fbpx

Le vite precedenti e la loro relazione con il dolore e la morte

Vite precedenti dolore morte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Oggi voglio parlare di un argomento che ha un forte impatto su tutti noi, in particolare il dolore, la morte e il morire in relazione a un debito karmico contratto in vite precedenti. Penso che la morte sia qualcosa che influenza profondamente i pensieri e i comportamenti di tutti noi. Non solo nasciamo sapendo che alla fine dovremo rinunciare al corpo fisico, morire e andare avanti. Ma sappiamo anche che succederà a tutti coloro che conosciamo, ai nostri cari.

Il dolore è una cosa molto difficile da affrontare nell’ambito dell’esperienza umana. Amiamo le persone che fanno parte della nostra cerchia, siamo in contatto con loro e temiamo il giorno in cui dovranno lasciare la loro forma fisica. Le esperienze, gli indizi e le statistiche che ho avuto modo di raccogliere durante la mia attività,  confermano che continuiamo a esistere dopo la morte. Tuttavia, quando i nostri cari lasciano il corpo fisico, non possiamo più abbracciarli, né vederli, né stare con loro fisicamente. Quindi quella separazione può essere molto difficile.

Io stesso ho iniziato a fare questo lavoro guidando la mia vita spirituale attraverso esperienze di guarigione e di risveglio (e ho certamente ancora molta strada da fare). Quindi comprendo perfettamente quanto sia difficile accettare queste perdite e cercare di vederle all’interno di quadro più ampio riguardante la nostra esistenza e quella degli altri.

Abbiamo già parlato delle anime gemelle in articoli precedenti, del fatto che veniamo qui e ci connettiamo con queste persone in forma fisica. E queste connessioni possono essere molto potenti. Come esseri umani, desideriamo ardentemente la connessione, è radicato nel nostro DNA il desiderio di connetterci con altre persone e costruire relazioni, famiglie.

Ritrovare la propria immortalità

Una delle cose che accadono durante una regressione a vite precedenti è che puoi incontrare, in prima persona, la tua immortalità. Vedendoti, sentendoti o ricordandoti  in un corpo diverso, o in una forma diversa, a volte con un sesso o un’etnia diversi, è molto potente. Puoi letteralmente prendere coscienza che chi sei non ha niente a che vedere con il tuo corpo.

Ritrovare la consapevolezza che c’è una parte di te che esiste prima della vita, e quindi esisterà anche dopo questa vita, può essere un’esperienza illuminante e catartica. E puoi rivedere altre persone con te nelle tue vite passate che hai incontrato anche in questa vita:  forse sono già partite o sono passate oltre questo piano terreno, ma vederle nella tua vita passata può aiutarti a sapere che le rivedrai di nuovo.

Sicuramente questo non toglie tutto il dolore: i nostri cari defunti ci mancano ancora e vorremmo che fossero qui, ma aggiunge uno strato di comprensione sulla dimensione spirituale e sul regno trans dimensionale che esiste intorno a noi. E c’è un’altra cosa molto importante: i nostri cari rimangono in contatto con noi per molte vite. Una regressione alla vita passata può essere un potente veicolo per la guarigione del dolore causato dalla morte, dal morire e dalla perdita.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: