fbpx

Buongiorno, sto rivivendo degli eventi che mi sono successi circa 30 anni fa.

Sono cambiate persona ed animali, ma sono le stesse situazioni. Come fare per dare un lieto fine?… grazie…

Tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo avuto la netta sensazione di trovarci “incastrati” all’interno di un circolo vizioso. Uno schema ciclico che ci porta a rivivere più volte, con una certa cadenza, sempre i medesimi eventi o le stesse situazioni. Quando ciò accade significa che gli eventi ciclici che sperimentiamo rappresentano delle importanti lezioni per la nostra anima. Ed è interessante notare come queste esperienze ricorrenti hanno anche un ritmo ben preciso. Ci sono persone che si ritrovano a vivere la stessa situazione addirittura quotidianamente. Altre con un ritmo più lento, in cui l’esperienza ciclica si ripresenta puntualmente dopo 2, 7, 10, 20  o 30 anni come nel Suo caso.  Per altri ancora la cedenza è talmente ampia da abbracciare più vite (reincarnazione).

E’ importante comprendere che queste situazioni si ripresentano nelle nostre vite, con precisione e puntualità matematiche, finché non impariamo le lezioni karmiche che esse portano con sé. Queste lezioni non hanno uno scopo maligno, anzi, tutt’altro. Servono per spronare la nostra Anima a crescere e a liberarsi sempre di più dalle subdole illusioni della mente e dell’ego.

Il ciclo ricorrente si fermerà solo quando lasciamo veramente andare tutto il dolore, il rancore e la frustrazione collegati a queste esperienze. Per fare questo dobbiamo abbracciare il vero perdono e l’autentica trascendenza.

Non necessariamente le esperienze ricorrenti sono negative. Possiamo anche ritrovarci a vivere ciclicamente eventi piacevoli, positivi. In questo caso l’Universo sta comunicando alla nostra Anima che si trova sulla strada giusta. Quando invece abbiamo a che fare con un Karma negativo che alimenta cicli di situazioni spiacevoli, possiamo usare la meditazione o l’ipnosi regressiva per accelerare il processo di apprendimento e trascendenza.