fbpx

Filosofia Esperienziale: quando la meditazione non è abbastanza

filosofia-esperienziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

La meditazione non è abbastanza… Ebbene sì, l’ho detto veramente.

Lungi dall’essere la panacea in cui tutti confidiamo, la meditazione è senza dubbio uno strumento potente, ma non risolve i problemi profondi che molti di noi portano con se.

In realtà, non importa in quale tipo di pratica spirituale ci si impegna, non importa quale strumento sacro si tiene vicino al cuore. La sola spiritualità è incompleta, distorta e fuorviante senza un adeguato lavoro sul pensiero.

I percorsi spirituali hanno bisogno di un elemento che metta in sintonia mente e cuore, altrimenti sono inclini a problemi come materialismo e narcisismo spirituale, negazione, alienazione, repressione, dissociazione, disconnessione, scarso senso di sé e ri-traumatizzazione.

Come tutte le cose della vita, la spiritualità deve evolversi oltre i paradigmi infantili, auto-sabotanti, repressivi e oppressivi caratteristici della nostra cultura. Dobbiamo approfondire il nostro approccio alla trasformazione spirituale, e ciò implica l’unione dei due mondi di emozione e pensiero.

Che cos’è la filosofia esperienziale?

Come suggerisce il nome, la filosofia esperienziale è un metodo pratico per applicare la filosofia alla vita di tutti i giorni, per trasformare il pensiero da nemico ad alleato. È anche lo studio di come il pensiero influenza lo sviluppo spirituale (e viceversa). I temi spesso esplorati nella filosofia esperienziale includono:

  • Armonia mentale, emotiva e / o fisica e guarigione spirituale
  • Il fenomeno della dispersione animica
  • Sintonia tra la mente e il cuore
  • Scoprire la propria chiamata spirituale
  • Comprensione del significato della vita
  • Rilascio di energia bloccata
  • Lavorare attraverso le ferite interiori primarie
  • Lavoro interiore e lavoro sul sé ombra
  • Muoversi attraverso la notte oscura dell’anima
  • Ottenere l’accesso alla propria vera natura
  • … e così via

C’è un numero illimitato di argomenti che la filosofia esperienziale può esplorare – tutto dipende da quali sono i tuoi bisogni del momento.

Ma la filosofia e la spiritualità non sono cose diverse?

Quando si parla di filosofia e spiritualità, si pensa a due cose separate, che cercano di comunicare tra di loro in due lingue completamente diverse.

… Ma, in realtà, la filosofia e la spiritualità hanno molto più in comune di quanto si possa pensare.

In effetti, la stessa parola “filosofia” è composta da due termini del greco antico: φιλεῖν (phileîn), “amare”, e σοφία (sophía), “sapienza”, ossia “amore per la sapienza”. Pertanto, il significato originale di filosofia era riferito ad una sapienza pratica e concreta, molto diversa dalla filosofia scolastica, astratta e teorica che oggi conosciamo.

Nelle antiche scuole iniziatiche la filosofia ricopriva un ruolo fondamentale, in quanto lo studente doveva crescere non solo in spirito ma anche in sapienza. Altrimenti il suo percorso rischiava di fallire o, addirittura, diventare dannoso.

Inoltre, la filosofia e la spiritualità rispecchiano ciò che tutti possediamo dentro: una mente e un’anima (o spirito). Perché allora dovrebbero essere separate? Quale vantaggio ci sarebbe nel mantenere separati questi due aspetti innati di noi?

… come la profondità e la superficie del mare sono inseparabili, così sono lo spirito e il pensiero di ogni essere umano. Sono le nostre correnti profonde e selvagge che ci fanno innalzare e troneggiare, immergere e spumeggiare. Eppure, quella base di spirito rimane inalterata dalle tempeste che agitano la superficie. Obbedisce a un ordine più profondo. Tuttavia, come esseri che vivono nel mondo, siamo sempre soggetti a entrambi: la profondità e la superficie, il nostro spirito e il nostro pensiero.

