fbpx

21 segni che stai sperimentando una perdita d’anima

Perdita d'anima
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Nella nostra società, si sta verificando un fenomeno misterioso noto come “Perdita d’Anima” che si manifesta in tutte le persone di ogni età, genere, razza e provenienza.

Gli antichi hanno compreso la perdita d’Anima come il risultato di una frammentazione interiore causata da un’esperienza traumatica o da un intenso shock per la mente e il corpo.

Mentre per molti di noi la perdita d’Anima sembra scomodamente familiare, questa esperienza è di solito temporanea e, con il giusto lavoro interiore, questi elementi perduti di noi stessi possono essere reintegrati nella nostra vita.

Che cos’è la perdita d’anima?

Quando sperimentiamo la Perdita d’Anima, una parte della nostra Anima – o essenza vivente – si nasconde o si chiude, impedendoci di esprimere e sperimentare il nostro vero potenziale e integrità come esseri umani. Spesso interi aspetti della nostra psiche sono completamente bloccati o repressi.

Durante la mia esplorazione dell’alchimia spirituale e dei suoi metodi di recupero dell’anima, la Perdita dell’Anima è stata definita come l’esperienza dell’Anima che viaggia verso altri regni, o realtà alternative, ed è spesso posseduta dagli spiriti. Nella prospettiva alchemica, quando queste parti delle nostre Anime non vengono recuperate, non possiamo trovare il completamento interiore o la completezza.

Prima della psicologia, questa spiegazione era l’unico modo in cui le culture primitive potevano spiegare il trauma e il modo per trattarlo – ed era immensamente efficace al momento. Tuttavia, la perdita d’Anima può ora essere affrontata da molte angolazioni diverse. Esploreremo in seguito queste diverse prospettive.

Come avviene la perdita d’anima?

Purtroppo, nel nostro mondo moderno, La perdita d’anima è la regola piuttosto che l’eccezione.

Come individui, perdiamo la connessione con le nostre anime (o Vera Natura) ogni volta che ci identifichiamo con i nostri ego e cerchiamo di sentirci di nuovo integri attraverso dipendenze, ricerca di stimoli , credenze dogmatiche , relazioni complicate e lavoro compulsivo.

Ma c’è una ragione per cui ci identifichiamo con l’ego e in primo luogo ci disconnettiamo con l’anima: è un meccanismo di sopravvivenza. Dobbiamo sviluppare un senso di sé separato per poter funzionare nella società delle ipocrisie. Ma, allo stesso tempo, sviluppiamo un ego (che è fondamentalmente un grande meccanismo di difesa per garantire che siamo amati, accettati, curati, che evitiamo il dolore, ecc.) Perdiamo così il contatto con l’essenza autentica di chi siamo veramente: L’Anima.

Come risultato della perdita d’anima, iniziamo a manifestare sintomi di debolezza, affaticamento, depressione, ansia e vuoto. Abbiamo un vago sentore che manca qualcosa dalle nostre vite – ma molti di noi lottano invano per scoprire che cosa esattamente manca. Comprendere la Perdita dell’Anima come una perdita, o disconnessione, dalle parti più vitali di chi siamo, è noto in psicologia come dissociazione: la radice di molte malattie mentali.

La psicologia dietro la perdita d’anima

Quindi, come avviene l’effettivo processo di perdere il contatto con la nostra Anima, da un punto di vista psicologico?

Quando ci disconnettiamo dalla radice di ciò che siamo, si crea uno squilibrio all’interno della psiche. Questa disconnessione cresce nel tempo e può essere intensificata da circostanze traumatiche che hanno la tendenza a frammentare la psiche.

Cosa succede quando scivoliamo nella frammentazione? La risposta è che le singole parti della nostra personalità (ad es. il sé ombra , l’anima, l’animus, ecc.) sono rese indipendenti e sfuggono quindi al controllo della mente cosciente. Indugiando nella mente inconscia, queste parti di noi desiderano ardentemente essere integrate ed essere rese consapevoli e possono ricorrere a misure estreme per attirare la nostra attenzione (come depressioni, comportamento autodistruttivo, rabbia improvvisa).

