fbpx

Come faccio a sapere se sono spiritualmente connessa all'universo?

Connessione con l'universo

Se ti sei mai sentita spiritualmente connessa all’universo, potresti chiederti se quella sensazione è “tutta nella tua testa” o se ha un vero significato.

La verità è che tutti noi abbiamo questo tipo di connessione. Non tutti la sentono – e pochissime persone la sentono tutto il tempo! – ma è sempre lì e lo è stata per molto tempo.

La nostra connessione con l’universo è molto più profonda di quanto potresti sapere. Attraversa la materia fisica di cui siamo tutti fatti e l’energia che sta alla base di tutto.

In effetti, ogni parte di te che esiste ora è esistita dall’inizio dei tempi. Esiste da eoni, creata in una supernova: l’esplosione di una stella.

La materia delle stelle

Al livello più semplice, praticamente tutto ciò che puoi vedere intorno a te in questo momento è composto dalla stessa materia.

Esistono pochissimi tipi di elementi in quantità notevole qui sulla Terra.

In effetti, il nostro pianeta, e tutto ciò che è su di esso, è praticamente azoto, ossigeno, idrogeno e carbonio. C’è molto poco di tutto il resto.

La nostra stella, il Sole, è composta interamente da idrogeno e un po’ di elio, ma la nostra stella non è molto grande rispetto ad altre nella galassia.

Esistono stelle molto più grandi, e le più grandi sono responsabili della creazione di tutti gli altri elementi che esistono qui sulla Terra e ovunque nel cosmo.

Quando quelle stelle bruciano il loro carburante, esplodono in una supernova.

Tutte quelle particelle che si sono fuse insieme all’interno vengono proiettate in tutte le direzioni e finiscono dappertutto.

Alcune particelle di quelle esplosioni sono arrivate qui sulla Terra ed esistono dentro di noi.

C’è quindi da meravigliarsi se senti una connessione con l’universo? È letteralmente una parte di te – ogni parte di te, in effetti – quindi sei connesso al livello fisico più profondo.

Ma questa nascita dalle stelle ti dà anche una connessione energetica.

Quelle particelle sono così strettamente legate l’una all’altra all’interno del calore e della pressione di una stella che si intrecciano energeticamente.

Gli scienziati lo chiamano “entanglement quantistico” o “azione spettrale a distanza”.

Le particelle delle stelle vengono lanciate in ogni direzione ma rimangono “in contatto” tra di loro, influenzandosi a vicenda in modi sottili anche se sono spesso a milioni di anni luce di distanza.

L’unità svanisce con la reincarnazione

La connessione tra le particelle nate nelle stelle non svanisce con la distanza nello spazio, ma piuttosto con la distanza nel tempo.

Il naturale deterioramento della connessione significa che, mentre ti reincarni da una vita all’altra, non porti con te lo stesso livello di connessione.

L’intreccio si indebolisce, così come la sensazione di far parte di qualcosa di molto più grande di te stesso.

Pertanto, è molto importante per noi rimanere consapevolmente connessi all’universo, altrimenti questo legame vitale con la creazione andrebbe perso.

Cosa significherebbe per te?

Significherebbe che non saresti più in grado di attingere all’unità dell’universo, incapace di cavalcare il flusso di energia che consente alla mente cosciente di ascoltare la saggezza dell’esistenza.

Le nostre abilità uniche come esseri di amore e luce verrebbero dimenticate, perse nelle sabbie del tempo.

O, almeno, quasi perse.

La prova che sei connesso spiritualmente all’universo

Ci sono modi sottili in cui possiamo vedere queste connessioni che esistono attraverso ognuno di noi. Le incontriamo ogni giorno.

Hai mai notato che l’universo ti manda dei segni? Probabilmente l’hai notato, anche se molte persone li ignorano e presumono che sia tutto nella loro testa.

Possono essere piccole cose come sequenze di numeri che noti ovunque tu vada.

Alcuni numeri hanno un significato specifico che puoi interpretare come una sorta di “messaggio”, ma altri si presentano solo per attirare la tua attenzione su alcuni aspetti della tua vita.

Ad esempio, il numero 11 è noto da tempo per rappresentare connessioni con la propria anima o fiamma gemella.

Altri segni possono essere molto più significativi ed evidenti.

Ci sono molti resoconti di persone che sono sfuggite a malapena al pericolo perché hanno notato uno schema o hanno avuto la “sensazione viscerale” che qualcosa non andava bene.

Potresti averlo sperimentato quando hai incontrato qualcuno per la prima volta e, nonostante sembrasse gentile, hai avuto una brutta sensazione. Più tardi, hai forse scoperto non era così gentile, dopotutto.

Il déjà vu è probabilmente il segno più comune e conosciuto.

Questo è quando un ricordo di una vita passata fa una breve apparizione nella tua mente, di solito per attirare la tua attenzione su qualcosa o fornire un avvertimento.

E, quando l’universo parla, dovresti ascoltare.

Trarre beneficio dalla connessione spirituale con l’Universo

Naturalmente, comunicare con l’universo non è una strada a senso unico. È una parte di te e tu ne sei parte. Quando parla, dovresti ascoltare. Quando parli, ti sente.

Vale la pena dedicare del tempo per esprimere la tua opinione, per dirgli cosa vuoi e come pensi di ottenerlo.

In questo modo contribuisci a portare i tuoi intenti nel mondo.

Questa si chiama manifestazione ed è fondamentale per la tua connessione spirituale con la creazione.

Coltivando la connessione, si aumenta il flusso di energia con il mondo intorno a te, contribuendo a plasmarla con la tua volontà.

Ricorda che funziona in entrambi i sensi: quando agisci con energia negativa fai emergere la negatività nel tuo ambiente.

Ma quando incarni l’energia positiva e ti applichi all’essere e al fare del bene, c’è un riscontro positivo dal mondo che ti circonda.

Questa è la base del karma: raccogliere ciò che semini.

Quindi, prenditi un minuto ogni giorno per parlare all’universo e guarda mentre le tue parole si propagano nei campi energetici e si manifestano nel mondo.