Come smettere di procrastinare

La psicologia della procrastinazione e del completamento

Notoriamente, “la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni” e, probabilmente, siamo stati tutti in situazioni che testimoniano la verità di quel detto.

Purtroppo, è altrettanto vero dire che la strada verso il nulla è lastricata di intenzioni prive d’azione.

Un’altra cosa che si dice è: “Un obiettivo senza un piano è solo un sogno”.

Quando le persone ti dicono di “seguire il tuo sogno” potresti essere tentato di concentrarti solo sul sogno stesso.

La procrastinazione è spesso inconsciamente legata alla dissonanza cognitiva
– una sorta di cecità volontaria
Ma per realizzare il sogno dovrai focalizzare fortemente la parte “segui“, NON SUL SOGNO ma sui passi necessari per raggiungerlo.

Molte persone pianificano di far accadere questo o quello nelle loro vite. Hanno in programma di avviare e costruire imprese, sviluppare qualche abilità o talento, perseguire un sogno a lungo caro o altro.

Ma non ci arrivano mai veramente.

E non prendono mai la decisione di fare un primo passo.

Inoltre, come già accennato, la procrastinazione è spesso inconsciamente legata alla dissonanza cognitiva – una specie di cecità ostinata. Questo ci permette di procrastinare in modo molto efficace, mentre ci convinciamo che non stiamo affatto procrastinando! Affrontare onestamente questa tua abitudine è il primo passo per superarla.

La procrastinazione inizia spesso a insinuarsi quando il fascino e l’eccitazione del nostro sogno / obiettivo si scontra con la dura e persino noiosa realtà di lavorare per davvero, passo dopo passo, verso quell’obiettivo.

Il viaggio verso la destinazione delle tue vacanze da sogno potrebbe non essere tanto divertente quanto essere già lì, ma quel viaggio è essenziale per la destinazione. Fantasticare quanto delizioso sarà il tuo pasto va bene ma, se vuoi assaggiarlo davvero, devi entrare in cucina e cucinare.

Tutti ci siamo crogiolati con le fantasie di successi e risultati futuri. Ma se fantasticare è tutto ciò che facciamo, in realtà diventiamo sempre meno propensi a trasformare questi sogni in realtà.

Il potere della simulazione ipnotica

Fortunatamente per tutti noi, la ricerca ha trovato che provare ipnoticamente i passi verso l’obiettivo, piuttosto che fantasticare sul risultato finale, rende il lavoro verso questo obiettivo molto, molto più avvincente. Questo perché le simulazioni ipnotiche dei passaggi rendono i passi stessi più avvincenti.

Quindi piuttosto che sognare e immaginare come sarà scrivere quel libro, completare quel dottorato, registrare quell’album o creare il tuo business, puoi abituarti a simulare mentalmente i passi necessari per raggiungere questi obiettivi.

Uno dei modi più semplici per utilizzare questo principio è innanzitutto quello di dedicare un po ‘di tempo a pensare a tutti i diversi passaggi da seguire per raggiungere il tuo obiettivo, poi 20 minuti di autoipnosi visualizzandoti mentre esegui ogni passo .

Quindi, ad esempio, se uno dei passaggi verso la creazione della propria attività è la compilazione di un modulo per registrarsi come società, si dovrebbe trovare il tempo per osservare ipnoticamente il proprio sé futuro mentre effettua questo passaggio specifico .

Il prossimo passo potrebbe essere aprire un conto bancario aziendale. Per fare ciò dovrai rivolgerti ad una banca e parlare con un consulente, o farti strada attraverso un processo di apertura online, o entrambi.

Così ti metti da parte il tempo per guardare ipnoticamente la tua visita in banca, aspettare il tuo appuntamento, parlare con il consulente, fare e ricevere domande. E fai anche delle prove leggendo attentamente la pagina del sito web di una banca e avviando il processo di apertura. E così via.

Ora la cosa curiosa è che, una volta simulati ipnoticamente questi passaggi, essi smettono di essere semplici problemi astratti che si frappongono tra te e il tuo obiettivo, e diventano avvincenti e reali per te.

In realtà, scoprirai che se hai davvero focalizzato intensamente i tuoi passi pratici, rendendoli più che puoi vividi e reali nella tua immaginazione, ti risulterà difficile difficile non farli!

(Se senti che la simulazione ipnotica è qualcosa di cui hai bisogno, puoi fissare un appuntamento) .

