fbpx

Vedere la vera natura delle cose senza interpretazioni

Consapevolezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

L’interpretazione è l’ostacolo tra noi e la Consapevolezza. Ogni volta che interpretiamo, la realtà è persa. Guarda senza interpretazioni e la realtà è lì, è sempre stata lì. La realtà è lì in ogni momento. Come può essere altrimenti? Realtà significa ciò che è reale. Qualcosa che non si è mosso dal suo posto nemmeno per un solo istante. Ma noi viviamo soltanto nelle nostre interpretazioni e, ciascuno, crea un mondo di illusioni tutto suo. La realtà è comune, l’illusione è privata.

C’è un’antica storia indiana. Cinque uomini ciechi andarono a conoscere un elefante. Prima di diventare ciechi non ne avevano mai visto uno; era qualcosa di assolutamente nuovo in città. Gli elefanti non esistevano nella loro parte del paese. Tutti e cinque toccarono l’elefante interpretando qualunque cosa sentissero. Interpretavano attraverso la loro esperienza. Uno di loro disse: “Un elefante è come un pilastro”, perché stava toccando le zampe dell’elefante – ed era vero. Lo toccò, con le sue stesse mani, e poi ricordò i pilastri: “è esattamente come i pilastri”, disse. E così via, tutti interpretarono.

Un insegnante raccontò questa storia ai bambini di una scuola elementare, ma senza dire loro che le cinque persone erano cieche. La storia è ben nota e si aspettava che i bambini capissero. Quindi chiese: “Ora ditemi, chi erano quelle cinque persone che vennero a conoscere l’elefante?” Un bambino alzò la mano e disse: “Esperti”.

Gli esperti sono sempre ciechi.

Quel ragazzo era davvero uno scopritore. Questa è l’essenza dell’intera storia. Per il bambino, quegli uomini erano esperti perché un esperto sa troppo di troppo poco. Diventa sempre più stretto, limitato: quasi cieco a tutto il mondo. Solo in una direzione particolare è con gli occhi; altrimenti, è cieco. La sua visione diventa sempre più stretta. Più una persona è esperta, più ristretta è la sua visione. Un esperto assoluto deve essere completamente cieco. Dicono che un esperto sia un uomo che sa sempre di più su cose sempre più piccole.

Cento anni fa c’erano medici, dottori, che sapevano tutto sul corpo. Non c’erano esperti. Ora, se hai qualcosa di sbagliato nel tuo cuore, vai da un esperto, qualcosa di sbagliato nei tuoi denti, vai da un altro esperto. E un’altra storiella racconta che un uomo è andato da un dottore e ha detto “sono in difficoltà. Non riesco a vedere correttamente. Tutto sembra essere appannato”. Il dottore disse: “Prima le cose importanti. Prima dimmi quale occhio è in difficoltà, perché io sono l’esperto solo dell’occhio destro. Se l’occhio sinistro è nei guai, vai dall’altro esperto proprio di fronte a me”. Presto, gli esperti dell’occhio sinistro e gli esperti dell’occhio destro saranno separati. Deve essere così perché l’esperienza diventa sempre più stretta e sempre più specialistica. Tutti gli esperti sono ciechi e l’esperienza ti rende un esperto.

Per conoscere la Realtà non devi essere un esperto.

Non devi essere ristretto, esclusivo. Per essere in sintonia con la realtà devi mettere tutta la tua conoscenza da parte e guardare con gli occhi di un bambino, non con gli occhi di un esperto, perché quegli occhi sono sempre ciechi. Solo un bambino ha gli occhi reali spalancati, guarda ovunque, tutt’intorno in tutte le direzioni – perché non sa nulla. Si muove sempre in tutte le direzioni. Se riesci a diventare di nuovo un bambino e guardare la realtà senza ostruzioni o interpretazioni, allora diventerai veramente Consapevole. Perché quando non c’è interpretazione, la mente è in grado di vedere il vera natura delle cose.

L’uomo che guarda la realtà con la logica, il ragionamento non guarda mai la realtà. Proietta la propria mente sulla realtà. La realtà funziona come uno schermo per proiettare se stesso. E qualunque cosa proietterai, la troverai lì. Prima la metti lì e poi la trovi lì. È un inganno perché tu stesso la metti lì, e poi la trovi lì. Non è reale.

Perché continui a mettere nella realtà qualcosa dalla tua mente? Perché hai paura della realtà. C’è una profonda paura della realtà. Può darsi che non sia di tuo gradimento. Può darsi che sia contro di te, contro la tua mente. Perché la realtà è naturale. Hai paura: la realtà potrebbe non essere il tuo soddisfacimento dei desideri, quindi è meglio non vederla; perciò continui a vedere solo quello che desideri. È così che hai perso molte vite – mentendo a te stesso. E non stai prendendo in giro nessun altro, se non te stesso, perché con le tue interpretazioni e proiezioni la realtà non può essere cambiata. Solo tu soffri inutilmente. Pensi che ci sia una porta e invece è un muro e provi ad attraversarlo. Allora soffri.

Se non vedi la realtà, non sarai mai in grado di trovare la porta della prigione in cui ti trovi.

La porta esiste, ma la porta non può esistere secondo i tuoi desideri. La porta esiste; se lasci cadere i desideri, sarai in grado di vederla. E questo è il problema: continui a soddisfare i desideri; continui semplicemente a credere e a proiettare. E ogni volta una credenza viene infranta e una proiezione cade. E accade molte volte, perché i tuoi sogni ad occhi aperti non possono essere realizzati dalla realtà. Ogni volta che un sogno viene infranto, un arcobaleno cade, un desiderio muore, tu soffri. Ma immediatamente inizi a creare un altro desiderio, un altro arcobaleno dei tuoi desideri. Ancora una volta inizi a creare un nuovo ponte arcobaleno tra te e la realtà.

Nessuno può camminare su un ponte arcobaleno. Sembra un ponte; ma non è un ponte. In realtà, non esiste un arcobaleno; sembra. Se ti avvicini non troverai nessun arcobaleno. È un fenomeno onirico. La maturità consiste nel fatto di essere giunti alla consapevolezza che “Ora niente più proiezioni, interpretazioni. Ora sono pronto a vedere qualunque cosa”.

Il mondo è tutto ciò che accade

Puoi continuare a sognarlo; ma non aiuterà. Smetti di sognare e guarda. Il mondo è tutto ciò che accade. Non sprecare inutilmente la tua vita, il tuo tempo e la tua energia nel tentativo di vedere qualcosa che non c’è. Smetti di sognare e guarda la realtà.

Questo è il significato della Beatitudine: gioia incondizionata senza alcun ragionamento. È solo un fenomeno puro. Non ci pensi, semplicemente lo vivi. Non fai nulla al riguardo, semplicemente permetti che sia lì e che fluisca in te

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: