fbpx

Come ottenere i massimi risultati da una seduta d’ipnosi regressiva

ipnosi-regressiva-risultati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

Quando avevo diciassette anni trovai, dimenticato sul sedile di un treno, un libro intitolato Mandukya Upanishad, che tratta di uno Yoga quasi sconosciuto (l’Asparsa) e di questioni metafisiche così profonde da scuotere l’anima. Quel libro, pur non trattando direttamente d’ipnosi e vite precedenti, ha lanciato la mia carriera e ha acceso una vocazione che dura da più di tre decenni.

In un certo senso, sono stato un pioniere in una nuova professione, un ricercatore in una nuova area di scoperta. Come ricercatore, ho progettato nuovi metodi che altri professionisti hanno trovato utili. Come autore, ho compilato la ricerca e pubblicato diversi articoli sull’argomento. In seguito, sono diventato insegnante, formatore e ricercatore certificato, aiutando le persone a migliorare la propria vita superando i blocchi karmici e costruendo un futuro migliore.

Questo articolo evidenzia alcuni miei apprendimenti acquisiti in trent’anni di professione. Il mio obiettivo è stato e continua ad essere un’applicazione pratica ed esperienziale anziché la promozione della semplice teoria.

LA CONTINUITÀ DELLA VITA

Mentre la ricerca continua, ci rendiamo conto che ci sono connessioni sorprendenti tra passato e presente. Le persone sembrano avere “una vita con molte vite”. Sperimentando e imparando dalle sessioni di regressione a vite precedenti, si è in grado di unire le esperienze delle varie vite in un cammino di evoluzione complessivo con un unico scopo.

Le esperienze delle vite passate possono essere spiegate paragonandole con le lezioni a scuola. Trascorriamo molti anni a scuola e impariamo le lezioni appropriate per ogni livello. Impariamo, anche dalle esperienze che abbiamo al di fuori delle aule, abilità sociali e valori spirituali. Da giovane studente, gli anni scolastici sembravano disconnessi mentre li vivevo; tuttavia, nel periodo successivo, quando ho iniziato a riflettere su quegli anni, le lezioni sono diventate chiare.

Gli anni scolastici sono un segmento della vita attuale. Dopo aver completato la scuola, l’apprendimento individuale e le esperienze variano. Alcune persone si uniscono al mondo degli affari, mentre altre scelgono carriere accademiche, alcuni cercano un impiego fisso, mentre altri si dedicano alla libera professione ecc. Queste esperienze possono essere confrontate con le varie vite in cui ci reincarniamo. Alcune vite sono dedicate a segmenti di apprendimento generale e altre di apprendimento individuale.

IMMAGINAZIONE

Quando lavoro con clienti o con un vasto pubblico, alcune persone dicono che, all’inizio, la regressione sembra immaginazione ma, presto, si accorgono che i contenuti cominciano a creare una struttura di senso compiuto. Più tardi ammettono che se avessero inventato una storia, non sarebbe stata così.

La paura della propria immaginazione è un ostacolo per alcuni, in quanto si può l’impressione che non non ci siano abbastanza punti di riferimento per delineare una zona di comfort, soprattutto alle prime esperienze con l’ipnosi regressiva. Una prima esperienza di regressione spesso manca di indicatori direzionali lungo il percorso.

Questo è dovuto principalmente alla mancanza di una corretta informazione sull’ipnosi e alle false aspettative create dagli spettacoli commerciali sull’ipnosi regressiva e il fenomeno della reincarnazione.

E’ quindi fondamentale, quando ci si vuole informare sull’ipnosi, rivolgersi esclusivamente a fonti specialistiche accreditate, evitando quindi i sentito dire e i “tuttologi” privi di qualifiche. Recarsi ad una sessione d’ipnosi regressiva aspettandosi di perdere conoscenza e piombare come per magia sul set di un film storico è decisamente sconsigliato.

Torniamo ora alle vere potenzialità della regressione a vite precedenti…

Dopo alcune sessioni, la persona inizia a capire come funziona la memoria e il processo diventa più semplice. Per alcune persone, i ricordi sono molto sottili, flebili, sfuggenti o confusi. Per altri, possono invece essere piuttosto vividi con forti impressioni ed emozioni potenti. Con il tempo e l’esperienza, le persone iniziano ad apprezzare come le loro memorie registrano, archiviano e riproducono le esperienze (processo di recupero della memoria).

