fbpx

C’è conflitto tra essere se stessi ed essere consapevoli?

Consapevolezza-conflitto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Non c’è nessun conflitto, ma potresti crearne. Anche dove non esiste conflitto, la mente crea il conflitto, perché la mente non può esistere senza essere in conflitto.

Essere sciolti e naturali ti darà una consapevolezza spontanea. Non è necessario fare alcuno sforzo per la consapevolezza; seguirà come un’ombra. Se sei sciolto e naturale, arriverà. Non è necessario fare altri sforzi perché essere sciolti e naturali fiorisce automaticamente nell’essere consapevoli. Oppure, se sei consapevole, diventerai sciolto e naturale. Entrambi vanno insieme. Ma se provi per entrambi, creerai il conflitto. Non è necessario provare entrambi insieme.

Cosa significa quando dico: sii sciolto e naturale? Significa: non fare nessuno sforzo. Sii qualunque cosa tu sia. Se non sei consapevole, non essere consapevole perché è quello che sei nel tuo stato sciolto e naturale. Non essere consapevole. Se fai uno sforzo, come puoi essere sciolto e naturale? Rilassati e accetta qualunque cosa sia il caso e accetta anche la tua accettazione. Non muoverti da lì. Passerà del tempo prima che le cose si sistemino. In quel periodo transitorio, potresti non esserne consapevole perché le cose si stanno sistemando. Una volta che le cose sono sistemate e il flusso è naturale, sarai improvvisamente sorpreso. Inaspettatamente, una mattina ti accorgi che non c’è bisogno di fare alcuno sforzo.

Quando la consapevolezza diventa naturale

Oppure, se stai lavorando attraverso la consapevolezza – ed entrambi i metodi sono diversi, partono da punti di vista diversi – allora non pensare di essere sciolto e naturale. Lo risolvi semplicemente sforzandoti di essere consapevole. Ci vorrà molto tempo … quando la consapevolezza diventa naturale e non è necessario alcuno sforzo. A meno che questo punto non arrivi, dove non è necessario alcuno sforzo, la consapevolezza non è stata ancora raggiunta. Quando puoi dimenticare tutti gli sforzi ed essere semplicemente consapevole, allora l’hai raggiunta. Poi, automaticamente, troverai il fenomeno dell’essere sciolti e naturali. Vengono insieme. Succedono sempre insieme. Sono due aspetti dello stesso fenomeno, ma non puoi risolverli insieme.

È come se si stesse scalando una montagna. Ci sono molti percorsi; raggiungono tutti la cima, culminano tutti in cima. Ma non puoi camminare su due sentieri insieme. Se ci provi, diventerai matto e non raggiungerai mai la cima. Come puoi camminare su due strade insieme e sapendo bene che portano tutte alla stessa cima? Ma deve camminare solo in una. Alla fine, quando si arriva in cima, si scoprirà che tutti i sentieri culminano in essa. Per camminare scegli sempre un sentiero. Naturalmente, una volta raggiunto il traguardo, ti accorgerai che tutti i sentieri arriveranno allo stesso punto, alla stessa vetta.

Il ricordo di sè

Essere consapevoli è un diverso tipo di processo. Buddha lo seguì. Lo chiamava ricordo di sé o retta consapevolezza. In questa epoca un altro Buddha, George Gurdjieff, lo seguì; lo chiamava ricordo di sé. Un altro Buddha, Krishnamurti, continua a parlare di consapevolezza, vigilanza. Questo è un percorso. Tilopa appartiene a un altro percorso, il percorso dell’essere sciolti e naturali – senza nemmeno preoccuparsi della consapevolezza – semplicemente essere qualunque cosa tu sia, senza fare alcuno sforzo per alcun miglioramento. E vi dico, il punto di vista di Tilopa è superiore a quello di Buddha, Gurdjieff e Krishnamurti, perché non crea conflitti. Dice semplicemente: “Prima sii qualunque cosa tu sia”. Nemmeno lo sforzo spirituale … perché anche questo fa parte dell’ego. Chi sta cercando di migliorare? Di essere consapevole? Di ottenere l’illuminazione? Chi è questo dentro di te? – è di nuovo lo stesso ego.

Lo stesso Buddha ha chiamato l’illuminazione “l’ultimo incubo”. Illuminazione, l’ultimo incubo, perché è di nuovo un sogno… E non solo è un sogno, ma un incubo, perché tu ne soffri. Il punto di vista di Tilopa è il punto di vista finale. Se riesci a capirlo, non è necessario alcuno sforzo. Ti rilassi e sei semplicemente, e tutto segue da solo. Bisogna semplicemente non fare: stare seduti in silenzio, e arriva la primavera e l’erba cresce da sola.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Vite passate libertà
Cosa serve per essere veramente liberi?

Molte delle persone che chiedono il mio sostegno sono così assuefatte alla sofferenza radicata in un’area della loro vita che credono sia impossibile cambiarla. In effetti,

Ipnosi e yoga
L’ipnosi e gli Yoga Sutra di Patanjali

L’ipnosi e lo yoga sono associati a fenomeni simili come il rilassamento, le condizioni di super coscienza, l’acquisizione di maggior controllo sulle attività della mente,