fbpx

6 Attività spirituali di autoconsapevolezza che tutti dovrebbero provare

Essere consapevoli di sé è l’abilità più vitale e fondamentale dell’esistenza.

Senza la consapevolezza di sé, i nostri pensieri, sentimenti e modelli comportamentali sono controllati interamente da credenze, supposizioni e istinti inconsci. Quando manchiamo di autoconsapevolezza, creiamo la nostra sofferenza e la perpetuiamo nella vita degli altri, provocando dolore e caos senza fine.

Tuttavia, quando impariamo a diventare consapevoli dei nostri pensieri, credenze, ideali e scelte primitive e autodistruttive, diventiamo esseri più pacifici, amorevoli e intelligenti. Non solo smettiamo di soffrire, ma le persone nella nostra vita smettono di reagire alla nostra miseria autoimposta e trovano più pace.

I nostri pensieri creano letteralmente la nostra realtà, motivo per cui le seguenti attività di autoconsapevolezza in questo articolo sono importanti da imparare e assimilare.

Ti manca la consapevolezza di te stesso? Puoi scoprirlo facilmente facendo caso ai seguenti indicatori:

  • Hai difficoltà a capire cosa stai provando.
  • Trovi difficile parlare dei tuoi sentimenti e pensieri con gli altri.
  • Sei costantemente perso nei tuoi pensieri.
  • Sei spesso infuriato o addolorato dagli altri.
  • Hai una bassa autostima.
  • Ha abitudini autodistruttive
  • Hai un senso del sé molto debole , OPPURE, hai un’identità molto rigida.

Mettendo in pratica le attività di consapevolezza di sé di questo articolo, troverai lentamente e costantemente più gioia e appagamento nella vita quotidiana.

Tre attività di consapevolezza di sé per principianti

Se ti senti come se ti mancasse una comprensione di base di te stesso e degli altri, trarrai beneficio dalle seguenti attività di autoconsapevolezza, ma solo se prendi l’abitudine regolare di svolgerle.

1. Allontanati dalle persone, fermati e non fare nulla.

Spesso usiamo la “frenesia” come un modo per sfuggire alla nostra paura, odio e dolore nella vita di tutti i giorni. Sentiamo cronicamente il bisogno di “fare qualcosa” quando spesso il modo migliore per sperimentare e apprezzare veramente la vita è fermarci con noi stessi.

Per sviluppare la consapevolezza di sé è imperativo iniziare con una “tela bianca”, e la solitudine silenziosa è il miglior punto di partenza. Questo perché la solitudine ti ancora nella realtà e, sebbene all’inizio possa essere spaventoso, trascorrere del tempo da solo ogni giorno ti offre l’opportunità di riflettere su te stesso, su cosa hai fatto, su ciò che hai detto, su ciò che senti e su cosa ti piacerebbe fare. La solitudine ci riallinea con i nostri bisogni e desideri più profondi della vita, ed è quindi un perfetto canale di autoconsapevolezza.

2. Meditazione e autoindagine.

Ci sono innumerevoli forme di meditazione, non solo quella del tipo seduto sul pavimento. Ad esempio, potresti fare meditazione dinamica che coinvolge una catarsi di tutto il corpo, oppure potresti fare una meditazione in movimento come il Qigong, o forse una pratica costante di consapevolezza. Qualunque sia il tipo di meditazione che scegli, è fondamentale che impari a rallentare la tua mente e il tuo corpo, perché questo ti aiuta a diventare più consapevole del chiacchiericcio interiore dentro di te che spesso passa inosservato.

L’autoindagine è un altro modo brillante per aumentare anche la tua consapevolezza di sé. Porre domande come “Perché mi sento in questo modo?” “Da dove viene quel pensiero?” “Queste ipotesi sono vere?” “Cosa ha innescato quel comportamento?” sono tutte domande molto potenti che approfondiranno la tua consapevolezza.

3. Tenere un diario privato quotidiano.

Registrare tutti i tuoi pensieri in un luogo sicuro e protetto ti aiuta non solo a tenere traccia dei tuoi progressi di crescita personale, ma questa pratica ti aiuta anche ad essere più autentico con te stesso. Quando sei onesto riguardo ai tuoi pensieri e sentimenti e quando trovi un posto per esprimerli, non rimangono più imbottigliati nella tua mente. I pensieri “ammassati” tendono infatti a creare molta tensione e stress.

Scrivere i tuoi pensieri ti dà l’opportunità di esplorare e riflettere su ciò che pensi e senti veramente e su cosa puoi fare per sentirti meglio o porre rimedio a determinati problemi. Potresti conservare questi pensieri in un luogo privato o scriverli per poi distruggerli poco dopo.

Tre attività di consapevolezza di sé per studenti avanzati

Come i fiumi perdono nome e forma nel mare, gli uomini saggi perdono nome e forma in Dio, scintillando oltre ogni distanza. – Mundaka Upanishad

Arriva un momento in cui la consapevolezza di sé si evolve dalla comprensione della natura del sé / identità, alla comprensione della natura del Sé / Natura Essenziale, o essenza spirituale di chi siamo.

Con abbastanza pensiero, diventa evidente che la mente è un muscolo molto limitato, e sebbene il nostro intelletto sia uno strumento complesso, è nondimeno che un minuscolo frammento di realtà. Inoltre, diventa anche evidente che chi “pensi” di essere non è veramente quello che sei.

Queste attività di autoconsapevolezza sono per coloro che hanno sviluppato molta intuizione su se stessi, ma forse non molta intuizione sul Sé spirituale, o il Sé di cui spesso si parla e che si esprime attraverso le persone “illuminate”.

1. Poniti le seguenti sei domande …

  • Sono io questa emozione?
  • Sono questo pensiero?
  • Sono questa sensazione fisica?
  • Sono io questa circostanza?
  • Sono questo corpo?
  • Sono questa personalità?

Se devi riflettere su te stesso nella vita di tutti i giorni, ti renderai conto che la maggior parte dei tuoi pensieri è incentrata su un’identificazione viziosa con la tua personalità, il tuo corpo, i tuoi sentimenti e così via. Ma “tu” sei davvero tutte queste cose? Come puoi essere qualcosa che è soggetto a crescita, cambiamento e decadenza?

Se non sei nessuno di questi fenomeni fisici, emotivi o mentali transitori come il vento, chi sei? Scoprirai qualcosa di incredibile … non sei niente! Ma non un niente che sia vuoto o deprimente; bensì un nulla che è pieno, vibrante, puro, amorevole ed eterno; un niente che paradossalmente è tutto. Ho scritto di più su questo argomento in questo articolo.

2. Puntamento a due vie

Con una mano indica il mondo e con l’altra punta verso te stesso. Guarda la scena che stai indicando proprio davanti a te. Esamina tutte le forme, i colori, gli oggetti e i dettagli. Quindi, concentrati sulla mano che punta verso “te”. Cosa vedi adesso? Un sé, una persona, un’identità? Ti renderai conto che la vista è completamente diversa: non c’è altro che uno spazio di coscienza! Non c’è testa, non c’è viso, c’è solo consapevolezza!

Come può essere applicato alla tua vita? Quando sei in una situazione, renditi conto che sei l’osservatore; quello spazio di vibrante vuoto. Ricorda che non sei la testa e il corpo soggetti a crescita, cambiamento e decadimento, ma quello spazio di consapevolezza sempre presente.

Come disse il maestro illuminato Ramana Maharshi: “La risposta al tuo problema è vedere chi ce l’ha“. Essere pienamente coscienti non è un incredibile processo psichedelico ma un’esperienza molto semplice.

3. Esperimento ad occhi chiusi

Chiudi gli occhi. Consenti a te stesso di riposare, consenti ai tuoi pensieri di rallentare. Allora chiedi:

“Quanto sono grande?”

“Che forma ho?”

“Ho dei limiti?”

“C’è un posto dove finisco io e il mondo inizia?”

“C’è qualcosa che mi divide dal mondo?”

“Cosa sono?”

Sii consapevole che la tua mente inizierà ad attingere a ricordi passati, esperienze passate, scene visive e sensazioni, dicerie e immaginazione. Lascia che tutti questi pensieri, immagini e sensazioni si allontanino mentre ti concentri completamente sull’esperienza del momento presente.

Ti potrebbe aiutare scrivere queste domande, quindi chiudere gli occhi mentre rispondi lentamente a ciascuna di esse.

Man mano che abbandoni tutti i pensieri, vedrai che a ogni domanda non si può rispondere nello stesso modo in cui hai risposto una volta. Vedrai che sei illimitato e sconfinato: semplicemente non puoi essere definito. Non è una scoperta sorprendente?

***

Quando ho testato per la prima volta molte di queste attività di consapevolezza di sé, mi sono sentito a disagio e insicuro. Il mio consiglio è di essere paziente con te stesso; è improbabile che sarai perfetto dall’inizio e spesso avrai bisogno di un po’ di pratica per fare progressi.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi regressiva dove farla
Ipnosi regressiva dove farla

Ipnosi regressiva dove farla? Sicuramente ti stai ponendo questa domanda da un po’ di tempo. Soprattutto per avere la certezza di trarre il beneficio massimo