All’inizio della mia attività, decisi di sottopormi io stesso ad una seduta di regressione a vita precedente. I primi ricordi che affiorarono alla mia mente erano piuttosto deboli ed evanescenti. Sentivo che provenivano dal Sud America. Stavo camminando lungo le strade di una grande città. Tenevo sottobraccio un fascio di spartiti musicali e avevo l’impressione di recarmi al lavoro. La strada era costeggiata da vecchi edifici con botteghe e i veicoli che transitavano potevano far pensare agli inizi del ‘900.

Anche se stavo ricevendo informazioni preziose, ho iniziato a chiedermi se tutto ciò potesse essere frutto della fantasia. In quel momento di meraviglia, la mia mente si spostò dall’attività evocativa a quella analitica e logica. Purtroppo, così facendo, ho negato la memoria. Il mio processo di pensiero logico diceva: “Pensi che sia il Sud America perché hai sempre desiderato andarci”. Da bambino, quando sfogliavo un atlante o mi soffermavo davanti d un planisfero, ero sempre attratto da Sud America. Sentivo un legame con la musica popolare di quei paesi e mi sembrava che ci fosse qualcosa in Sud America che dovevo completare.

È saggio e importante pensare in modo critico ma non quando facciamo un lavoro ispirato e creativo. Anche se credevo che le mie impressioni fossero sbagliate, la mia mente razionale ha continuato ad analizzare i ricordi di quella città e di quegli spartiti musicali. Alcuni anni dopo, appresi che molti negozi de L’Avana hanno, ancora oggi, un aspetto molto simile alle impressioni che ho ricevuto in quella sessione. Quindi appresi in seguito che non era proprio il Sud America ma, molto probabilmente, Cuba.

Dissi all’operatore che guidava la sessione: “Beh, è ​​meglio che riemergo perché non sto ottenendo nulla”. In realtà, stavo ricevendo informazioni preziose e le negavo. Stupidamente, ho liquidato la mia memoria come fantasia. Vorrei perciò invitare le Lettrici e i Lettori di questo articolo, ad imparare dal mio errore! Occorre mettere da parte l’analisi e le aspettative. È impossibile rivivere un evento e analizzarlo allo stesso tempo.

Quando si lavora in sessioni individuali, evito sempre di invitare le persone molto analitiche a verbalizzare le loro impressioni durante l’ipnosi. Questo perché la verbalizzazione potrebbe mettere in moto l’attività analitica. Durante alcune sessioni, i ricordi possono essere molto deboli e vaghi; in altre, possono essere molto potenti. Solo quando ho la certezza che il soggetto ha agganciato i ricordi con la mente evocativa lo invito a verbalizzare. A questo punto, verbalizzare le impressioni che si ricevono aiuta a renderle più chiare. Sorprendentemente, quando inizi a parlare, vengono rivelate più informazioni e i dettagli della vita precedente cominciano a delinearsi.

Alcune persone elaborano i ricordi attraverso la modalità visiva. Altre attraverso l’udito o il sentimento. Nel mio caso, principalmente, ho sentito le impressioni che erano accompagnate da un“dialogo interno”.

Ho imparato che esistono diversi tipi di immaginazione:

  • Immaginazione di fantasia (come in un film). E’ molto utile per il trattamento di molti disturbi ma rimane pur sempre finzione.
  • L’immaginazione come portale per il pensiero superiore. È una porta per l’ispirazione e l’illuminazione.
  • L’immaginazione costruttiva come elemento fondamentale per la realtà. Tutto ciò che l’umanità ha inventato o costruito è iniziato come un pensiero come immaginazione creativa. Il pensiero è cresciuto, come un seme, in realtà.

RICHIAMO VIVIDO DELLE SESSIONI

Alcuni genitori chiedono ai loro figli di inventare le proprie storie prima di coricarsi, il naturale tempo alfa tra l’essere svegli e il sonno. Quei genitori a volte registrano le storie per riferimenti futuri. E può capitare che in quelle storie ci siano riferimenti a vite passate.

Anche gli adulti hanno ricordi; tuttavia, sono così immersi nelle attuali vite che ci vuole un po’ più di tempo per aprirsi a quei ricordi profondi. Quando sono disposti a entrare in se stessi, c’è una ricchezza di materiale prezioso da raccogliere e da imparare. Tali storie hanno importanza e valore duraturi.

Le persone ricordano vividamente le loro sessioni anche decenni dopo. Le storie di vite passate sono regali della memoria a lungo termine.