[Mark Nepo]

Proprio come nell’oceano, c’è una profondità e una superficie dentro di noi. In altre parole, tutti possediamo un asse orizzontale (il nostro sé terreno) e un asse verticale (il nostro Sé spirituale). Il nostro sé orizzontale è focalizzato sul fare e sul divenire, e il nostro Sé verticale è focalizzato sull’essere e sul lasciar andare.

Dobbiamo onorare entrambi se vogliamo vivere una vita di equilibrio e serenità.

Perché la spiritualità da sola non è abbastanza?

La realizzazione da sola non necessariamente trasforma l’essere nel suo insieme… si può sperimentare un po’ di luce al vertice spirituale della coscienza, ma le parti sottostanti rimangono quelle che erano. Ho visto un numero enorme di casi.

[Sri Aurobindo]

Ancora una volta, torniamo al nostro punto centrale: la meditazione non è abbastanza.

In effetti, qualsiasi percorso puramente “spirituale” (cioè, percorsi che si concentrano esclusivamente sulle parti metafisiche e trascendenti di noi stessi / della vita) non è sufficiente.

Quando la spiritualità manca di filosofia, è disconnessa, dissociata, priva di fondamento e soggetta a problemi inquietanti come il narcisismo spirituale e il materialismo spirituale.

Sì, potremmo essere in grado di meditare per molte ore al giorno, potremmo essere in grado di fare fantasiose posizioni yoga, potremmo avere una dieta ad “alta vibrazione”, potremmo capire la legge dell’attrazione, potremmo avere tutte le apparenze di persone “spirituali”, ma tutto ciò rimarrebbe un’illusoria scia luccicante se non diventiamo reali con noi stessi affrontando le nostre ombre interiori.

Senza una profonda e onesta auto-accettazione, la vita spirituale poggia su un pericoloso fondamento psicologico e non è altro che una fuga in un mondo di illusioni. L’umile conoscenza di sé è la condizione fondamentale per qualsiasi vera spiritualità.

La verità è che la spiritualità può essere facilmente usata per sfuggire, evitare, intorpidire e reprimere i problemi più profondi dentro di noi, tutto in nome di “amore e luce”.

Perdersi nella luce

Ci sono tanti modi per perdersi nella luce come nell’oscurità.

Torniamo di nuovo al nostro esempio di meditazione. La meditazione è spesso sfoggiata e propagandata come cura per tutti i nostri mali e, sebbene certamente abbia profondi benefici, è limitata senza un qualche tipo di lavoro sul pensiero.

Molti studenti usano la meditazione non solo per scoprire il regno interiore e trovare l’equilibri , ma anche per fuggire. Poiché abbiamo paura del mondo, paura di vivere pienamente, paura delle relazioni, paura del lavoro o paura di alcuni aspetti di ciò che significa essere vivi nel corpo fisico, corriamo verso la meditazione. Chiunque abbia praticato per un po’ probabilmente ne avrà sperimentato qualche effetto nel proprio cuore e nella propria mente. Dobbiamo capire che la meditazione, come ogni tipo di terapia o disciplina, può essere usata in modi abili, per la libertà, per il benessere, per aprire il cuore. Ma può anche essere usata in modi difensivi, al servizio dell’ego e delle nostre paure, calmando noi stessi in modo da non dover affrontare alcune difficoltà, seguendo il nostro respiro in un modo che anestetizza certe emozioni scomode.

[Jack Kornfield]

È qui che entra in scena la filosofia esperienziale: si preoccupa di aiutarci ad affrontare, esplorare, abbracciare e trascendere questi problemi più profondi.

In effetti, ci sono molte aree di crescita in cui la filosofia esperienziale è più attrezzata (e più veloce) per aiutare una persona rispetto alla meditazione. Gli esempi includono paure e fobie, problemi di relazione, problemi di lavoro, dolore, affari incompiuti, sessualità, ferite precoci e così via.

Abbiamo bisogno che sia la spiritualità sia la psicologia lavorino fianco a fianco per raggiungere il nostro potenziale evolutivo e spirituale come divenire umani.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: