La vita è un’eterna incarnazione

vita-morte-reincarnazione
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le persone cercano a tutti i costi di rimanere giovani, ma non sanno che la paura stessa di perdere la giovinezza non ti consente di viverla nella sua totalità.

E, in secondo luogo, la paura di perdere la giovinezza non ti consente di accettare la vecchiaia con grazia. Alla fine ti perdi entrambi: la gioventù – la sua gioia, la sua intensità – e perdi anche la grazia, la saggezza e la pace che la vecchiaia porta. Ma il tutto si basa su una falsa concezione della vita.

A meno che non si cambi la convinzione che esiste una sola vita, questa ipocrisia, questo attaccamento e questa paura non possono essere cambiate.

In effetti, una vita non è tutto; hai vissuto molte volte e vivrai molte volte di più. Quindi, vivi ogni momento nel modo più totale possibile; non c’è fretta di saltare ad un altro momento. Il tempo non è denaro, il tempo è inesauribile; è disponibile sia per i poveri che per i ricchi. I ricchi non sono più ricchi per quanto riguarda il tempo, e i poveri non sono più poveri.

Gli sprechi della vita

Ciò che appare in superficie è molto radicato nelle nostre culture e religioni. Sono molto avare nel darti solo 80-90 anni di vita. Se provi a fare qualche calcolo, quasi un terzo della tua vita andrà perso nel sonno, un terzo della tua vita dovrà essere sprecato per procurarsi cibo, vestiti, alloggio. Tutto ciò che rimane viene sprecato in scaramucce amorose, calcio, pettegolezzi, stupidi litigi, invidie, rancori, ideali folli, dipendenze affettive ecc. Se riesci a risparmiare, tra settant’anni, sette minuti per te, potrai considerarti un uomo saggio.

Ma è difficile risparmiare anche sette minuti in tutta la tua vita; quindi come puoi trovarti? Come puoi conoscere il mistero del tuo essere, della tua vita? Come puoi capire che la morte non è una fine?

Poiché ti sei perso l’esperienza della vita stessa, anche tu perderai la grande esperienza della morte; altrimenti, non c’è nulla di cui aver paura nella morte. È un bel sonno, un sonno senza sogni, un sonno necessario per spostarti in un altro corpo, in silenzio e in pace: un fenomeno chirurgico; quasi come l’anestesia. La morte è un amico, non un nemico.

Aprirsi all’eternità

Una volta che comprendi la morte come un amico e inizi a vivere la vita senza paura che sia solo un arco di tempo molto piccolo di 80-90 anni – se la tua prospettiva si apre all’eternità della tua vita – allora tutto rallenterà; quindi non è necessario essere veloci.

Invece le persone si affrettano in ogni cosa. Ho visto persone prendere la loro borsa da ufficio, spingere dentro le cose, baciare la moglie, senza vedere se fosse la loro moglie o qualcun altro; e dire addio ai loro figli. Questo non è il modo di vivere! E dove stai andando con questa velocità?

Ho sentito parlare di una giovane coppia che aveva acquistato una macchina nuova e stavano andando a tutto gas in giro per le campagne.

La moglie diceva ripetutamente al marito: “Dove stiamo andando?” Perché le donne sono sempre molto razionali, “Dove stiamo andando?”

E l’uomo disse: “Smettila di preoccuparti, goditi la velocità a cui stiamo andando. La vera domanda non è dove stiamo andando; la vera domanda è a quale grande velocità stiamo andando? ”

La velocità è diventata più importante della destinazione e la velocità è diventata più importante perché la vita è così breve. Devi fare così tante cose che, a meno che tu non faccia tutto con velocità, non puoi farcela. Non puoi sederti in silenzio neanche per pochi minuti – sembra uno spreco. In quei pochi minuti avresti potuto guadagnare qualche soldo.

Guardarsi dentro

Basta chiudere gli occhi per qualche istante e cosa c’è dentro di te? Se vuoi davvero saperlo, puoi andare in qualsiasi ospedale e vedere uno scheletro. Questo è ciò che c’è dentro di te. Perché ti trovi inutilmente a fare gli scongiuri guardando uno scheletro? Guardando dentro di te, troverai uno scheletro. E una volta che hai visto il tuo scheletro, la vita diventerà più difficile; baciando tua moglie, sai perfettamente cosa sta succedendo: due scheletri. Qualcuno deve solo inventare gli occhiali a raggi X, così le persone possono indossarli e vedere gli scheletri che ridono tutt’intorno. Molti, probabilmente, non vivrebbero abbastanza per togliersi gli occhiali; così tanti scheletri che ridono è abbastanza per fermare il battito del cuore di qualcuno…. “Mio Dio, questa è la realtà! E questo è ciò che tutti questi mistici hanno detto alla gente: “Guardati dentro”, evitali! ”

Manca una solida tradizione di misticismo. È tutto estroverso: guarda verso l’esterno, c’è così tanto da vedere. Ma non siamo consapevoli che dentro di noi non c’è solo lo scheletro; c’è qualcosa di più dello scheletro. C’è la tua coscienza. Chiudendo gli occhi non ti imbatterai nello scheletro; ti imbatterai nella tua vera fonte di vita.

Abbiamo bisogno di una profonda conoscenza della nostra fonte di vita, quindi non ci sarà più fretta e affanno. Uno godrà quando la vita porta la giovinezza, godrà quando la vita porta la vecchiaia e uno godrà quando la vita porta la morte. Saprai semplicemente una cosa: come goderti tutto ciò che incontri, come trasformarlo in una celebrazione.

Questa è l’autentica religione.