Cosa succede quando uno dei nostri “complessi” psicologici si emancipa e diventa un usurpatore tirannico della coscienza? Il risultato è una crescente sensazione di essere alienati da noi stessi, dalla vita e dal Divino. Possiamo vivere con la paura, la colpa e la vergogna come sfondo costante delle nostre vite. E, di solito, ci sentiamo intorpiditi, vuoti dentro e avvertiamo un senso di disperazione che proviamo a soffocare con il lavoro, la vita familiare, le amicizie, i pettegolezzi e varie dipendenze.

La perdita d’anima è nota anche come dissociazione

Perdita d’anima, in un certo senso, è un altro modo di dire dissociazione.

Se hai familiarità con la psicologia di base, saprai che dissociarsi significa disconnettersi da qualcosa, in questo caso, noi stessi. Questa disconnessione si verifica a seguito di una situazione o ambiente traumatico a cui siamo soggetti. È un meccanismo di difesa che ci impedisce di chiuderci completamente e di non essere in grado di funzionare.

Ecco uno scenario (tragicamente molto comune) di come funziona la dissociazione:

Immagina che un bambino venga molestato o maltrattato. Per far fronte all’esperienza orrenda, il bambino scappa dissociandosi o staccandosi dalla situazione. Nel processo di protezione di se stesso, il bambino crea vari alter ego, o personalità completamente diverse al suo interno, come meccanismo di difesa. In psicologia, questo è trattato come “disturbo della personalità multipla” (ora noto come Disturbo dell’identità dissociativa).

È facile capire come le culture tribali abbiano percepito questo come una perdita dell’Anima. Ma, essenzialmente, la dissociazione psicologica è il modo naturale di proteggerci da intensi traumi e perdite bloccando queste situazioni e ferite.

Ma la perdita d’anima, o dissociazione, non si limita a questi casi estremi e può essere trovata in diversi gradi nella maggior parte delle persone. Dipendenze, disturbi alimentari, disturbi dell’identità, stress post-traumatico, depressione, codipendenza, narcisismo, bassa autostima e disturbi dell’adattamento sono tutte cause comuni di (e sintomi di) perdita d’anima nelle nostre società superficiali, veloci e materialiste moderne che sono per lo più prive di ogni senso di sacralità.

Una giovane donna che sogna di essere un’artista ma deve essere all’altezza delle aspettative dei genitori di diventare un medico, perderà un po’ della sua Anima, ignorando una parte essenziale del suo essere. O supponiamo che la giovane donna punta avanti e segue il suo sogno di essere u’artista, ma in fondo lei dipende ancora dall’approvazione dei suoi genitori. Quindi li incolperà di non sostenere la sua passione, oppure svilupperà depressione perché non è accettata da loro. Questa storia potrebbe suonarti familiare.

Fortunatamente, ci sono molti modi per ritrovare l’integrità. La maggior parte del materiale che scrivo è una forma di ripristino dell’anima, in cui ti aiuto a prendere coscienza di aspetti dentro di te che possono essere sepolti o persi. Lo faccio incoraggiando lo sviluppo di autenticità, auto-esplorazione, auto-amore e auto-trasformazione. Esplorerò alcune pratiche comuni di ripristino dell’anima poco dopo.

21 segni che potresti sperimentare la perdita d’anima

Ci sono una varietà di sintomi fisici, psicologici e spirituali della perdita d’anima.

Quando sperimentiamo la Perdita dell’Anima – cioè parti della nostra Anima che “si nascondono” o si dissociano da noi – il risultato è una perdita di energia o di vitalità nella nostra vita. Questa perdita di energia ci impedisce di vivere un’esistenza sana, appagante e creativa. A volte la perdita d’anima può durare per tutta la vita, portando allo sviluppo di una persona autodistruttiva che spesso chiamiamo “anima perduta” nel nostro gergo.

Per recuperare queste parti perdute di noi stessi, e per tornare di nuovo equilibrati, integri e centrati, dobbiamo prima identificare i sintomi  della Perdita dell’Anima dentro di noi.