Ovviamente, il passo più importante in qualsiasi progetto è il primo. Se quello che devi fare per iniziare è andare alla tua scrivania, sederti, accendere il computer, aprire un documento e iniziare a digitare sulla tastiera, puoi prima visualizzare ipnoticamente l’azione per renderla più avvincente, e poi iniziare nella realtà.

Ovviamente, siccome la simulazione ipnotica richiede la partecipazione della mente inconscia, non può essere improvvisata. La mente inconscia ha schemi operativi e un linguaggio tutto suo. Quindi, per ottenere il massimo dei risultati, è bene imparare il metodo sotto la guida di un professionista, che ti fornirà una procedura adatta alle tue peculiarità individuali.

Ho iniziato, quindi finirò …

E ho un altro suggerimento anti-procrastinazione che voglio condividere con te, che fa affidamento sull’esigenza umana universale di completare qualcosa una volta iniziato.

La psicologa russa Bluma Zeigarnik, nel lontano 1920, notò che i camerieri di un ristorante sembravano ricordare perfettamente gli ordini che si accingevano a servire. Ma, una volta che gli ordini erano stati serviti, i camerieri dimenticavano rapidamente gli ordini completati anche da pochissimo.

Incuriosita da questa osservazione, ha organizzato un esperimento in cui ai partecipanti è stato chiesto di svolgere una ventina compiti nel suo laboratorio, come risolvere enigmi e piccoli puzzle. A intervalli casuali, i partecipanti venivano interrotti a metà di un compito. Successivamente è stato chiesto loro quali attività si ricordavano di fare o dover fare.

Le persone ricordavano molto meglio i compiti durante i quali erano stati interrotti, rispetto a quelli che avevano completato o che dovevano ancora iniziare. È quindi più probabile che le attività non finite vengano richiamate alla mente con intensità molto maggiore rispetto alle attività completate o non avviate affatto .

Le scoperte di Zeigarnik sono state sorprendentemente confermate in un esperimento condotto negli anni ’80, in cui ai partecipanti veniva posto un puzzle molto complesso da risolvere.

Durante il test, sono stati tutti interrotti prima che potessero risolverlo dicendo loro che l’esperimento era finito. Tuttavia, quasi il 90% ha continuato a provare a risolvere il puzzle, al punto che i ricercatori ebbero difficoltà a convincere i partecipanti a smettere.

Questo principio è all’opera quando le persone iniziano a raccontarti una storia o uno scherzo e senti che devi solo sapere cosa succederà dopo. Oppure leggere un romanzo giallo e devi finirlo, o guardare un serie tv e pianificare i tuoi impegni per non perdere la puntata successiva.

C’è un modo semplice di utilizzare questo principio per superare la procrastinazione. Se hai qualcosa da fare, che sia lavare i piatti, scrivere un un articolo o qualsiasi altra cosa, e ti senti scivolare nel pantano della procrastinazione, dì a te stesso: “Bene, sto solo andando a lavare questi piatti per due minuti! ” oppure “Scriverò solo un paragrafo di questo articolo!” o qualunque cosa sia.

Troverai interessante scoprire che, una volta iniziato a lavare i piatti, scrivere o lavorare, all’improvviso ti sentirai di voler fare molto di più, a causa del bisogno istintivo di completamento.

Quindi ci sono tre punti principali da considerare sempre:

in primo luogo – è più efficace immaginare i passi verso il tuo obiettivo piuttosto che fissarsi sull’obiettivo.

In secondo luogo – questi passi risulteranno più interessanti e piacevoli da fare se visualizzati in precedenza con la simulazione ipnotica.

E in terzo luogo – la nostra mente è configurata, a quanto pare, nello spronarci a completare le cose iniziate. Quindi, anche il semplice iniziare qualcosa con l’intenzione di passarci solo un paio di minuti, può farti sentire il forte desiderio di continuare. E con la simulazione ipnotica, puoi effettivamente immaginare di aver iniziato un compito, per darti la sensazione che sia iniziato anche nella realtà e che perciòdebba essere completato.

Quindi puoi:

  • iniziare ‘per davvero’, con l’intenzione di fare solo pochi minuti, o
  • ipnoticamente immaginare di iniziare.

Entrambi gli approcci renderanno più avvincente il completamento del passo nella realtà.

Per favore Accedi per pubblicare un commento

Copyright Studio olistico SPAZIOAZZURRO di Rossano Sambo –  P.IVA:11723680010 – Tutti i diritti sono riservati.

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati