15 segni che stai attraversando un risveglio spirituale “repentino”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stai attraversando un risveglio spirituale burrascoso. La tua prospettiva sulla vita è cambiata drasticamente. Non sei più la stessa persona che eri un tempo o qualche anno fa.

Ma qualcosa è andato terribilmente storto.

Mentre gli altri, sul sentiero spirituale, si godono le loro intuizioni profonde, ti senti soffocare sotto il peso di una crisi esistenziale .

Mentre gli altri sono piacevolmente impegnati a riconnettersi con il vero significato della vita, tu riesci a malapena a tirare avanti col lavoro o persino ad alzarti dal letto per fare la doccia.

Mentre gli altri sentono un profondo senso di pace e allineamento, ti senti come se fossi sul punto di impazzire o essere risucchiato nel buco nero della malinconia.

Cosa diavolo è successo?

Hai fatto forse qualcosa di sbagliato? È perché non sei degno o pronto a ricevere un avanzamento spirituale? O è perché non sei abbastanza forte?

Risposta: NO, Niente di tutto questo. Quello che stai vivendo non ha nulla a che fare con i tuoi punti di forza o capacità.

Quello che stai vivendo è qualcosa che possiamo definire “emergenza spirituale”. E, come vedremo nel resto di questo articolo, è un processo normale che molte persone sperimentano durante i loro percorsi di crescita e non è colpa tua.

Che cos’è un’emergenza spirituale?

E’ una grave crisi che un individuo può sperimentare dopo aver attraversato un risveglio spirituale improvviso . In sostanza, l’emergenza spirituale si verifica quando il processo di risveglio spirituale accelera così tanto da diventare terrificante e destabilizzante per il corpo e la mente.

“Emergenza spirituale” come parola fu coniata per la prima volta dagli psichiatri cechi Stanislav e Christina Grof. Fu in seguito trattata ampiamente nel libro Spiritual Emergency: quando la trasformazione personale diventa una crisi.

Le emergenze spirituali possono accadere a chiunque, in qualsiasi momento della vita. Coloro che non sono particolarmente “spirituali” possono sperimentarle altrettanto spesso di quelli che sono attivamente impegnati sul sentiero della Conoscenza e della meditazione. Il fattore comune che unisce è di solito uno shock (sotto forma di malattia, lutto familiare, grandi cambiamenti di vita, ecc.) che scatena la crisi.

L’emergenza spirituale può durare da pochi giorni a diversi anni. Il processo dipende in gran parte dal tipo di ambiente in cui vivi e da quanto sia di supporto o meno.

15 segni che stai vivendo un’emergenza spirituale

L’amore cosmico è assolutamente spietato e indifferente; ti insegna le sue lezioni che ti piaccia o no.

– John Lilly

Se stai attraversando un’emergenza spirituale, hai tutta la mia comprensione e il mio sostegno. Questa è probabilmente una delle esperienze più dolorose e disorientanti che tu abbia mai vissuto – ma sappi che finisce, e vale la pena attraversarla. (Vedremo perché più avanti.)

Di seguito, troverai quindici segni comunemente sperimentati durante le emergenze spirituali:

  1. Trovi impossibile far fronte alle attività quotidiane (come fare shopping, fare la doccia, cucinare, tenere il passo con le bollette, ecc.);
  2. Non puoi mantenere un lavoro a causa della tua intensa sensibilità;
  3. Sembra che il mondo intero si sgretoli intorno a te;
  4. Hai difficoltà a dormire correttamente e potresti avere incubi e terrori notturni;
  5. Il tuo mondo interiore è in forte conflitto con quello esteriore;
  6. Senti di essere su una specie di otto volante emozionale;
  7. Potresti sperimentare strane premonizioni o visualizzazioni in alcuni momenti della giornata;
  8. Fai fatica ad accettare la realtà così come è;
  9. Potresti credere, ad un certo punto, di essere la reincarnazione di antichi personaggi mistici. (Questo si chiama inflazione dell’ego ed è il risultato della Coscienza Universale che si sovrappone alla propria coscienza personale);
  10. Potresti provare vividi flashback delle vite precedenti;
  11. Provi strane sensazioni nel tuo corpo (es. vibrazioni, brividi, calore, euforia);
  12. Hai sviluppato una malattia inspiegabile dal punto di vista medico;
  13. Si verificano molte sincronicità o coincidenze significative nel tuo quotidiano;
  14. Ti senti come se fossi risucchiato in una dimensione diversa o in un buco nero;
  15. Ti senti come se avessi perso ogni punto di riferimento

Naturalmente, questo elenco non è esaustivo. Probabilmente ci sono molti altri indizi che ho dimenticato di includere.

