fbpx

Cosa serve per essere veramente liberi?

Vite passate libertà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Molte delle persone che chiedono il mio sostegno sono così assuefatte alla sofferenza radicata in un’area della loro vita che credono sia impossibile cambiarla. In effetti, paradossalmente, la sofferenza è una delle cose a cui è più difficile rinunciare. È come se si avesse, in qualche modo, paura di sentire la mancanza di quel disagio una volta superato.

Quando qualcuno trova il coraggio di mettersi in gioco e apprende cosa è successo in una vita passata che non è ancora stato risolto, il sollievo è liberatorio. Devi essere disposto a lasciare andare ciò che è “normale” per avere l’opportunità di sperimentare un’incredibile libertà. Quella libertà che deriva dall’intuire ciò che sei destinato ad essere in questa vita.

I problemi irrisolti della vita passata influenzano le carriere

Giorgio era sposato con una bellissima famiglia. Era stato cresciuto da genitori amorevoli e adorava le sue due sorelle. Era il suo lavoro, in realtà, a procurargli forti malesseri. Nonostante fosse titolare di un’attività ben avviata, aveva un bruttissimo rapporto con il denaro caratterizzato da una profonda sensazione di non meritarselo.

La regressione a vite precedenti ha rivelato che dietro questo conflitto c’era un evento importante di un’altra vita. Anche nella vita precedente Giorgio dirigeva  un’attività. Ma un giorno un incendio distrusse tutto. Al verde e senza casa, accettò con gratitudine un prestito da un altro uomo d’affari per rimettersi in piedi. Ma contrasse una malattia e morì prima di poter ripagare il debito.

Il senso di colpa che provava per questo lo accompagnava in questa vita, facendolo sentire in debito ogni volta che guadagnava del denaro. Una volta liberatosi dal karma di  “sentirsi in debito con chiunque gli dava dei soldi”, è stato in grado di amministrare la sua azienda con maggiore serenità in un ambiente favorevole.

…E  le dinamiche familiari

Quando ho incontrato Barbara, era al limite della depressione. I rapporti con due dei suoi figli erano amorevoli e sani, mentre con il suo terzo figlio, il maggiore, si scontrava praticamente ogni volta che si vedevano. Aveva letto tutti i libri e gli articoli che riusciva a trovare sulla creazione di solide relazioni con i figli senza alcun risultato.

“È sempre stato così fin da quando era bambino”, ha ammesso. “Per molto tempo, ho pensato che fosse solo perché era un ragazzo e c’erano tante sfumature del suo carattere che non capivo”. Ma suo figlio aveva ormai trent’anni e le cose non erano migliorate. Anzi, erano andate di male in peggio.

Ha confessato di sentirsi come se una regressione a vite precedenti fosse la sua ultima risorsa. Aveva paura che fosse in arrivo una rottura definitiva col figlio e sapeva che ciò avrebbe influenzato l’intera famiglia. Quello che abbiamo imparato quando ci siamo immersi nelle sue memorie ancestrali è che entrambi erano stati guerrieri in una vita passata. Si sono battuti l’un l’altro per tutta la vita adulta per una cosa o per l’altra: terra, controllo delle risorse, scelte religiose. Coesistere pacificamente non è mai stato possibile in quell’ambiente.

La rielaborazione di quei ricordi ha permesso di rilasciare questo modello di conflitto da quella vita precedente in modo che potesse avere una relazione pacifica con suo figlio in questa. Non molto tempo dopo il nostro incontro, Barbara mi ha scritto per condividere che le piccole sciocchezze che l’avevano destabilizzata oltre il limite ora non la infastidivano più. La sua disponibilità a rilasciare questa vecchia dinamica l’ha liberata non solo per amare suo figlio in un modo diverso, ma ha avuto un impatto positivo su tutta la famiglia.

Le relazioni sono influenzate dai vecchi legami

Enrica usciva con Gianluca da cinque anni quando è venuta a trovarmi nel mio studio. Stavano parlando di matrimonio, ma c’era qualcosa nella loro relazione che la preoccupava. Si sentiva responsabile per lui in un modo che non aveva mai sperimentato con nessun altro uomo.

“Mi sento spinta a prendermi cura di lui”, ha confessato. “So che a volte lo fa arrabbiare parecchio il modo in cui mi comporto, ma non riesco proprio a fermarmi.” La regressione ha rivelato una relazione da una vita passata in cui era stata la tata di Gianluca. Quando la madre di lui si è ammalata, Enrica le ha promesso che si sarebbe presa cura di suo figlio e lo ha fatto, allevandolo come se fosse suo.

Questo voto di una vita passata era arrivato pericolosamente vicino al sabotaggio di una relazione con qualcuno che Enrica amava molto. Il rilascio di quel legame le ha dato la possibilità di partecipare da pari a pari nella relazione e di essere veramente una partner invece di una madre surrogata.

La libertà è possibile

Abbiamo tutti delle situazioni nella nostra vita che offrono l’opportunità di scavare nelle nostre vite passate per trovare il sollievo che desideriamo. Ti meriti quella libertà!

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi regressiva dove farla
Ipnosi regressiva dove farla

Ipnosi regressiva dove farla? Sicuramente ti stai ponendo questa domanda da un po’ di tempo. Soprattutto per avere la certezza di trarre il beneficio massimo