Kahlil Gibran: Bellezza e Bruttezza

kahlil-gibranDio creò il mondo e tutto ciò che serviva al bene di tutti. Un giorno osservò la sua opera e si rese conto che mancavano due cose: la bellezza e la bruttezza. Perciò, queste due, furono le ultime cose che creò. Naturalmente diede vesti bellissime a Bellezza e abiti cenciosi a Bruttezza. Poi le congedò mandandole sulla terra.

Fu un viaggio talmente lungo che, quando giunsero finalmente sulla terra, si sentivano entrambe sfinite e sporche perciò decisero di farsi un bagno. Si recarono all’alba sulle rive di un lago, si tolsero i vestiti e si tuffarono nell’acqua fresca. Fare finalmente un bagno era davvero piacevole, così si godettero quel momento.

Bellezza nuotò fino al largo ma, quando si voltò indietro, si accorse che bruttezza era scomparsa. Tornando a riva scoprì che le mancavano anche i suoi bei vestiti. A quel punto Bellezza intuì cosa era successo: Bruttezza le aveva rubato i vestiti ed era scappata.

Da allora Bruttezza è celata sotto i vestiti di bellezza, mentre Bellezza è costretta ad indossare i vestiti di Bruttezza. Bellezza sta cercando bruttezza ma non è ancora riuscita a trovarla…

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2017 - Associazione SPAZIOAZZURRO - C.F. 97813500010