fbpx

L’ipnosi per superare il perfezionismo

perfezionismo
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr

Conosci qualcuno, un amico, un familiare, un collega o un conoscente che si considera un perfezionista? Se è così, hai mai notato che sembra sempre un po’ nervoso, guardingo o forse impegnativo?

Viviamo in un mondo molto competitivo e nulla vieta di avere elevati standard personali e professionali. Tuttavia, quando lo standard o l’obiettivo di una persona è la perfezione, potrebbe non rendersi conto che si sta preparando a sperimentare più frustrazione, ansia e delusione del necessario necessario. L’obiettivo della perfezione non è realistico.

C’è molto poco nella vita che è perfetto. Essere umani è essere imperfetti.

C’è un arazzo nell’edificio delle Nazioni Unite di un artista belga, che ha intenzionalmente messo delle imperfezioni nell’opera d’arte per indicare che viviamo in un mondo imperfetto. Non esiste una persona perfetta, una relazione perfetta, un lavoro perfetto, una casa perfetta, l’elenco è infinito.

Che cos’è il perfezionismo?

La definizione del dizionario di perfezionismo è “una predisposizione a considerare inaccettabile qualsiasi cosa che non sia perfetta”. Un’altra definizione potrebbe essere “un perfezionista si aspetta di essere perfetto, e si aspetta la perfezione anche dagli eventi e dalle persone che lo circondano”.

Un perfezionista mira costantemente a degli obiettivi che sono sempre oltre la sua portata (e oltre la portata di chiunque). Questo certamente lo prepara alla frustrazione e alla delusione e forse all’ansia generalizzata.

La ricerca ha dimostrato che i perfezionisti sono meno sereni, meno felici, hanno relazioni meno soddisfacenti e addirittura guadagnano meno degli altri.

Ci sono molti aspetti negativi quando una persona cerca la perfezione come obiettivo. Un perfezionista può procrastinare una decisione all’infinito per paura che il risultato non sia perfetto. Questa è una visione molto limitante e si perde l’opportunità di imparare dai propri errori e ci si “blocca”. È stato spesso detto “nessun rischio, nessun successo”.

Una persona che cerca la relazione perfetta si auto sabota fin dall’inizio, poiché sappiamo che non esiste una “relazione perfetta”.

Aspettarsi che altri svolgano un lavoro perfetto è un’altra trappola del perfezionista. Questa aspettativa può spesso scatenare una reazione di rabbia / ansia da parte del perfezionista, creando intolleranza che può essere improduttiva, dolorosa e causa di astio sul posto di lavoro.

Soluzione

Una soluzione ragionevole al perfezionismo è sostituire l’obiettivo della perfezione con un obiettivo più realistico e raggiungibile: l’eccellenza. Nella Notte degli Oscar assegnano i premi per “l’eccellenza” nella recitazione ecc., Non per la perfezione nella recitazione.

Adottare l’obiettivo dell’eccellenza aiuta a “spingere il limite”, consentendo a una persona di diventare più tollerante, comprensiva e più orientata alla soluzione. Bisogna stare attenti a non confondere l’eccellenza con la perfezione. L’eccellenza la puoi raggiungere; la perfezione non è un affare di questo mondo. ”

Sostituire l’obiettivo della perfezione con l’obiettivo dell’eccellenza consente a una persona di apprezzare di più il proprio lavoro o attività, perché lascia andare la pressione di dover svolgere il compito o l’attività perfettamente. Minore è la pressione di una persona, migliore è il suo rendimento e migliore è la concentrazione.

Preoccuparsi di come andranno gli eventi è l’ennesimo trabocchetto del perfezionista. L’obiettivo dell’eccellenza consente a una persona di preoccuparsi di meno e quindi di sperimentare meno ansia o stress.

Un atteggiamento sfortunato che alcuni perfezionisti adottano è che “devono avere ragione”. Non si rendono conto che quando devono avere ragione (ad ogni costo) danno per scontato che gli altri debbano sbagliare. Questo non è un modo produttivo per gestire le relazioni commerciali o personali e può creare disarmonia. L’obiettivo dell’eccellenza consente di godersi la vita sedendosi ogni tanto anche dalla parte del torto.

Cosa può fare l’ipnosi per il perfezionista

L’ipnosi è una motodologia d’eccellenza per aiutare il perfezionista a rimpiazzare quell’obiettivo di perfezione con un obiettivo più realistico, l’eccellenza, che può essere raggiunta ogni giorno. L’ipnologo guida il cliente verso l’ipnosi (uno stato mentale iper focalizzato ), guidando al contempo il cliente a rilassare il proprio corpo. Quindi si facilita il cliente a sostituire il vecchio obiettivo con l’obiettivo perfezionista con un obiettivo d’eccellenza. Questo porterà a sperimentare meno ansia, frustrazione e delusione. Questo processo consente al cliente di comprendere che il cambiamento può essere più rapido del semplice pensiero di creare un cambiamento.

Grande profitto

Il grande vantaggio di lasciar andare il perfezionismo e di adottare l’eccellenza come obiettivo di vita è che una persona diventerà generalmente più felice. Ricordiamo che le persone generalmente più felici che operano in tranquillità vivono più a lungo, sperimentano meno stress e ansia e hanno più successo nelle loro relazioni e in altre attività.

AVVISO AGLI UTENTI. Le sedute d’ipnosi regressiva o meditazione in studio sono momentaneamente sospese per via dell’emergenza COVID-19. Rimangono attive in tutta Italia le sedute di supporto spirituale e/o meditazione via Skype a tariffa ridotta. CLICCA QUI per informazioni e/o prenotare on line oppure contatta lo studio al 3774482770.