Storie di vite passate di una figlia e sua madre

Una donna aveva forti difficoltà con la madre – ogni interazione si faceva ostile: madre e figlia erano predisposte al risentimento, attacchi verbali, sarcasmo e varie altre forme di manipolazione emotiva, comportamento aggressivo.

La donna, a 24 anni, era riuscita a raggiungere l’indipendenza economica e si era allontanata dal nucleo familiare limitandosi a fare rare visite sporadiche. Tuttavia sentiva la mancanza del padre con il quale aveva un rapporto normale. Quest’ultimo soffriva visibilmente in quanto, quelle poche volte che la figlia andava a trovarli, si accendevano sempre violenti battibecchi con la madre. Ovviamente il disagio del padre le procurava dei sensi di colpa. Ha chiesto di fare una sessione d’ipnosi regressiva a vite passate con l’obiettivo di scoprire se un eventuale legame karmico tra lei e la madre avrebbe potuto essere la causa dei problemi nel rapporto e trovare una soluzione, se possibile.

Mentre era in trance ipnotica, la donna ha evocato una vita in cui vedeva se stessa come un guerriero tribale su un campo di battaglia, nel bel mezzo di un combattimento corpo a corpo con un’altra tribù. Era in grado di descrivere vividamente la lotta fino alla morte con un avversario feroce e potente. La tensione e l’odio erano abbastanza palpabili. Mentre scendeva nei dettagli, è emerso che il suo avversario era l’anima di sua madre in questa vita. Sono morti uccidendosi a vicenda, ognuno maledicendo l’altro e giurando vendetta.

Scioglimento del legame karmico

Dopo essere stata guidata a dissociarsi da quel ricordo spiacevole, è stata incoraggiata a sviluppare un senso di compassione sia per la sua anima che per quella della sua attuale madre, legate l’una all’altra attraverso la vendetta e l’odio. Mentre elaborava l’esperienza, la donna era in grado di rilasciare i “carichi pendenti” del passato per continuare il processo di scioglimento del legame. Non appena lo fece, divenne molto consapevole della parte frammentata di sua madre che era stata impegnata per tutto questo tempo nel giuramento di vendetta. Fu perfettamente in grado di inviare quel frammento al luogo a cui apparteneva (è molto importante che il frammento d’anima venga congedato senza rabbia, perché la rabbia è un’energia di legame). La sessione è terminata con un procedimento di reintegro nel presente e ricalco nel futuro.

Dopo di che i rapporti con la madre si fecero meno tesi e lei era in grado di far visita alla famiglia senza scatenare litigi. Ovviamente il suo rapporto con la madre non è diventato improvvisamente rose e fiori, ma ora la donna è in grado di percepire la mamma sotto una nuova luce e smettere di reagire così violentemente in sua presenza. Questo è stato un grande passo avanti per lei.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2017 - Associazione SPAZIOAZZURRO - C.F. 97813500010