passaggio nella tua oscurità interiore per abbracciarla e guarirla. Può anche andare al contrario, dove il lavoro viene prima, e ti sembra di essere immediatamente immerso nell’oscurità. Non c’è un percorso standard. Il risveglio spirituale è incredibilmente individuale.

Ma, indipendentemente dall’intensità e dalla potenza dell’esperienza, devi comunque fare una scelta consapevole. Se vuoi che la depressione spirituale finisca in modo sano, scegli il risveglio. Scegli la tua crescita spirituale. Impara a identificare le vecchie credenze che stanno causando così tanto turbamento e concentrati sulla realtà. Spesso noterai che stai bene nella tua realtà fisica. Quando questo è il caso, respira ancora più profondamente nella paura e nella depressione per vedere attraverso le bugie dell’ego che stanno creando sofferenze inutili. Alla fine rilascerai i sentimenti turbati e le sensazioni fisiche quando non crederai più all’idea che qualcosa non va.

La nascita di un ego cosciente

Come molti sanno, non si tratta di scatenare una guerra con l’ego. Non c’è niente da combattere, e chiunque sia in guerra con l’ego sta alimentando una dualità che non è fedele alla realtà. Non c’è niente da combattere. Se iniziamo a combattere qualsiasi aspetto di noi stessi, stiamo creando un nuovo ego inconscio per combattere un vecchio ego inconscio dando vita a una sequenza infinita di sciocchezze non necessarie nel lavoro spirituale.

L’ego cosciente è abbastanza semplice. Sa di essere inventato. Sa di avere dei limiti e che ci sono altri modi di vedere la vita. Sa che la vita è più grande di quello che è, che la vita non scorre secondo le sue idee e che non può essere spiegata con la sola razionalità. Sa che può essere lasciato cadere o rimodellato e l’ego cosciente sa che alla fine serve il Divino. E, oltre a questo, non ha bisogno di molti ornamenti.  Non ha bisogno di annunciarsi a nessuno o di evitare problemi. L’ego veramente cosciente non è un grosso problema. Un po’ come le tue gambe.

Quando le tue gambe funzionano bene, non ci pensi per niente. Ma se non funzionano bene, tutti i tipi di problemi emergono rapidamente. Le tue gambe sono estremamente importanti proprio come il tuo ego. Quando funzionano bene, sono invisibili e ti aiutano molto a muoverti nella vita. Sfortunatamente è l’ego automatico ad essere fuori allineamento con la realtà, facendo sì che le persone si muovano in modi malsani e talvolta folli. Spesso è solo quando arriva qualcosa come la depressione spirituale che possiamo anche iniziare a vedere cosa sta facendo l’ego automatico e come ci fa sentire. Allora possiamo accendere la luce.

Mentre guariamo questi luoghi oscuri e dimenticati, creiamo un ego cosciente, che si fonderà nell’invisibile con una netta differenza. Sappiamo che è lì e sappiamo come rimodellarlo. E quel tipo di potere personale è il vero potere: quel vero potere può aiutarti a liberarti da qualsiasi depressione spirituale.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: