7 istinti ancestrali che non devi MAI ignorare

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Per realizzare il tuo scopo spirituale in questa vita, devi percorrere il sentiero meno battuto.

E per percorrere il sentiero meno battuto, devi abbracciare il tuo “lupo interiore”.

È il tuo lupo interiore che ti proteggerà e guiderà con coraggio, integrità e intelligenza.

Ma ecco la questione: per abbracciare il tuo lupo interiore, devi ascoltare il tuo istinto ancestrale.

Il problema è che i nostri istinti sono spesso inquinati da paure, pregiudizi e confusione mentale.

In questo articolo, voglio condividere con te i sette istinti ancestrale che non dovresti mai ignorare. Imparerai anche come differenziare la voce della paura dalla voce della saggezza primordiale.

Cos’è l’istinto ancestrale?

Il tuo istinto ancestrale è la reazione fisica che hai relativamente al mondo intorno e dentro di te.

Quando sperimenti una “sensazione istintiva” travolgente, il tuo corpo sta eseguendo una risposta primaria alle informazioni del subconscio. Lo scopo ultimo dell’istinto ancestrale è proteggerti. Poiché il tuo istinto è il più antico e primordiale “sesto senso” che hai, è quello su cui puoi contare di più.

Un esempio del tuo istinto in azione sarebbe decidere di evitare spontaneamente di camminare lungo una strada di notte perché “hai uno strano presentimento”. Quella sensazione è il tuo istinto di avvertimento che il pericolo è in agguato. Potresti quindi intravedere una banda di malintenzionati lungo la strada: il tuo istinto ancestrale ti ha appena salvato dall’essere potenzialmente derubato, picchiato, molestato o peggio.

Come funziona l’istinto ancestrale?

In parole povere, il tuo corpo è come lo schermo televisivo sul quale il tuo subconscio trasmette le sue informazioni. Quando impari a leggere il tuo corpo, puoi imparare a sintonizzarti con precisione sul tuo istinto.

Noi esseri umani amiamo credere di essere separati dagli animali. Sì, sicuramente siamo più sofisticati grazie alle facoltà intellettive superiori. Ma, nella nostra essenza, siamo ancora animali – animali umani. I nostri impulsi primitivi e le nostre origini evolutive non scompaiono semplicemente perché ogni giorno ci sediamo a leggere il giornale o ci laviamo con bagno schiuma profumato.

L’uomo è un animale intrappolato in ragnatele di significati che lui stesso ha intessuto.

Piuttosto che prendere a male il fatto di avere una componente animale, perché invece non accettarla? Onorando la saggezza della mente subconscia e il suo impatto sul corpo per produrre “istinti di pancia”, possiamo salvarci da molte sofferenze. (Questo è stato dimostrato da numerosi studi scientifici).

Qual è la differenza tra istinto ancestrale e intuizione?

L’istinto ancestrale e l’ intuizione sono spesso usati come sinonimi. E, , sono interconnessi. Ma non sono esattamente la stessa cosa.

Quindi qual è la differenza?

In parole povere, l’istinto è la tua saggezza primordiale. L’intuizione è la tua saggezza spirituale. Abbiamo bisogno di entrambi se dobbiamo percorrere il nostro cammino spirituale con coraggio e intelligenza.

L’intuizione è molto cerebrale – è un senso calmo e chiaro di “conoscenza”. D’altra parte, l’istinto ancestrale è molto viscerale e fisico – lo senti nel tuo corpo.

L’intuizione può essere espressa attraverso il corpo e l’istinto ancestrale può essere espresso attraverso la conoscenza intuitiva. Ma in generale, entrambi sono chiaramente distinguibili e sorprendentemente diversi nella loro esperienza.

Inoltre, l’istinto ancestrale è molto più emotivo e reattivo (poiché è cablato nel cervello primordiale), mentre l’ intuizione è più neutrale e calma.

Esempi di istinto ancestrale

Alcuni lo chiamano “intuizione”, altri un “sentore”, ma in questo articolo, ci riferiremo ad esso come all’istinto ancestrale. Ecco alcuni esempi tratti dal regno animale e dal comportamento umano (animale) dell’istinto ancestrale:

  • Un branco di zebre percepisce il pericolo mentre pascola. Non riescono a vedere i leoni che si annidano nella savana circostante, ma qualcosa è chiaramente “percepibile”. Una zebra nitrisce e il branco inizia a galoppare vigorosamente.
  • Una mandria di elefanti attraversa i deserti alla ricerca dell’acqua. Istintivamente sanno in che direzione muoversi per trovare il loro sostentamento.
  • Un gatto si siede sul bordo di una casa a tre piani e vuole trovare una strada verso terra. Si avvicina furtivamente al bordo e fissa il terreno apparentemente sul punto di saltare – ma poi cambia idea, apparentemente consapevole a un livello istintivo che saltare da quell’altezza lo ferirebbe.
  • Una persona si avvicina a te in un bar e inizia a conversare con te. Ricambi il gesto, ma qualcosa non va. Senti una specie di “antipatia a pelle” verso questa persona. Non ti fidi. Ti scusi e vai via.
  • Due escursionisti si perdono su un sentiero tra le montagne. Senza una bussola o un modo per determinare una direzione per tornare al campo, si siedono in silenzio e si sintonizzano con gli alberi circostanti. All’improvviso uno di loro punta verso ovest, “Ho la sensazione che sia la via del ritorno!” Un’ora dopo sono tornati alla base di partenza.
  • Stai guidando lungo un’autostrada di notte. Improvvisamente, l’impulso ti sovrasta per cambiare corsia immediatamente. Obbedisci all’impulso, e un paio di secondi dopo manchi una grossa scheggia di vetro che avrebbe potuto bucarti una gomma facendoti sbandare.
  • Una giovane donna è seduta in classe all’università. All’improvviso, sente lo strano impulso di tornare a casa. Abbandona la classe e prende un taxi, una morsa di apprensione le incombe sullo stomaco. Quando arriva a casa, trova sua madre sul pavimento colta da malore. Se avesse ignorato il suo istinto, sua madre sarebbe probabilmente morta.
  • Un uomo ha due offerte di lavoro. Una di esse paga di meno e l’altra paga di più. Logicamente avrebbe scelto il lavoro che paga di più, ma non può ignorare la strana sensazione di disagio che prova ogni volta che ritiene di accettare l’offerta più alta. Decide di scegliere il lavoro che paga di meno. Due mesi dopo, è sollevato dal fatto di aver scelto l’offerta meno remunerativa, in quanto la società che paga di più ha cessato l’attività a causa di un illecito.

Spero che ora tu abbia una buona idea di come funziona l’istinto ancestrale!

Indizi che hai sperimentato un istinto ancestrale

Presta attenzione a questi segni:

  1. Una sensazione improvvisa di terrore o paura (che è fuori dal contesto).
  2. Un forte impulso a fare qualcosa (si sente come una spinta interiore o tirare).
  3. Brividi di tutto il corpo, pelle d’oca o “formicolii” sulla colonna vertebrale.
  4. Nausea o disagio fisico.
  5. Ipervigilanza improvvisa (o essere in “allarme”).

Una voce chiara e ferma dentro di te che ti spinge a fare / non fare qualcosa

Potresti provare tutti questi segni contemporaneamente o solo uno o due di essi.

È paura? O è il tuo istinto ancestrale?

Non confonderli!

Ma anche, non preoccuparti se lo hai già fatto. È probabile che non ti sia mai stato insegnato sulla differenza tra paure mentali superficiali e vero istinto di pancia.

La mente ci può ingannare con facilità, in particolare quando si tratta di istinto ancestrale. Dopotutto sentiamo le nostre emozioni all’interno del nostro corpo. Quando hai paura, molto probabilmente hai mani sudate, brividi e un aumento della frequenza cardiaca, giusto?

In modo simile, quando proviamo un istinto ancestrale, riceviamo anche sensazioni fisiche.

Quindi come possiamo distinguere tra i due?

La mia risposta è prestare attenzione alla tua mente. Qual è la qualità e la velocità dei tuoi pensieri? La tua mente corre, frenetica o caotica? Se è così, stai vivendo la paura.

D’altra parte, se la tua mente è relativamente calma, ma il tuo corpo sta vivendo reazioni forti (come un senso di destino imminente, per esempio), stai vivendo un istinto ancestrale.

In altre parole, quando hai bisogno di distinguere tra la voce della paura e il tuo istinto, rivolgi sempre la tua attenzione alla mente.

Perché?

Gli istinti di pancia sono spontanei – nascono dal nulla. Non hanno il tempo di accumularsi nel cervello, quindi, il cervello è relativamente tranquillo e neutrale. Non c’è “hmm, dovrei? Non dovrei?” C’è invece un solo immediato e urgente DEVO FARE / NON FARE QUESTO.

I pensieri generati dalla paura si accalcano. Sono in genere più vaghi, fastidiosi, poco chiari e tumultuosi. Se la tua mente gira, se in un istante ti affiorano mille pensieri, allora provi paura e non istinto ancestrale.

7 istinti ancestrali che non devi MAI ignorare

Salvare

Ovviamente, devi essere il giudice. Ma ci sono alcune situazioni nella vita in cui il tuo istinto splende di più.

Mentre è facile spazzolare via la maggior parte delle sensazioni fastidiose, ti suggerisco di non ignorare mai le seguenti:

1. “Sono in pericolo”

Ricorda che i tuoi istinti viscerali riflettono ciò che il tuo subconscio già conosce. Sebbene tu possa non essere in grado di individuare esattamente il pericolo, per favore ascolta questo avvertimento interiore. Potrebbe essere la differenza tra la vita e la morte.

2. “E’ in pericolo”

Sì, potresti sembrare un pazzo. Sì, potresti sentirti imbarazzato o perplesso. Ma se senti sinceramente che qualcuno è in pericolo, diglielo. Non hai nulla da perdere. Potresti semplicemente impedire alla persona di commettere un grosso errore o mettere a repentaglio se stessa.

3. “Questa non è la scelta giusta”

Se senti una sensazione forte e chiara che ciò che stai facendo non è giusto, presta attenzione. Anche se non c’è una ragione morale o logica per cui dovresti sentirti in quel modo, presta attenzione.

4. “Ho bisogno di aiuto”

Il tuo istinto ancestrale non ti avvisa solo di pericolo, ma aiuta anche a preservare il tuo benessere emotivo. Se ricevi una forte sensazione di aver bisogno di aiuto (sia fisicamente che emotivamente, mentalmente o spiritualmente), cercalo. Non indugiare.

5. “Ha bisogno di aiuto”

Ad un certo punto della nostra vita, il travolgente desiderio di aiutare qualcuno sorgerà. Non ci può essere alcuna ragione razionale per questo. L’altra persona potrebbe sembrare perfettamente a posto sulla superficie. Ma non lasciare che le apparenze ti ingannino. Parla con la persona. Non obbligarla ad accettare il tuo aiuto e non sommergerla di consigli non richiesti o “perle di saggezza”. Ma, semplicemente, chiedi come sta, condividi qualche impressione, ricordo, esperienza ecc. Questo potrebbe farti sentire vulnerabile o a disagio, ma farai sentire meno sola quella persona e, al massimo, le salverai la vita.

6. “Qualcosa non va nel mio corpo”

A meno che tu non sia ipocondriaco (il che è improbabile), i tuoi istinti mentali raramente mentono sullo stato della tua salute. Se provi un improvviso e impellente desiderio vedere un medico, fallo. Ottieni una valutazione completa della salute e, anche se nulla viene fuori, sentiti orgoglioso per aver avuto cura di te stesso .

7. “Questo è tutto!”

Spesso, quando arriva il periodo perfetto, il percorso spirituale, il lavoro, la casa, la decisione, l’opportunità, ecc., Il tuo istinto ti avviserà immediatamente. Se ricevi una sensazione forte e chiara che praticamente urla “SI’”, non ignorarla! Questo è uno dei motivi più importanti per cui è essenziale ascoltare il tuo istinto ancestrale.