Aiuto più approfondito

Vuoi saperne di più sull’emergenza spirituale? Nel nostro libro “Il processo di risveglio spirituale” , forniamo una guida più approfondita.

Inoltre, coloro che lavorano nel campo del benessere mentale potrebbero avere una o due cose da dire sull’elenco dei sintomi sopra. Sì, è vero che molti dei suddetti sintomi si sovrappongono a “disturbo bipolare”, “depressione maniacale”, “schizofrenia”, ecc. Esploreremo questa importante sovrapposizione un po’ più avanti.

Perché accadono le emergenze spirituali?

Onestamente, non esiste una sola ragione nota per cui si verificano le emergenze spirituali. La causa, si suppone, è unica per tutti.

Ma ecco alcune spiegazioni:

  1. È il tuo destino – sperimentando un processo di risveglio spirituale accelerato , stai per apprendere alcune lezioni profonde, lavorare attraverso un’enorme quantità di karma e trasformarti nella versione più illuminata di te in questa vita.
  2. I tuoi condizionamenti erano particolarmente forti: credenze, idee, abitudini, orientamento religioso e schemi stereotipati adottati dai tuoi genitori e dalla società. Per superare queste forme di condizionamento e dissolverle (in modo da poter sperimentare un “aggiornamento” cosciente), dovevi passare attraverso un risveglio spirituale particolarmente intenso.
  3. Hai un “talento spirituale” ereditato da una vita precedente – parte del tuo processo di risveglio spirituale implica il collegamento con le forze della mente inconscia o “regno degli spiriti” che non hai ancora imparato a gestire (ecco perché stai vivendo un’emergenza spirituale).
  4. Hai dei “debiti karmici” in sospeso – alcune teorie esoteriche sostengono che stiamo affrontando traumi irrisolti delle nostre vite passate in questa vita – e che potrebbero assumere la forma di un’emergenza spirituale per aiutarti a eliminare antichi schemi e fare “tabula rasa”.
  5. Sei più sensibile della media – tutti abbiamo vari livelli di sensibilità e, coloro che attraversano un’emergenza spirituale, possono essere più sensibili ed empatici di altri. Questo può spiegare perché il potenziale risveglio spirituale si trasforma in un’emergenza; è semplicemente troppo travolgente per coloro già sensibili alla vita. Ancora una volta, non c’è modo di provarlo, ma è una teoria su cui potresti voler riflettere.

Quale di queste spiegazioni rispecchia meglio la tua situazione attuale? Forse potrebbe essere più di una…

Indipendentemente da ciò che scegli, è fondamentale q dare uno scopo alla tua emergenza spirituale. Come scrisse Friedrich Nietzsche, “Chi ha un motivo per cui vivere può sopportare quasi tutto”.

Stai vivendo un’emergenza spirituale o sei solo stressato?

I guasti precedono i progressi.

– Lee Lozowick

Potresti essere curioso di sapere se l’emergenza spirituale è in realtà solo un nome di fantasia per un periodo di forte stress o depressione?

Questa è una domanda difficile a cui rispondere in quanto non esiste un “sì” o un “bianco o nero”.

Coloro che subiscono emergenze spirituali sono spesso ospiti nei reparti di salute mentale – sia forzatamente che volontariamente.

La buona notizia è che sono sempre più numerosi gli psicoterapeuti e gli psichiatri propensi a tenere conto di questo importante fattore. Come afferma uno di loro, che è stato anche mio allievo:

“Ci sono letteralmente migliaia di persone in cura presso il sistema di salute mentale che non vedono onorato l’aspetto spirituale della loro esperienza. La dimensione spirituale è stata completamente oscurata dall’interpretazione data alla loro esperienza dal modello medico.

A questi sfortunati individui sono state iniettate con la forza dosi elevate di medicinali, trattenute contro la loro volontà, evitate dalle loro famiglie, respinte dalla società ed etichettate dal sistema come malati di mente.

Sebbene occorre considerare che il sistema di salute mentale (che è un’istituzione fondamentalmente difettosa) sta solo facendo ciò che conosce meglio, un’unità psichiatrica non è il posto più sicuro per una persona che sta vivendo un’emergenza spirituale”.

Ovviamente, i medici che stanno facendo da portavoce a questo concetto, non stanno affatto demonizzando le normali procedure cliniche e nemmeno i relativi farmaci.

Semplicemente stanno affermando che i tempi sono maturi per affiancare e integrare l’aspetto puramente organico della medicina con quello “energetico” o spirituale. Ovvero tenere conto che un essere umano non è solo fatto di acqua, carbonio e altri elementi chimici, ma anche di spirito ed elementi “sottili”.