Di seguito troverai alcuni dei sintomi più comuni:

  1. I ricordi e parti della tua vita sono stati bloccati.
  2. Si verificano forti periodi di depressione.
  3. Le parti dentro di te sembrano mancanti o rotte.
  4. Provi un intorpidimento emotivo generale.
  5. Costanti sentimenti di paura o ansia ti affliggono.
  6. Passi lunghi periodi di insonnia.
  7. Ti senti perso o incompleto.
  8. Ti senti come una “persona diversa” dopo un evento di vita scioccante o traumatico.
  9. Ti senti bloccato o incapace di superare un certo problema nella tua vita.
  10. Ti senti deluso dalla vita.
  11. Ti senti come se ci fossero più “sé” dentro di te.
  12. Cerchi di scappare rivolgendoti ad alcol, droghe, sesso, televisione o lavoro eccessivo.
  13. Ti senti indegno di essere amato.
  14. Stai vivendo una notte oscura dell’anima .
  15. Vuoi trovare il tuo scopo e significato nella vita .
  16. Ti senti come se la tua vita quotidiana fosse priva di significato e guidata dalle attività.
  17. Eviti di sentirti vulnerabile e tieni gli altri a distanza.
  18. Desideri la completezza e il senso di appartenenza.
  19. A volte senti di non avere il controllo di te stesso.
  20. Ti senti costantemente affaticato mentalmente o fisicamente senza motivo.
  21. Hai sete di autenticità e completa accettazione di te stesso.

A quanti di questi sintomi puoi relazionarti?

Come riconnetterti con la tua anima

Il lavoro interiore o le pratiche di recupero dell’anima sono il modo migliore per riconnettersi con la tua anima. Questo perché ti portano in un’avventura interna e incanalano la tua energia verso i tuoi sentimenti, pensieri e sogni sepolti più profondi: ognuno dei quali porta parti vitali di te.

Ci sono molte pratiche di lavoro interiore. Alcune sono particolarmente aadatte al ripristino dell’anima e possono includere:

Questo lavoro richiede dedizione e sincerità. Quindi vai a un ritmo lento e costante. Un giorno guarderai indietro al momento in cui hai letto questo articolo e realizzerai quanto sei arrivato lontano!

Domande e risposte sulla perdita d’anima

Ecco le risposte ad alcune domande più frequenti:

D: La perdita d’anima riguarda la disconnessione con se stessi – posso perdere la mia anima?

R: Non puoi perdere totalmente la tua Anima, è sempre lì sullo sfondo della tua vita, anche se spesso inaccessibile a causa del trauma che potresti aver vissuto. Molte persone fraintendono il termine perdita d’anima come una perdita materialmente totale. Ma invece, si tratta di perdere l’accesso al nucleo vitale di te.

D: Come fai a sapere se la tua anima non c’è più?

R: Ancora una volta, l’Anima non “va” mai via, diventa solo difficile da raggiungere, difficile da riconnettere. I segni comuni che hai sperimentato la perdita di anima includono ansia, depressione, intorpidimento emotivo, solitudine, vuoto, affaticamento cronico, sentimenti di disperazione, noia e profonda insoddisfazione della vita.

D: Il recupero dell’anima può essere fatto solo con l’aiuto di un esperto?

R: Questo è altamente consigliato. Il ripristino dell’anima, non è un’attività da salotto o fai da te. Un errore nel percorso può significare mesi o addirittura anni sprecati, senza contare i rischi di peggiorare le cose.

***

Per essere sani, sentirsi integri e vivere una vita armoniosa, è necessario recuperare le parti vitali perdute di se stessi imparando a vivere una vita di equilibrio, autenticità e amore per se stessi.

Trovare i frammenti di te che sono persi e ripristinarli è tornare alla tua innata interezza , ripristinare la vitalità essenziale che è la tua Anima, è spesso parte del viaggio del risveglio spirituale. Imparare a reintegrare lentamente gli elementi perduti della tua Anima attraverso la pratica del lavoro interiore significa realizzare il tuo potenziale come essere divino che ha un’esperienza umana.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi regressiva dove farla
Ipnosi regressiva dove farla

Ipnosi regressiva dove farla? Sicuramente ti stai ponendo questa domanda da un po’ di tempo. Soprattutto per avere la certezza di trarre il beneficio massimo