NESSUNA PERSONALITÀ FAMOSA

Nei molti anni in cui ho guidato regressioni a vite precedenti, ho incontrato molto raramente personalità famose. E comunque, parlando di personalità famose, non mi riferisco ai livelli di Cleopatra o Giulio Cesare. Quelle personalità esistevano un paio di millenni fa, ma trovarle oggi potrebbe essere difficile. Nelle istituzioni ci sono alcune persone tormentate che affermano di essere personalità diverse da se stesse. Tale pensiero delirante è piuttosto triste.

Le persone, nella grande maggioranza dei casi, raccontano la vita semplice dei tempi in cui si sono verificati gli eventi.

A volte si tratta di vite tranquille, a volte tormentate e avventurose ma molto raramente riferite a personaggi famosi. Più preziosa della fama è la misura in cui hanno migliorato la loro crescita personale e lo sviluppo spirituale. Ciò che hanno fatto agli altri o ricevuto dagli altri è di primaria importanza. Molte persone raccontano di pratiche spirituali che hanno seguito o insegnamenti che hanno ricevuto da Maestri.

RILEVANZA PER I PROBLEMI ATTUALI

Le vite passate rivelano schemi che contengono lezioni di guarigione. Spesso, le lezioni sono temi che collegano una serie di vite. Mentre le storie si svolgono, i modelli diventano rapidamente evidenti. Ci sono schemi positivi e schemi stimolanti. Ci sono alcuni schemi neutrali che non sono né buoni né cattivi, ma interessanti solo quando ci si collega a uno stile di vita. Ad esempio, un individuo avrebbe potuto vivere alcune vite vicino al mare.

La cosa più interessante di tutte è che, in qualche modo, quelle storie dell’anima (vite) sono rilevanti per i problemi della vita attuale della persona e la loro soluzione. Nel corso della vita, tutto è in equilibrio. L’apprendimento si riflette come nelle sfaccettature di un diamante. Ogni vita riflette una sfaccettatura che è una parte del tutto.

NESSUN LATO NEGATIVO MA UN LATO POSITIVO PROFONDO

Le persone possono viaggiare dentro di sé per trovare l’origine di un problema. Il semplice ritorno alla causa principale del problema non porta sempre alla guarigione; tuttavia, fornisce chiarezza riguardo le aree di intervento per il continuo lavoro di auto-guarigione.

Il lato positivo si verifica quando le persone riscoprono abilità latenti, talenti, risorse, intuizioni, insegnamenti e altri doni di vite passate. I semi di questi contenuti, continuano a crescere nella mente per consentire alle risorse e ai talenti di svilupparsi nell’attuale vita per migliorarla e superare la sofferenza. La semina e la raccolta possono essere molto preziose.

GUARISCI IL PASSATO PER COSTRUIRE IL FUTURO

Sebbene la regressione a vite precedenti riguardi l’esplorazione del passato, il valore del lavoro consiste nel portare un oggi migliore e costruire un domani gratificante. L’obiettivo del lavoro è studiare il passato mantenendo l’attenzione sul presente e mantenendo una visione per il futuro. Le lezioni del passato si integrano con i doni del passato e il loro uso oggi ne trarrà beneficio domani. Ogni anima ritorna sulla terra con sfide e benefici, compiti da svolgere e supporto interiore per realizzarli. La forza interiore viene riconosciuta e utilizzata. La visione generale è l’unità dello sviluppo spirituale.

La vita è continua. Ogni persona ha una vita con molte vite. Sebbene le lezioni potrebbero non essere sequenziali, poiché comprendiamo la sequenza, le vite sono interconnesse in relazione alla visione. La generosità, o qualsiasi attributo, seminato in una vita potrebbe non essere raccolto fino a quando non sono trascorse alcune vite. Le persone raccolgono ciò che seminano ma non sempre immediatamente. Forse l’universo attende il tempo per un risultato ottimale.

C’è un futuro nella guarigione del passato e un futuro ancora più grande nella riscoperta dei doni del passato. Negli ultimi decenni, il lavoro di regressione è cresciuto fino a diventare una forma di percorso spirituale popolare ed efficace. La regressione per lo sviluppo spirituale, sebbene relativamente recente, cresce ogni giorno. Le persone di tutto il mondo sono ansiose di scoprire le loro radici, i fondamenti delle loro esperienze.

Parlando per esperienza, ti incoraggio ad imparare ad apprezzare chi sei veramente come anima individuale e a riconoscere i tuoi schemi per molte vite. L’apprendimento ti aiuterà a comprendere il tuo scopo nel venire sulla terra.

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: