fbpx

Corpo, Anima e Spirito: le tre espressioni del Divino

Fin dall’inizio dei tempi, l’umanità ha cercato di comprendere il concetto di anima. Nel corso delle generazioni, teologi, studiosi, filosofi e persino musicisti hanno cercato di descriverla in modo facilmente digeribile per noi esseri umani incastrati nei nostri processi mentali. Ancora oggi, i termini anima e spirito vengono usati in modo intercambiabile, senza che il vero significato dell’una o dell’altro sia esposto o compreso con precisione.

Lavorando come ricercatore in Scienza dello Spirito da oltre trent’anni, ho anche intrapreso la mia personale ricerca per trovare la corretta definizione dell’anima e del suo funzionamento. Per tutti coloro che lavorano in campo olistico, penso che questo sia imperativo. Quando mi siedo in meditazione o svolgo una sessione con un Cliente, spesso chiedo in silenzio ai miei spiriti guida come noi umani possiamo avvicinarci alla comprensione della natura dell’anima.

Mi è stato fatto notare più e più volte di pensarla in termini di trinità. So che sembra religioso, ma credo che sia più facile comprendere se utilizziamo una terminologia che è già presente nei nostri archivi mentali.

Al di là di questo, l’idea di Trinità che mi viene incontro nella meditazione e nello studio è totalmente diverso da quella di “Padre, Figlio e Spirito Santo” che ci è stato insegnato al catechismo.

Se dovessi fare un’analogia, direi che “Padre” è lo Spirito, “Figlio” è il corpo e “Spirito Santo” è l’anima. (“Madre” e “Figlia” sono ovviamente intercambiabili con i termini di “Padre” e “Figlio”).

Il corpo: spirito come anima

Il corpo è la parte di noi che cresce dall’embrione e diventa una macchina composta da cellule, organi e muscoli. È ciò che laviamo, vestiamo, nutriamo e manteniamo. Proprio come una macchina, meglio la si mantiene, più a lungo (si spera) ci servirà e rimarrà efficiente.

Tra il concepimento e la nascita, lo Spirito entra nel corpo come anima. L’anima è lo Spirito incarnato. Non pensate a voi stessi come a un corpo che ha un’anima, ma piuttosto come a uno Spirito che ha bisogno di un corpo.

Quando sei sulla Terra, sei uno Spirito che ha bisogno di una forma fisica in questa dimensione per poter sperimentare condizioni e imparare lezioni che altri regni non offrono. L’anima sperimenta l’amore, l’odio, il tradimento, la simpatia, il perdono, l’empatia… tutto questo. La Terra è un’aula scolastica e l’anima è l’allievo.

L’anima: il nostro sé eterno e interdimensionale

L’anima è individuale ma, allo stesso tempo, è una parte del tutto ed è connessa a tutto. Questa connessione è filtrata dai nostri sensi fisici, quindi può sembrare che non sia sempre presente. L’emozione che chiamiamo amore ci permette di sentire questa connessione, e le circostanze straordinarie come un risveglio spirituale possono certamente farcela sentire. Siamo tutti la stessa energia, ma la Terra ci offre così tante sembianze fisiche diverse che a volte è difficile riconoscere questa verità.

Spesso sentiamo dire: “Io sono Dio”, ed è vero: la nostra anima è lo Spirito, Dio, Allah, il Divino – come preferisci chiamarlo – sulla Terra. I nostri corpi sono limitati dai vincoli della dimensione fisica, ma le nostre anime sono al di fuori dello spazio e del tempo lineare e trascendono il nostro io fisico.

L’anima è il nucleo unico del nostro sé e la coscienza di ciò che siamo. Ha attraversato oceani di vite precedenti, esperienze ed espressioni dell’essere. È piena di infinite possibilità creative di manifestarsi ed è distinta nel suo sviluppo e nella sua espressione.

L’anima porta in sé tutti i ricordi delle nostre esperienze fisiche attraverso eoni di tempo e di esistenza. Ma quando transitiamo nei regni spirituali, la nostra coscienza si apre non solo all’enorme interezza della nostra anima particolare, ma anche alla vasta consapevolezza dello Spirito con i piani astrali, i piani mentali e i piani celesti.

La personalità, la memoria e la mente sono contenute nel corpo astrale.

Quando il corpo fisico muore, il “vero io” è ancora nel corpo astrale e diventa consapevole della vita al di fuori del corpo umano, nel piano astrale in cui ci hanno attirato le nostre azioni terrene.

Il Piano astrale più basso attira le anime meno evolute, quelle che non hanno imparato la lezione dell’amore e del rispetto.

Il Piano astrale intermedio attira coloro che hanno bisogno di riposo e riabilitazione dopo una lunga malattia fisica, esperienze traumatiche o convinzioni inflessibili.

Il piano astrale più alto è quello che noi umani chiameremmo il paradiso, un luogo di opportunità per le anime di crescere nella coscienza spirituale.

Alla fine l’anima deciderà se tornare sul piano terrestre per fare altre esperienze o se avventurarsi sul piano mentale.  Questo livello offre uno sviluppo illimitato dell’anima individuale. Si ha accesso alla saggezza accumulata nei secoli.

Essendo una combinazione dei nostri corpi mentale, emotivo e fisico, l’anima non solo è costituita da tutti i nostri ricordi terreni, ma comprende l’intero ambito di chi e cosa siamo, non solo ciò che percepiamo come “vita” nella dimensione fisica, ma il nostro essere eterno e interdimensionale. Quando l’anima si ricongiunge allo Spirito, diventa consapevole di come ha vissuto l’ultima vita e dell’impatto che ha avuto sulle altre anime. L’anima è anche il deposito della saggezza, dell’amore e delle esperienze raccolte di vita in vita. Tutto ciò che abbiamo vissuto è conservato nella memoria dell’anima.

Lo Spirito: La scintilla divina

Spirito deriva dalla parola latina spiritus, che significa “respiro”. Quando penso allo Spirito, penso all’essenza, all’energia, alla scintilla divina che accende la nostra anima. Il nostro Spirito è la forma o l’aspetto più elevato di ciò che siamo ed è privo di qualsiasi personalità o carattere umano. È l’unità di tutte le cose.

Esiste una sola energia sorgente, lo Spirito. Molti lo chiamano Dio, ma questa parola ha un tono religioso che allontana alcune persone. La storia religiosa ha trasformato lo Spirito in un vecchio barbuto che giudica e benedice secondo i suoi capricci, ma niente di più sbagliato. Al catechismo, ricordo che le suore mi dicevano che Dio è ovunque. Naturalmente ora so che è vero, ma da bambino pensavo solo a un vecchio che mi guardava le spalle e giudicava.

La parola Dio è stata appesantita dalla connotazione religiosa di un essere onnipotente, separato e più grande di noi. Quando qualcuno dice “io credo in Dio” o “Dio è morto”, la conversazione si sposta sulla semantica o sulla definizione di ciò che la persona pensa sia Dio. Per me, Dio è un’energia e noi siamo fatti di essa. Non siamo separati da Dio, e nemmeno tutto ciò che vediamo lo è.

Scelte e lezioni

Quando la nostra anima è stimolata dallo Spirito, o dall’Uno, si esprime attraverso il corpo fisico. Questa espressione si manifesta attraverso le scelte che facciamo nella nostra vita.

Guardando il nostro mondo, possiamo vedere la miriade di scelte e di espressioni in cui le varie anime possono cimentarsi. Tutte le anime hanno esperienze di vita diverse e, in un certo senso, queste esperienze modellano la nostra visione della vita e i vari modi di viverla. Le anime possono esprimersi attraverso una vita di compassione, tolleranza, oppure giudizio o violenza.

Ancora una volta, questo mondo fisico è la nostra aula scolastica, un luogo in cui l’anima vive e impara dalle esperienze “umane” e, mentre le viviamo, questi programmi di studio ci modellano di conseguenza. Quando l’anima ha finito di imparare le sue lezioni, torna a casa nello Spirito e, quando l’anima lascia questa dimensione fisica, l’energia dello Spirito rimane completamente intatta.

Risveglio allo Spirito

Parte del mio lavoro non consiste solo nel dimostrare che non esiste una cosa come la “morte”, ma anche aiutare gli altri a risvegliare il proprio lato spirituale. Quando le persone vivono una vita di consapevolezza e di attenzione spirituale, tutto ciò che fanno e dicono può cambiare la vita degli altri. Quegli atti casuali di gentilezza possono modificare l’atteggiamento di qualcuno. Su scala più ampia, la consapevolezza spirituale può cambiare milioni di persone.

Quando veniamo toccati dallo Spirito in modo importante si ha un’esperienza di risveglio; il velo si solleva e una pepita di verità entra nella nostra coscienza.

Queste esperienze sono eventi che aprono la nostra anima al patrimonio spirituale e ci ricordano chi siamo veramente. Quando siamo pieni di Spirito, sentiamo una connessione e un’unità con tutti. La nostra anima avrà un senso di gioia e di pace e si concentrerà sull’amore incondizionato per noi stessi e per gli altri.

Ispirare = in spirito

Amo la parola “ispirare”. Spesso dico ai miei studenti che essere ispirati è un vero dono e condivido esercizi per aiutarli a sintonizzarsi con la propria ispirazione. Ispirare significa “nello Spirito”, quindi quando le persone sono connesse a questa grande energia, sono creative e senza limiti. Sono in sintonia con lo Spirito attraverso l’anima. Innumerevoli innovatori, inventori, imprenditori, artisti e campioni sportivi utilizzano la meditazione per attingere alla saggezza infinita della Sorgente.

La spiritualità ci aiuta a dare un senso al mondo e a chi siamo.

Essa ci mette in contatto con la forza divina dell’Universo. Non importa in quale scopo della vita siamo coinvolti, se siamo ispirati, siamo sul giusto sentiero dell’anima. Se stai cercando il successo nel mondo, l’abbondanza, la pace interiore o l’illuminazione, nessuna conoscenza può spingerti a raggiungere i tuoi obiettivi quanto la conoscenza spirituale.

Religione e spiritualità

Molte persone mi chiedono quale sia la differenza tra essere religiosi ed essere spirituali. Credo che questa differenza sia significativa. La religione è un sistema di credenze organizzato e creato dall’uomo che consiste in vari dogmi, insegnamenti, rituali e documenti e di solito (ma non sempre) ruota attorno a una divinità di qualche tipo. Se le persone seguono uno specifico sistema di credenze, sono convinte che in questo modo riceveranno una posizione più importante nell’aldilà.

Al contrario, la spiritualità è la ricerca molto personale del significato più grande della vita e della propria esistenza in questo mondo. Non deve necessariamente comportare rituali o parole scritte e può comprendere l’amore per una fonte divina, o Dio, e l’amore per la vita.

***

È bello imparare a usare questa energia onnicomprensiva in ogni situazione. Essere spirituali significa avere rispetto e amore per se stessi e comprendere la propria connessione con gli altri.

Ci sono molti percorsi per arrivare a trattare se stessi e gli altri con gentilezza e sentirsi in pace. Conosco molti atei autodefiniti che sono persone più gentili di alcune persone spirituali o religiose, e viceversa.

Spesso dico che tutte le religioni hanno pezzi di verità, ma nessuna religione ha tutta la verità. Se i testi sacri delle religioni del mondo non sono visti attraverso la lente dell’amore e dell’accettazione, si rende un grande disservizio agli autori.

L’unico elemento della religione che non mi piace (e questa è un’affermazione generale) è che alcune persone credono che la loro strada sia l’unica. Purtroppo, molte guerre nel mondo si basano sulla convinzione che un certo sistema di credenze sia l’unica vera parola di Dio. Si crea un senso di “noi contro loro”.

Mentre la religione parla molto di Dio, l’idea di spiritualità consiste nel praticare gli ideali superiori che associamo a Dio nella nostra vita quotidiana. La spiritualità è un viaggio molto personale, ma la meta è sempre la stessa: l’amore. L’esodo di massa dalla religione organizzata negli ultimi decenni dimostra il desiderio delle persone di porre domande invece di ricevere risposte, di dubitare dei dogmi senza rischiare di essere condannati e di sentirsi liberi di essere se stessi senza essere giudicati.

Il nostro pianeta fornisce allo Spirito un mix così vario di storie umane che è un peccato che alcune persone vogliano che tutti siano come loro. Il desiderio umano di giudicare è forte, ma se tutti capissimo che ognuno di noi ha un percorso unico, la Terra non sarebbe un posto migliore?

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici per garantire all'Utente il più elevato livello di sicurezza e un'esperienza di navigazione ottimale. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta si rifiutano i cookie di terze parti. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di terze parti attivare.