Affidarsi alle cure mediche durante l’emergenza spirituale…

Il parere di un medico specialista è SEMPRE l’elemento principale a cui riferirsi quando si sperimentano i sintomi di cui abbiamo parlato poco fa.

Fermo restando che, come affermano molti psichiatri, limitarsi alle sole cure mediche potrebbe ridurre l’opportunità di guarigione e crescita, per vivere una vita più piena, più ricca e più risvegliata sotto il punto di vista spirituale. Il naturale processo di rinnovamento, come lo chiamava lo psichiatra John Weir Perry, può essere facilitato e completato laddove le cure mediche vengono affiancate da pratiche spirituali come la meditazione profonda, la presenza, la consapevolezza, mindfulness ecc.

Inoltre, avere le nostre esperienze mistiche etichettate sbrigativamente come null’altro che patologie, non solo nega la validità spirituale di ciò che stiamo attraversando, ma aggiunge anche un elemento non necessario di paura e terrore all’esperienza. Questa paura e questo terrore possono essere profondamente paralizzanti e possono rendere l’intera esperienza molto più difficile di quanto debba realmente essere.

Numerosi medici e psicoterapeuti in tutto il mondo hanno già convalidato il fenomeno dell’emergenza spirituale. La definiscono “crisi dello sviluppo”:

Le crisi di sviluppo sono periodi di stress che accompagnano i punti di svolta nelle nostre vite. Possono essere contrassegnate da notevoli malesseri interiori.

Come affrontare l’emergenza spirituale

C’è una crepa in tutto ciò in cui entra nella luce.

– Leonard Cohen

Scrivo “affrontare” invece di “curare” perché l’emergenza spirituale ha una propria mente. Ciò con cui abbiamo a che fare qui è una forza della natura, un movimento divino di energia che non può essere manomesso senza effetti negativi.

Non esiste un processo di felicità “step by step”. Vorrei che ci fosse. Mi piacerebbe tanto offrirti questo. Ma sarebbe illusorio e irriverente nei confronti del processo che stai attraversando. Forse la cosa più importante da sottolineare in questo articolo è che la tua sofferenza ha uno scopo e le tue esperienze sono spiritualmente valide. Se c’è qualcosa che ricorderai di questo articolo, spero sia questo.

Mentre non esiste una formula per la guarigione, poiché ogni viaggio è diverso, ci sono alcune pratiche che puoi utilizzare e che hanno aiutato coloro impegnati in un percorso simile prima di te.

Per favore, prendi in esame questi consigli molto lentamente e fermati quando sperimenti difficoltà:

1. Smetti di meditare nel modo “classico”, pratica invece la consapevolezza

Molte persone che attraversano emergenze spirituali, semplicemente non possono tollerare la meditazione. Perché? La meditazione può essere molto dissociante se non sei fortemente radicato nel tuo corpo. (E quelli che sperimentano una crisi mistica o la notte oscura dell’anima lottano per mantenere la presa su questo piano di esistenza!) La meditazione può anche aprire le porte all’interno della mente e incoraggiare l’afflusso di materiale inconscio. Per una persona già bombardata da immagini e visioni dalla mente profonda, questo può essere profondamente destabilizzante.

Durante questo momento difficile, è meglio praticare la consapevolezza. Significa prestare consapevolmente attenzione al momento presente. Quando siamo consapevoli, siamo completamente impegnati con il nostro corpo e i nostri sensi. Sintonizzarti sul tuo senso del gusto, del tatto, dell’olfatto, della vista e dell’udito può aiutarti a ritrovare stabilità.

Cerca di praticare la consapevolezza un po’ ogni giorno. Lavare i piatti consapevolmente e sentire l’acqua sul le mani. Appendi i vestiti con attenzione e ascolta gli uccelli che cinguettano fuori o le voci/rumori in strada. Mangia con attenzione e nota le diverse combinazioni di sapori che riempiono la bocca. Ottieni l’immagine!

2. Cerca l’energia della Terra

Cerca di portare l’energia della Terra nella tua vita quotidiana. Come forse già saprai, l’energia della Terra è profondamente radicante e nutriente. Se hai bisogno di aiuto per ancorarti in questo regno, esci e passeggia nel verde. Siediti o sdraiati sull’erba. Coltiva alcune piantine nella tua casa o in cortile. Prenditi cura di una pianta da vaso. Siediti sotto un albero a piedi nudi e senti il ​​terreno sotto i tuoi piedi. Se necessario, porta a nel letto con te una pietra, in modo da poter letteralmente rimanere con la a terra. L’ecoterapia è una buona strada da esplorare.

3. Sospendi temporaneamente la tua pratica spirituale

Per alcuni, questo può sembrare drastico, ma l’emergenza spirituale non è qualcosa su cui scherzare. È importante capire che alcuni tipi di pratica spirituale possono intensificare la crisi mistica e la notte oscura dell’anima. Nell’interesse del tuo benessere, potrebbe essere meglio mettere da parte la tua pratica per un po’ e concentrarti su compiti banali. Se non puoi assolutamente fare a meno di una qualche forma di nutrimento spirituale, prova approcci alla spiritualità incentrati sulla terra, come passare del tempo nella natura. In definitiva, se segui questo consiglio o meno dipende da te e dalla tua situazione. Ma considera sicuramente la possibilità che la tua pratica spirituale possa essere attualmente dannosa per il tuo benessere.

4. Mangia cibi sostanziosi

Durante l’emergenza spirituale, è allettante ignorare il cibo (semplicemente perché siamo troppo preoccupati o non abbiamo energia). Ma per favore, fai del tuo meglio per mangiare almeno un pasto abbondante al giorno. Concentrati su ortaggi a radice come patate, barbabietole, carote, cipolle e su carni bianche o pesce. Se sei vegetariano o vegano, potresti considerare di cambiare temporaneamente la tua dieta per includere la carne: i tempi disperati richiedono misure disperate!

5. Trova uno scopo nella tua sofferenza

Esamina nuovamente le cinque potenziali ragioni per cui si verificano le emergenze spirituali (vedi l’inizio dell’articolo). Perché si pensa che stai vivendo un’emergenza spirituale? Ascolta il tuo cuore e fai emergere la risposta. Saprai di aver trovato la verità quando senti i brividi in tutto il corpo, un senso di pace e chiarezza o un improvviso momento di “Eureka!” Se non riesci a trovare spiegazioni soddisfacenti menzionate in questo articolo, ti potrebbe aiutare pregare l’Universo / Dio / qualunque cosa ti aiuti a trovare il significato. Questa preghiera non deve essere religiosa, può essere spirituale o semplicemente spontanea. Basta comunicare la tua intenzione e notare eventuali segni che sorgono nella prossima settimana.

6. Esercizio (anche solo per pochi minuti)

A seconda della situazione, potresti provare una catarsi nell’esercizio fisico moderato (aanche solo lunghe camminate). Presta attenzione alle tue esigenze. L’esercizio fisico è vitale per la salute mentale e il benessere fisico generale. Ti collega anche con il tuo corpo e il mondo circostante, che è importante durante l’emergenza spirituale.

7. Evita situazioni stressanti e riduci le tue responsabilità

Lo stress aggrava qualsiasi forma di emergenza spirituale – questo è abbastanza ovvio. Inoltre, mantenere molte responsabilità tende a produrre stress. Se hai molti progetti o persone che necessitano della tua energia, potrebbe essere meglio lasciar perdere il più possibile la maggior parte di esse. L’emergenza spirituale richiede energia e attenzione e perdersi nel guazzabuglio del lavoro è una ricetta per il disastro. Quindi cerca di semplificare ciò che puoi e concediti un po’ di respiro.

8. Cerca supporto

Oltre alle irrinunciabili cure mediche, nella nostra esperienza abbiamo osservato che, in questi casi, può risultare molto utile una relazione d’aiuto basata sulla Filosofia Patica o sull’Alchimia Spirituale.

Perché non sto raccomandando il supporto di amici o familiari? Il motivo è perché di solito le persone a noi vicine non hanno alcuna comprensione dell’emergenza spirituale e tendono a essere negativamente condizionate dai luoghi comuni. In altre parole, è molto più probabile che rimangano spaventati dalla tua esperienza (in quanto la stanno confrontando con il tuo “vecchio” te) e, in realtà, invalidano l’esperienza piuttosto che convalidarla. Questa non è una regola fissa: alcuni amici o familiari sono maturi e potrebbero aver vissuto esperienze simili. Quindi cerca di usare il tuo istinto quando prendi una decisione e, soprattutto, metti al primo posto il tuo benessere.

In particolare, non lasciare che nessuno cerchi di convincerti che ciò che stai attraversando è puramente il prodotto di una patologia o che le tue visioni / intuizioni sono “irrilevanti”. Negare l’elemento spirituale di ciò che stai attraversando è dannoso per il tuo benessere, così come sarebbe dannoso negare l’aspetto medico. Hai il diritto di onorare la tua esperienza e di trovare un significato in essa, poiché in effetti è significativa.

L’emergenza spirituale è un processo sacro

Quando tutto è detto e fatto, questa emergenza spirituale può cambiare la vita in modo movimentato, ma è un processo sacro per ripulire il vecchio e accogliere il nuovo.

Abbi cura di te, cara anima. Stai facendo il meglio che puoi e sei così coraggioso da percorrere questa strada. Grazie per il tuo insondabile coraggio.